I prodotti a base di farina producono una colla nell'organismo

42 Commenti

colla intestino1

La colla si attacca alle pareti intestinali, rallentano il flusso del cibo, generando fermentazioni (degli zuccheri) e putrefazioni (delle proteine) e quindi un aumento delle tossine nel corpo che provoca stanchezza, nervosismo, mal di testa, malassorbimento dei nutrienti, predisposizione alle malattie e nel lungo tempo può essere causa di problemi davvero seri.

Che la farina bianca formi una colla è facile da scoprire: basta mescolarla con un po d’acqua e vedere come rimane appiccicata alle mani e si indurisca. Viene chiamata Colla di Farina ed è usata per la produzione di cartapesta e lavori fai da te.

IL NOSTRO ORGANISMO E’ COME UN SISTEMA IDRAULICO

Se osserviamo il corpo umano noteremo che ospita un complicatissimo apparato idraulico, con una grande quantità di tubi e tubicini in cui circolano i liquidi del corpo: principalmente sangue e linfa. Vi sono alcuni alimenti che, durante la digestione, diventano una specie di colla, detta muco, capace di attaccarsi alle pareti intestinali ed altre condutture organiche, e ricoprirle con uno strato sempre più spesso.

Il muco intestinale, sostanzialmente, è il risultato di anni ed anni di accumulo di sostante organiche collose sulle pareti dell’intestino. Si pensi che, mediante autopsia, si è riscontrata in certe persone una presenza di muco ammontante fino a 7-8 kg.Prof. Arnold Ehret, autore di best-seller mondiali sull’alimentazione.

L’INTESTINO E’ LA CHIAVE DELLA SALUTE

In questa sorta di colla trovano riparo e proliferano i parassiti e la Candida (un lievito molto pericoloso per la nostra salute).  Questi prodotti a base di farina e zucchero alimentano e fanno sviluppare la flora batterica nociva con conseguenze enormi.

Questo squilibrio intestinale genera moltissimi problemi. Il famoso medico americano Norman Walker affermava che tutte le malattie hanno inizio dall’intestino. Infatti in esso troviamo la maggior parte del sistema immunitario, è l’apparato che ci fornisce di energia e che digerisce e produce lo scarto a partire dal cibo. Se l’apparato gastro-intestinale smette di funzionare tutta la nostra vita fisica e mentale ne sarà enormemente danneggiata.

Infatti è stato dimostrato che il nostro umore dipende dalla flora batterica e la serotonina, l’ormone del benessere, è prodotta per il 95% proprio a livello intestinale.

LA FARINA CHE CONOSCIAMO E’ UNA INVENZIONE MODERNA

La farina che riteniamo essere normale in realtà non ha più di 60 anni, prima la farina normale era quella integrale!
La farina bianca è privata della crusca e del germe di grano e inoltre per renderla bianca in modo omogeneo,  viene trattata con sbiancanti chimici come l’ossido di azoto, di cloro e il perossido di benzoile miscelato con sali chimici vari, addirittura l’ossido di cloro combinandosi con le proteine, ancora presenti nel chicco può dare origine alla allossana, sostanza utilizzata per provocare il diabete in animali da laboratorio. Cosa che spiega anche l’esplosione di malati di diabete negli ultimi anni.
Vengono aggiunti anche additivi chimici per impedire che si formino dei grumi e che si sviluppino larve di insetto. Il Prof. Berrino ha detto bene definendola il più grande veleno della storia.

PERCHE’ E’ STATA INTRODOTTA LA FARINA BIANCA

La farina integrale ha dei tempi diversi, più lunghi, è più delicata nella lievitazione, non consente di produrre determinati prodotti, come quelle ricette che richiedono sottilissimi strati di pasta (come la pastasfoglia, i borlenghi, i bignè). Un altro dei motivi principali del passaggio alla farina bianca è che si può conservare a lungo perché è molto difficile che gli insetti si riproducano, come mai? Perché è quasi priva di qualunque valore nutritivo come vitamine, minerali, enzimi.

Secondo alcuni autori il problema della colla intestinale riguarda, in maniera maggiore o minore, tutti i cibi contenenti glutine. Il mio consiglio è di mangiarne una quantità moderata accompagnata da verdure e del buon olio di oliva lubrificante.

Cereali contenenti glutine

 

CONCLUSIONE

La frutta, la verdura e i semi sono alimenti che sciolgono e scrostano questa colla. Il nostro corpo è un tempio e quindi non dobbiamo metterci quello che meriterebbe solo la spazzatura. Il nostro corpo merita il cibo migliore, il cibo che da forza e non che appesantisce e fa abbioccare dopo mangiato. Il nostro corpo merita di fare attività fisica, che riattiva tutto il sistema immunitario, linfatico e digerente, ed è l’attività che ha permesso all’uomo di procurarsi il cibo e scappare dai pericoli durante la sua evoluzione.

Tornando all’alimentazione originali, tornando ai cibi autentici il tuo corpo starà meglio, e con te anche il pianeta.

La Dieta del Dottor Mozzi
Gruppi sanguigni e combinazioni alimentari
Il Cibo dell'Uomo
La via della salute tra conoscenza scientifica e antiche saggezze

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

Vedi anche

Colon e Sistema Immunitario. Ecco dove risiede la nostra forza

Il Secondo Cervello – La pancia sente agisce ricorda più del cervello

I probiotici influiscono sulla mente e l’umore

Dott. Berrino: ‘Farina 00, Il più grande veleno della storia

Incredibile: ben 109 additivi nel pane bianco!

Come stimolare l’ormone della felicità

Il nostro tempio sacro è il Colon e l’hanno usurpato

Fieno greco: una soluzione antica per depurare il corpo

Semi di Lino – Lubrificatore dell’organismo umano

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

42 Commenti su questo post

  1. Gigi Gallo says:

    Chiara Broggi

  2. dicevano pure della maria ma il mitico Bob ha fatto canzoni splendide ahahahaha

  3. Mi piace la figura che ritengo emblematica. Lo capissero chi ha l’abitudine di ingozzarsi!!

  4. Pedro Man says:

    Da 5 anni mangio solo frutta e verdura e vivo in una dimensine nuova. ‘La dieta senza muco’ di Arnold Ehret..un libro illuminante.

    • Alex says:

      Arnold Ereth? Uno scrittoruccolo ottocentesco più che modesto, senza arte né parte né studi, peggio di Vaccaro.. ma come fate a seguire certi pseudoalchimisti?
      Ho 50 anni vegano etico da trentadue anni e sto perfettamente bene mangiando anche pane e pasta

      • Gianluca says:

        Felice per te , ma ognuno deve essere libero di seguire la strada che vuole senza che il primo sapientone venga a santificare quello che e’ giusto o no e che venga a dare dello scrittoruccolo modesto a una persona che manco ha mai conosciuto o nn ci abbia mai parlato .cafone

        • Alex says:

          Ho forse proibito a qualcuno di seguire quello che vuole??
          Siete voi salutisti a pontificare verità solo vostre. Per quanto riguarda Ereth non è di certo una mia invenzione che sia stato un pessimo scrittore datosi ad creare diete senza conoscere nessuna base… L’invenzione del muco senza conoscere nulla di medicina e di scienza sarebbe come se io mi mettessi ad inventare navicelle spaziali!!!
          Detto questo ti saluto

    • Gianluca says:

      Pure io Pedro man,erhet ha cambiato anche la mia vita.Certo nn sono un integralista qualche sgarro lo faccio anch io ,ma almeno il 50 % e’ a base frutta ,30-40 verdure e resto cereali integrali .Un altra vita, poi chiaro ognuno mangi il cxxxo che vuole 🙂 saluti

  5. Elio perdonami ma..l’organismo non ha carenze così? O usi degli integratori

    • Pedro Man says:

      Da 7 anni sono vegetariano e da 5 mangio solo frutta fresca e secca, verdura e semi..solo 2 volte a settimana un cereale integrale e circa 500 grammi di yogurt bianco bio, Per 5 giorni a settimana acqua e limone a digiuno e gli altri due o frutta o yogurt. Vivo in un altro pianeta e non tornerò mai indietro, alla faccia dei dottorini che hanno fatto il compitino all’università, senza mai sperimentare niente. Leggi ‘La dieta senza muco’ di Arnold Ehret e scegliti una ricerca spirituale e la tua vita inizierà a regalarti sorprese inimmaginabili prima…

    • elimina anche la caseina del latte vaccino nello yogurt e l’autoguarigione della vis naturalis sarà completa

    • Ma puoi dirmi sintetico i benefici che hai avuto?Pedro Man

    • Adriana Beltrami io ti porto un esempio del tutto personale, essendo abituata ormai da 4 anni ad evitare farinacei ma a non eliminarli del tutto, ti posso garantire l’effetto assolutamente negativo che hanno sul mio corpo, ogni volta che non posso evitarli. Non faccio storie quando sono invitata, per questo non di rado mi capita di essere “costretta” a disobbedire al mio corpo. In automatico, una volta consumato un pasto a base di farinacei, ho flatulenza tutto il giorno, digestione lenta e colon gonfio, come se non bastasse divento stitica, io che vado come un coniglio 😀 Se passo ai lati positivi del privarmi di questi alimenti, pane, pasta e via dicendo, non solo perdo peso non intenzionalmente, vado di corpo che è una bellezza, digerisco in fretta e quando mi torna fame si tratta di fame “vera”, la pancia sempre piatta e la pelle sempre idratata. Comunque ti invito a ” provare” anche per soli 3 giorni a settimana, ad eliminare i farinacei. Noterai subito più energia, niente sonnolenza nella fase post prandiale e più libertà di movimento.

  6. e infatti anche il Muscolo di Grano lo userò molto meno..meglio le farine di legumi (che ogni tanto abbino alla pasta Madre, che però pur essendo farina, lievitata non dovrebbe aver effetti deleteri sulle pareti intestinale (spero!)

  7. …. io se mangio pasta a pranzo dopo mi viene una crisi di sonno pazzesca!

  8. Cinzia- E’ da un pò di tempo che ho deciso di indagare su patologie e problematiche che colpiscono le persone, posso garantire che ho raggiunto un discreto livello di conoscenza che uso solo per me e chi mi sta vicino, non perchè sono geloso e/o invidioso anzi, vorrei poter fare qualcosa per gli altri, ma ho notato che quando parlo di queste cose sono incompreso e passato per fissato.Qui scatta la mia “indifferenza” e non ho più voglia di discutere se non qui in bacheca con gente che magari non conosco. Purtroppo siamo circondati da un malessere che serpeggia e l’alimentazione calma le ns problematiche, tanto bisogna morire, ormai è una frase ricorrente. Mi sono perso per descrivere le mie convinzioni, una su tutte, bisogna mangiare di meno, assolutamente, e tenere d’occhio l’intestino, magicamente va a posto tutto da solo ma, questa è una cosa solo per pochi…….

  9. Capita anche a me di voler aiutare qualcuno che sta male , ma mi sono accorta che la gente non vuole sentirsi dire nulla e ti prendono per estremista , per questo non ne parlo più con nessuno.

    • E’ cosi’, invece di parlarne diamo l’esempio. Se pensano che siamo dei rompiscatole, pazienza. Ognuno sceglie la propria vita.

    • Pedro Man says:

      Io ne parlo se mi viene chiesto, e credo di essere un buon esempio, e la gioia di vedere chi si mette su una buona via per mio consiglio, e nel tempo ti ringrazia, è impagabile..

    • Io sono una persona che ascolta e accetta consigli, rispetto le idee di ognuno, e penso che sono fortunate se riescono a seguire certe alimentazioni.

    • io c’ho provato ma poi se ne vanno a McDonalds…

  10. Dovrebbero saperlo tutti !!

  11. bisogna divulgare le nostre informazioni lentamente, cosicché vengano assimilate pian piano.
    chi vorrà ascoltare seguirà da solo.

  12. QUESTE SONO INFORMAZIONI CON LE PALLE! Finalmente qualcuno che spiega che le farine raffinate, cotte fanno MALISSIMO!

  13. vorrei evitare il fai da te per non cadere in errori di cui potrei pagare le conseguenze , per questo vado cauta nei cambiamenti , ma sono interessata ad ogni buon suggerimento : leggo , ascolto, medito e quindi agisco

  14. è di questi giorni la notizia del sorpasso storico del consumo di frutta e verdura rispetto alla carne…siamo tutti molto più informati ma non sempre critici nei confronti delle bufale stratosferiche che,tuttavia,imperversano…Io,personalmente,mi impegno molto nel campo dell’alimentazione che voglio sana e varia ma non riesco a vincere una profonda antipatia verso chi demonizza tutto,sempre e comunque…!

  15. Purtroppo nn riesco ad eliminare il caffè… voi lo bevete?

  16. Da circa 15 giorni ho eliminato pasta e pane. Ero una che morivo senza pasta. Sono passata al riso integrale, miglio, buonissimo anche con pochissimo condimento, grano saraceno e amaranto. Sono stata consigliata dal mio Osteopata. Pensavo di trovare resistenza in famiglia, invece, sorpresona sono apprezzatissimi.

  17. Etro Retrò says:

    La dose fa il veleno in tutto… buona mangiata

  18. Franco Noce says:

    Il problema è che se tutti non mangiassimo più la farina, quei pezzi di merda se ne inventeranno un’altra…

  19. Può darsi che la farina bianca raffinata faccia veramente male, e che sia una delle cause dell’aumento preoccupanti dei casi di tumori al retto. Mangiando poco pasta,pane e riso ( e solo intergrale); poco carne,poco sale e per il resto un pò di tutto (però tanta frutta e verdura – cruda quando possibile) può salvare i giovani di oggi a non soffrire nel futuro.

  20. Gaetano says:

    La digestione dei carboidrati avviene attraverso degli enzimi chiamati glicosil idrolasi, che evitano che la “colla” si formi. La “colla” si formerebbe con QUALSIASI altra polvere. Cenere, farina di quinoa o qualsiasi cosa non abbia una buona solubilità in acqua.Questa roba te la insegnano al liceo, ed è una vergogna che venga permesso di fare così tanta disinformazione scientifica.

    • Dioni says:

      Informati sull’acidosi tissutale e metabolica causata dalle scorie acide della glicolisi.
      Impara ad essere umile ed informarti, la mente è un paracadute che funziona solo se si apre.

      • Oksana says:

        Buongiorno Dioni,
        un articolo interessante. Una cosa mi ha lasciata molto perplessa però : l’articolo cita kamut come se fosse un cereale a se. Kamut non è’ un cereale, è’ solo un marchio commerciale di un grano antico khorasan. Tutto ciò che è’ di marchio ” kamut ” viene coltivato in USA e Canada, molto lontano da noi. In Italia il grano khorasan viene coltivato con il nome del grano del Faraone e poi ci sono tanti altri grani antichi non modificati in Italia che sarebbe l’ora conoscerli meglio. Credo che sarebbe importante disambiguare, altrimenti l’articolo sembra quasi pubblicità occulta a favore del marchio commerciale “kamut” e a scapito di produttori italiani che stanno coltivando grani antichi (di solito sono piccole aziende, spesso bio). Grazie. Buon lavoro.

        • Dioni says:

          Ciao,
          Sì oggi purtroppo è molto diffusa l’associazione kamut = khorasan, e la maggior parte delle persone, quest’ultimo, non l’ha mai sentito nominare.
          Ovviamente non c’è nessun interesse commerciale, soprattutto a promuovere un prodotto di una multinazionale.
          Sì abbiamo molti grani antichi e quando sono stato in Sicilia ho avuto l’opportunità di assaggiarne alcuni, niente a che vedere con i grani modificati oggi diffusi.

      • Marta says:

        Perché se mangi frutta la glicolisi non la fai?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline