Fieno Greco – Storia, Proprietà, Benefici e Come usarlo

2 Commenti

fieno greco

Il fieno greco è una pianta usata fin dall’antichità per migliorare la fertilità, la montata lattea, sciogliere il muco, allontanare raffreddore e influenza, ridurre l’infiammazione e molto altro

Il fieno greco (Trigonella foenum-graecum) è una pianta annuale proveniente dal Medio Oriente i cui semi hanno molte proprietà positive per la salute.

Il Fieno Greco nell’antichità

Con molta probabilità, i primi a svelare le risorse potenziali del fieno greco furono i contadini dell’antico Egitto e dell’epoca greco romana. Aggiungendo i baccelli a forma di falce di questa pianticella al foraggio dei cavalli e del bestiame, essi notarono una sensibile diminuzione nella secrezione mucosa di questi animali. Questo fatto li sollecitò ad aggiungere fieno greco anche alle loro diete alimentari, con gli stessi risultati. In tutta la Cina, il tè di fieno greco è tuttora un rimedio popolare molto diffuso contro la congestione del naso e della gola. Gli alfuros dell’Indonesia, ai primi sintomi di congestione bronchiale, masticano semi di fieno greco in gran quantità, per liberarsi dal catarro. Per liberare le orecchie o altre cavità dal muco, i gurkha del Nepal immergono il naso in un decotto molto carico di fieno greco, lo aspirano profondamente, poi buttano la testa indietro per consentire la medicina di agire liberamente.

Gli antichi abitanti dell’India inoltre si accorsero che il fieno greco era efficacissimo per abbassare la febbre, curare le infiammazioni gastriche o intestinali e alleviare i dolori di ascessi, ulcere o displasie dell’utero.

Nel ‘600, Nicholas Culpeper, il primo erborista europeo che mise per iscritto le molte proprietà del fieno greco, lo classificò come afrodisiaco, sedativo, diuretico, alimento nutriente, tonico e carminativo per aerofagia. Ma il merito di aver portato questa pianta alla ribalta europea spetta ad un prete bavarese, padre Sebastiano Kneipp, famoso per tantissime scoperte nel campo della salute (oggi nei centri SPA si trova il percorso Kneipp) che per primo consigliò quest’erba come collutorio, calmante per tessuti irritati e infine solvente del muco.

Benefici del Fieno Greco

1. Migliora la fertilità (uomini e donne). Negli uomini il fieno greco aumenta la libido, è utile per trattare la disfunzione erettile ed ha un impatto benefico sugli organi genitali maschili migliorando le prestazioni e contrastando l’impotenza. Nelle donne, in Turchia, il fieno greco è usato per migliorare il profumo dell’alito e di tutto il corpo ed aumentare il loro sex appeal. Sembra che sia in grado di aumentare anche le dimensioni del seno femminile.

2. Aumenta la montata lattea. Il fieno greco è utilissimo per le donne che allattano, soprattutto per quelle che ne hanno poco. Il fieno greco può aumentare la produzione di latte materno perché agisce come un galattagogo, che è una sostanza che aumenta la produzione di latte. Questo stimola i condotti del latte e può aumentare la produzione di latte già in meno di 24 ore. Il dottor Mohammed El Shahat dell’università Fuad I del Cairo ha estratto dai semi di fieno greco una nuova vitamina che secondo prove cliniche eseguite presso quell’Università ha permesso a 345 madri egiziane di fornire latte in maggior quantità e di qualità migliore ai loro neonati. La nuova vitamina è stata chiamata H a causa della sua proprietà di stimolare l’allattamento. Le piccole dosi di questa vitamina riscontrate nei semi di fieno greco hanno aumentato la secrezione lattea dal 160 al 900% subito dopo la nascita del bambino. Inoltre, la qualità del latte è apparsa migliore poiché conteneva maggiori quantità di proteine, grassi, zucchero, minerali e vitamine.

3. Scioglie il muco. Una delle proprietà più importanti del fieno greco è quella di sciogliere il muco. L’alimentazione moderna piena di zuccheri e farinacei stimola un’eccessiva produzione di muco che ostruisce i canali dell’organismo causando: proliferazione batterica, infiammazione, mancato assorbimento dei nutrienti, calo di energia, con tutti gli effetti più gravi che ne conseguono col tempo. Il fieno greco quando viene inumidito o fatta una tisana, rilascia una sostanza mucillaginosa che è in grado di liberare il nostro corpo dal muco, ammorbidindo e sciogliendo le masse indurite della secrezione mucosa.

4. Migliora la digestione. Il fieno greco può aiutare con numerosi problemi digestivi, come mal di stomaco, costipazione e l’infiammazione dello stomaco. Per esempio, la fibra solubile del fieno greco aiuta ad alleviare costipazione. Viene usato anche per il trattamento della colite ulcerosa a causa dei suoi effetti anti-infiammatori.

5. Favorisce l’appetito e contrasta l’anemia. Il fieno greco è utile per il trattamento di anoressia e scarso appetito. Infatti è un ottimo ricostituente contro la stanchezza fisica ed è consigliato in quei casi in cui le persone si presentano in stato di eccessiva magrezza per aiutare a stimolare l’appetito. Il fieno greco è inoltre ricco di ferro e incrementa la produzione di globuli rossi, risultando quindi utilissimo per contrastare l’anemia.

6. Aumenta il senso di sazietà. La fibra solubile presente nel fieno greco si espande nel tubo digerente, dando la sensazione di pienezza ed è quindi utile per chi non riesce a controllare la fame nervosa e vuole perdere il peso in eccesso.

7. Abbassa il colesterolo alto. Il fieno greco è benefico per tutti coloro con disturbi cardiaci, come l’indurimento delle arterie e alti livelli ematici di alcuni grassi, tra cui il colesterolo e trigliceridi. In effetti, uno studio ha mostrato che la somministrazione di 2,5 grammi di fieno greco due volte al giorno per tre mesi avevano naturalmente il colesterolo notevolmente abbassato, insieme con trigliceridi, senza influenzare il colesterolo HDL.

8. Abbassa la glicemia alta. Il fieno greco ha un’azione ipoglicemizzante. Uno studio ha dimostrato che è utile per contrastare il diabete e l’insulino-resistenza, infatti il decotto dei semi induce un abbassamento molto rapido del tasso di zuccheri nel sangue in chi ha la glicemia alta.

9. Rafforza il sistema immunitario. E’ molto utile d’inverno per aumentare le proprie difese immunitarie, l’energia e contrastare le malattie da raffreddamento. Inoltre la sua azione mucolitica lo rende utilissimo per trattare tosse e raffreddore.

10. Allevia le infiammazioni. Il fieno greco è utilissimo per trattare: ulcere della bocca, ulcera gastrica, bronchite, malattie renali, artrite, colite, acne e tutte le infiammazioni. Infatti la sua mucillagine ha un’azione emolliente ed antinfiammatoria.

Come usare il Fieno Greco

Il tè di fieno greco si prepara facilmente aggiungendo due cucchiaini rasi di semi a tazza di acqua bollente. Dopo averli lasciati in infusione per 5 minuti, mescola energicamente e filtra. Si può dolcificare col miele.

Affinché i semi rilascino le loro proprietà si consiglia di triturarli con un mortaio oppure schiacciandoli con la lama di un coltello. Poi mettili in infusione come sopra. Può essere bevuto caldo o freddo.

Avvertenze. Il fieno greco può causare reazioni allergiche in individui sensibili. Prendere troppo fieno greco non è consigliato per chi è incinta perché potrebbe causare contrazioni anticipate.

Fieno Greco Plus - 50 Capsule
Per migliorare le capacità metaboliche dell’organismo
Voto medio su 1 recensioni: Buono

Riferimenti
[1] Elizabeth Steels et al. Physiological Aspects of Male Libido Enhanced by Standardized Trigonella foenum-graecum Extract and Mineral Formulation. Phytoterapy Research Volume 25, Issue 9 September 2011 Pages 1294–1300
[2] Tin Fei Sim et al. The use of herbal medicines during breastfeeding: a population-based survey in Western Australia. BMC Complement Altern Med. 2013; 13: 317.
[3] Sun Hwan Bae. Diets for ConstipationPediatr Gastroenterol Hepatol Nutr. 2014 Dec; 17(4): 203–208.
[4] Bordia A et al. Effect of ginger (Zingiber officinale Rosc.) and fenugreek (Trigonella foenumgraecum L.) on blood lipids, blood sugar and platelet aggregation in patients with coronary artery disease. Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 1997 May;56(5):379-84.
[5] Handa S.S., Chawla A.S., Maninder A., 1898 – Hypoglycaemic plants. A review. Fitoterapia. 60:195–224.

Copyrighted.com Registered & Protected 
DOLO-WES1-0SNT-V2DD

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. È veramente eccezionale dalle proprietà molteplici, l’ho assunto per un periodo (sono una over quaranta) e confermo i benefici solo che fa uscire le macchie in viso! Tipo quelle che vengono alle donne in gravidanza. Purtroppo , credo sia una controindicazione per certe donne…

  2. Artem says:

    I semi sono durissimi per essere schiacciati con la lama di un coltello! Io prendevo le tisane di fieno greco qualche mese fa, qui ho trovato molte informazioni: http://www.figliadellerborista.it/fieno.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline