IL FLUORO rallenta il cervello e fa sviluppare il tumore

7 Commenti

Dean Burk Fluoruro

Contenuto in tutti i dentifrici e chewing gum commerciali, è da anni sotto inchiesta per il suo effetto di rallentare l’attività cerebrale e quindi rendere le persone stupide e manipolabili. Un importante studio di Harvard pubblicato su un giornale del governo federale conferma i danni del fluoro sul cervello
Nel commentare una varietà di studi che hanno dimostrato quanto il fluoro possa danneggiare il cervello e, di conseguenza, il quoziente intellettivo (QI), gli scienziati dell’Università di Harvard hanno dichiarato che “i nostri risultati supportano la possibilità che le esposizioni al fluoruro producano effetti avversi sullo sviluppo neurologico dei bambini.

La tossicità del fluoro per il corpo è stata evidenziata più esplicitamente in alcune ricerche più recenti, condotte a Harvard. In una dichiarazione scritta, i ricercatori indicano che: “I bambini nelle zone ad alta concentrazione di fluoro [nell’acqua, ndt] hanno QI significativamente inferiore rispetto a coloro che vivevano in aree a bassa concentrazione di fluoro.

Il fluoro incrementa la crescita tumorale

Nessuna sorpresa per coloro che hanno seguito la ricerca sul fluoro nel corso degli ultimi anni. Già nel 1977, per esempio, gli studi epidemiologici condotti dal Dott. Dean Burk, a capo della Sezione Citochimica dell’Istituto Nazionale per il Cancro, rivelava che l’esposizione al fluoro produce un aumento della crescita del tumore, anche quando presente a livelli minimi [inferiori ad 1 ppm]. Nella sua ricerca rileva infatti un’accelerazione del tasso di crescita del tumore del 25%, ma mostra anche esplicitamente come il fluoruro produca tumori melanotici [legati alla presenza di un melanoma], trasformi le cellule normali in cellule tumorali e aumenti la carcinogenesi di altri prodotti chimici [cioè aumenta il potenziale cancerogeno degli elementi a cui è associato]. Sempre nello studio del 1977, il dottor Burk stimava nel numero di 10.000 i morti causati proprio dalla fluorizzazione.

IL FLUORO ATTRAVERSA LA PLACENTA

Sempre gli autori dello studio, spiegano poi come il fluoro attacchi effettivamente il cervello in bambini non ancora nati, lanciando un assalto diretto sul loro sviluppo neurologico: “Il fluoro attraversa rapidamente la placenta. L’esposizione al fluoruro per il cervello in fase di sviluppo, che è molto più suscettibile al danno causato da sostanze tossiche rispetto al cervello maturo, può eventualmente condurre a danni di natura permanente“.

SIAMO A 39 STUDI CHE INCHIODANO IL FLUORO

gli studi che hanno esposto la stessa correlazione tra abbassamento del QI ed assunzione di fluoro sono molti. Il Prof. Paul Connett, direttore del Fluoride Action Network, è stato uno dei molti attivisti a parlare apertamente dell’ultimo studio per evidenziare quest’associazione. Al momento, ci sono 39 studi su questo! E cosa è stato fatto? Purtroppo, è stato ‘nascosto sotto il tappeto’ da parte delle organizzazioni sanitarie principali, che continuano ad affermare che il fluoro sia perfettamente sicuro.I pericoli del fluoro sono un fatto e gli interessi economici sono enormi e forse anche di altro tipo. I nazisti aggiungevano il fluoruro nelle forniture d’acqua destinate ai campi di concentramento, non credo fosse per i loro denti.

Sono ormai 5 anni che non uso più il dentifricio comune che contiene fluoruro di sodio. Sono stato sempre una persona sensibile e ricordo che all’inizio sentii nettamente un cambiamento. Ci sono tanti soluzioni in commercio sia nei negozi naturali e biologici sia online, oppure potete farvelo voi, ci sono molte ricette facili! La vostra ghiandola pineale ringrazierà 😉

Dentifricio Solubile Salino - Weleda
Per un’attiva igiene orale

Voto medio su 149 recensioni: Da non perdere

I pericoli del fluoro
Il rifiuto dell’industria nucleare commercializzato come “toccasana” per i denti!

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

Dentifricio Aromatico
Con gel di argilla verde e 7 oli essenziali – anticarie

Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere

Dentifricio Takionic
Aiuta a rinforzare e a proteggere le gengive

Voto medio su 14 recensioni: Da non perdere

Per approfondire

[catlist name=fluoruro-di-sodio]

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

7 Commenti su questo post

  1. vi segnalo che non si può visualizzare la pagina…

  2. Ivan Ragusa says:

    Mai usato!!! Limone e bicarbonato

  3. Paolo Vitale says:

    E che dire che per nasconderlo bene gli mettono il nome scientifico di Sodium Lauryl e te lo cucchi lo stesso.Macché..,cospirazione giusto?Fa bene ai denti e forse se non stiamo attenti ce lo mettono anche nell’acquedotto!!

  4. qualunqueio says:

    si ma e proprio quello che e nell aqua ed e inevitabile non bere.

  5. Cristina Duz says:

    Negli anni 90′ a tutti i bambini delle scuole primarie veniva somministrato in pastigliette il fluoro dato direttamente dalle ASL ospedaliere di competenza gratis come prevenzione della carie nei bambini
    So che ancora adesso lo fanno per prevenzione

  6. Katia says:

    E’ uno schifo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline