I migliori consigli per fare l'Oil Pulling – La pratica millenaria che cura e previene tantissimi disturbi

9 Commenti

oil pulling

L’effetto più evidente dell’oil pulling è che migliora straordinariamente la salute dentale. I denti diventano più bianchi, le gengive più rosa e sane, e l’alito più fresco. Ma quello che è veramente notevole è che i benefici per la salute non si fermano qui. Molti problemi di salute, tra quelli che la scienza medica non ha ancora trovato cure, sono migliorate o completamente guarite. L’oil pulling ha il potenziale per aiutare praticamente qualsiasi malattia o condizione cronica.

Il Dr. F. Karach alcuni anni fa ad un convegno di oncologi e microbiologi dell’Accademia delle Scienze dell’URSS, spiegò ai suoi colleghi come questa semplice pratica depurativa poteva curare numerose malattie:

  • cefalee
  • alitosi
  • gengiviti
  • insonnia
  • bronchiti e malattie respiratorie
  • mal di denti
  • trombosi
  • malattie della pelle, come orticarie, eczemi, ecc
  • ulcere gastriche e intestinali
  • disturbi dell’apparato digerente
  • stitichezza
  • malattie del cuore
  • problemi ai reni
  • malattie del sangue
  • paralisi ed encefaliti
  • prevenire la crescita dei tumori
  • allergie
  • artrite e problemi articolari
  • emorroidi
  • problematiche ginecologiche

Questa tecnica affonda le sue radici nella millenaria medicina ayurvedica dove veniva usata per curare una miriade di disturbi. I risultati di questo procedimento hanno attratto molto interesse e sono stati di stimolo per ulteriori studi (vedi bibliografia). Questa semplice metodica si è dimostrata efficace in numerosi problemi di salute, anche gravi. Guarisce le singole cellule, così come i linfonodi e i tessuti degli organi. Secondo il Dr. Karach questa regolare pratica di depurazione è in grado non solo di ripristinare la salute in modo stabile, ma anche di allungare la vita.

E’ tuttavia ancora più attuale per il fatto che molte tossine sono liposolubili ovvero si possono estrarre tramite i grassi. Quindi metalli pesanti, pesticidi, additivi possono essere espulsi grazie all’olio usato in questa tecnica.

Inoltre secondo la medicina ayurvedica l’oil pulling veniva indicato per circa 30 malattie sistemiche come mal di testa, emicrania di ipertensione, diabete, asma, malattie cardiovascolari, ecc. ed è anche in grado di

  • Depurare
  • Ringiovanire
  • Rafforzare i denti
  • Guarire le gengive
  • Migliorare l’alito
  • Rafforza la mandibola
  • Migliora la voce
  • Attenua le rughe delle guance
  • Rimuove infezioni

Il metodo per praticare l’oil pulling è estremamente semplice, eppure ci sono molte idee sbagliate su molti suoi aspetti. Ecco la tecnica:

  1. La mattina appena alzati, prima di bere o mangiare qualunque cosa, mettere in bocca un cucchiaio di olio che può essere
    • Olio di girasole spremuto a freddo biologico
    • Olio di sesamo (è quello usato nella tradizione ayurvedica) biologico
    • Olio di cocco biologico
  2. Tenerlo in bocca per 20 minuti durante i quali bisogna fare dei risciacqui come se fosse un collutorio. Con la bocca chiusa, “succhia” e “spingi”, in modo che passi dall’interno della bocca verso l’esterno (labbra e guance) e viceversa, attraversando forzatamente i denti tenuti chiusi. Il tempo dei 20 minuti è cruciale perché è il tempo necessario all’olio per penetrare la mucosa e assorbire le tossine.
  3. Il movimento impresso all’olio, ne attiva gli enzimi e questi attirano le tossine dal sangue. Inoltre poiché la mucosa del corpo è in equilibrio osmotico, le tossine di TUTTO IL CORPO saranno attratte nella bocca man mano che vengono espulse con un effetto di purificazione e disintossicazione dell’intero organismo. Il risciacquo con l’olio attiva anche il metabolismo e i meccanismi di depurazione, migliorando la salute.
  4. Passati i 20 minuti la soluzione in bocca diventa meno densa perché diluita con la saliva, mentre il movimento e l’emulsione trasformeranno nel frattempo il liquido in un fluido biancastro. Sputare nel WC e tirare lo sciacquone. E’ importante non sputare nel lavandino in quanto l’olio intaserebbe il lavandino, e le tossine e i batteri non sarebbero completamente eliminati dall’ambiente. E’ bene non andare oltre i 20 minuti perché può avvenire anche un fenomeno di riassorbimento del materiale estratto divenuto ormai tossico.
  5. Una volta sputato il fluido bisogna rimuovere dalla lingua la patina bianca che si è nel frattempo formata con l’ausilio di un raschietto da lingua o un cucchiaio.
  6. E’ facoltativo ma consigliato per avere un effetto più depurativo:
    1. massaggiare con il dito indice le gengive per 10 secondi
    2. fai un risciacquo della bocca per 10 secondi con un acqua e sale
    3. è possibile fare la normale colazione

Per chi vuole usare questa antica tecnica di guarigione per curare patologie può applicare il procedimento dell’oil pulling per 3 volte al giorno, ma sempre lontano dai pasti.

Nel 1996 in India è stato effettuato un sondaggio sulla pratica dell’oil pulling su un totale di 1041 partecipanti. 927 partecipanti (89%) hanno riportato che son guariti da una o più malattie. Le persone che non hanno riportato alcuna guarigione erano 114 (11%). L’analisi ha indicato cura dei seguenti tipi di malattie croniche dall’olio tirando:

  • Dolori del corpo e dei problemi relativi a collo e cervicale 758 casi
  • Allergia e problemi respiratori di polmoni come asma, bronchite etc 191 casi
  • Problemi della pelle come la pigmentazione, prurito, cicatrici, macchie nere, e eczema ecc 171 casi
  • Problemi digestivi 155 casi
  • Stipsi 110 casi
  • Artrite e dolori articolari 91 casi
  • Malattie cardiache 74 casi
  • Diabete 56 casi
  • Emorroidi 27 casi
  • Malattie relative al sistema riproduttivo femminile 21 casi
  • Malattie come la poliomielite, cancro, lebbra, rene policistico, fibroma neurale, paralisi ecc 72

Secondo il Dr. Mercola, famoso medico americano, l’olio migliore per effettuare l’oil pulling è l’olio di cocco per i seguenti motivi:

Non resta che cominciare da domani mattina e provare tu stesso i benefici. La mia esperienza conferma tutto questo e la tua?

Olio di Cocco - 200 ml
Vergine e biologico
Olio di Sesamo
Contiene naturalmente Omega 9 e Omega 6

Bibliografia

MedicineNet April 18, 2014
1 Indian J Dent Res. 2011 Jan-Feb;22(1):34-7
2 J Indian Soc Pedod Prev Dent. 2008 Mar;26(1):12-7
3 Indian J Dent Res. 2009 Jan-Mar;20(1):47-51
4 J Indian Soc Pedod Prev Dent. 2011 Apr-Jun;29(2):90-4
5 Indian J Dent Res. 2011 Jan-Feb;22(1):34-7
6 BBC News September 2, 2012
7 Athlone News September 3, 2012
8 Disease Cured with Oil Pulling

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

9 Commenti su questo post

  1. Stefano. says:

    Va bene anche l ‘olio d ulivo??

  2. Fabio Tavella says:

    l’olio di cocco essendo denso come il burro bisogna farlo sciogliere prima oppure lo si lascia sciogliere in bocca? Grazie

  3. ManuManu says:

    Ma si può praticare in gravidanza? Io sono al terzo mese e vorrei iniziare

    • dioni says:

      Ciao Manu, prima di tutto ti consiglio di parlarne con il medico che ti segue. Detto questo potresti farlo con meno assiduità rispetto al consiglio di farlo ogni giorno, tipo 3 volte a settimana per 10 minuti anziché 20.

  4. stefy says:

    Salve, volevo chiederti se si può praticare l’oil pulling in presenza di amalgame dentali?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline