Le 7 Piante che Favoriscono la Guarigione della Tiroide

23 Commenti

tiroide piante

La ghiandola tiroidea è indispensabile per il funzionamento del nostro corpo, eppure milioni di persone solo nel nostro paese hanno una tiroide che è o iperattiva o poco attiva, provocando vari disturbi spesso trascurati che invece col tempo peggiorano. E’ importante quindi prendersi cura della propria tiroide, una delle ghiandole più importanti del corpo umano, e più soggette a disturbi.

Entrambi gli stati di disfunzione tiroidea hanno un impatto significativo sulla nostra salute e può essere molto invalidante quando il livello di ormoni prodotti è molto oltre i valori sani.

Ecco solo alcune delle più importanti funzioni che gli ormoni tiroidei contribuiscono a regolare:

  • Trasporto di elettroliti
  • Regola l’attività muscolare e cardiaca
  • Riparazione ossea
  • Regola lo sviluppo durante gli anni dell’infanzia
  • Regola il ciclo mestruale
  • Regola il desiderio sessuale e la libido
  • Sintesi delle proteine cellulari
  • Assicura al corpo l’assimilazione del cibo e la sua conversione in energia
  • Regola il metabolismo
  • Crea la Vitamina A convertendo il beta-carotene (contenuto nei vegetali)
  • Aiuta a regolare i processi mentali
  • Regola la temperatura corporea

COME PRENDERCI CURA DELLA NOSTRA TIROIDE

Prendersi cura della tiroide non significa necessariamente curare una patologia ma semplicemente mettere in pratica le giuste attitudini che ci mantengono in forza e in salute. Ho trattato questo argomento in svariati articoli che invito a leggere per approfondire, in particolare riguardo la connessione con l’alimentazione si veda Ecco i Cibi che Danneggiano la Tiroide e TIROIDITE E GLUTINE – Studi Scientifici dimostrano il legame.

7 PIANTE CHE PROMUOVONO LA SALUTE DELLA TIROIDE

Madre Natura ci fornisce una serie di erbe che contengono dei principi attivi in grado di equilibrare ed armonizzare la funzionalità della nostra tiroide. Si consumano queste erbe per via orale, o come un tè o tramite una capsula o pillola, a seconda della formulazione che troviamo disponibile.

Fucus Vesiculosur

E’ un alga che cresce nella zona Nord dell’Oceano Atlantico e del Pacifico. È ricca di nutrienti e contiene un ottimo ammontare di magnesio, potassio e micronutrienti, elementi che molto spesso non si trovano nei cibi che normalmente consumiamo. E’ stata da sempre usata per trattare l’ipotiroidismo in quanto è ricchissima di iodio, il minerale indispensabile per il corretto funzionamento della tiroide. Lo iodio è il più importante nutriente per la tiroide. Chi invece ha una tiroide iperfunzionante non dovrebbe prenderlo.

Semi di lino

Si sente spesso parlare di quanto i semi di lino facciano bene al nostro intestino ma aiuta anche la nostra tiroide. I semi di lino sono invece indicati nel caso di ipertiroidismo, in quanto contrastano l’assimilazione dello iodio da parte della tiroide e quindi ne rallenta il funzionamento. Questa azione sembra sia presente solo nei semi crudi e non nell’olio di semi di lino. Possono essere aggiunti ai vari piatti o consumati da soli, l’importante è schiacciarli per bene per assorbirne le proprietà. Per approfondire vedi Semi di Lino – Lubrificatore dell’organismo umano.

Echinacea

Questa erba è famosa per stimolare il sistema immunitario, ma l’echinacea è ottima per migliorare la salute della tiroide. Va usata in particolare la radice di echinacea, che spesso si trova sotto forma di tisana, in quanto contiene dei principi attivi che aiutano nel caso di ipertiroidismo. E’ particolarmente utile inoltre nei casi di tiroide autoimmune.

Zenzero

Ho parlato di questa pianta in tanti articoli in quanto apporta numerosi benefici a largo spettro per tutto l’organismo. E’ bene sapere che lo zenzero è anche ottimo per la tiroide. E’ ricco di zinco, magnesio e potassio, che sono tutti nutrienti che la tiroide richiede per una salute ottimale. Inoltre stimola la circolazione sanguigna, cosa che è molto utile quando si ha l’ipotiroidismo. Infine lo zenzero combatte e migliora la stanchezza, sensazione di freddo e la digestione lenta che si manifestano con l’ipotiroidismo. Puoi approfondire su come usare lo zenzero in questo articolo Studio Scientifico: lo Zenzero è 10.000x più efficace della Chemioterapia.

Liquirizia

Utile nei casi di ipotiroidismo, perché promuove la regolazione ormonale ne fornendo energia e aiutando a risolvere il senso di stanchezza. Inoltre contiene l’acido glicirretinico contenuto nella liquirizia ha la potenzialità di inibire la crescita di alcuni tipi di cellule di cancro alla tiroide.

Ortica

L’ortica è una pianta facile da trovare nei nostri campi, ed è utile per le persone che hanno sia l’ipotioidismo che l’ipertiroidismo.

Olio di enotera

Questa è una pianta poco conosciuta da noi, ma in verità è molto famosa per la salute delle donne tanto che una mia amica l’ha usata per guarire delle cisti al seno. L’olio di enotera è anche estremamente utile per la tiroide. Oltre ad aiutare l’ipotiroidismo nel suo complesso, contrasta i sintomi di questa condizione, come la perdita di capelli e cicli mestruali dolorosi.

Se la ghiandola tiroide non funziona correttamente, si sperimentano una serie di problemi di salute molto generici e difficilmente riconducibili ad essa a meno che non si esegue una analisi. Queste piante sono in grado di aiutare la salute della nostra tiroide. In aggiunta consiglio L’esercizio tibetano che attiva la Tiroide e riequilibra gli ormoni e il consumo di olio di cocco, Olio di Cocco – Pura Energia per rinforzare denti, ossa, fegato, tiroide e metabolismo. Fammi sapere la tua esperienza nei commenti!

Ortica Bio - Estratto Idroalcolico
Favorisce la fisiologica funzionalità delle vie urinarie
Echinacea Complex
Echinacea Complex da 350 mg in confezione da 50 capsule

Voto medio su 19 recensioni: Da non perdere

Fucus - Compresse
Integratore alimentare vegetale coadiuvante delle fisiologiche funzioni metaboliche
Olio di Enotera - Enagra
Epo aiuta durante la sindrome premestruale, attenuando irritabilità, depressione, tensione mammaria, dolori addominali, ritenzione idrica e cefalea.

Voto medio su 19 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

23 Commenti su questo post

  1. Chiara says:

    Ogni mattina sciacquo la bocca con olio di cocco, a digiuno, e bevo un cucchiaio di olio di cocco al giorno assieme allo jogurt e la tosse con quel prurito alla gola è sparita. Soffro di ipotiroidismo, gastrite e reflusso gastrico.

  2. Walter says:

    A mia madre hanno tolto la tiroide negli anni 80 e prende tutt’ora mi pare l’euro tirox ci sono medicinali naturali per sopperire a questa medicina schifosa perché chimica?

  3. Dionidream says:

    Ciao Laura il digiuno intermittente di 16-24 h ha un enorme successo per ridurre il gozzo tiroideo, puoi approfondire qui http://www.dionidream.com/digiuno-24-ore-benefici/ . Se cerchi anche dei rimedi naturali omeopatici puoi leggere qui http://www.scienzaeconoscenza.it/articolo/gozzo-tiroide.php

  4. Ciao io ho la tiroide (ipotiroidism o) prendo eutirox da 125 voglio tanto dimagrire un po ho 57 anni madonina mia quanto sto atenta che mangio prendo tante tisate mi potete aiutare …..ho 5 noduli GRAZIEEEEEEEE

  5. Luca says:

    Quindi l’olio di enotera è soltanto per le donne?

  6. Gabriele Prinzi il mio problema non è strettamente collegato alla tiroide ma al sistema immunitario impazzito. Dopo la visita di ieri dal nuovo medico è venuto fuori che la mia tiroide funzionerebbe più che bene se non fosse per l’attacco immunitario. Tra l’altro alcune cose adatte all’ipoitiroidismo semplice sono controindicate nel mio specifico caso di Hashimoto.

    • Lucia says:

      La mia tiroide e atrofizzata non funziona proprio , ho bisogno x adesso di 100microgrammi di tiroxina al giono , con quale erbe potrei sostituire la cura ?

  7. Gen says:

    Provate con il Ganoderma Lucidum ( Reishi ) e iodio ( Fucus, Alga Bruna… ) io ho risolto in questo modo. 400 mcg di iodio prima di colazione e poi 400mcg di reishi + 1gr di vitamina c sia a pranzo che a cena per un mese. Il TSH è sceso da 10 a 2.3

  8. davide says:

    Ciao Riccardo
    Premetto che credo molto nei benefici che un ritorno ad un’alimentazione consapevole possa dare alla nostra salute rispetto al consumo smodato che caratterizza la nostra società di cibi spazzatura. Da un paio d’anni ha gradualmente assunto uno stile vegetariano/vegano non per etica quanto per un puro aspetto salutistico. Devo pero fare un appunto, negli ultimi tempi c’è la moda di attribuire a vari alimeti piuttosto che spezie proprietà miracolose senza pero mai approfondire sul corretto uso/posologia e metodica sull’assunzione. Sarebbe molto utile per chi come me ha deciso di buttare via le classiche “medicine” per provare a guarire sia con una sana alimentazione che con l’aiuto di madre natura, trovare informazioni concrete piuttosto che indicazioni di massima. Esempio se lo zenzero aiuta il normale funzionamento della tiroide mi va bene sapere come e quanto consumarne, previo scoprire che per avere un qualche risultato devo consumarne 5kg/giorno. Spero di ricevere un tuo parere in materia. Namaste’

    • dioni says:

      Ciao Davide,
      Negli studi spesso vengono usati estratti titolati delle erbe che sono appunto concentrati e si trovano nelle compresse in vendita. Ma spesso anche la normale erba/radice di normale consumo.
      E’ ovvio che se non c’è una dieta sana, che è quello che ingeriamo 24h su 24, non c’è farmaco o erba che tenga. Ma vale anche al viceversa: con una dieta corretta abbiamo risultati che però possono richiedere anni, perché ad esempio alcuni virus e funghi non sono facili da debellare o la ri-produzione di alcuni ormoni non è immediata, e questi processi possono essere accelerati attraverso l’utilizzo di erbe.
      Buona giornata
      Riccardo

  9. milvia says:

    Ho diversi noduli alla tiroide che continuano a crescere di volume. Non sto più facendo controlli perché ogni volta è un’angoscia ho rifiutato l’ago aspirato ho rifiutato l’asportazione. Ma i noduli continuano a crescere e da qualche mese sento una fastidiosa oppressione intorno al collo. Io so che la mia tiroide sta male per cause emotive e quello ce provo l’ho ritrovato testualmente sull’articolo dedicato al canto per la tiroide. Io sono una persona sensibile che si ammala quando soffre emotivamente. Che ci posso fare?

  10. anna says:

    purtroppo io l’ho dovuta bruciare ero ipertiroidea – ed ora sono ipo – che posso fare – prendeo l’eutirox ma ad ogni cambio di stagione ho problemi con il dosaggio

  11. Gina says:

    I tibetani per la tiroide posono attuali i bambini ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline