Rebirthing – La respirazione circolare che guarisce

8 Commenti

rebirthing

Il Rebirthing, che significa letteralmente “rinascita”, è una disciplina che usa una particolare tecnica di respirazione unita a una forma consapevole di pensiero.

Ciò che rende differente la respirazione praticata dal rebirthing da altre discipline, specialmente dallo yoga e dalle discipline orientali, come ad esempio il Pranayama , è l’utilizzo di un respiro connesso, per cui gli spazi di apnea tra inspirazione ed espirazione vengono eliminati, favorendo una respirazione continua o ‘circolare’.

L’assenza di pause genera la cosiddetta ‘defusione emozionale profonda’, una risposta dell’organismo durante la quale vengono innalzati i livelli di energia e i blocchi emozionali, al fine di poterli depurare. La respirazione circolare si caratterizza dunque come strumento finalizzato alla conoscenza interiore del soggetto, che si avvale dell’utilizzo della respirazione al fine di esplorare la coscienza e armonizzarne i contenuti. L’obiettivo di tale tecnica è quello di liberare le potenzialità originariamente già presenti in ogni individuo.

Eliminando le pause si crea una respirazione pranica, cioè che carica l’organismo di prana (o energia vitale) oltre che di ossigeno.

Tale processo energetico consente di liberare le memorie cellulari e di produrre dei cambiamenti effettivi in quegli stati come l’ansia, il panico, gli schemi ripetitivi, la depressione , altrimenti difficilmente modificabili.

Man mano che la persona riesce a far diventare la propria respirazione circolare, anche la sua vita lo diventa, nel senso che più si eliminano blocchi, emozioni negative e pensieri limitanti e più tutto fluisce più facilmente, con maggiore “circolarità”. Del resto anche biologicamente nel corpo umano molti meccanismi rispondono al principio di circolarità: dal sonno si passa alla veglia, alla tensione dei muscoli segue il rilascio, e così via.

In nessuna di queste manifestazioni ci sono interruzioni, ma ci si trova di fronte al fluire della vita.

Scopo del Rebirthing è di ristabilire un’alternanza naturale dei ritmi vitali, fisici e psichici, individuando le decisioni e i paradigmi che si sono formati durante il periodo che chiamiamo “scenario di nascita”, che comprende il concepimento, la gravidanza, la nascita e il primo anno di vita del bambino.

Infatti le emozioni assorbite in questo periodo e le reazioni istintive agli eventi e all’ambiente, in cui il bambino si muove, lo portano a prendere delle decisioni che si radicano a livello inconscio, condizionandone successivamente la vita e le relazioni .

Pensieri come: “la vita è faticosa”, “gli altri mi fanno male”, “non merito amore”, “io sono pericoloso”, “io sono sbagliata”, ”bisogna lottare per vivere”, da dove arrivano? Come si sono formati? Il Rebirthing attiva queste e altre memorie, che si sono fissate a livello cellulare.

Respirando si localizzano i pensieri che stanno creando delle conseguenze di cui l’individuo non si sente responsabile a livello conscio e che probabilmente non portano né benessere né armonia, bensì sofferenza e complicazioni.

Il processo messo in moto dal Rebirthing è rapido e potente, poiché le persone si rendono conto velocemente, grazie al processo sopra descritto, del loro dolore, della paura e della rabbia che hanno assimilato e accumulato senza trovarvi un adeguato sfogo.

L’importanza della respirazione

Respirare non è un’attività intellettuale. Di conseguenza all’inizio può sembrare strano leggere e riflettere su qualcosa che si fa in ogni momento della nostra vita.

Dal primo istante di vita, respirare è qualcosa che il corpo sa come fare per assicurarsi la sopravvivenza. In questo stesso momento, mentre stai leggendo, stai respirando e la notte quando dormi la tua respirazione fluirà: inspirazione, espirazione, senza bisogno di pensarla.

Questa respirazione automatica che permette di vivere, che un tempo era tanto piena e libera, quando si blocca o si limita diventa automaticamente distorta.

La respirazione influenza i sistemi respiratorio, cardiovascolare, neurologico, gastrointestinale, muscolare e psichico e ha anche un effetto generale sul sonno, sulla memoria, sul livello di energia e di concentrazione .

Forse, ricordi ancora un’epoca in cui ti sentivi pieno di energia e di voglia di fare e forse ti chiedi come mai non é più così e se puoi fare qualcosa per ricominciare a sentirti motivato.

Il processo della respirazione è al centro di tutte le tue azioni e ti permette di entrare in un nucleo centrale dove potrai trovare la risposta, non mentale e quindi ricca di possibilità, allo stress.

Quando un essere umano nasce tutto il suo corpo respira. Ogni cellula vibra con la vitalità della sua respirazione. Tutte le ossa, i muscoli e gli organi si muovono con ogni respirazione.Ogni nervo riceve energia. Da adulti la maggior parte delle persone ha dimenticato come sia una respirazione piena e totale.

Recuperando la pienezza della nostra respirazione recupereremo anche altre dimensioni della nostra vita. Perché questi passi siano diretti e utili è importante familiarizzare con noi stessi, con chi siamo veramente.

Riscoprire la naturalezza della nostra respirazione piena e profonda, ha a che fare con lasciar andare o superare gli ostacoli che abbiamo sviluppato per limitarla, tanto coscientemente quanto inconsciamente.

Esercizi di respirazione circolare

Per poter svolgere alcuni esercizi di respirazione circolare si parte dalla postura. La posizione da assumere è quella da seduti. Ci si rilassa e si respira, in maniera circolare, con coscienza. Importante che il respiro sia ininterrotto, senza pause di apnea fra inspirazione ed espirazione. Si inspira in maniera dolce ma allo stesso tempo ampia e veloce. Non bisogna accompagnare fuori l’aria durante l’espirazione, ma è necessario che questa venga espulsa spontaneamente. Un’immagine mentale che viene fornita è il ciclico ritmo delle onde che si infrangono dolcemente sul bagnasciuga.

Può essere praticato anche nella vasca da bagno immersi nell’acqua calda che ci riporta allo stato prenatale quando eravamo immersi nel liquido amniotico.

Durante questi esercizi di respirazione circolare, l’energia scorre all’interno del nostro corpo, liberandoci gradualmente delle tensioni e dai condizionamenti del nostro passato. Si prova un ampliamento di coscienza, lasciando che l’inconscio riporti a galla ‘sensazioni del profondo’.

Viene consigliato di respirare profondamente e dolcemente in modo circolare e consapevole, nel silenzio di un luogo confortevole e rilassato per un tempo variabile da 30 a 60 minuti.  Così facendo si attua una comunicazione tra la parte inconscia e quella conscia della mente. L’ansia viene così dissipata, liberando il soggetto da tensioni ed emozioni negative del passato che condizionano il presente.

La realtà che il soggetto percepisce non ha altro significato risptto a quello che il soggetto stesso le conferisce. L’interpretazione soggettiva rispetto al proprio vissuto diventa centrale, non fissa, ma elastica, malleabile. Grazie alle tecniche del respiro cosciente, e ai suoi benefici su corpo e mente, il soggetto diventa cosciente delle proprie percezioni e quindi delle proprie convinzioni sulla realtà.

Il libro del rebirthing
L’arte del respiro consapevole

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 12.95
Rebirthing - Libro
Il respiro che guarisce – Manuale di benessere e di motivazione

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere

€ 12.9
Rebirthing
Tecniche per integrare corpo mente e spirito
€ 16.5

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

8 Commenti su questo post

  1. Non ho capito come metterla in pratica

  2. Non ho capito come metterla in pratica

  3. Dionidream says:

    Il nucleo è la respirazione continua ovvero senza pause tra inspirazione ed espirazione, poi aggiungerci le altre fasi per integrarla al meglio. Prova la respirazione continua e noterai che molte cose vengono in superficie

  4. Dionidream says:

    Il nucleo è la respirazione continua ovvero senza pause tra inspirazione ed espirazione, poi aggiungerci le altre fasi per integrarla al meglio. Prova la respirazione continua e noterai che molte cose vengono in superficie

  5. Dionidream says:

    Deve essere qualcosa di rilassato, con un pò di pratica sarà facile

  6. enzo says:

    Grazie per queste preziose nozioni.
    La respirazione deve essere nasale o boccale oppure entrambe indifferentemente? avendo io talvolta problemi di ostruzione nasale.

  7. Wanda says:

    Io grazie qualche sessioni di rebirthing lasciato in modo facile il fumo 25 anni fa per sempre. Prima – volevo lasciare il fumo e ho provato tante volte e dopo 2-3 mesi – fumavo di nuovo. Per imparare respiro secondo me – serve un maestro. Rebirthing è metodo veramente stupendo per toccare e buttare fuori, questo, di che non siamo consapevoli dentro di noi, nostre sofferenze, che abbiamo avuto prima, che nostra memoria riuscì registrare. E poi – energia, quale si acquista respirando, come spiega Leonard Orr è pazzesca – si prende le nove forze fisiche e psicologiche, che fanno sentirsi forti e capaci. Auguro ad ognuno di noi, che potrebbe avere l’esperienza con il rebirthing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline