Medico italiano ha scoperto la cura per la Sclerosi Multipla

79 Commenti

zamboni sclerosi multipla

Paolo Zamboni, chirurgo vascolare di Ferrara, ha scoperto che la Sclerosi Multipla è dovuta anche ad un accumulo di ferro nel cervello indotto dal restringimento anomalo delle vene. Attraverso un operazione chirurgica le vene sono riaperte e in alcuni casi scompare completamente la malattia

La cosa sorprendente è che è stato ostracizzato dai suoi colleghi e non ha ricevuto alcun finanziamento o supporto. Come mai? Perché il trattamento farmacologico della Sclerosi Multipla richiede i farmaci tra i più costosi al mondo e non c’è alcun interesse a soppiantare l’attuale terapia.

Il Prof. Paolo Zamboni cominciò ad interessarsi alla Sclerosi Multipla dopo che sua moglie negli anni ’90 ne fu colpita e da quel momento iniziò una grande ricerca che lo portò a riconoscere che le cose non stavano proprio come la medicina ufficiale insegnava. Scoprì infatti che solo i malati di sclerosi multipla hanno un accumulo di ferro nei vasi sanguigni cerebrali che causa necrosi, infiammazione, disturbi immunitari e cominciò ad indagarne la causa. Analizzando il circolo venoso dei pazienti vide che tutti avevano un restringimento importante (60-80%) delle vene del collo (insufficienza venosa cronica cerebrospinale chiamata CCSVI) che crea un ristagno venoso nel cervello. Attraverso un’angioplastica simile a quella che si fa per riaprire le coronarie ostruite risolve le condizioni dei pazienti eliminando gli ostacoli al deflusso del sangue “sporco” dal cervello.

«Mi colpì il fatto che tutti, pur non conoscendo le cause della sclerosi multipla, la studiassero su un modello animale basato sull’ipotesi arbitraria che fosse di origine autoimmune (l’encefalopatia autoimmune sperimentale, ndr): non mi pareva un buon metodo per comprendere davvero la malattia.Studiai ciò che era stato rilevato dell’anatomia del cervello dei malati: in molti casi, fin dai tempi di Jean-Martin Charcot, il neurologo che per primo descrisse la sclerosi multipla, si segnalava che le placche si trovassero sempre al centro di vene cerebrali. Alla fine degli anni Ottanta alcuni ricercatori avevano individuato chiari segni di patologie croniche delle vene cerebrali dei malati di sclerosi multipla; io stesso, osservando vetrini di autopsie, ne trovavo.

Il 29 settembre del 2002 lei eseguì per la prima volta un ecodoppler (ecografia del circolo sanguigno, ndr) delle vene extracraniche in un malato con sclerosi multipla…
Vidi che il circolo era difficoltoso e il sangue non scorreva bene. Dalla letteratura scientifica mi resi conto che si conosceva pochissimo della circolazione venosa nelle persone sane, quasi nulla di quella nei malati.

Nella primavera del 2009, viene pubblicato sul Journal of Neurology Neurosurgery and Psychiatry il primo lavoro sulla correlazione fra CCSVI e sclerosi multipla in 65 pazienti; a fine 2009, i primi dati dopo aver “liberato” le vene di quei malati con l’angioplastica percutanea transluminale (o PTA).

Come ho segnalato fin dal primo studio, anche dopo la PTA esiste circa il 50 per cento di probabilità di recidive, in alcuni casi non è l’intervento appropriato, e pochi pazienti, circa uno su quattro secondo le osservazioni pubblicate da Fabrizio Salvi, continuano a stare bene a lungo»

Prof. Paolo Zamboni, estratto da un’intervista al Corriere

Sul sito della Fondazione Veronesi in un articolo del 2013 leggiamo che lo scetticismo della classe medica è dovuto al fatto che si stanno aspettando i risultati di uno studio iniziato nel 2012 i cui risultati non sono ancora stati resi noti. E’ incredibile come una terapia che potrebbe essere risolutiva per milioni di persone possa essere fatta attendere tutto questo tempo.

Sebbene i media e il mondo scientifico vogliano far apparire questa terapia come non attendibile, sono tantissimi i casi di guarigione avvenuti grazie al metodo Zamboni chiamato anche Brave Dreams (tradotto “Sogni Coraggiosi” in un società dove devi essere davvero coraggioso per andare contro il sistema).

A sei mesi dall’operazione mi ritengo guarita dalla sclerosi multipla

Nicoletta Mantovani, vedova di Luciano Pavarotti, al settimanale Gente

Nicoletta Mantovani, che oggi ha 47 anni, aveva mostrato i primi sintomi della malattia a 18 anni, malattia che è progredita per 25 anni rendendo la sua vita un inferno. Poi la conoscenza del professor Zamboni e la fiducia cieca, a quanto pare ripagata, nella terapia. Eppure, nonostante quella di Nicoletta Mantovani non sia l’unico casi di “redenzione” dalla sclerosi multipla, il metodo Zamboni deve lottare ancora contro diversi detrattori. Nicoletta è presidente onorario dell’Associazione Ccsvi nella sclerosi multipla onlus per raccogliere fondi per finanziare il metodo Zamboni.

Il metodo Zamboni ha avuto così tanto eco in tutto il mondo che il professore ferrarese riceve chiamate e pazienti in continuazione provenienti da Russia, America, Libano, Croazia, ecc. In Canada, dove il problema della sclerosi multipla è molto sentito, hanno fatto anche un servizio televisivo (sottotitolato in italiano) dove hanno mostrato anche il caso di una persona completamente guarita.

In Canada oggi l’intervento in angioplastica, praticato da Zamboni, per disostruire le vene del collo è ormai all’ordine del giorno.

Sulla rivista Scienza e Conoscenza è stato dedicato un articolo a questa cura e viene riportata la storia di Teresa, malata da quando aveva 19 anni, è guarita in mezz’ora di ambulatorio grazie al dott. Tommaso Lupattelli al Gvm di Ostia, dove esegue il metodo-Zamboni.

L’importanza dell’alimentazione per evitare recidive

Come abbiamo visto c’è anche il rischio importante di recidive. Infatti come sempre affermiamo qui su Dionidream, l’alimentazione e lo stile di vita sono fondamentali per l’insorgere di ogni malattia e quindi se vogliamo mantenere la salute dobbiamo introdurre salute nella nostra bocca. Abbiamo visto di recente come una dieta che mima gli effetti del digiuno crea degli enormi benefici nei pazienti affetti da sclerosi multipla e anche come l’integrazione vitamina D possa essere risolutiva in alcuni casi. Ho riportato pure la storia di una dottoressa guarita grazie ad una dieta sana.

Con la recente scoperta che il sistema linfatico e il sistema immunitario arrivano fino al cervello tutti i libri di neurologia sono da riscrivere e diventa enorme il ruolo dell’alimentazione per le patologie del sistema nervoso. Infatti se la nostra alimentazione è errata (quasi tutti pensano di avere una dieta sana ma in realtà ingurgitano zucchero, pane, pasta, cracker, latticini, cibi pieni di bassa qualità e poveri di minerali e vitamine) si producono molte scariche acide, l’intestino si infiamma con la conseguente permeabilità intestinale e queste tossine entrano nel sistema linfatico e sanguigno arrivando fino al cervello e creando enormi danni.

Per contattare il prof. Zamboni puoi trovare il recapito telefonico a questo link dell’ospedale Sant’Anna di Ferrara. Esistono anche dei medici in tutta Italia formati direttamente dal prof. Zamboni che praticano la sua terapia.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

79 Commenti su questo post

  1. Scusate ma perché non date queste informazioni in TV

    • NOD says:

      Marco, perché credi cha la TV sia al servizio del benessere del cittadino? Certe cose non possono essere dette in TV, altrimenti le masse alzano le antennine…

      • stefano says:

        bravo hai detto bene la tv non e’ al nostro servizio ma per propinarci solo stronzate . basta guardare qualche tg.

    • Hanno parlato eccome!! Solo quella capra di Barbara D’Urso,quando ha avuto ospite la Mantovani,a detto che è guarita!!!! Di SM non si guarisce(c’è lo da 7 anni)! Si può avere dei grosso miglioramenti con la PTA( CCSVI- Zamboni) si,conosco tante persone che hanno fato.l intervento io in primis!! Consiglio a tutti di farlo,per ora è unica certezza che abbiamo! Non i veleni(interferoni) che hanno effetti collaterali devastanti!! Buona salute a tutti!

  2. Ho una amica che si è sottoposta all intervento, vi garantisco che la malattia a seguito il suo corso e non ha avuto alcun giovamento.
    A sì un giovamento ci sarà stato , quello della equip che si è intascata diverse migliaia di euro . Triste ma tutte chiacchiere

  3. mia figlia morena ne e’ affetta

  4. Linda says:

    Non voglio offendere gli autori di questo “blog”, ma ancora una volta è dimostrato che questo blog vada preso con le pinze: un mio amico che è ammalato di sclerosi multpla è in cura proprio a Ferrara e ha vene ed arterie invidiabili, paragonabili a quelle di un giovane atleta professionista, per cui gli è stato detto che nel suo caso la cura di questo medico proprio non servirebbe…inoltre mi pare che nel mondo si sia parecchio parlato di questa ipotesi scientifica e di questo medico, che credo abbia ricevuto anche dei riconoscimenti, dunque non mi pare che questo medico sia stato tanto tenuto nascosto.

  5. la signora pavarotti è andata in tv a dirlo che è guarita con questo metodo

  6. Come ogni scoperta…. la metteranno presto a tacere. Diciamo che nn conviene alle case farmaceutiche. .. triste verità !!!!

  7. Io ho fatto l’intervento sopracitato. Non sono guarita ma sto molto meglio e la malattia si è fermata !

    • Che io sappia Sabina Giustino quelle operazioni che sono state fatte nel 2012 erano sperimentali, ed hanno deciso che la sperimentazione è fallita in quanto (secondo loro) non ha dato risultati positivi significativi.
      Purtroppo non so come aiutarti; prova a chiedere re intanto al tuo generico di farti fare un’ecocolordoppler alle giugulari.
      Un abbraccio

    • Se trova dove fare l’operazione, l’importante è lo stato d’animo con cui la fa: se è già depresso e poi non ha grossi risultati, può essere deleterio.
      Secondo me, se riesce a farla, deve pensare solo che ha aperto delle vene chiuse, che la circolazione sarà più fluida e quindi starà meglio.
      La depressione, nel mio caso, peggiora la malattia, quindi DEVE trovare come stare tranquillo.
      Buona fortuna

  8. E se l’ha seguita ed è guarita lei, seguite la e fatela tutti. Lei ha molti soldi ed ha avuto la grande opportunità di informarsi più che bene

  9. Il Dr. Zamboni è stato ostacolato come il Dr. Di Bella. Quando non conviene al sistema e alle case farmaceutiche questi medici vengono diffamati in modo che le persone non si curino con le loro metodologie. Per fortuna le persone si stanno svegliando!

    • Concordo in tutto. Avevo sei anni e mezzo quando mi fu diagnosticato un carcinoma alla parotidea dx… entrai in metastasi . Nn feci mai chemioterapia. . Feci solo sette anni e mezzo di punture del siero di Liborio Bonifacio ( boicottato e arrestato)…. guarì completamente. Svegliaaaaaaaaa. Le case farmaceutiche tengono solo a farci restare malati il più possibile. .. è un business

    • Il metodo Zamboni nel mio caso ha funzionato ( ho SM)…. Cioè, migliorata moltissimo, ma non si guarisce!!

    • Io credo sia del tutto soggettivo ogni persona risponde in modo diverso alle cure. Però tutta questa campagna che hanno fatto i giorni scorsi contro le terapie alternative per due casi di decesso senza chemio mi fa letteralmente schifo!

  10. Non scompare, ma migliora in una buona parte dei casi, se l’intervento è eseguito da chi lo sa fare!

  11. non la cura ma una delle principali cause , i casi che non risponderanno a tale trattamento sono di altra origine ancora sconosciuta

  12. NOD says:

    Bisognerà adesso capire, cosa provoca il restringimento di quelle vene del circolo cerebrale…

    • NOD says:

      Leggo comunque che ci sono già degli importanti spunti nell’articolo a riguardo…

  13. Io l’ho fatta più di 4 anni fa!

  14. La Mantovani ha fatto un intervento ad hoc, fatto su misura per lei. Gli altri fanno interventi non dedicati alle loro precise problematiche, per cui è tutta un’altra storia.

  15. la lenta compromissione del microcircolo arterioso-venoso è quasi il peccato originale per tantissime patologie,risolto o fermato da risultati stupefacenti

  16. La Mantovani ha fatto un intervento ad hoc perché ha i soldini è ha potuto pagare. . . Gli altri devono pazientare è sperare. . . !

    • anna says:

      Sono daccordo con te Dada,purtroppo se hai i soldi si aprono tutte le porte magiche ,non voglio dire che si guarisce solo se li hai ,ma aiutano tanto, queste scoperte secondo la mia ignoranza dovrebbero servire a curare tutti pagando il tichet normale , ma è solo un sogno…Soldi soldi soldi chi ha tanti soldi vive come un pascià,ricordate la canzone..

  17. stefano says:

    e’ gia tanto se le multinazionali non lo facciano sparire come e’ successo ad una biologa poco tempo fa’ che analizzava cellule artificiali e biotecnologia militare.pazzesco !!! in che mondo viviamo.

  18. Eccellenza italiana

  19. Ogni tanto sono fiera di essere italiana

  20. Non esiste ancora purtroppo cura per la sclerosi multipla ma il Dr. Zamboni ha fatto una grandissima scoperta che a tutt’oggi migliora la qualità di vita di chi ne è affetto. Prima di sentenziare vi chiederei di documentarvi soprattutto con le persone che possono testimoniarne i benefici!

  21. PER FAVORE, CONDIVIDETE

  22. Ragazzi leggete la storia di Matteo Dall’osso, adesso politico con M5S
    Lui è guarito e non con Zamboni ma con la stessa teoria.

  23. potrebbe essere lo stesso problema dell’alzahimer???

  24. Notizia di tanti anni fa, anche una mia parente è migliorata molto ma adesso sta di nuovo male

  25. Fatto l’intervento 6 anni fa…Purtroppo il benefici son durati un paio di mesi…

  26. Adesso lo boicottano. ….

  27. Auguri a tutti.che Dio benedica quell’uomo che ha fatto del bene. X quanto possibile. Che tutti guariscano.

  28. Elena Muti Elena Muti says:

    È da anni che il dott. Zamboni fa questo intervento. E non solo lui. La sua tecnica viene applicata anche in altre cliniche.

  29. Era ora! Condividete

    • carlo says:

      Poiché un miglioramento della circolazione induce spesso riduzione di segni e sintomi neurologici in qualsiasi condizione morbosa, probabilmente questo spiega perché l’intervento migliora – per un po’ – i sintomi, benché ampi studi condotti senza preconcetti abbiano mostrato che solo pochi casi (3%) di fatto presentino insieme alla Sclerosi Multipla anche la patologia detta CCSVI ( i restringimenti venosi ) e che quindi queste malformazioni non sono la causa della malattia.
      Altri casi di remissione più lunga sono la norma in questa malattia, che a volte scompare come è venuta, anche per anni, e anche senza nessuna cura. Queste remissioni possono far credere a guarigione in conseguenza di una terapia chirurgica anche se non ne sono dipendenti in una relazione causa-effetto.
      Pubblicare notizie vecchie senza pubblicare i risultati e gli sviluppi più recenti, eludendo di specificare i più ovvi e ragionevoli dubbi su di una realtà scientifica in fase di sviluppo, e non scrivere che la SM è ingannevole e procede a tratti con remissioni spontanee anche di anni, non solo non è fare un buon giornalismo, ma rischia di far ricevere a malati anche gravi informazioni scorrette, inesatte, obsolete.
      Con la possibilità di indurre negative conseguenze sulla salute, sul portafoglio, sulla qualità di vita e sulla vita stessa delle persone.
      Chi cura blog di materie mediche dovrebbe avvalersi di un comitato di peer-review, specialmente se non
      http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4694186/
      http://www.aism.it/index.aspx?codpage=2012_10_stampa_ricerca_ccsvi_comunicato
      http://www.aism.it/index.aspx?codpage=cssvi_faq&gclid=CL3e_JK6mM8CFRCNGwod_6kLrA

  30. sto medico somija a fiano der PE-DDDDDDD…sicuro che non e’ il II lavoro del roscio cazzaro…

  31. Ste Leu, la CCSVI é una importante concausa nella SCLEROSI MULTIPLA, la successione delle cause ora sono ben note dopo la recente scoperta del sistema linfatico del cervello, e sono:
    – Acidosi metabolica da alimentazione poi aggravata dai farmaci.
    – Disbiosi, permeabilità intestinale e conseguente ricircolo scorie metaboliche.
    – il sistema linfatico del cervello che ristagna le suddette scorie del punto precedente che trovano ostacolo emodinamico nelle giugulari malformate (CCSVI).
    – RISULTATO FINALE SONO LE MALATTIE NEURODEGENERATIVE, INFATTI IL SISTEMA LINFATICO DEL CERVELLO NON È STATO MAI RICONOSCIUTO DALLA NEUROLOGIA MONDIALE. I TESTI DI NEUROLOGIA DEVONO ESSERE RISCRITTI TUTTI.

  32. Ste Leu, la CCSVI é una importante concausa nella SCLEROSI MULTIPLA, la successione delle cause ora sono ben note dopo la recente scoperta del sistema linfatico del cervello, e sono:
    – Acidosi metabolica da alimentazione poi aggravata dai farmaci.
    – Disbiosi, permeabilità intestinale e conseguente ricircolo scorie metaboliche.
    – il sistema linfatico del cervello che ristagna le suddette scorie del punto precedente che trovano ostacolo emodinamico nelle giugulari malformate (CCSVI).
    – RISULTATO FINALE SONO LE MALATTIE NEURODEGENERATIVE, INFATTI IL SISTEMA LINFATICO DEL CERVELLO NON È STATO MAI RICONOSCIUTO DALLA NEUROLOGIA MONDIALE. I TESTI DI NEUROLOGIA DEVONO ESSERE RISCRITTI TUTTI.

  33. Se conoscessi il significato di emodinamica, flussi e riflussi allora capiresti, ma purtroppo non sai e giustifico ciò che scrivi, ma ti dico che é profondamente errato….

  34. Se conoscessi il significato di emodinamica, flussi e riflussi allora capiresti, ma purtroppo non sai e giustifico ciò che scrivi, ma ti dico che é profondamente errato….

  35. Se conoscessi il significato di emodinamica, flussi e riflussi allora capiresti, ma purtroppo non sai e giustifico ciò che scrivi, ma ti dico che é profondamente errato….

  36. La CCSVI é una importante concausa nella SCLEROSI MULTIPLA, la successione delle cause ora sono ben note dopo la recente scoperta del sistema linfatico del cervello, e sono:
    – Acidosi metabolica da alimentazione poi aggravata dai farmaci.
    – Disbiosi, permeabilità intestinale e conseguente ricircolo scorie metaboliche.
    – il sistema linfatico del cervello che ristagna le suddette scorie del punto precedente che trovano ostacolo emodinamico nelle giugulari malformate (CCSVI) ovvero provocano reflussi del sangue con ritorno al cervello e conseguente ristagno.
    RISULTATO FINALE SONO LE MALATTIE NEURODEGENERATIVE, INFATTI IL SISTEMA LINFATICO DEL CERVELLO NON È STATO MAI RICONOSCIUTO DALLA NEUROLOGIA MONDIALE. I TESTI DI NEUROLOGIA DEVONO ESSERE RISCRITTI TUTTI.

  37. Roberto Besednjak, illustraci visto che sai i pro e i contro della CCSVI

  38. non si può avere la certezza di sapere con quale tipo di persona e stato della malattia funziona, e con quale no. Zamboni in questo è sempre stato franco. La risposta del corpo a questo tipo di intervento è soggettivo, ci sono persone che ne hanno tratto benefici e altre no, quindi è normale e umano nutrire comunque speranze di riuscita e avere qualche aspettativa nonostante si conosca in partenza che l’esito potrebbe non esserti favorevole…non è normale invece schierarsi contro il tipo di intervento e questo possibile aiuto solo perché non ne sei stato beneficiato

  39. non si può avere la certezza di sapere con quale tipo di persona e stato della malattia funziona, e con quale no. Zamboni in questo è sempre stato franco. La risposta del corpo a questo tipo di intervento è soggettivo, ci sono persone che ne hanno tratto benefici e altre no, quindi è normale e umano nutrire comunque speranze di riuscita e avere qualche aspettativa nonostante si conosca in partenza che l’esito potrebbe non esserti favorevole…non è normale invece schierarsi contro il tipo di intervento e questo possibile aiuto solo perché non ne sei stato beneficiato

  40. L’articolo risale a qualche anno fa, ma è sempre attuale. Perché la ricerca è ferma? L’alimentazione è fondamentale, e parlo per esperienza diretta oltre che per le centinaia di ricerche scientifiche che trattano l’argomento. Vedi lo stesso dottor Bertino, un medico coraggioso, leale, sincero e non soggetto al potere delle lobby. E non è poco.

  41. Che cosa è ridicolo e dannoso? Sono anni che si annunciano in modo trionfalistici e subdolo scoperte di cure che la medicina ufficiale spaccia per buone, poi non se ne parla più. Nel frattempo le case farmaceutiche che hanno alimentato l’illusione a favore della vendita dei farmaci corrispondenti si arricchiscono. Dov’è la dignità di alcuni medici che fecero, forse, il giuramento dI Ippocrate. È vero, in giro ci sono tantissimi ciarlatani nelle cosiddette cure alternative, ma altrettanti ci sono nella medicina e nella Scienza. Vogliamo attentamente, la salute è un nostro sacrosanto diritto, ma anche un dovere. Ed essa passa sempre attraverso la consapevolezza di chi siamo, cosa facciamo e dove vogliamo andare, ORA! Non crediamo in tutto, facciamo una cernita saggia e oculata, ma evitiamo al contempo un ottuso ostracismo. A chi giova? Altrimenti stiamo zitti, è meglio.

  42. Larissa Cantoni says:

    Consiglio a tutti la lettura del libro La Medicina Della Nuova Era, qui in pdf gratuito:
    http://www.spiritual.it/all/Libro%20per%20CD.pdf

    La “Medicina della Nuova Era” mette in relazione lo stato dei nostri Chakra principali con la nostra salute (utilissimo in caso di malattie gravi, ma non solo), insegna come verificare lo stato dei Chakra e fornisce indicazione su com’è possibile autoguarirsi, dato che l’energia dei nostri chakra dipende dalla nostra psicologia (stati emotivi e modi di reagire).

    In caso di Sclerosi Multipla, attraverso il test kinesiologico si può verificare che sono bloccati i Chakra della RADICE, del CUORE, come pure l’AREA DEL CERVELLO a DESTRA sopra l’ ORECCHIO.

    Sempre quando c’è un’area del cervello bloccata, c’è anche il chakra del cuore bloccato!!

    DESTRA: Fibromialgia, SCLEROSI MULTIPLA, problemi dell’apparato motorio, distrofia / atrofia muscolare, rigidità…
    In questi casi c’è sempre anche il chakra della RADICE bloccato!!

    Processo mentale che blocca l’area del cervello a destra (sopra l’orecchio):

    La persona che ha quest’area del cervello bloccata crede che in questo mondo non ci sia amore per lei, in nessuna parte del mondo; quindi è inutile cercarlo, l’amore, e tanto vale irrigidirsi.

    Infatti la mancanza di energia in questa parte del cervello provoca atrofia muscolare, ma anche rigidità mentale, e quindi rende la persona più restia ai cambiamenti…

    Aprendo il chakra del cuore, cambia la visione, permettendo alla persona di vedere che nel mondo c’è amore anche per lei, e di uscire dal suo circolo vizioso.

    CUORE -> si sblocca col perdono e praticando l’amore incondizionato

    Come e perché aprire il Chakra del Cuore: https://m.facebook.com/notes/larissa-cantoni/-perdono-amore-incondizionato-/10152011006503917/?ref=bookmarks

    Anche: Perdono assoluto http://www.scienzenoetiche.it/holos/03_perdono_assoluto.php

    RADICE -> si sblocca non lasciandosi più influenzare dall’estetno, non facendo dipendere la propria felicità dal posto in cui si deve trascorrere del tempo (abitazione, posto di lavoro, visite a persone che non ci vanno…).
    Si sblocca col passaggio evolutivo = maturazione dell’anima…
    Se ci si ama si sta bene dappertutto!

    Infatti è importantissimo che la persona reagisca, affinché non finisca sulla sedia a rotelle, poichè a questo punto la persona solitamente viene circondata d’affetto e riceve tutte le attenzioni…
    Le persone vicine a questo punto la difendono, rendendo così il cambiamento ancora più difficile…!

    Invece è fondamentale non far dipendere la propria felicità dall’esterno (dagli altri), bensì amare se stessi in primo luogo e in qualunque circostanza!

    -> -> -> Non facendo motivo di sofferenza dei problemi, non lasciando dipendere la propria felicità da cause esterne, ma lasciandosi scivolare di dosso le difficoltà, i chakra si apriranno…
    Quindi è fondamentale essere fiduciosi e dirsi convinti: “Andrà tutto bene!!” senza la minima ombra di dubbio!

    In somma, per guarire e volerlo davvero bosogna volerlo fino in fondo, le varie cure e una sana alimentazione sono senz’altro un valido aiuto, ma sono come un cerotto… Se non si cambia interiormente, le ricadute sono molto probabili.

  43. Solveiga says:

    Mia sorella si è operata due volte. Non è migliorata per niente. La malattia sta progredendo come prima. Anzi, le vene allargate per effetto infiammatorio si sono chiuse del tutto…..

  44. francesco says:

    in verità la sclerosi multipla a volte può essere curata con il metodo Zamboni a volto, un mio amico ha provato senza esito

  45. Chris says:

    La Tecnica chiropratica ‘Upper Cervical’ funziona molto meglio e meno invasivo.

    Ho visto proprio con i miei occhi

    Da uno studio fatto dal Chiropratici in Italia

    purtroppo il Dottor Zamboni insieme a l’ordine dei medici a cercato di a fatto tutto per screditare questa tecnica

    Una storia bruttissima perché mette in gioco la salute delle persone purtroppo c’è una mafia medica che funziona anche in Italia

  46. Angy says:

    Sono affetto da sclerosi multipla ma le vene del collo nn sono ostruite anzi sono nella norma che significa???

  47. Briar Saunders says:

    Oh how dream of getting my body back to norm!! I’ve had ms for over 20yrs now. My left side pretty stuffed. Have dropped most sugar and dairy and find I are able to walk with a stick, can lift my granddaughter. Little progress. Oh long may it last this process. So over ms. I hate it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline