fibromialgia cause

Si stima che la fibromialgia colpisca dai 3 ai 4 milioni di individui in Italia. Solitamente è caratterizzata da dolore cronico, in particolare dolori muscolari, affaticamento, disturbi del sonno, cervello annebbiato, deterioramento cognitivo, depressione e punti dolenti in tutto il corpo.

I sintomi della fibromialgia sembrano molto simili a quelli dei disturbi autoimmuni. Queste sovrapposizioni di sintomi hanno portato alla teoria che la fibromialgia potrebbe essere una condizione autoimmune, ma ancora non è stata dimostrata. Tuttavia, è possibile avere contemporaneamente una malattia autoimmune e la fibromialgia.

La medicina deve ancora scoprire la causa della fibromialgia e offre solo un sollievo momentaneo dei sintomi tramite farmaci antidepressivi e antidolorifici.

Non sanno infatti quali sono le cause della fibromialgia.Secondo le ultime ricerche, la causa sembra essere multifattoriale che parte da una disposizione genetica (caratteristiche ereditarie) che viene innescata da trigger come infezioni, trauma e stress.

Diamo un’occhiata più da vicino a questi potenziali fattori e molti altri che possono influenzare il motivo per cui le persone sviluppano la fibromialgia.

Ecco alcune cause della fibromialgia che possono essere considerate quando si stabilisce una terapia integrata.

1. Intolleranza al glutine

Il glutine è la causa di 55 malattie circa. Solitamente la nocività del glutine viene attribuita solo ai disturbi digestivi, ma non a quelli neurologici, che comportano dolore, deterioramento cognitivo, disturbi del sonno, problemi comportamentali, stanchezza e depressione. Per approfondire vedi Come riconoscere se sei intollerante al glutine.

2. Crescita eccessiva della Candida

La candida è un fungo saprofita o lievito, normalmente risiede nel nostro intestino. Quando vi è una crescita eccessiva, fuoriesce dalle pareti intestinali e penetra così nel flusso sanguigno, rilasciando tossine nel corpo e causando una serie di sintomi spiacevoli, come affatticamento, cervello annebbiato, problemi digestivi e dolore. Ogni persona affetta da fibromialgia potrebbe avere una crescita eccessiva di candida. Per approfondire vedi I 20 sintomi della candida e come sconfiggerla definitivamente.

3. Tiroide

E’ di vitale importanza che il medico effettui dei controlli su tutti e sei i marcatori del sangue per valutare con precisione la funzione della tiroide. E’ inoltre indispensabile che il medico utilizzi  livelli ottimali, piuttosto che la gamma standard di riferimento per la valutazione e la diagnosi dei disturbi della tiroide. Mantenere i livelli della tiroide in un range ottimale allevia generalmente la fatica, l’annebbiamento cerebrale, l’insonnia e la depressione. Per approfondire vedi Ecco i 12 sintomi che rivelano lo stato della tua Tiroide.

4. Carenze vitaminiche

La carenza di magnesio, vitamina D e vitamina B12 sono tra le più comuni carenze vitaminiche che hanno le persone affette da fibromialgia. Alcune persone hanno completamente invertito i sintomi della fibromialgia soltanto con il magnesio. Il modo migliore per misurare il magnesio è quello di fare delle analisi del sangue al fine di rilevare il livello di magnesio nei globuli rossi (RBC), può essere fatto in qualsiasi laboratorio convenzionato. Per approfondire vedi Ecco gli 11 Nutrienti di cui facilmente si è Carenti.

5. Sindrome da proliferazione batterica intestinale (SIBO) e permeabilità (Leaky gut)

Gli organismi unicellulari che popolano il nostro corpo, per lo più batteri, superano le nostre cellule di almeno dieci volte, e la maggior parte di loro si insedia nel nostro intestino. Quando vi sono degli squilibri nella flora batterica intestinale, dovuti all’uso di antibiotici o a una dieta ricca di zuccheri, possiamo perdere la nostra capacità di digerire e assorbire correttamente le sostanze nutritive, in particolare la vitamina B12. Il glutine può causare sindrome da proliferazione batterica e permeabilità intestinale. Si tratta di un circolo vizioso. In caso di fibromialgia è necessario prima di tutto ripristinare le funzionalità intestinali. Per approfondire vedi Sintomi e Rimedi della Permeabilità Intestinale.

6. Le micotossine

Le micotossine sono sostanze molto tossiche prodotte da lieviti e funghi. Può essere utile eseguire un test di rilevazione rapida di micotossine. Il test TLC è quello standard. Le presenza di micotossine negli alimenti è limitata dalla legge, ma alcune di esse sfuggono ancora ai controlli ed infatti sono state trovate nella pasta, pane, caffè e frutta secca.

7. Tossicità del mercurio

Uno dei principali ingredienti dell’amalgama dentario è il mercurio. Se avete delle otturazioni in amalgama, recatevi presso un dentista che riconosca la loro nocività, e soprattutto che sia in grado di rimuoverle in modo sicuro. Il mercurio è tossico per i nostri corpi e può essere una delle cause che favoriscono l’insorgere della fibromialgia. Può essere utile eseguire un test dei metalli pesanti tramite la ricerca dei metalli nelle urine. Per approfondire vedi Come far uscire il Mercurio dal corpo in 8 settimane.

8. Stanchezza surrenale

L’affaticamento surrenale è il risultato dello stress cronico. Il dolore cronico è uno stress per le ghiandole surrenali, anche se in genere non è il fattore primario. Il fattore di stress iniziale è dovuto solitamente alle seguenti cause: Intolleranze alimentari, candida,  elevata tossicità del mercurio, carenze vitaminiche o micotossine. Le erbe adattogene aiutano a proteggere le ghiandole surrenali mentre cerchiamo la causa principale dello stress.

9. Mutazione del gene (MTHFR)

Il gene legato alla fibromialgia è il MTHFR. La sua alterazione può causare problemi di varia natura, tra cui insufficiente eliminazione delle tossine, del piombo e del mercurio. Se si presentano mutazioni di questo gene, il fabbisogno di vitamina B6, B12 e acido folico sarà più alto, al fine di favorire la disintossicazione. Il test genetico può essere effettuato in ogni laboratorio convenzionale.

10. Mancanza di Glutatione

Il Glutatione (L-Glutatione), è il più potente antiossidante prodotto dall’organismo, è presente in tutte le cellule degli esseri viventi ed è anche la molecola più importante che ci autoproduciamo a meno che il nostro carico tossinico sia troppo alto, o vi sia carenza di GSTM1 e GSTP1, gli enzimi necessari per riciclare e produrre il glutatione. L’assunzione di glutatione o precursori (NAC, acido alfa lipoico e cardo mariano) potrà esserci d’aiuto per ripristinare le corrette funzioni dell’organismo. Ci sono testimonianze di guarigione dalla fibromialgia grazie ad una cura intensa a base di glutatione. Sembra infatti che il glutatione sia fondamentale perché i muscoli dei fibromialgici non “respirano” e sono intossicati dagli scarti cellulari.
glutatione extra forte banner

11. Infezione da virus Epstein- Barr e Herpes

Diverse ricerche hanno dimostrato la connesione del virus Epstein-Barr (EBV) con la fibromialgia.

Uno studio del 2015 così dice nell’abstract:

“È stata proposta la connessione della fibromialgia con diverse infezioni virali. Il virus Epstein Barr (EBV) è stato considerato una possibile causa della fibromialgia a causa della somiglianza dei sintomi, ma finora la connessione non è stata dimostrata. L’obiettivo di questo studio era di determinare la prevalenza di anticorpi (Abs) IgM e IgG contro EBV, e rispettivamente la presenza di un’infezione virale in un gruppo di pazienti con fibromialgia. Abbiamo anche analizzato l’associazione tra il titolo degli anticorpi antivirali, alcuni neurotrasmettitori (serotonina, noradrenalina e adrenalina) e diversi sintomi clinici. I risultati ottenuti hanno rivelato che elevate concentrazioni di IgG di EBV nel siero di pazienti con fibromialgia erano correlate all’intensità del dolore e ai sintomi clinici associati. Ciò è coerente con il fatto che la fibromialgia è connessa alla risposta immunitaria a determinati agenti infettivi (ad esempio EBV, CMV).”

Uno studio clinico del 2017 dimostra che l’uso di farmaci antivirali contro l’herpes migliora la fibromialgia. Così affermano i ricercatori:

“Infezioni e altri fattori di stress sono stati implicati nello sviluppo della fibromialgia. Abbiamo ipotizzato che questi fattori di stress potrebbero provocare riattivazioni ricorrenti di infezioni da virus dell’herpes latente, che potrebbero portare allo sviluppo della fibromialgia. Questo studio ha valutato una combinazione di famciclovir + celecoxib (IMC-1), attiva contro la sospetta riattivazione e infezione da virus dell’herpes, per il trattamento della fibromialgia. È stata osservata una riduzione significativa del dolore correlato alla fibromialgia per i pazienti in trattamento con IMC-1 rispetto al placebo. I tassi di risposta PGIC sono stati significativamente migliorati con il trattamento IMC-1. Complessivamente, il funzionamento auto-riferito del paziente, misurato dalla FIQ-R, è stato significativamente migliorato. Anche la fatica è stata notevolmente migliorata, come misurato dall’inventario della fatica PROMIS. Il profilo di sicurezza è stato incoraggiante. Nonostante il componente celecoxib dell’IMC-1, eventi avversi emergenti nel trattamento del sistema gastrointestinale e nervoso sono stati riportati meno frequentemente nel gruppo IMC-1 e le percentuali di completamento dello studio hanno favorito il trattamento con IMC-1. L’IMC-1 è stato efficace e sicuro nel trattamento dei sintomi della fibromialgia, supportando l’ipotesi che le infezioni da herpes virus possano contribuire a questa sindrome.”

Come possiamo vedere dalla lista scritta sopra, molti di questi fattori sono correlati, e spesso la fibromialgia non è provocata da una singola causa, arrivare alla radice del problema può essere complesso, vi consiglio di trovare un medico esperto di medicina funzionale nella vostra zona per scoprire la causa principale della vostra fibromialgia. Non è necessario soffrire inutilmente o sopprimere i sintomi con i farmaci antidolorifici e antidepressivi. Guarire in modo naturale è possibile e sempre più persone lo stanno facendo.

Leggi anche

I 6 migliori Integratori per la Fibromialgia. Modo d’uso e Testimonianze

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni