10 sintomi che indicano la presenza di parassiti intestinali

12 Commenti

parassiti intestinali sintomi

Crediamo che i parassiti si contraggano solo nei paesi sottosviluppati. Questo è un ragionamento errato, ma purtroppo questo mito continua a diffondersi. I parassiti sono molto comuni nei paesi sviluppati ed anche da noi si stima che circa il 50% delle persone abbiano problemi derivati dai parassiti.

Secondo l’Università del Maryland i parassiti possono vivere all’interno dell’intestino per anni senza causare alcun sintomo.

Questi piccoli esserini chiamati anche vermi sono spesso la causa di diverse patologie, che vanno da semplici eruzioni cutanee fino al diabete e al tumore.

Se si esaminano i sintomi da parassiti intestinale si scopre infatti che sono molto diffusi, come ad esempio: Stanchezza, svegliarsi spesso durante la notte, irritazioni cutanee inspiegabili, gonfiore e fame tutto il tempo (anche a stomaco pieno).

La buona notizia è che i parassiti possono essere puliti in maniera facile e sicura. Inoltre, la pulizia dei parassiti è una cosa normale in molti altri paesi dove questi ultimi sono semplicemente inevitabili e parte della vita. A meno che non si abbia una dieta incredibilmente sana e un sistema immunitario in gran forma, si verificheranno disturbi causati dalla presenza dei parassiti.

Ecco i 10 sintomi che indicano la presenza di parassiti:

1. Ti senti spesso stanco, affaticato o esaurito.

2. Sei affamato anche dopo i pasti.

3. “Diarrea del viaggiatore” una forma di diarrea che può insorgere durante o subito dopo un viaggio in un paese con condizioni igienico-sanitarie insufficienti.

4. Si verificano frequenti intossicazioni alimentari, soffri di cattiva digestione e stomaco gonfio dopo mangiato.

5. Fai fatica ad addormentarti e ti svegli spesso durante la notte.

6. Ti è stata diagnosticata un anemia sideropenica.

7. Soffri di dermatiti, irritazioni della pelle, eruzioni cutanee inspiegabili, orticaria, acne rosacea o eczema.

8. Digrigni i denti durante il sonno.

9. Muscoli e articolazioni doloranti.

10. Costipazione inspiegabile, diarrea, gas o altri sintomi da sindrome dell’intestino irritabile.

Da dove arrivano i parassiti?

  • I parassiti possono essere ingeriti attraverso carne e pesce poco cotti oppure andati a male;
  • I parassiti sono presenti anche in alcuni cibi come frutta e verdura. Sì! Microscopici parassiti che vivono nelle piante. Quindi assicurati di lavare bene questi alimenti prima di consumarli.
  • Possono arrivare anche dalla vicinanza, toccando gli altri veniamo a contatto con fluidi corporei.
  • I parassiti possono essere contratti dagli animali domestici con cui vivi o quelli che hai intorno. Quante volte il tuo animale domestico lecca il tuo volto? Sicuramente accade spesso. Non ti preoccupare, basta pulirsi!

I parassiti sono inevitabili, ma se il nostro intestino è forte grazie al sistema immunitario che risiede in esso e alla flora batterica allora non avranno modo di attecchire.

“Il novanta per cento degli esseri umani avrà almeno una volta problemi di parassiti.”

–  Dr. Oz

I parassiti intestinali, pur potendo vivere in diverse zone del corpo, si attaccano principalmente alle pareti intestinali, ma in alcuni casi possono anche arrivare nel cervello come spiegato in Mangiare questo comune cibo può diffondere un verme nel cervello.

I medici non conosco il problema dei parassiti

Il Dott. Urbano Baldari che da anni analizza i rischi e le malattie correlate alla presenza di questi parassiti nel corpo delle persone, afferma:

Ho l’impressione che per molti medici questo problema semplicemente NON ESISTA e quindi non viene preso in considerazione. Nella mia pratica diagnostica quotidiana, li trovo spesso presenti, nel contesto di patologie anche molto importanti, anche gravi e complesse.
I vermi sono sempre più frequenti e si accompagnano spesso a disturbi molto severi. Chi sostiene in modo quasi assoluto che i vermi siano tra le principali fonti d’inquinamento del corpo, sia dal punto di vista chimico, che da quello informazionale, è la dottoressa H.R. Clark. È molto probabile che uova, larve, cisticerchi e vermi adulti, essendo molto grandi, rispetto agli altri microrganismi, possiedano proporzionalmente un vasto ventaglio di antigeni in grado di attivare e modificare il sistema immunitario e il flusso di informazioni all’interno del corpo; inoltre, sembra che i parassiti, morendo, liberino nell’ambiente virus e batteri che essi portano dentro di sé.

Rimedi naturali per eliminare i parassiti

La pulizia dei parassiti è diffusa presso molti popoli che la praticano con una certa regolarità. Può essere fatta in modo efficace utilizzando semplicemente erbe e seguendo una dieta sana per una decina di giorni. Potresti allarmarti nel vedere ciò che verrà fuori. Saranno morti naturalmente, ma la loro dimensione e l’aspetto potrà variare in modo impressionante.

Le erbe più potenti per un programma anti-parassitario sono:

È possibile comprare i kit di pulizia parassitaria contenenti le giuste miscele di queste erbe nei negozi di alimenti naturali. C’è anche la possibilità di acquistare le erbe singolarmente e assumerle secondo i corretti dosaggi.

Il Potete Protocollo Antiparassitario della Dr. Hulda Clark

Inoltre esiste il protocollo Clark, un programma antiparassitario completo che dura 18 giorni a base di erbe: Mallo di noce nera, assenzio e chiodi di garofano. In un capitolo del suo libro la Dr. Hulda Clark spiega l’utilità di queste erbe.

  • Tintura forte di Mallo di noce nera (Juglans nigra ): Utilizzato dagli indiani d’America come antiparassitario e anti-batterico ha anche forti proprietà anti-virali e anti-fungine. La tintura estratta dagli scafi verdi della noce uccide gli stadi adulti e in accrescimento di almeno 100 parassiti.
  • ASSENZIO (dall’arbusto di Artemisia – artemisia absinthum ): Potente vermicida in grado di facilitare la digestione, inoltre favorisce la secrezione biliare. Le capsule di assenzio uccidono gli stadi larvali dei parassiti.
  • Chiodi di garofano ( boccioli fiorali essiccati dell’Eugenia caryophyllata ): E’ un anti-parassitario con proprietà anti-fungine, antivirali e anti-infiammatorie. Utile anche per alleviare  il dolore in caso di mal di denti. Le capsule di chiodi di garofano uccidono le uova dei parassiti.

Tabella Protocollo Antiparassitario

protocollo parassiti clark

Consigli finali in cucina

  • L’aglio è un potente antiparassitario ed è per questo che si usa nella cottura della carne. Inoltre l’aglio crudo è in grado di rimuovere una grande quantità di parassiti, per approfondire vedi Come ATTIVARE l’aglio per assorbirne le proprietà medicinali.
  • Il curry, miscela di spezie (tra cui curcuma) con azione antisettica, antiossidante e antiparassitaria, è la base dell’alimentazione indiana dove il rischio parassiti è elevato a causa del poco igiene: non so se vi è mai capitato, ma la digestione di cibi preparati “all’indiana” è spesso molto buona, lasciando una sensazione di benessere.
Fitodis 10
Disintossicazione da parassiti
Terra Diatomacea di Grado Alimentare
Proprietà di pulizia delle pareti intestinali,
riesce ad eliminare eventuali parassiti che sono presenti nel tratto digestivo

Voto medio su 25 recensioni: Da non perdere

Artemisia - Assenzio Romano - Capsule
Integratore a base di Artemisia absinthium utile per sostenere le funzioni digestive
La cura di tutte le malattie
Le ricerche più recenti dimostrano che tutte le malattie si
possono curare facilmente, una volta che ne è stata scoperta la causa…

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

12 Commenti su questo post

  1. Salve mia nonna era 1901 quando stavano questi problemi(cosiddetti vermi lei curava molte persone ,ma più bambini mettendo spicchi di aglio ,vicino all’ano e sull ombelico)ciao
    (Funzionava veramente)

  2. franca says:

    Mia nonna aveva il verme solitario, parlo di circa 60 anni fa ed era molto magra, quando è fuoriuscito è stata bene-

  3. Yomesan , Vermox , Invermectina , Humatin , per i più frequenti ; individuabili tramite la kinesiologia

  4. Giulia says:

    le dosi scritte sono per adulti e bambini o peri bambini il dosaggio è differente???

  5. Francesca Giraudi says:

    Sto facendo la terapia anti parassitaria da 5 gg….oggi sono al sesto giorno di cura..nn mi è chiaro la dose di T Mallo di Noce Nera per il settimo giorno (una volta a settimana ma che dose? 2 cucchiaini o 1 goccia? ) Idem per il giorno 12 x i Chiodi di garofano……Attendo gentili risposte..Grazie!

    • dioni says:

      Praticamente devi smettere di assumere la T. mallo noce nera al giorno 7 e riprendere al giorno 13, analogamente con i chiodi di garofano smetti al giorno 12 e riprendi il giorno 19 ( se vuoi fare il mantenimento è una volta la settimana, per tutti e tre i prodotti)

      • Francesca Giraudi says:

        O.k grazie! Ho fatto bene a scrivere….il giorno 7 avrei ripreso due cucchiaini di mallo…..grazie Mantenimento a che dosi e x quanto tempo? Dopo il 18 giorno????

        • dioni says:

          Le dosi di mantenimento sono quelle a cui eri arrivata prima di smettere

          • Francesca Giraudi says:

            Ciao, grazie, questo sì l’avevo capito ma per quanto tempo si protrae il mantenimento? Quanti mesi?

            • dioni says:

              Ciao Francesca, il mantenimento è idealmente a vita.
              Ovviamente ognuno è libero di interromperlo e riprenderlo quando vuole a seconda dello stato di salute ed energia che sente, e quindi a seconda della sua alimentazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline