Fegato. 16 sintomi che indicano che è sovraccarico di tossine. Come disintossicarlo in modo naturale

8 Commenti

fegato grasso tossine

Ogni tanto dovremmo ringraziare il nostro fegato! Quest’organo vitale è fondamentale per espellere le tossine ed eliminarle dal nostro corpo, oltre a svolgere centinaia di altre funzioni. La principale funzione del fegato è quella di convertire le tossine in rifiuti innocui che vengono espulsi dal corpo in modo sicuro attraverso feci e urine.

Probabilmente non lo sai ma il fegato compie più di 400 funzioni! Tramite la cistifellea si occupa della digestione dei grassi, è il responsabile della riserva di vitamine e minerali essenziali come il ferro e le sostanze nutritive assorbite nell’intestino e non per ultimo si occupa dello smantellamento delle molecole di alcool o altre sostanze… Solo queste “poche” funzioni epatiche posso facilmente farti intuire quanto il fegato sia importante per la salute, per questo motivo non dovremmo sovraccaricarlo di lavoro per non correre il rischio di renderlo lento e intossicato.

Come vengono trattate le sostanze tossiche dal fegato

Il fegato compie il lavoro di disintossicazione in due fasi, nella prima vengono utilizzati vari enzimi per trasformare le tossine liposolubili in sostanze più gestibili per l’organismo. Nella seconda fase, con l’intervento di altre molecole, viene aumentata la solubilità in acqua delle tossine per facilitarne l’eliminazione.

Dobbiamo sforzarci per mantenere un fegato sano

Anche se conduciamo una vita sana, seguiamo una corretta alimentazione, pratichiamo esercizio fisico e usiamo solo prodotti naturali… Siamo ugualmente sottoposti ad un vero e proprio “bombardamento” di tossine da parte dell’ambiente in cui viviamo.

16 sintomi che il tuo fegato è sovraccarico di tossine

Quando l’attività epatica risulta rallentata, le tossine possono invadere l’intero organismo, essendo liposolubili verrano immagazzinate nelle cellule adipose. Questo dovrebbe essere un buon motivo per fare esercizio e mantenere una dieta sana.

Ci sono molti sintomi che indicano uno stress epatico, impara a riconoscere questi campanelli d’allarme!

Se ti riconosci in alcuni di questi sintomi, continua a leggere per avere alcuni consigli su come migliorare la funzione epatica e di conseguenza migliorare la qualità della tua vita.

  • Stanchezza cronica
  • Emozioni negative
  • Pensieri annebbiati, letargia
  • Mal di testa (localizzato dietro gli occhi)
  • Dolori articolari/muscolari cronici
  • Eccessiva sudorazione
  • Problemi di digestione dei grassi
  • Rimozione della cistifellea
  • Allergie
  • Acne/problemi della pelle
  • Gonfiore/dolore addominale, gas, stipsi o diarrea
  • Squilibri ormonali
  • Ansia e depressione
  • Sensibilità agli agenti chimici
  • Aumento anomalo di peso

Alimentazione per fegato pigro

La salute inizia a tavola, non possiamo pretendere che la nostra salute migliori utilizzando integratori e farmaci. Dobbiamo curare il nostro corpo attraverso l’alimentazione e le buone abitudini. La chiave della nostra salute sta nel giusto equilibrio e bilanciamento dell’alimentazione, senza diete frustranti e proibitive. Riduci o elimina l’uso di prodotti alimentari trasformati o fintamente dietetici/salutisti introducendo delle alternative realmente sane… Se ad esempio ti viene voglia di un brownie, prova a mangiarne uno di foglie di fagioli neri con zucchero di cocco anziché zucchero “tradizionale” raffinato e bianco. Prepara i tuoi piatti da zero con ingredienti di qualità invece che andare al ristorante.

Mangiare sano non è complicato, eccoti alcuni semplici consigli:

Loading...
  • Compra alimenti biologici. Contengono meno pesticidi e inquinanti e quindi favoriscono la depurazione del fegato senza aggiungergli altro carico.
  • Una dieta equilibrata dovrebbe comprendere cibi integrali, proteine vegetali di alta qualità, grassi naturali, grani antichi germogliati, alimenti fermentati, frutta secca e semi.
  • Bevi molta acqua. Se consideri il tuo peso (espresso in libbre) e lo dividi per due, otterrai la quantità di acqua (espressa in once) che dovresti bere quotidianamente. (esempio 80 kg sono 176 libbre, che divise per due sono 88 once che corrispondono a 2,5 litri di acqua al giorno)
  • Consuma almeno 35 grammi al giorno di fibra proveniente da semi di chia, carciofi, semi di lino, avocado, cavoletti di bruxelles, broccoli.
  • Elimina tutti gli zuccheri: sia raffinati, di canna o barbabietola, fruttosio e, naturalmente, lo zucchero bianco.
  • Incrementa il consumo di ortaggi a foglia verde ricchi di magnesio, acido folico, vitamina A e B.
  • Consuma alimenti che contengono zolfo: broccoli, cavoli di Bruxelles, aglio, cipolle, asparagi e cavoli.
  • Limita o elimina l’uso di alcool.

I tre “super-cibi” per il fegato

CARCIOFI. Questo ortaggio fa parte della famiglia dei cardi. Se vuoi vedere qualcosa di bello, cerca una foto del fiore del carciofo… A differenza del cardo mariano, possiamo includere il carciofo nella nostra dieta, proteggendo e sostenendo le funzionalità epatiche. Il carciofo ha un alto contenuto di fibre e contiene innumerevoli antiossidanti, anche cotto il suo apporto è maggiore di quello di aglio, broccoli e asparagi. Li consiglio al vapore con un po’ di burro di soia, olio di cocco, aglio crudo e sale dell’Himalaya per uno sfizioso pasto benefico per il fegato.

CURCUMA. È una pianta famosa per essere un potente antinfiammatorio. La curcumina assiste gli enzimi, aiuta il fegato a mantenersi sano ed è anche anti-cancerogena. È ricca di proprietà antiossidanti. Utilizzala sempre con una fonte di grassi e del pepe nero per migliorarne l’assorbimento.

CARDO MARIANO. Sicuramente il miglior rappresentante delle erbe benefiche per il fegato. Una sostanza presente nel cardo, il siymarin, presenta proprietà anti-fibrotiche, antivirali, antiossidanti e antinfiammatorie (ed ecco spiegata la sua fama). Il cardo protegge il fegato dai danni che potrebbero essere causati da virus, tossine, alcool e farmaci (come il paracetamolo).

Il tuo fegato fa molto per la tua salute, questi sono solo alcuni suggerimenti su come sostenerlo. Ricorda di ascoltare i messaggi del tuo corpo e di prendere le giuste misure per prevenire gravi danni e patologie.

Consiglierei una depurazione del fegato ad ogni cambio di stagione, dal momento che la stimolazione delle pareti del colon è molto utile per il fegato e per gli altri apparati di detossicazione. Si possono usare oltre agli integratori per il fegato, anche il lavaggio epatico, gli estratti di erba di grano e il digiuno. Capita spesso durante una depurazione di vedere dei sassolini uscire con le fece, quelli sono i calcoli che appesantivano il fegato e la cistifellea!


Leggi anche

Lavaggio Epatico. La procedura completa Clark-Moritz per far uscire i calcoli biliari

Tisana di Zenzero. Pulisce il fegato, dissolve i calcoli renali e combatte le cellule tumorali

10 SUPER ERBE PER RIPULIRE IL FEGATO

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
Loading...

8 Commenti su questo post

  1. Riccardo Ferrero Leone says:

    Complimenti Riccardo!
    Ottima la segnalazione della Curcumina, principio attivo naturale estremamente prezioso anche per il fegato pigro;
    non dimentichiamoci di disintossicarlo almeno due volte l’anno, all’inizio della primavera e prima dell’inverno!

  2. Ele Nora Ele Nora says:

    Francamente…chiunque accusa almeno uno di questi sintomi…tutti con fegato a rischio??

  3. Sto prendendo zolfo oligoelemento integratore e la mia pelle è migliorata…
    ..Se i primi due organi escretori sono fegato e reni, se indeboliti si fanno aiutare da pelle e polmoni…
    ho eczema atopico e migliora integrando zolfo ed altri minerali e vitamine (oltre ad alimentazione e yoga)

  4. Tutti i prodotti linfa-pianta sono prodotti terapeutici ma, solo a scopo preventivo o quando la patologia è ancora all’inizio ma giammai quando comincia ad essere in uno stato più o meno avanzato, perché il tutto dipende da infiammazione di tutto l’apparato digerente , sempre più infiammato e quindi, non in grado di assorbire-metabolizzare dai prdotti Linfatici-piante,coadiuvati da alimenti cotti e da alimenti-bevande,con sempre minoriproprietà terapeutiche, per terreni sempre più sterili e dai trattamenti chimici subiti dalle piante-alimenti che bloccano-annullano nell’organismo, Minerali-oligoelementi-aminoacidi-vitamine-ormoni e quindi , peggioramento a vista d’occhio. E, quindi, per sopperire a quanto detto sopra, ed anche come prevenzione, si devono utilizzare prodotti a livello di ioni , cioé già metabolizzati che, l’organismo, anche con apparato digerente disastrato, accetta in toto al 100% e quindi, super efficace Terapeuticamente, e quindi miglior salute ! . Il tutto lo si trova, anche a costo zero, in tutti i prodotti marini PESCATI !, COME , L’OSSO SEPPIA, GUSCI DI CROSTACEI-MOLLUSCHI fino ai Gusci di Telline-Lumache-Marine, Perle di ostriche, Coralli Marini e Plankton unicellulare marino !! e, anche da prodotti di animali selvatici o di allevamento in vaste praterie, tipo quelle argentine ! . In Sintesi, riflettete-riflettete-riflettete !!

    • stefano says:

      sei proprio amante della natura soprattutto animali esseri viventi complimenti.

    • stefano says:

      a dimenticavo mercurio mercurio mercurio altro che riflettete

  5. Carlo says:

    Scusa ma quando di dice di eliminare ogni tipo di zucchero e si elenca anche il fruttosio si sta consigliando di ridurre anche la frutta? Quindi i frullati di frutta “dolce” e la frutta da tavola comune sarebbe sconsigliata?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close