2014: BENZINA CREATA DALLA CO2 NELL'ARIA E DELL'ACQUA?

Nessun Commento

benzina acqua

L’Air Fuel Synthesis di Stockton-on-Tees, da agosto, ha prodotto in una raffineria pilota cinque litri di carburante a partire dall’anidride carbonica.
E conta di potersi espandere su larga scala nei prossimi due anni, fino a produrne una tonnellata al giorno.
Una svolta per la crisi energetica, che potrebbe ridurre anche il riscaldamento globale

CATTURARE anidride carbonica dall’aria che respiriamo quotidianamente e trasformarla in carburante, eliminando al tempo stesso uno dei principali gas serra nell’atmosfera, prodotto dalla combustione dei combustibili fossili.

Il colpaccio, che potrebbe risolvere la crisi energetica e aiutare a ridurre il riscaldamento globale, è riuscito ad una piccola azienda britannica.
In una piccola raffineria pilota, la Air Fuel Synthesis di Stockton-on-Tees da agosto ha effettivamente prodotto cinque litri di benzina usando anidride carbonica e vapor d’acqua, dimostrandone la fattibilità. 
E nei prossimi due anni è convinta di potersi espandere su scala commerciale, arrivando a produrne una tonnellata al giorno

Alcune FOTO

L‘Independent, in un servizio esclusivo, cui il giornale e il sito dedicano l’apertura, parla di “pietra miliare” sulla via della corsa all’energia pulita, “sacro graal della green economy”.
La svolta è stata annunciata dal ceo dell’azienda Peter Harrison durante una conferenza a Londra.

Abbiamo preso anidride carbonica dall’aria e idrogeno dall’acqua e li abbiamo trasformati in carburante”, ha raccontato Harrison davanti all’Institution of mechanical engineers di Londra. Benzina che può essere immagazzinata, trasportata e usata anche nei motori attualmente in uso, pur non contenendo gli additivi che si trovano nei carburanti tradizionali. La nuova benzina “pulita” può essere usata, quindi, senza bisogno di nuove, costose infrastrutture. 

Siamo ancora alle fasi iniziali, ma è tutto vero, assicura al quotidiano britannico Tim Fox, che guida il dipartimento dell’energia e dell’Institution of mechanical engineers londinese. I principi sono noti, spiega, ma la svolta consiste nell’averli messi insieme, “dimostrando che si può fare e funziona”. 
Le potenzialità, secondo l’azienda, sono enormi e potrebbero cambiare per sempre il panorama economico ed ambientale del Paese. In fase iniziale viene usata l’elettricità della rete nazionale, ma in futuro si potranno sfruttare altre fonti rinnovabili di energia, a partire dal vento e dalle maree. Futuro remoto? Non proprio. L’aspettativa è quella di produrre carburante, usando energie rinnovabili, su larga scala già dalla fine del 2014.  

Per ora il sistema per estrarre l’anidride carbonica dall’aria per creare carburante è ancora troppo costoso: si parla di 400 sterline per catturare una tonnellata di CO2. Ma una volta che i costi si saranno abbattuti, come è sempre successo nel tempo per le nuove tecnologie, il miracolo potrebbe essere a portata di mano.

PROCEDURA SECONDO I RICERCATORI DELLA MARINA

Secondo l’articolo di giornale, che è stato scritto da ricercatori della Marina, ecco come 100.000 galloni di JP-5potrebbero essere fatti in un giorno:

Fase 1: Un impianto di trasformazione estrarebbe anidride carbonica dai 2.350 milioni di litri d’acqua – abbastanza per riempire la piscina Olimpionica 2012 per 2.400 volte.
Questa acqua produrrebbe circa 11,9 milioni di litri di valore di anidride carbonica.

Fase 2Un altro processo produrrà idrogeno da acqua di mare. Attraverso l’osmosi inversa, acqua dolce verranno estratti dall’acqua dell’oceano. I due atomi di idrogeno delle molecole d’acqua dolce sarà separata dalla atomo di ossigeno. Gli atomi di idrogeno vengono raccolte mentre gli atomi di ossigeno viene sfiatato via.

Fase 3: L’idrogeno e anidride carbonica dai primi due passi verranno utilizzati in un processo di conversione cataliticaIl risultato finale è acqua, calore, e, soprattutto, idrocarburi sintetici, o combustibile.Teoricamente, il processo potrebbe essere adattato per produrre qualsiasi tipo di combustibile idrocarburo non soloJP-5, secondo il rapporto.

Fonti
http://www.repubblica.it/ambiente/2012/
http://www.navytimes.com/news/2012/10/navy-turn-sea-water-into-jet-fuel-101312w

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline