L'acqua può guarire tutte le malattie? Le nuove scoperte sull'acqua

14 Commenti
Foto di un'acqua energizzata cristallizzata

Foto di un’acqua energizzata cristallizzata

 

La lettura di questo articolo farà comprendere a tutti l’importanza dell’acqua, del suo potere e delle sue capacità fino ad oggi sconosciute, ma con esperimenti semplici e ricerche scientifiche è venuta alla luce. Non ci resta che iniziare ad usare l’acqua consapevoli delle sue incredibili capacità.

Viviana Damino e Dr. Mariano Bozzaotre

L’acqua è sempre stata una riserva preziosa ed indispensabile per la vita dell’uomo e di ogni esser vivente; copre i due terzi del pianeta Terra, e allo stesso modo costituisce anche i due terzi di un esser umano adulto, che passa dal 99% di acqua posseduta come embrione al 50% di acqua come anziano. L’acqua è il secondo elemento indispensabile per la vita dopo l’aria che respiriamo, il cibo principe che non va mai trascurato per il benessere psicofisico dell’organismo.

LE FUNZIONI DELL’ACQUA NELL’ORGANISMO

L’acqua è il mezzo attraverso il quale si svolgono tutte le reazioni metaboliche. Interviene nei processi digestivi, nella regolazione della pressione osmotica, nel trasporto delle sostanze nutritive, nel mantenimento della temperatura corporea e riveste un ruolo importante per l’efficacia del sistema immunitario, in quanto la mancanza di acqua fa diminuire in modo esponenziale la capacità di combattere i vari virus, batteri, germi etc. Funge, inoltre, da protezione per il cervello (esso stesso è composto dall’85% di acqua) e il midollo spinale agendo da cuscinetto.

ASPETTARE DI AVERE LA BOCCA SECCA E’ TARDI

Il bisogno idrico dipende dal peso corporeo, dall’attività fisica che si svolge e dalle condizioni climatiche in cui si vive. In linea di massima necessitiamo comunque di almeno due litri e mezzo di acqua al giorno. Un rischio da evitare è quello di bere solo quando si avverte il bisogno perché potrebbe esser già tardi. I sintomi della disidratazione sono subdoli e non di facile interpretazione, infatti la dispepsia, i dolori reumatici,  mal di schiena, dolori da angina, mal di testa, dolore alle gambe quando si cammina e colite possono rientrare tra questi.

L’ACQUA E’ MOLTO PIU’ DI QUELLO CHE SI PENSAVA

Contrariamente al cibo e in generale alla maggior parte delle sostanze organiche conosciute, l’acqua è sempre stata considerata dalla comunità scientifica un componente inerme con proprietà chimico-fisiche. Che l’H2O potesse esser qualcosa in più e che quindi avesse virtù particolari è un pensiero che ha origini remote e validità attuale. Il Dr. Bernard Grad, dell’Università McGill di Montreal, negli anni 60’ decise di scoprire se i guaritori psichici ottenevano effetti energetici reali sui pazienti, al di là di quello che poteva esser dovuto alla fede ed al “carisma”.

L’ESPERIMENTO INCREDIBILE DEL DOTT. GRAD

Prese due contenitori dove piantò semi d’orzo in acqua salata (ritardante di crescita), il contenitore n°1 fu trattato con l’imposizione delle mani del guaritore, il n°2 non fu trattato. Seguendo le fasi di crescita dei semi il Dr. Grad notò che i semi immersi nell’acqua trattata dal guaritore germogliavano prima degli altri. Non solo: quando i germogli di entrambi i contenitori vennero piantati in terra, le piante trattate crebbero in modo significativo in altezza, peso e contenuto di clorofilla rispetto alle altre. L’esperimento fu ripetuto molte volte con i medesimi risultati positivi. Il Dott. Grad proseguì i suoi studi facendo tenere tra le mani dell’acqua a pazienti psichiatrici; quella stessa acqua fu poi utilizzata per trattare i semi d’orzo. Fu interessante constatare che l’acqua energizzata da pazienti depressi in modo grave aveva l’effetto contrario di quello con acqua trattata dal guaritore, in quanto abbassava il tasso di crescita delle sementi.

emoto

Le foto dei cristalli dell’acqua sottoposti a diverse parole. Credits Masaru Emoto

 

L’ACQUA HA LA CAPACITA’ DI CARICARSI DELLE VIBRAZIONI EMESSE

Questo significava che l’acqua aveva la capacità di “caricarsi” delle vibrazioni emesse da ciò con cui veniva a contatto, immagazzinava informazioni. A sostegno della nostra mente razionale abituata a “vedere” per “credere”, ci è venuto in aiuto un ingegnoso pseudo scienziato giapponese. Masaru Emoto dopo aver messo a punto una particolare tecnica di refrigerazione, cominciò a esaminare e fotografare diversi tipi di acqua, come l’acqua dell’acquedotto di diverse città del mondo, quelle provenienti da sorgenti, laghi, paludi, ghiacciai. I risultati dei suoi esperimenti dimostrarono che l’acqua ha una memoria, che è influenzata da inquinamento, musica, parole, scritte ed intenzioni. I cristalli dell’acqua assumono una forma armonicamente simmetrica o, al contrario, caotica e disordinata a seconda dell’energia a cui sono esposti, sia essa sotto forma di suono (voce,musica), parole scritte (etichetta applicata al contenitore) o di pensiero.

LE MALATTIE INCURABILI SARANNO TRATTATE CON L’ACQUA INFORMATIZZATA

L’acqua trattata con parole “positive” forma dei cristalli bellissimi, simili a quelli della neve; l’acqua trattata con parole “negative” invece, reagisce, creando forme amorfe e prive di armonia geometrica. Considerando che l’organismo umano è composto per la maggior parte di acqua, possiamo renderci conto di come ciò che si pensa e si dice possa avere un effetto tutt’altro che esclusivamente psicologico! A dare una chiave scientifica agli esperimenti di Emoto è stata una ricerca condotta da un team italo-francese, guidata dal premio Nobel per la medicina e pubblicata su una delle riviste di fisica più prestigiose, il Journal of Physic. E’ stato, infatti, Luc Montagnier a scoprire che alcune sequenze di Dna possono indurre segnali elettromagnetici di bassa frequenza in soluzioni acquose altamente diluite, le quali mantengono poi “memoria” delle caratteristiche del Dna stesso. Che cosa significa questo? “Innanzitutto – spiega il Nobel – che si potranno sviluppare sistemi diagnostici finora mai progettati, basati sulla proprietà “informativa” dell’acqua biologica presente nel corpo umano: malattie croniche come Alzheimer, Parkinson, Sclerosi multipla, Artrite reumatoide, e le malattie virali, come Hiv-Aids, influenza A ed epatite C, “informano” l’ acqua del nostro corpo (acqua biologica) della loro presenza, emettendo particolari segnali elettromagnetici che possono essere poi “letti” e decifrati“.

La ricerca di Montagnier e del suo team indica, inoltre, la strada per arrivare ad una migliore comprensione dei meccanismi di funzionamento del paradigma omeopatico (diluizioni fino a non avere molecole del prodotto nell’acqua utilizzata). In conclusione..

Una nuova verità scientifica generalmente non è presentata in modo da convincere i suoi oppositori. Tuttavia, essi muoiono e una nuova generazione si familiarizza con la verità sin dall’inizio.

Max Planck

La Coscienza dell'Acqua
I cristalli d’acqua rivelano l’influenza dei pensieri
sulla realtà fisica –
Dall’autore del best seller del New York Times
“The Hidden Messages in Water”

Voto medio su 18 recensioni: Buono

Vedi anche

[catlist name=acqua]

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

14 Commenti su questo post

  1. La memoria dell’acqua riguarda il mare , essa accumula calore dal sole e lo rilascia in parte la notte, e stagionalmente l’inverno. Poi aggiungo che è lenitiva per i dolori da gastrite e ulcera dello stomaco.

  2. Buon articolo, ma manca di dire che le sperimentazioni più efficaci sono state fatte dalla dott.ssa Ciccolo sulle Acque di luce.

  3. Si certo ! Così abbiamo dimostrato che l’omeopatia funziona !

  4. Si anche l’acqua informata funziona.

  5. Mirko says:

    Mettiamola così, potrei crederci. Dove sono le prove scientifiche ? Avete articoli e studi peer review che lo dimostrano ? Mettiamola così, la penso come voi. Ma la memoria dell’acqua non é mai stata dimostrata. Anzi si, dura un milionesimo di miliardi di secondo. Quando e dove saranno effettuati questi studi ?

  6. Ivan Dus says:

    Per giustizia di informazione questa foto è una cristallizzazione di acqua ionizzata energizzata prodotta con ionizzatore Chanson Max PHI Water

  7. Tiziano says:

    grazie allo Ionizzatore della Alkamedical , i miei problemi di stitichezza, pressione sanguigna, bruciore di stomaco… si sono risolti in poco tempo.. senza assumere farmaci!! consiglio a tutti i lettori di provare…
    H2o System. di San Marino

  8. giusseppe says:

    ops.. avete scoperto l’acqua santa?

  9. stella grazioli says:

    Perché in un articolo in favore di certe teorie si definisce Masaru Emoto “pseudo scienziato”? Non mi sembra coerente con ciò che si vorrebbe promuovere…..

    • Francesca says:

      Perchè l’acqua percepisce le intenzioni di chi realiza l’esperimento e quindi se l’intenzione di farlo fallire esso fallirà, dunque la ripetibilità dell’esperimento che richiede la “scienza” è impossibile. Presumo che la ragione sia questa. Che non toglie una virgola al valore di degki studi di Emoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline