Allatta la figlia di 6 anni e decide di non vaccinarla

18 Commenti

11024700_10153302125769798_3724382372895877127_n(2)

Sono tante le mamme che allattano i propri piccoli dalla nascita, ma moltissime di loro smettono drasticamente al compimento del 6° mese e ancora di più dopo l’anno. Ma se stai allattando il tuo piccolo o piccola all’età di 3 anni e oltre, non sei sola!

11149349_10153191956684798_7092251310259437719_nHa suscitato molto scalpore la storia di Maha Al Musa, 52 anni, residente nel Nuovo Galles del Sud, in Australia. La donna fa parlare tanto di sé perché ha deciso di continuare ad allattare sua figlia Aminah, che ha 6 anni, e ha deciso di non vaccinarla. Il suo latte è ricco di anticorpi che rafforzano naturalmente il suo sistema immunitario, spiega.

Aminah, del resto, apprezza. “È la mia attività preferita quando non sono a scuola”, dice. E aggiunge: “Anche gli altri bambini dovrebbe poter aver avere questa opportunità perché fa bene”. Per lei, l’appuntamento con il seno della madre è normalmente la sera, prima di andare a letto. Ma Maha promette di poterla nutrire in qualsiasi momento voglia. Perfino nel cortile di scuola.

Maha è madre di tre figli e anche insegnante di danza del ventre pre parto. La sua scelta ha fatto discutere molto ed è stata intervistata da vari quotidiani e programmi televisivi ma a tutti risponde la stessa cosa: “Io allatto la mia piccola di 6 anni. E andrò avanti. È una cosa normale”.

COSA DICONO GLI STUDIOSI

Qualcuno ha addirittura chiamato “perverso” o “pericoloso” allattare oltre i 3 anni, ma “è normale per la nostra specie” spiega Katherine Dettwyler, professoressa di antropologia all’università di Delaware in Newark.

“Non c’entra la perversione, né il sesso, le donne non lo fanno per qualche bisogno malsano” dice “è normale tanto quanto lo è una gravidanza di 9 mesi”.

Katherine, che ha pubblicato vari studi sull’allattamento, ha scoperto che la maggior parte dei bambini nel mondo vengono allattati da 3 a 5 anni ma anche più a lungo.

«La mia ricerca suggerisce che allattare un mammifero per anni, fino all’uscita del suo primo dente permanente, è «naturale», anche per gli umani. Sia nel senso biologico che fisiologico (cioè fa bene). Non c’è alcuna ricerca che dichiara che l’allattamento prolungato crei “una dipendenza che fa male al bambino”. Ci sono alcune prove che i bambini che sono stati allattati per anni siano quelli più indipendenti e con risultati migliori a scuola». E continua: «Io mi sento di dire che i benefici dell’allattamento prolungato — sempre se è una scelta serena di madre e bambino — siano enormi. L’allattamento prolungato aiuta il normale sviluppo del cervello del bambino, aiuta il suo sistema immunitario e rende il piccolo emotivamente più forte: non c’è alcuna controindicazione. Se una madre non vuole allattare, o non vuole farlo più di un certo periodo, che non lo faccia. Ma sia chiaro: allattare fino a 6 o 7 anni sarebbe normale e sano».

La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di allattare  “fino a 2 anni  e oltre”, e l’ Associazione Pediatri Americani  afferma che “i piccoli dovrebbero continuare l’allattamento almeno per un anno o fino a quando è desiderato dalla mamma e dal bambino”

BAMBINI ALLATTATI PIÙ A LUNGO E PIÙ INTELLIGENTI

Uno studio condotto presso la statunitense Durham University (North Carolina) che ha preso in esame 128 specie di mammiferi, esseri umani inclusi, conferma la tesi secondo la quale la maggiore durata dell’allattamento al seno negli esseri umani è dovuta alla necessità di supportare la crescita di un cervello più voluminoso rispetto agli altri mammiferi.

 Stando a questi dati è confermata anche l’ipotesi secondo la quale i bambini allattati al seno più a lungo degli altri sono più intelligenti. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Proceedings of National Academy of Sciences (PNAS).

NON FA BENE SOLO AL CERVELLO

L’allattamento risponde a tutti i bisogni del bambino con un solo gesto: il bisogno di nutrirsi, dissetarsi, di calore e affetto. La paura più grande di chi promuove uno svezzamento veloce è che il bambino rimanga “un mammone” e che non conquisterà mai una sua indipendenza.

In realtà i bambini più timorosi e attaccati alla mamma sono invece quelli  a cui è stato richiesto di essere indipendenti troppo presto. Un bambino allattato vede tutti i suoi bisogni di dipendenza soddisfatti, ed è per questo che la vicinanza e la disponibilità della mamma attraverso l’allattamento è il modo migliore di aiutarlo a crescere. Saprà e avrà fiducia che ci sarà sempre qualcuno per lui, che i suoi bisogni verranno soddisfatti, perché è sempre così che è andata.

Allattamento e Svezzamento
Tutto quanto occorre sapere per nutrire il bambino nel modo più naturale
Allattamento
Guida pratica per iniziare Bene e continuare meglio

Vedi anche
[catlist name=donna]

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

18 Commenti su questo post

  1. Mi piacerebbe chiederle come ha fatto ad avere una figlia a 45 anni… Anzi… Dove ha trovato un ovulo geneticamente decente a quell’età

  2. E minkiate semmu….. 🙂

  3. Alina Suslik says:

    E basta !! Abbiamo già discusso anche nel aldilà

  4. Non direi! sono d accordo

  5. Fa bene anche alla mamma a quanto pare!

  6. Chiara Mente says:

    Brava, la allatti fino ai 18

  7. Elisa Zecchino preparati !

  8. Sì allattala fino ai 20 anni dai e fai si che possano tornare in auge malattie infettive non del tutto debellate!

  9. Dario Sanzi says:

    Il fatto di non vaccinarla va bene ma allattarla fino a 6 anni il latte dove lo piglia?

  10. Lo fanno anche in Africa e perché solo li è normale? Sia per scelta sia per sopravvivenza ogniuno fa come vuole senza il giudizio altrui che non è importante.

  11. Bertolucci, L’ultimo imperatore, l’erede viene anche allattato sino a 6 anni

  12. Bah!io ho allattato i miei bimbi fino a 3 anni il latte poi nn c’è più. ..dove lo prendeva il latte questa mamma?xmque io i miei bimbi li ho vaccinati….la signora nonostante la sua scelta…si sarà presa anche le sue responsabilità …secondo me la signora dopo i 3 anni…è stata un ciuccio umano a mio avviso

    • Mary Orlando says:

      Il latte non sparisce con l’ interruttore. ….per mia esperienza posso dire che diminuisce fino a sparire con il diradarsi delle poppate altrimenti rimane eccome! Ho allattato (e sto allattando tutt’ora l’ ultima che ha quasi 4 anni) 4 figli (alimentazione raw vegan).

  13. Sono d’accordo sul non vaccinare, no sull’allattare all’infinito perché credo crei una dipendenza nociva. Riguardo l’età, Antonella Filomena, come ti permetti? La natura ha molte più risorse e fantasia di noi. In oriente l’età non viene minimamente presa in considerazione. Non come il terrorismo psicologico che fanno certi ginecologi.

  14. Luciano says:

    Grazie dell’interessante notizia Lucia, la maggior parte dei commenti che dissentono, fatta da persone che continuano ad assumere latte e latticini animali hahahaha 🙂 la contraddizione estrema…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline