Alluminio Tossico oltre la norma nei Terreni

2 Commenti

Holmestead farm field

Inizio novembre 2004 : questo è il campo della fattoria di Holmestead, è di soli 10 ettari ma produce un buon raccolto. In questa stagione c’erano semi di soia che si sono staccati, e quando è stata scattata questa foto, il campo era stato spianato. Come da normale routine della fattoria, sono stati fatti dei test sul suolo per determinare se fosse necessario adottare misure correttiva per regolare le condizioni del terreno. Sono stati testati questo campo insieme ad altri 9 nella aree vicine, e ho i risultati del laboratorio a portata di mano #C04275-015 and 016. In basso c’è un campione di come è strutturato il report – si prega di notare che non è uno di quelli che è stato studiato. [1]

 A&L Canada Laboratories soil test report.

Da una telefonata con uno degli agronomi al laboratori (A & L Canada Laboratories East, Inc.) ho imparato che l’analisi del suolo che include il test dell’alluminio fu un’aggiunta relativamente nuova rispetto ai test agricoli standard – solo negli ultimi anni. Egli ha anche sostenuto che il livello di alluminio trovato in questa particolare serie di test fu “non unusuale”. Lo stesso agronomo sembrava incapace di dare una semplice, diretta risposta alla mia domanda di quale fosse il livello naturale occorrente di alluminio nei suoli agricoli, secondo il tradizionale sfondo storico, sebbene una pagina del sito web di questo laboratorio aveva riportato una dichiarazione lungo un’illustrazione con una specifica figura : “ concentrazione di alluminio superiori a 400 ppm è un problema per la crescita di molte piante. Il primo obiettivo per l’alluminio è la base della radice. Pertanto ha un maggiore impatto sulla crescita della radice e sull’efficienza. [1]

In Italia il “Decreto Legislativo 152/2006: Valori limite di conc. nel suolo e nel sottosuolo” afferma che il livello massimo consentito di alluminio nel suolo è di 200 ppm come potete leggere nella pagina di questo laboratorio chimico http://www.gesindsrl.it/it/index.php?option=com_content&view=article&id=53&Itemid=28.

La lettura dell’alluminio che è stata riportata nei nostri 10 test dei suoli locali variava da un range massimo di 1692 ppm ad un minimo di 712 ppm – e la concentrazione più bassa era il campo di Holmestead. La media dei 10 campi era di 1247 ppm. Il nostro interesse verso il livello di alluminio è relativo al fatto che ci sono stati numerosi report di vari composti di alluminio trovati nelle “scie chimiche” costantemente irrorate. Basta cercare su Google “Scie chimiche + alluminio”: Google search – la lista dei risultati è ampia! [1]

Holmestaad.ca ha toccato questo argomento prima – quasi 2 anni fa, dove abbiamo presentato i risultati da Edmont , dove i test di laboratorio (Lab Tests) hanno mostrato livelli di alluminio e bario 20 volte superiori al normale livello di fondo durante le precipitazioni di pioggia e neve e dove la conduttività del suolo era enormemente elevata. In Italia Dioni ha svolto una breve ricerca documentale online scoprendo che ci sono numerosi casi documentati di livelli oltre la norma di alluminio e bario come potete vedere in questi articoli ANALISI: ALLUMINIO E BARIO OLTRE LA NORMA NELL’ACQUA PIOVANA e INTERVISTA AL BIOLOGO GIORGIO PATTERA SULLE SCIE CHIMICHE E POLIMERI CONSIGLIATO.

Agendo come un elettrolita in una batteria di un automobile, le scie chimiche contenenti bario sono quotidianamente spruzzate nell’atmosfera per “condurre” o curvare le onde radio militari o dei radar oltre l’orizzonte, invece di continuare dritto al di là della curvatura della terra nello spazio.

La società World Landscapes di Dave Dickie svolge lavori di giardinaggio per la città di Edmonton (in Canada). “Alcuni contratti ci impongono di utilizzare i servizi di laboratori ambientali per i test del suolo”, dice Dickie. “Recenti analisi del suolo hanno riportato un livello elevato di elettroconduttività pari a 4: l (tossico) e abbiamo avuto alcuni campioni del suolo respinti, naturalmente, non soddisfacevano le specifiche.”
In un’intervista del 23 novembre 2002, Dickie ha spiegato che la sua squadra continua a trovare terreni con carenza di nutrienti cosa che può causare gravi problemi per la vita delle piante – tra cui gli alberi.  L’alluminio succhia nutrienti dal suolo. Quando si misura la conducibilità elettrica in un campione del terreno in Edmonton, il livello limite è 1 mentre la sua squadra ha trovato valori da 4,6 fino a 7. [2]

I funzionari delle città ordinarono maggiori test sulle precipitazioni che rientrano rientrano in un raggio di 40 chilometri da Edmonton. Una seconda serie di test hanno ora confermato gli alti livelli di bario e alluminio nella neve,e Dickie pensa siano cadute attraverso le scie chimiche. Finora, egli dice, non ci sono state altre spiegazioni per gli alti livelli di ogni composto chimico nel suolo della città. [1]

L’alluminio nel terreno è tossico, dannoso e impedisce la crescita delle piante [3] e [4]. Quando il pH del terreno scende, l’alluminio diventa più solubile e la quantità di alluminio in soluzione aumenta del suolo.

In suoli a PH acido l’alluminio diviene tossico, inibendo la normale assimilazione di elementi nutritivi (intasamento delle pareti cellulari) ed impedendo la divisione cellulare (fissazione al DNA). Facoltà di Agraria, Università degli Studi di Teramo [5]

Come regola generale, la concentrazione di alluminio terreno compreso tra 2 e 5 ppm (mg / kg) è tossico per le radici di specie di piante sensibili, e sopra 5 ppm è tossico per specie tolleranti. [4]

La neutralizzazione dell’alluminio e degli altri elementi metallici, presuppone l’utilizzo di ammendanti calcarei (calcare, dolomia, marna calcarea) che, innalzando la reazione del terreno, provocano la loro immobilizzazione. [6]

Dickie dice che è semplice testare (i suoli) per l’alluminio e bario, generalmente i laboratori chiedono dai 10 ai 15 dollari per queste analisi. Egli aggiunge il Quarzo alla lista deicomponenti caduti dopo che minuscole particelle di quarzo dominarono i test di laboratorio di piogge cadute attraverso scie chimiche pesanti oltre la Espanola, Ontario nell’estate del 1999. Livelli di alluminio analizzati nei campioni dell’Ontario erano 7 volte più elevati dei limiti provinciali di sicurezza permessi. Infatti nell’articolo che mostra l’intervista al biologo di Parma, il Dott. Giorgio Pattera, questi afferma che dalle sue analisi emerge un 85% di quarzo.

L’alluminio in natura esiste sempre legato a qualcos’altro, e come elemento chimico è si stima che costituisce l’8 % della crosta terrestre. E’ il maggiore componente della maggior parte delle comuni particelle inorganiche del suolo, con l’eccezione di sabbia di quarzo, frammenti di selce e concrezioni di ferro manganese.

Il range tipico di alluminio nel suolo dovrebbe essere dall‘1 % al 30% in tutto il mondo in base alla naturale concentrazione che si presenta e che varia enormemente.

Noi qui consideriamo il suolo agricolo dell’Ontario dove la “mobilità” dell’alluminio è incrementata dal basso pH (acido) – specialmente dell’acqua piovana. Pertanto un tipico problema con la pioggia acida è incrementata dall’alto livello di alluminio che potrebbe essere trovato nei suoli.

In agricoltura l’alluminio non è richiesto nei suoli come nutriente delle piante o come minerale in tracce ma è conosciuto come legante del fosforo.

Di certo, tutta questa roba nociva aerea deve eventualmente andare a finire da qualche parte – nel nostro suolo, acqua, cibo e polmoni. Infatti l’intero ambiente. Per non parlare che venga ingerito da tutte le altre creature sul pianeta.

In questo, come in tanti altri aspetti della questione “scie chimiche”, la ricerca seria e comprensiva è necessaria, preferibilmente portata avanti da un ente affidabile non direttamente legata ai governi o le multinazionali, ma che risponda direttamente al pubblico.

Nota Finale: L’alluminio è il metallo del ventesimo secolo e la malattia dell’alzheimer è un dato di fatto del ventesimo secolo. Nel 1907, Dr. Alois Alzheimer, uno psichiatra e neuropatologo tedesco, per primo descrisse una nuova malattia conosciuta come Malattia di Alzheimr. La scoperta del dott. Alzheimer avvenuta approssimativamente 20 anni dopo che l’alluminio fu introdotto, e divenne un prodotto largamente usato. Vedi University of British Columbia: L’alluminio è strettamente legato al morbo di Alzheimer e Bergamo: in 6 anni Alzheimer +57%. COLPA DELL’ALLUMINIO?.

Dott. Dioni e Dott.ssa Valeria Crea

[1] http://www.holmestead.ca/chemtrails/soiltest.html

[2] http://theintelhub.com/2011/10/10/chemtrails-exposed/

[3] https://docs.google.com

[4] http://grains.agric.wa.gov.au/node/soil-acidity-and-aluminium-toxicity

[5] http://www.sustgreenhouse.eu/doc/formaz/Pisante1.pdf

[6] http://www.agricoltura.regione.campania.it/concimazione/pdf/Guida18_61.pdf

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. Daniele says:

    Io sono un artigiano / coibentatore lavoro con alluminio praticamente da una vita, devo preoccuparmi??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline