Ecco il migliore ammorbidente naturale utile per tutta la casa

20 Commenti

acido citrico

La ricerca di un ammorbidente naturale è molto importante in quanto i prodotti presenti nei supermercati sono tossici per il pianeta e per l’uomo. Contengono residui chimici che rimangono nei vestiti venendo così assorbiti dalla pelle, ed inoltre inquinano le falde acquifere causando la morte della fauna e della flora.

Infatti l’ammorbidente tende a creare una patina sugli indumenti costituita da composti chimici tra cui la famosa formaldeide causa di numerose malattie ed allergie che viene assorbita dalla pelle ed inalati. Un carico tossico a basso dosaggio ripetuto nel tempo può generare conseguenze estremamente nocive per la salute, lo ha ribadito Peter Ohnsorge, presidente dell’Accademia Europea di Medicina Ambientale. Questo accade con l’ammorbidente, essendo composto da sostanze che assorbite quotidianamente attraverso gli indumenti sono tossiche, possono causare tumori e danni cerebrali. Inoltre sono molto inquinanti per il pianeta dove abitiamo.

Se già stai pensando a come poter rinunciare all’ammorbidente e ottenere lo stesso risultato esiste un semplice ingrediente naturale ed economico, che salvaguarda la tua salute e quella del pianeta: si chiama acido citrico.

L’acido citrico è un composto presente naturalmente negli agrumi da cui viene estratto e cristallizzato per creare una polvere o granuli in grado di fare meraviglie al nostro bucato. Essendo molto potente va usato diluito ecco la preparazione:

  • 10 grammi di acido citrico
  • 100 ml di acqua

Mescolare e versare nella vaschetta dell’ammorbidente.

Considerato che la confezione da 500 grammi costa circa 5€, si possono fare 50 lavaggi in modo completamente naturale salvaguardando l’ambiente e la nostra salute in modo economico. (Le confezioni più grandi permettono di risparmiare anche di più)

Ma l’utilizzo dell’acido citrico non finisce qui.

  • Disincrostante per la lavatrice. Diluito al 15%, ovvero 150 grammi per 1 litro, permette di scrostare la tubatura della lavatrice. E’ necessario versare l’intero litro d’acqua nel cestello della lavatrice ed effettuare un lavaggio ad alta temperatura (a bassa temperatura non avviene la disincrostazione). Per prendersi cura della propria lavatrice andrebbe fatto 1-2 volte al mese a seconda di quanto la usiamo.
  • Anticalcare per tutte le superfici. Diluito al 15%, ovvero 150 grammi per 1 litro, permette di eliminare tutte le incrostazioni dalle piastrelle, dal lavello, rubinetti, ecc.
  • Brillantante per lavastoviglie. Inserisci nell’apposita vaschetta della lavastoviglie una soluzione al 15% ed avviala normalmente.
  • Pulire vetri e specchi. Prendi un contenitore spray vuoto, riempilo d’acqua e aggiungi un cucchiaino di acido citrico e un cucchiaino di sapone liquido (anche quello per i piatti va bene). Agita ed usalo quando vuoi.
  • Pulire gli scarichi. Versa nello scarico 100 gr di bicarbonato di sodio e subito dopo versa una soluzione ottenuta sciogliendo in 200 ml d’acqua 30 gr di acido citrico.
  • Pulire le pentole, caffettiere e teiere. Se il fondo interno di una pentola presenta aloni difficili da rimuovere, prepara una soluzione con 25 gr di acido citrico in 500 ml d’acqua e lascia agire dopo averla versata nella pentola per tutta la notte. Noterai immediatamente l’efficacia.
  • Pulizia del WC. Versa nel WC una soluzione preparata in una bottiglia vuota con 50 gr di acido citrico ed un litro d’acqua: agita bene, versale e lascia agire per tutta la notte. Il mattino dopo scaricare.

Insomma è un rimedio economico tuttofare davvero utile da avere in casa. Chi l’ha provato non ne fa più a meno e le recensioni su internet sono eccellenti. Fammi sapere la tua esperienza nei commenti, prenditi cura della tua salute e della madre terra a cui apparteniamo.

Per approfondire L’Ammorbidente può danneggiare pesantemente la tua salute.

Acido Citrico Anidro Puro - 3 Kg
Anticalcare, ammorbidente, disincrostante, brillantante

Voto medio su 63 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

20 Commenti su questo post

  1. e mantiene anche la lavatrice pulita dal calcare

  2. Qualcuno sa dove posso trovarlo?

  3. Sonia Nanni Sonia Nanni says:

    Ma dove si trova ? Io l’o cercato non l’o trovato

  4. Gianna Zanet Gianna Zanet says:

    Farmacia di solito lo vendono

  5. Lo trovate in ferramenta

  6. Sonia Lorito Sonia Lorito says:

    Io uso direttamente il limone… anzi più spesso bicarbonato di sodio anche con acqua fredda direttamente sui fornelli e sgrassa senza fatica agisce subito..idem per bagno..e per passare lo straccio o mocio acqua e 1 bicc di aceto.
    Per tutta la casa anche lavatrice e piatti solo cose naturali . Più sicure per la salute..

  7. Confermo, lo uso da anni ma a livello industriale costa 2,50 € al kg…inutile lavare la lavatrice, xché usandolo come ammorbidente con regolarità mantiene la lavatrice pulita e non inquina la fossa biologica.

    • Che significa a livello industriale? Come posso procurarmelo anch’io a questo prezzo?

    • Prisca Zocca Prisca Zocca says:

      Paola Chiarappa anch’io sono interessata a quel prezzo dove?

    • A livello industriale, Paola Chiarappa, significa prodotti usati da aziende che si occupano di fluidistica industriale; solitamente vendono gli acidi, citrico, ossalico, acetone puro ( non x le unghie), ammoniaca pura, in sacchi da 25 kg. Trovare l’acido citrico puro in confezioni da kg è già qualcosa, lo paghi di più x via della confezione, ma risparmi comunque nei prodotti blasonati che non valgono niente e paghi solo la pubblicità (Nelsen). Spero di essere stata esaustiva.

  8. Tutto vero solo discutibile la provenienza dagli agrumi che è minimale, la maggior parte è prodotta dalla chimica

    • L’acido citrico è prodotto da sostanze zuccherine a mezzo di batteri, Walter Santoni, nessun intingolo nocivo, come ormai tutti siamo portati a pensare. Rimane comunque un prodotto naturale e a costo molto contenuto; ATTENZIONE però : l’acido citrico non deve venire a contatto con pietre…marmo, lavagna ecc….le corrode.

    • Massimiliana il discorso dell’acido citrico è nebuloso a dir poco. Finché lo usi come additivo x le pulizie ok niente da dire, il problema è che lo troviamo come additivo in moltissimi cibi e bevande e il problema è proprio questo. Praticamente l’acido citrico derivato da agrumi è introvabile, e quindi quello che si trova deriva da un fungo transgenico e questo te lo ritrovi anche in prodotti biologici. Se controlli in prodotti bio quando c’è l’acido citrico è l’unico degli alimenti che non è bío. Perché non lo certificano? Ho provato a chiederlo ad enti certificatori bio, ma non mi hanno saputo dare risposte serie

  9. Scusate dove si può trovare? Chi lo vende?

  10. Emanuela says:

    Tempo fa ho messo 1 cucchiaio di acido citrico nel serbatoio dell’acqua della mia auto.Ha pulito i contatti e ha fatto funzionare l’aria calda però ha rosicchiato le parti in alluminio che ha trovato .Nella lavatrice non succede niente o può arrecare qualche danno?

    • dioni says:

      Ciao Emanula,
      E’ usato da milioni di famiglie in tutto il mondo e non ho letto di nessuna testimonianza negativa.

  11. Stez says:

    E per la lana? L’acido citrico la infeltrisce… Cosa si può usare in alternativa?

  12. Giovanna Cardellini says:

    Io lo uso da un’annetto. ..non infeltrisce anzi lascia la biancheria molto morbida ….anche i noiosissimi asciugamani . però la ricetta che ho trovato da una diluizione diversa….200gr di acido citrico in 1lt di acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline