mela annurca

Alcune considerazioni e un suggerimento: un integratore a base di mela annurca clinicamente testato che regola i livelli di colesterolo.

In questo articolo si parla di colesterolo, del ruolo importante che riveste per il nostro organismo e dei rischi per la salute quando risulta in eccesso. Ma non solo. Oltre alla definizione e alla spiegazione del colesterolo, su questa pagina troverete alcune considerazioni ed informazioni utili tra cui, ad esempio, quali sono i rimedi naturali per regolare i livelli di colesterolo nel sangue. Nello specifico, forniremo alcuni suggerimenti sullo stile di vita da adottare in caso di ipercolesterolemia. Infine, vi parleremo di un integratore a base di mela annurca che potrebbe fare al caso vostro.

Cos’è il colesterolo?

Il colesterolo è un grasso e contribuisce attivamente allo svolgimento di alcune funzioni cruciali per l’organismo: agevola la corretta digestione degli alimenti, partecipa alla produzione della vitamina D, interviene nella composizione delle pareti cellulari, rappresenta un importante supporto per il sistema nervoso ed è il precursore degli ormoni steroidei. Preso a sé stante, il colesterolo non è un fattore negativo. Diventa pericoloso quando ne circola un quantitativo maggiore rispetto a quello richiesto dall’organismo. Soltanto una piccola percentuale della produzione di colesterolo totale è legata all’alimentazione.

A sua volta, il colesterolo si divide in colesterolo buono e colesterolo cattivo. Il colesterolo LDL, trasportato da lipoproteine a bassa densità, viene connotato anche come colesterolo cattivo quando, come accennato in precedenza, ne circola in quantità maggiore rispetto a quanto ne serve; l’eccesso di colesterolo tende a depositarsi presso le arterie ed espone il sistema cardiovascolare ed il sistema nervoso a gravi rischi, tra cui infarti o ictus. Al contrario, il colesterolo HDL, ossia il cosiddetto colesterolo buono, si avvale di lipoproteine ad alta densità e preleva il colesterolo in eccesso trasportandolo al fegato che, a sua volta, lo riutilizza. In sintesi, il colesterolo buono ripulisce le arterie e le pareti.

Colesterolo alto: disturbo frequente nella nostra epoca

Sono le statistiche pubblicate dai vari portali istituzionali a riferirlo: quello del colesterolo alto è un disturbo sempre più diffuso. Uno dei segmenti di popolazione maggiormente a rischio è rappresentato dalle donne in menopausa, ma l’ipercolesterolemia coinvolge indistintamente tutta la popolazione adulta. Questa tendenza può essere spiegata anche dal cambiamento delle abitudini alimentari e dello stile di vita rispetto al recente passato. Dedicare tempo alla cura della propria alimentazione risulta, spesso, inconciliabile con la vita frenetica tipica della metropoli, colma di impegni e povera di istanti da riservare a sé stessi. Questo discorso vale anche per l’attività fisica: il tempo libero a disposizione è poco e non sempre si è disposti a cederlo per farsi una salutare sudata.

Colesterolo alto: il ruolo dell’alimentazione e dell’esercizio fisico

Tra i rimedi naturali per ridurre il colesterolo, quindi, si possono annoverare la sana alimentazione e una regolare attività fisica. In generale, rivedere il proprio stile di vita e correggere alcune attitudini evitando di fumare o esagerare con gli alcolici rappresenta la prima cosa da fare per una persona che soffre di colesterolo alto. Fare sport è un modo efficace per mettersi in forma, ma anche per incentivare la produzione di colesterolo HDL, il colesterolo buono descritto in precedenza. Per incrementare il livello di colesterolo HDL, risultano particolarmente indicati gli sport che prevedono attività aerobica come nuoto, ciclismo e camminata veloce. In linea generale, nei casi di ipercolesterolemia il consiglio è di muoversi e abbandonare la sedentarietà.

Esistono alcuni alimenti che presentano caratteristiche ideali per chi ha il colesterolo alto. Viceversa, ci sono cibi fortemente sconsigliati, ovvero quelli ricchi di grassi saturi e colesterolo, su tutti gli zuccheri semplici, ma anche latticini, uova, burro e insaccati. Tornando ai cibi con proprietà anticolesterolo, invece, spiccano frutta, verdura, cereali e legumi, ma anche pesce azzurro e carne bianca. Uno degli alimenti che presenta le maggiori qualità per regolare i livelli di colesterolo nel sangue è la mela annurca, una tipologia di mela tipicamente della Campania.

Un integratore a base di mela annurca per contrastare il colesterolo

Le virtù della mela annurca nel regolare i livelli di colesterolo sono state dimostrate da uno studio condotto dall’Università di Napoli Federico II. La mela annurca, una varietà di mela tipicamente campana contrassegnata dal marchio IGP, Indicazione Geografica Protetta, è in grado di ridurre i livelli di colesterolo cattivo e incentivare la produzione di colesterolo buono. Inoltre, la mela annurca è ricca di antiossidanti ed ha comprovata efficacia nel favorire la ricrescita e l’irrobustimento dei capelli. Il merito di tutte queste virtù è da attribuire alla massiccia presenza di procianidine nella mela annurca. Gli esiti dello studio condotto dall’ateneo napoletano hanno portato all’ideazione e alla realizzazione di un integratore alimentare a base di mela annurca, il Nurvast, la soluzione naturale clinicamente testata che regola i livelli di colesterolo. Nessun effetto collaterale e risultati garantiti a partire dai primi due mesi di trattamento.

 Dopo un consulto medico, nei casi di ipercolesterolemia lieve e moderata (fino a 260 mg/dL) Nurvast potrebbe essere la tua giusta soluzione anticolesterolo.

Immagine di copertina. Marilèna Norato – Flickr

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni