ANTIDEPRESSIVI – ANSIOLITICI: Dopo 6 mesi aumentano il rischio di Alzheimer dell’80%!

10 Commenti

alzheimer-benzodiazepine

Le benzodiazepine sono una classe di farmaci comunemente utilizzati da adulti più anziani per l’insonniaansia e disturbi depressivi, aumentano il rischio di demenza e accelerano il declino cognitivo, come mostrano i risultati di uno studio.

Questo tipo di farmaci agiscono sul sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale) modificando alcuni processi chimici naturali (fisiologici) e sono contenuti in numerosi farmaci diffusi come:

  • Alprazolam
  • Bromazepam
  • Bromiden
  • Diazepam
  • Lorazepam
  • Clonazepam
  • Valium
  • Xanax

Questi farmaci hanno un effetto

  • ansiolitico (riducono l’ansia)
  • miorilassante (rilassano i muscoli)
  • ipnotico (inducono il sonno)
  • antiepilettico (riducono i sintomi dell’epilessia)
  • amnesico (causano problemi di memoria)

Le benzodiazepine danneggiano il cervello favorendo la demenza

Uno studio francese pubblicato sulla rivista British Medical Journal lo conferma: l’uso regolare di benzodiazepine per un periodo superiore a tre mesi aumenta notevolmente il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer.

Lo studio ha preso in considerazione quasi 9.000 persone di età superiore a 66 anni, seguiti per 6-10 anni, dimostrando come l’assunzione giornaliera di psicofarmaci per diversi mesi aumenti il rischio di sviluppare una malattia neurodegenerativa:

  • una volta al giorno per 3 – 6 mesi aumenta il rischio di malattia di Alzheimer del 30%
  • una volta al giorno per più di sei mesi aumenta il rischio di Alzheimer del 60-80%.

L’uso di benzodiazepine da dipendenza

E’ noto da molti anni che l’uso di benzodiazepine per oltre un mese porta ad assuefazione (necessità di dosi maggiori per ottenere lo stesso effetto), dipendenza (difficoltà o impossibilità di interromperne l’assunzione), e la sospensione può causare sintomi di astinenza (recidiva dei sintomi, più tipicamente la potenziale caduta della pressione arteriosa, allucinazioni, psicosi, allucinazioni, convulsioni, malessere).

Lo studio di Sophie Billioti Gagee, colleghi dell’istituto INSERM, dimostra come le benzodiazepine aumentino significativamente il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer – la più nota malattia neurodegenerativa, che in Italia colpisce centinaia di migliaia di persone ogni anno.

Le benzodiazepine dovrebbero essere usato per un paio di settimane al massimo

“Dovrebbero essere prescritti per breve tempo. Ciò contribuirebbe ad assicurare che l’uso di questi farmaci sia limitata a poche settimane, un periodo in cui non abbiamo osservato implicazioni negative per il rischio di demenza” affermano i ricercatori che hanno condotto lo studio.

Ansiolitici ed Antidepressivi sono tra i farmaci più venduti al mondo

Le benzodiazepine sono da più di 50 anni dei veri “best seller”. La chiave del loro successo duraturo è dovuta al fatto che hanno un effetto sedativo ed inducono una vera e propria dipendenza, motivo per cui il loro uso è raccomandato per un tempo molto limitato. Tali raccomandazioni sono però seguite dai medici di base, dagli enti di controllo governativi e, non va dimenticato, dai pazienti stessi.

I casi di Alzheimer sono in aumento esponenziale

In tutto il mondo l’aumento preoccupante della demenza (non solo negli anziani in età avanzata) dovrebbe far riflettere sull’uso sconsiderato di questi farmaci. La Francia ad esempio detiene il triste record di campione del mondo nel consumo di benzodiazepine: nel 2012, quasi 12 milioni di francesi ne hanno fatto uso almeno una volta.

Le benzodiazepine sono spesso prescritte per trattare stress, ansia e disturbi del sonno: tutti sintomi che possono essere curati con metodi alternativi come i fiori di bach, omeopatia, agopuntura, rimedi erboristici e nutraceutici.

Inoltre, l’approccio farmacologico elimina i sintomi ma non risolve il problema, sicché questi sintomi tendono a ripresentarsi dopo l’interruzione del trattamento. Questo porta spesso a prolungare la cura oltre le raccomandazioni delle autorità sanitarie (non più di 12 settimane): molti pazienti continuano ad assumerne per anni!

I pazienti, nel frattempo, devono essere consapevoli dei rischi connessi con tali trattamenti prolungati e cercare metodi di cura alternativi.

Per risolvere in modo naturale questi disturbi consiglio anche la lettura di

Passiflora - Estratto Idroalcolico
Utile a persone soggette a stati d’ansia, insonnia, neurastenia, nevralgia, spasmi intestinali.
Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere
PhytoNerv - Ansia
Neotrasmitter – Favorisce il rilassamento
Voto medio su 3 recensioni: Buono

Copyrighted.com Registered & Protected AGK8-MB6A-YZEA-PPDG

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

10 Commenti su questo post

  1. Lo devo dire a mi zia

  2. Beatrice Vannoni says:

    Buonasera Riccardo,
    Non avevo mai preso ansiolitici prima d’ora, ma purtroppo dopo una fibrillazione atriale, adesso prendo tre gocce di Compendium dopo colazione, tre dopo pranzo e 8 prima di andare a letto.. La notte se mi sveglio altre tre..
    Il problema è che adesso ho tanta paura che possa riprendermi considerato che sento sempre le extrasistole e mi assale l’ansia.. Sai se può esserci qualche alternativa che può farmi stare bene? Sono anche in un periodo di premenopausa con infinite colpi di calore.. Grazie

  3. Io già c’è l ho è non sto scherzando purtroppo

  4. stefano says:

    continuate a far ingrassare le multinazionali e farmaceutiche che e’ quello che vogliono la dipendenza a questi farmaci non e’ un difetto ma e’ voluto per renderci tutti malati per arricchire pochi che ci domineranno.

  5. stefano says:

    svegliatevi dal questo lungo sonno prima che il cervello diventi poltiglia di queste false promesse di cura e miracoli che non esiste medicina fatta dall’uomo che faccia bene.

  6. tiziana perricone says:

    Io tratto questi sintomi sia con la medicina naturale che con la terapia sonora.
    E’ auspicabile anche un’alimentazione vegana e la meditazione.
    E’ importante essere presenti a se stessi.

  7. Monica says:

    Le benzodiazepine e’ corretto ma nel titolo si parla anche di antidepressivi. Io ho sofferto di ansia e depressione dopo un intervento l’anno scorso. Per fortuna ho incontrato uno psichiatra validissimo che mi ha detto di prendere poche benzodiazepine perché non curative, infatti ne ho prese pochissime. Ma gli antidepressivi, a differenza di molte credenze, curano veramente il cervello, di chi a seguito di un trauma emotivo, curano veramente i neurotrasmettitori danneggiati dal trauma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline