montanari argento

L’argento colloidale è un argomento molto diffuso tra coloro che cercano ed usano rimedi naturali alternativi ai medicinali chimici allopatici. Per chi non lo conoscesse è un potente antibiotico composto da minuscole particelle di argento che restano sospese in un solvente senza sciogliersi, grazie al fatto di essere ionizzate, cioè elettricamente cariche. Secondo alcuni non c’è alcun organismo nocivo che possa vivere in presenza di anche minuscole tracce di semplice argento metallico. Il dott. E.M. Crooks ha dichiarato che l’argento colloidale elimina organismi patogeni in tre o quattro minuti di contatto. Per questo motivo è consigliato il suo interno. Ma non tutti sono d’accordo. In questo articolo discuterò le varie tesi mettendoti a conoscenza di alcuni aspetti di cui non si è ben informati.

ARGENTO COLLOIDALE PER USO INTERNO E’ UNA FOLLIA PURA

Il ricercatore esperto in nanopatologie Stefano Montanari esprime tutto il suo riserbo sull’argento colloidale affermando: “Dal punto di vista scientifico siamo di fronte ad una follia vera e propria, non avendo il nostro organismo la capacità di eliminare particelle inorganiche non biodegradabili così come è per l’argento colloidale. Dunque, quel prodotto potrebbe essere causa di una lista di malattie anche gravi, patologie oggi ben conosciute da chi si occupa delle cosiddette nanopatologie. Insomma, parliamo di parecchie forme di cancro, di malattie cardiovascolari, di malformazioni fetali e quant’altro.

Continua dicendo: “L’azione antibatterica è innegabile. È l’effetto a lungo termine che passa inosservato, e questo un po’ per la sua lentezza a comparire, un po’ perché eventuali effetti negativi non vengono correlati all’uso delle particelle. Il fatto è che una parte dell’argento, quella che non entra in contatto immediato con le pareti dell’apparato digerente, viene eliminata con le feci. Una parte, però, quella che con le mucose resta in contatto per un certo tempo, passa nel sistema circolatorio e, da lì, finisce in tutti i tessuti e in tutti gli organi, impossibile indovinare quali. A questo punto si deve considerare che l’organismo umano non riesce ad eliminare quella roba che resta imprigionata in un organo e viene percepita come corpo estraneo. La reazione biologica a questo incontro è la formazione di un tessuto infiammatorio che, alla lunga, fa guai, i tempi della comparsa dei quali possono essere anche lunghissimi.

Il problema secondo il Dott. Montanari non è il fatto che sia argento, ma il fatto che nanoparticelle inorganiche entrino nel nostro corpo e come tali sono riconosciute come corpi estranei.

LA RISPOSTA DELLE AZIENDE VENDITRICI

Incuriosito dalla questione sono riuscito a contattare un’azienda leader nella produzione e distribuzione di argento colloidale e porgli il problema esposto sopra. La risposta non è tardata a venire ed è la seguente: ”

In Europa con il regolamento 1170 del 2010 non è più ammesso l’uso interno per l’argento colloidale, non che sia vietato, ma questo regolamento elenca tutti gli ingredienti ammessi e fra questi non cita l’argento, quindi se esistono aziende che lo indicano per uso interno io non so proprio cosa dirle, sono evidentemente irregolari con prodotti certamente non registrati.

Questa limitazione non esiste in altre parti del mondo dove l’uso interno non è vietato.

Ma in Europa nessuna azienda regolare può indicarlo per uso interno. Il nostro argento colloidale comunque è un prodotto notificato al portale europeo e regolare (come prodotto uso esterno).

Tante aziende vendono questi prodotti senza alcuna registrazione: sono illegali.

LA MIA OPINIONE A RIGUARDO

Sono sempre stato scettico sull’uso interno dell’argento e in quanto tale non l’ho mai assunto internamente. Il mio istinto non si basava sul fatto che l’argento è un potente antibiotico e io non volevo distruggere la flora batterica del mio intestino. Un antibiotico è un antibiotico cosa che significa “anti-vita”, quindi non guarda in faccia se sono batteri buoni o batteri cattivi.

C’è da considerare che l’argento a differenza di altri metalli come mercurio, piombo e alluminio, è un minerale essenziale per il funzionamento delle reazioni biochimiche dell’organismo, ma solo in traccia, in quantità infinitesimali oltre le quali diventa tossico.

Tuttavia questo vale solo per l’argento organico, ovvero quello presente nei cibi. L’argento inorganico è invece quello che viene venduto in commercio e prodotto dall’argento metallico vero e proprio. Questo è lo stesso motivo per cui affermo che i minerali inorganici dell’acqua non servono a nulla al corpo se non a formare calcoli renali, problemi al sistema circolatorio e articolare. I minerali, i metalli dal terreno vengono assorbiti e trasformati dalle piante rendendoli organici e biodisponibili. 

Devo tuttavia riportare che secondo alcuni siti e autori che promuovono l’argento colloidale per uso interno, viene affermato che: “Test medici non hanno trovato effetti collaterali dall’uso di argento colloidale prodotto in modo appropriato e non si sono registrate interazioni o interferenze con altri medicinali. Studi di laboratorio hanno stabilito che il vero argento colloidale ha un effetto trascurabile sulla flora batterica, mentre è fortemente efficace contro le infezioni e per eliminare vari microbi, virus, funghi, ecc.

DOV’E’ LA VERITA’?

Come puoi vedere c’è tutto e il contrario di tutto, cosa che si ritrova in tutti campi, dall’alimentazione fino alla politica. Il mio consiglio, che è quello che applico su me stesso e lo condivido con altri è sicuramente il metodo più efficace: senti il tuo corpo. Naturalmente si è attratti verso alcune persone, cose e situazioni piuttosto che altre. Spesso siamo attratti da ciò che ci provoca dolore, e spesso invece dal piacere: comunque vada era quello di cui avevamo bisogno in quel momento in questo percorso che stiamo facendo. Buon uso dell’argento colloidale e qualora qualcuno lo consigli per uso interno fagli notare che ci sono alcuni motivi per cui non tutti la sentono allo stesso modo.

Silver Water
Argento colloidale – uso esterno

Voto medio su 32 recensioni: Da non perdere

Silver-C Gel - Gel a base di Argento Colloidale
Nuova Formula! Gel a base di argento, aloe e vitamina C

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni