Asma. Ecco la dieta corretta e i rimedi naturali

4 Commenti
la sorgente 728x90

asma

Circa 3 milioni di italiani ora hanno l’asma e 1 bambino su 10 ne è affetto. L’asma è la causa di 12,8 milioni di giorni di scuola e di 10,1 milioni di giornate di lavoro persi negli USA ogni singolo anno. Inoltre, l’asma costa agli Stati Uniti circa 14,7 miliardi di dollari l’anno in spese mediche, farmaci prescritti e perdita di produttività, e ciò porta molte persone a cercare rimedi alternativi efficaci per questa patologia.

I danni dei farmaci per l’asma

Ecco qualcosa che potrebbe sorprendere: anche se i farmaci per l’asma possono aiutare a controllare i sintomi nel caso di un attacco di emergenza, a volte possono provocare quelli a lungo termine. La maggior parte dei farmaci per l’asma hanno anche una serie di effetti collaterali perché influenzano il sistema endocrino ed immunitario. La ricerca mostra come alcuni farmaci per l’asma potrebbero contribuire ad alcune condizioni come:

  • Cambiamenti d’umore
  • Acne
  • Crescita di lieviti
  • Aumento del peso
  • Nel corso del tempo possono ostacolare le normali funzioni immunitarie che rendono più frequenti le reazioni allergiche ed asmatiche.

I medici usano farmaci come gli anti-infiammatori , gli steroidi, gli anti IgE e i farmaci inalatori ( broncodilatatori) per aiutare a controllare gli attacchi d’asma e prevenire emergenze o complicazioni. La maggior parte di questi farmaci possono contribuire ad aprire le vie aeree molto rapidamente, ma hanno anche gravi controindicazioni. Alcune ricerche suggeriscono anche che i farmaci inalanti albuterolo possono alterare i geni nei bambini e rendere i futuri attacchi da’asma pi probabili del 30%.

Il dottor John Mills, capo del dipartimento di malattie infettive al San Francisco General Hospital ha detto:

“I farmaci utilizzati convenzionalmente per il trattamento dell’asma, in particolare gli steroidi, possono compromettere la funzione immunitaria e portare problemi di salute più gravi. I medici dicono che gli steroidi ( cortisone, prednisone) causano effetti collaterali solo dopo molti anni, ma la nuova ricerca dimostra che i danni permanenti sono immediati e devastanti. Gli studi dimostrano che gli steroidi causano effetti debilitanti dopo una singola dose. Gli steroidi sono probabilmente i farmaci più squallidi al giorno d’oggi” .

Ecco la buona notizia: è possibile contribuire a trattare l’asma naturalmente diminuendo l’assunzione di tossine ambientali e alimentari, mangiando cibi più ricchi di nutrienti, affrontando il ruolo del sistema nervoso nel funzionamento polmonare e imparando a gestire meglio lo stress. Tutti questi rimedi casalinghi per l’asma non hanno effetti collaterali.

Cos’è l’asma?

L’asma è una condizione caratterizzata da difficoltà respiratoria e restringimento delle vie aeree che conducono ai polmoni (che comprendono il naso, i passaggi nasali, la bocca e la laringe). Nelle perone che hanno l’asma o soffrono di allergie, le vie respiratorie bloccate o infiammate che causano i sintomi di solito possono essere curate con l’aiuto di alcuni cambiamenti nello stile di vita e con alcuni trattamenti.

L’asma è un tipo di malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO) ed anche legata alle allergie, sia stagionali/ambientali sia alimentari. Una caratteristica di questa patologia è che i sintomi tendono a verificarsi improvvisamente in risposta a stimoli che irritano il sistema immunitario e il passaggio di aria, stato che è descritto come “attacco d’asma”.

Sintomi dell’asma

I sintomi e i segni clinici comuni dell’asma comprendono:

  • Starnuti e tosse
  • Dispnea, compresi suoni provenienti dal petto come quando si tenta il respiro essendo a corto di aria
  • Fuoriuscita di aria quando si tenta di parlare o inalare
  • Difficoltà a fare attività fisica
  • Pressione e oppressione al petto
  • Durante gli attacchi è possibile mostrare segni di cattiva circolazione e quindi di ossigeno, compreso avere dita dei piedi azzurre o viola
  • Sensazione di stordimento, vertigini e debolezza
  • Sintomi dell’ansia come sudorazione e vertigini
  • sintomi simili a quelli causati da allergie, come scolo oculare, occhi rossi, prurito alla gola, naso che cola, arrossamento e gonfiore delle ghiandole e linfonodi del collo . A volte le persone con attacchi d’asma si sentono quasi come se stessero soffocando
  • Secchezza della bocca, soprattutto se si inizia a respirare con essa al posto del naso

Cause dell’asma

Ci sono molte teorie diverse su ciò che provoca l’asma, ma le tossine e le sostanze irritanti sono ora riconosciute come fonti primarie. Altri fattori che contribuiscono allo sviluppo dell’asma includono cattiva alimentazione, inquinamento, abuso di antibiotici, vaccini, malattie autoimmuni altri disturbi medici che colpiscono i polmoni, suscettibilità genetica ed elevate quantità di stress.

Per alcuni adulti, i sintomi dell’asma sono causati dall’esposizione a sostanze chimiche e all’inquinamento durante il lavoro (polvere, detriti, ecc) nota come “asma occupazionale”. Questo rappresenta circa il 15% di tutti i casi di asma.

Lo stile di vita occidentale si correla con un aumento del numero di persone che soffre d’asma , il ché non è sorprendente considerando la scarsa qualità dell’ambiente, la dieta e lo stress elevato. L’asma è rara in aree remote dell’Asia e dell’Africa, ma molto più comune nei paesi industrializzi, nazioni occidentali in cui la gente segue diete a basso contenuto di sostanze nutritive.

Trattare l’asma naturalmente

Quali sono, invece, alcuni metodi naturali efficaci per il trattamento dell’asma, che possono aiutare a prevenire gli attacchi? E’ importante limitare l’esposizione a fattori irritanti, ridurre le allergie alimentari, migliorare a salute dell’intestino, integrare con vitamina D o ottenerla naturalmente dal sole e il mantenimento di un peso sano.

Dieta corretta e i migliori alimenti per il trattamento dell’asma

Seguire una dieta sana con antiossidanti e nutrienti per combattere le tossine ambientali, controllare e risposte infiammatorie e ridurre gli attacchi d’asma. Ci sono infatti numerosi studi che dimostrano come consumare i giusti alimenti possa essere uno dei migliori rimedi casalinghi per l’asma. Gli alimenti più salutari da includere nella nostra dieta contro l’asma sono:

  • Alimenti che contengono carotenoidi: questo composto dà alla frutta e alla verdura il loro colore arancio e rosso e può aiutare a ridurre gli attacchi di asma. I carotenoidi sono i precursori della vitamina A, coinvolta nel mantenimento sano delle mucose che rivestono le vie respiratorie. La gravità dell’asma è correlata con i bassi livelli di vitamina A, un modo per aumentarla è assumere verdure a radice, patate dolci, carote, verdure a foglia verde e frutti di bosco. Uno studio su 68000 donne ha mostrato che coloro che hanno mangiato più pomodori, carote e verdura a foglia verde avevano attacchi d’asma più limitati e che le persone inclini a questa patologia tendevano ad avere bassi livelli di carotenoidi circolanti nel sangue.
  • Gli alimenti con acido folico (vitamina B9): il folato riduce le reazioni allergiche e le infiammazioni. Potrebbe essere in grado di diminuire la dispnea regolando ance i processi infiammatori. Alimenti ricchi in folato sono verdure a foglia verde, fagioli e noci
  • Alimenti con vitamina E e vitamina C: quest’ultima è un potente antiossidante e aiuta a disintossicare il corpo, motivo per cui alcune ricerche suggeriscono che un suo consumo riduce la dispnea e l’infiammazione. La vitamina C si trova nelle verdure a foglia verde, agrumi, crocifere e frutti di bosco. La vitamina E è un altro potente antiossidante che si trova nelle noci, semi e oli vegetali.
  • Alimenti con magnesio: bassi livelli di questa sostanza sono associati a un aumentato rischio di sviluppare l’asma, e l’aumento di magnesio ha dimostrato ridurre la gravità degli attacchi d’asma e sintomi come spasmi muscolari da ansia. E’ stato dimostrato come i magnesio può indurre rilassamento della muscolatura liscia bronchiale e permettere all’aria di entrare e uscire dai polmoni più facilmente. Le fonti di magnesio includono verdure, noci, semi, fagioli, cacao e alcuni cereali.
  • Broccoli, germogli di broccoli, cavolini di Bruxelles e altre verdure crocifere: contengono molti antiossidanti e un composto chiave chiamato sulforafano. Ricercatori dell’University of California hanno decretato che “uno dei principali vantaggi del sulforafano è che sembra aumentare una vasta gamma di enzimi antiossidanti, il ché può aumentare l’efficacia del composto bloccando gli effetti nocivi dell’inquinamento atmosferico. Abbiamo trovato un aumento da due a tre volte degli enzimi antiossidanti nelle cellule delle vie aeree superiori dei partecipanti allo studio che avevano mangiato una preparazione di germogli di broccoli. Questa strategia può offrire protezione contro i processi infiammatori e potrebbe portare a potenziali trattamenti per una varietà di condizioni respiratorie“.
  • Aglio, cipolle e semi di senape: tutti sono considerati antimicrobici naturali. Possono aiutare a combattere le infezioni batteriche e migliorare la salute del sistema immunitario in generale. Essi contengono anche l’antiossidante detto quercetina, che inibisce le infiammazioni.
  • Latte crudo e derivati del latte: i prodotti latteo caseari crudi sembrano proteggere i bambini dai sintomi dell’asma e febbre da fieno. I probiotici nel latte crudo rafforzano il sistema immunitario e la ricerca mostra che gli alimenti che li contengono migliorano la digestione e contribuiscono a fermare le reazioni allergiche che i manifestano contro le proteine e altri allergeni che passano attraverso il rivestimento digestivo. Le madri possono impedire lo sviluppo dell’asma nei loro figli se ingeriscono probiotici durante l’allattamento o la gravidanza.
  • Prebiotici e alimenti ricchi di fibre: queste fibre vegetali aiutano a eliminare le tossine. I cereali integrali, noci, fagioli, semi e verdure crude sono ricchi di prebiotici e sono grandi fonti di fibra. Il topinambur e la cicoria sono naturalmente ricchi di inulina, un potente prebiotico.
  • Alimenti con Omega 3: è in gran parte presente nei pesci grassi, come sgombro, sardine, pesce atlantico, salmone e trota. Anche noci e semi possono fornire una buona dose di questo acido grasso. L’Omega 3 aiuta ad avere una minore incidenza di asma in modo significativo perché riduce l’infiammazione delle vie aeree e la reattività del sistema immunitario.
  • Alimenti con vitamina B5 ( o acido pantotenico): è necessario in grandi quantità per gli asmatici. E’ stato riscontrato che la teofillina, un farmaco usato per trattare l’asma, provochi una carenza di vitamina B5. L’acido pantotenico è anche coinvolto nel funzionamento delle ghiandole surrenali e lo stress gioca un ruolo importante nell’asma

Alimenti da evitare che possono far peggiorare l’asma

Ci sono molti modi in cui alimenti elaborati e raffinati come zucchero e prodotti a base di farina bianca (pasta, pizza, pane, cracker, snacks) contribuiscono all’asma:

  • La mancanza di fibra riduce i batteri probiotici
  • Esaurisce l’acidità gastrica
  • Impedisce una corretta digestione
  • La mancanza di nutrienti in questi alimenti rende il corpo meno in grado di neutralizzare le tossine
  • La mancanza di frutta fresca e verdure nella dieta occidentale contribuisce ad alti livelli di infiammazione, carenze e apporto nutrizionale povera

Gli alimenti da ridurre o eliminare dalla vostra dieta includono latticini, aggiunta di zuccheri, grassi o oli raffinati, glutine e carboidrati trasformati. Ecco perché evitare questi alimenti dovrebbe essere incluso nella dieta per l’asma:

  • I bambini che mangiano cibi fritti in oli vegetali raffinati/trattati e consumano grassi idrogenati hanno molta più probabilità di avere l’asma. questi grassi contribuiscono alla presenza di radicali liberi pericolosi per il corpo.
  • I bambini che sono allattati artificialmente con alimenti in polvere per lattanti sono significativamente più a rischio di sviluppare asma e allergie rispetto a quelli che sono allattati al seno.
  • L’alto contenuto di zucchero in molti alimenti trasformati contribuisce alla crescita eccesiva di lieviti o di Candida Albicans. Il lievito può rubare preziosi nutrienti dal tratto digestivo.
  • Le allergie alimentari sono spesso trabocchetti nascosti per gli attacchi d’asma. Le più comuni sono verso prodotti a base di latte pastorizzato, glutine, soia, uova e noci. Il glutine di frumento e la soia sono presenti in un’ampia varietà di alimenti. Si nascondono nelle etichette sotto il nome di proteine vegetali idrolizzate, lecitina, amido e olio vegetale.
  • Conservanti e coloranti alimentari possono scatenare attacchi d’asma. Evitare glutammato, tartrazina (colorante alimentare giallo), solfiti e anidride solforosa, per citarne solo alcuni.
  • Evitare i prodotti animali trattati con ormoni e antibiotici, nonché alimenti pastorizzati e bevande. Il pesce d’allevamento è carico di queste sostanze chimiche e ha elevati livelli di mercurio che sono correlati a una maggiore incidenza di asma.

Integratori per l’asma (specialmente vitamina D)

Un altro astro nascente dei rimedi naturali contro l’asma è la vitamina D, che sembra rallentare il declino delle funzioni polmonari e supporta il sistema immunitario. Rallenta anche nel “rimodellamento” del polmone, cioè il restringimento delle vie respiratorie nel corso del tempo. Il calcitriolo, la forma della vitamina D presente nel corpo, è un anti-infiammatorio naturale, ma molte persone hanno livelli bassi di questa vitamina perché stanno poco tempo fuori casa e hanno una dieta carente di questo nutriente. Inoltre mettere la crema solare d’estate impedisce la naturale produzione di vitamina D. La dose giornaliera raccomandata è di circa 5.000 – 10.000 UI per gli adulti, ottenibili attraverso una combinazione di esposizione alla luce del sole ed integratori.

Recentemente uno studio pubblicato nel Database Cochran of Systematic Rewiews, che ha testato 435 bambini e 658 adulti con lieve o moderata asma, ha scoperto che coloro che prendono integratori di vitamina D hanno subito un numero minore di gravi attacchi d’asma, hanno avuto bisogno di un numero minore di steroidi per via orale e hanno ridotto il rischio di dover essere ricoverati in ospedale per attacchi acuti di asma.

Altri integratori che possono aiutare gli attacchi più lievi e i sintomi sono:

  • Vitamina C: aumenta l’immunità e agisce come antiossidante, riducendo i danni dei radicali liberi e l’infiammazione.
  • Vitamine del gruppo B: aiutano a supportare le funzioni cognitive e la salute del sistema immunitario. La vitamina B3 e la vitamina B12 sono carenti nei pazienti asmatici, ma sono sostanze che riducono i livelli di antistaminici e la dispnea.
  • Zinco: lo zinco supporta la salute delle ghiandole surrenali e aiuta il corpo a far fronte allo stress, che è legato al peggioramento dell’asma
  • Magnesio: può contribuire a ridurre la gravità dei sintomi dell’asma, compreso il dolore, l’ansia e lo stress emotivo

Oli essenziali per il trattamento dei sintomi dell’asma

Molte persone affette da asma spesso presentano tosse, respiro sibilante e hanno difficoltà nella respirazione, sintomi che gli oli essenziali possono aiutare a gestire. Cosi come il muco ( cataro od escreto) o altre sostanze si accumulano nelle vie aeree, cosi questi oli cercano di facilitare la respirazione ostruita.

Provate a fare un aerosol al vapore fatto in casa con olio di eucalipto ed olio di menta piperita per aprire le vie aeree. L’olio di incenso può essere usato per alleviare l’infiammazione e i linfonodi gonfi, e per contribuire a mitigare i sintomi come l’ansia e gli sbalzi d’umore.

Altri rimedi naturali per l’asma

Evitare sostanze irritanti dentro casa

Potrebbe non esserci molto da fare per l’inquinamento all’aria aperta, ma riducendo al minimo le sostanze inquinanti in casa si può ridurre notevolmente la suscettibilità ad attacchi d0asma all’aperto. Che ci crediate o no, l’Enviromental Protection Agency ci dice che i nostri ambienti casalinghi sono da due a cinque volte più tossici rispetto all’ambiente esterno! Qui ci sono consigli per aiutare a rimuovere molte fonti di sostanze irritanti che sono probabilmente presenti i n casa.

Cercate di mantenere una finestra aperta anche durante l’inverno per far entrare aria fresca. Se possibile, usare un ventilatore di recupero di calore ( scambiatore di calore) per portare aria esterna in casa

  • Evitare fumo passivo da stufe a legna e sigarette
  • Utilizzare prodotti naturali per la pulizia, oppure bicarbonato di sodio, olio di lavanda e aceto. Ci sono molte ricette semplici disponibili on-line che terranno le sostanze chimiche fuori dalla vostra casa e vi faranno risparmiare molti soldi.
  • Evitare saponi antibatterici e disinfettanti.
  • Evitare aerosol e ingredienti a base di petrolio all’interno dei prodotti per la salute e la bellezza. Usare, invece, prodotti naturali a base di oli essenziali.
  • Utilizzare un deumidificatore in aree umide e riparare eventuali perdite d’acqua per ridurre la muffa.
  • Acquistare un filtro per l’acqua per rimuovere il cloro da quella del rubinetto
  • Installare pavimentazione o tappeti che possono essere aspirati per ridurre gli acari della polvere
  • Lavare la biancheria da letto settimanalmente, mantenere tappeti e tappezzeria regolarmente puliti
  • Utilizzare lenzuola e federe anallergici e che non contengano o piume
  • Mantenere gli animali fuori dalla camera da letto per limitare la quantità di peli di animali domestici a cui si è esposti. Pulire e spazzolare gli animali regolarmente al fine di rimuovere il pelo in eccesso che può finire in giro per casa
  • Gli scarafaggi sono un altro problema dell’asma, parlare con un professionista per la disinfestazione se si sospetta di averne qualcuno in casa.

Cura chiropratica per l’asma

L’asma è stata collegata anche a una condizione nota come postura della testa in avanti (FHP). FHP si verifica quando la testa si sposta in avanti rispetto al vostro corpo e di conseguenza i nervi della base del collo e della parte superiore della schiena, fino alle vertebre T1-T4 sono compresse e compromettono la funzione polmonare. Per correggere il FHP vi consiglio di cercare l’assistenza di un medico chiropratico per una cura correttiva che può contribuire a migliorare la postura attraverso esercizi di riabilitazione della colonna vertebrale. Riqualificando quest’ultima le vertebre si spostano di nuovo nel loro allineamento ideale e la pressione sui nervi che raggiungono i polmoni viene alleviata.

Gestire lo stress

Lo stile di vita occidentale comprende un alto grado di stress emotivo, e gli studi dimostrano che le tecniche di gestione dello stress contribuiscano a ridurre la gravità dell’asma. E’ ben noto che lo stress aumenta la gravità e la frequenza degli attacchi asmatici perché ostacola la funzione immunitaria e aumenta l’infiammazione. In realtà, gli studi dimostrano che circa il 67% o più degli asmatici hanno diminuita capacità surrenale, una maggiore ansia e altri disturbi dell’umore legati allo stress. I disturbi dell’umore sono considerati “malattie adattative”, cioè risultano dalla incapacità di una persona di affrontare lo stress.

Provate dei mitigatori dello stress naturali, come il massaggio, la espirazione profonda addominale, il rilassamento muscolare progressivo, l’immaginazione guidata e l’arte. questi possono aiutare a ridurre lo stress e a dare agli asmatici degli strumenti per modulare le risposte. Viene così ridotta la suscettibilità ad attacchi futuri e riduce la dipendenza da farmaci per l’asma.

La linea guida britannica sulla gestione dell’asma raccomanda Buteyko e yoga 8 forme d i respirazione profonda) per la gestione dell’asma. Una rassegna i sette studi ha scoperto che questi esercizi iducono la gravità e la durata degli attacchi d’asma[6].

Esercizi e movimento

Un numero crescente di studi indica che i cambiamenti dello stile di vita negli ultimi decenni, in particolare la diminuita attività fisica e i cambiamenti nella dieta, sono fattori che contribuiscono a provocare un aumento della prevalenza dell’asma e della u gravità. L’obesità è legata a un più alto rischio di asma e di altri problemi respiratori, tra cui l’apnea del sonno. Anche se l’esercizio vigoroso a volte può causare sintomi nelle persone già affette da asma, rimanere attivi è molto utile per migliorare la funzione immunitaria, prevenire l’obesità, affrontare lo stress e abbassare l’infiammazione.

I fattori di rischio per lo sviluppo dell’asma includono:

  • Trascorrere troppo tempo in casa: può ridurre la capacità di una persona di sviluppare un buon sistema immunitario e aumenta l’esposizione a determinati allergeni o sostanze irritanti che possono accumularsi in ambienti chiusi (come gli acari della polvere, le muffe, i peli di animali domestici e altri microbi).
  • Uno stile di vita sedentario.
  • Obesità, allergie e altre malattie che colpiscono i polmoni e causano abbassamento delle difese immunitarie.
  • A volte infezioni infantili possono influenzare il tessuto polmonare e causare infiammazione delle vie aeree
  • Genetica: studi dimostrano che l’asma tende a trasmettersi nelle generazioni, anche se di solito non è completamente acquisita geneticamente.
  • Cattiva postura: la compressione dei polmoni potrebbe anche contribuire ai sintomi.
  • Esposizione a tossine ambientali: può includere fumo, inquinamento e sostanze chimiche rilasciate dai cantieri

Precauzioni durante il trattamento dell’asma

Se durante un attacco d’asma i farmaci non sono in grado di dare immediatamente dei miglioramenti, allora è importante recarsi al pronto soccorso o chiamare subito un’ambulanza. Anche se è raro, gli attacchi d’asma possono diventare fatali ed è sempre meglio essere cauti. I segni di un attacco d’asma grave e che richiede subito l’intervento di un medico sono viso pallido, sudorazione, labbra blu, battito cardiaco accelerato ed incapacità di respirare.

Se i sintomi dell’asma iniziano a essere ricorrenti più volte al giorno, consultare il medico. parlate col medico anche se i sintomi diventano più gravi tanto da interrompere il sonno, il lavoro , la scuola o altre attività normali durante il giorno. Tenete d’occhio gli effetti collaterali dei farmaci o altri segni di allergie, che potrebbero peggiorare i sintomi dell’asma, tra cui la bocca molto secca, il naso chiuso, vertigini, dolori e gonfiore della lingua.

Considerazioni finali

  • L’asma è una condizione che colpisce la respirazione, causata dalla chiusura delle vie aeree ( broncospasmo), un’infiammazione del sistema respiratorio e da una reazione anomala del sistema immunitario
  • I sintomi più comuni sono tosse, respiro sibilante, senso di costrizione toracica, fiato corto, dolore o pressione al petto.
  • I fattori di rischio includono una dieta povera, una sistema immunitario debole, allergie alimentari o stagionali, predisposizione familiare ed esposizione a fattori ambientali irritanti
  • I rimedi casalinghi per i sintomi dell’asma sono: eliminare le allergie alimentari, trascorrere più tempo all’aria aperta ed evitando l’esposizione all’inquinamento o a sostanze irritanti all’interno della casa .

Leggi anche

Come respirare per trattare ansia, stress, asma e attacchi di panico

“Sono guarito da asma cronica e rinite allergica eliminando il lievito!”

Riferimenti
– The Top Home Remedies for Asthma. Dr. Axe
Asthma – PubMed Health
– Wood LG et al. Airway and circulating levels of carotenoids in asthma and healthy controls. J Am Coll Nutr. 2005 Dec;24(6):448-55.
– Elizabeth C. Matsui et William Matsui. Higher Serum Folate Levels are Associated with a Lower Risk of Atopy and Wheeze. J Allergy Clin Immunol. 2009 Jun; 123(6): 1253–9.e2.
– Woo-Jung Song et Yoon-Seok Chang. Magnesium sulfate for acute asthma in adults: a systematic literature review. Asia Pac Allergy. 2012 Jan; 2(1): 76–85.
– Omega-3 fatty acids and Asthma. University of Maryland Medical Center
– Mike Thomas, Anne Bruton. Breathing exercises for asthma. Breathe 2014 10: 312-322;
– Lucas SR1, Platts-Mills TA. Physical activity and exercise in asthma: relevance to etiology and treatment. J Allergy Clin Immunol. 2005 May;115(5):928-34.
– OCCUPATIONAL ASTHMA. American Academy of Allergy, Asthma & Immunology
– What Causes or Triggers Asthma? Asthma and Allergy Foundation of America

Copyrighted.com Registered & Protected CCNJ-VJX5-UGPT-FV2S

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

4 Commenti su questo post

  1. Guarire l’asma basta solo esercitarsi con il respiro.dopo 50 anni di sofferenza ero arrivata al cortisone….basta usare il respiro lentamente fino al profondo esercitarsi mezz’ora al giorno….

  2. Giorgio Calabrese says:

    Salve Dovreste aggiungere che una delle cause principali dell’asma sono le allergie e riniti allergiche causate dalle punture di anestesia e l’amalgama dopo la cura del dentista; “Unico denominatore comune”.
    Con i migliori Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *