Assorbenti e tamponi possono causare infezioni, squilibri ormonali ed endometriosi. Quali alternative naturali e biologiche scegliere

5 Commenti

assorbenti biologici ioni negativi

Assorbenti e tamponi femminili comunemente in commercio contengono sostanze chimiche potenzialmente tossiche che quando entrano in contatto con la pelle, vengono assorbite direttamente nel flusso sanguigno senza alcun tipo di filtro, arrivando direttamente ai nostri delicati organi e ghiandole.

La pelle è il più grande e allo stesso tempo sottile organo del nostro corpo (va dal minimo di 0,2 mm sulle palpebre al massimo di 3 mm sul cuoio capelluto). Quindi è una questione di millimetri che separa le potenziali tossine dall’entrare nel nostro organismo. Peggio ancora, la pelle è altamente permeabile, soprattutto la pelle intorno alla tua zona vaginale, per non parlare all’interno della vagina stessa.

Per questo molte creme mediche o integratori vengono assimilati per via transdermica (ovvero attraverso la pelle) perché così arrivano più facilmente nei tessuti. La realtà è che perciò mettere sostanze chimiche sulla pelle può essere peggio che ingerirle. Quando si mangia qualcosa, gli enzimi della saliva e dello stomaco aiutano a rompere i legami chimici e il fegato e il colon aiutano ad espellerli dal corpo. Tuttavia, quando le sostanze chimiche entrano direttamente dal contatto con la pelle, vengono assorbite direttamente nel flusso sanguigno senza filtri di alcun tipo, arrivando direttamente ai tessuti interni. E una volta che queste sostanze chimiche trovano la loro strada nel tuo corpo, tendono ad accumularsi nel tempo perché in genere mancano gli enzimi o chelanti necessari per eliminarle.

Inoltre se si considera l’esposizione nel corso di una vita media si scopre che una donna usa fino a 16.800 assorbenti, ed è chiaro quindi che fare una scelta errata così a lungo può essere pericoloso per la salute.

acquista assorbenti biologici

Le sostanze chimiche tossiche contenute negli assorbenti femminili convenzionali

1. Gli assorbenti convenzionali contengono ingredienti che possono non essere completamente svelati dalle aziende. Andrea Donsky, co-autore del libro “Label Lessons: Your Guide to a Healthy Shopping Cart“, rivela che i produttori di assorbenti non sono tenuti a divulgare gli ingredienti utilizzati in quanto i prodotti di igiene femminile sono considerati “dispositivi sanitari”. Infatti quando Andrea chiamò direttamente una nota azienda per scoprire cosa contiene la loro linea di assorbenti, gli unici ingredienti che i rappresentanti del servizio clienti hanno rivelato sono schiuma (foam) e una miscela brevettata a base di rayon che offre un materiale altamente assorbente che può contenere fino a 10 volte il suo peso.

2. Gli assorbenti convenzionali sono fatti con una fibra sintetica mista solitamente a base di rayon (o raion) sintetico e cotone perché è più economico da produrre rispetto al cotone da solo ed ha una elevata capacità di assorbire liquidi. Il rayon è una fibra di cellulosa proveniente dal legno, ma viene riprodotta sinteticamente in laboratorio ed è nota per poter causare la Sindrome da Shock Tossico (Toxic Shock Syndrome , TSS), una malattia sistemica e potenzialmente mortale causata dai batteri associati all’uso di assorbenti. Il Dr. Philip Tierno, Professore di microbiologia e patologia presso laNew York University School of Medicine, che ha condotto importanti ricerche sulla Sindrome da Shock Tossico negli ultimi 30 anni, spiega che questa malattia è associato alla proliferazione batterica di Staphylococcus aureus e si manifesta principalmente negli assorbenti sintetici e non in quelli di cotone: “Non c’è dubbio che i tamponi di cotone siano i più sicuri, garantendo il minimo rischio per quanto riguarda lo shock tossico“. Il 25 Aprile di quest’anno è andata in onda sulla televisione francese un documentario dal titolo “Assorbenti: i nostri nemici intimi” che ha ricostruito la vicenda di tre donne – una di loro è poi deceduta – che hanno contratto la Sindrome da Shock Tossico a causa degli assorbenti. Queste donne sono arrivate al pronto soccorso con gli stessi sintomi: febbre, vomito e debolezza e vengono dichiarate in pericolo di vita. “I medici non sono addestrati a far risalire questa sindrome all’uso di assorbenti pericolosi“, spiega nel film il dottor Gérard Lina, dell’Ospedale Civile di Lione. “Gli assorbenti interni di fibra sintetica hanno dal 20 al 30 per cento di probabilità in più di sviluppare il batterio dello stafilococco“. Fino a 50 anni fa il rischio non c’era: si usavano solo prodotti naturali come il cotone. Oggi i casi sono sempre più in crescita. Infatti questi prodotti sintetici come raion o derivati della plastica creano l’ambiente perfetto per la proliferazione dei batteri patogeni che si trasformano in infezione e poi in cancrena.

3. Gli ingredienti pericolosi nascosti negli assorbenti. La regista mostra nel documentario come abbia fatto esaminare da un laboratorio indipendente i tamponi dei 6 marchi più venduti in Francia e i risultati sono allarmanti. I campioni di assorbenti contenevano interferenti endocrini, che turbano l’equilibrio ormonale e il normale funzionamento dell’organismo, e addirittura ftalati, delle sostanze per ammorbidire la plastica vietate dalla Comunità Europea, che è dimostrato che danneggiano l’espressione genica. “Avremmo voluto darvi la lista completa dei composti chimici presenti”, commenta la regista, “ma l’elenco era talmente lungo che era impossibile dirvi tutto“.

4. La differenza di residui di combustione tra due diversi assorbenti. Andrea ha girato poi un video diventato virale che dimostra cosa succede quando si brucia un assorbente femminile biologico e uno non-biologico, convenzionale che si trova comunemente nei negozi e supermercati. Il tessuto di cotone biologico al 100% brucia lentamente in modo pulito, lasciando praticamente nessun residuo. L’assorbente convenzionale dell’azienda con cui aveva parlato al telefono, con i suoi ingredienti per lo più non divulgati, produce un sacco di fumo nero e molti residui che indicano che il tampone può contenere fibre sintetiche e additivi petrochimici. Infatti, secondo la sua ricerca, ogni assorbente convenzionale contiene l’equivalente di circa quattro sacchetti di plastica.

Loading...

5. I tamponi convenzionali vengono sbiancati con il biossido di cloro. E’ una sostanza usata per sbiancare la cellulosa dell’assorbente, che altrimenti apparirebbe marrone. Questo processo produce diossine come sottoprodotto rilasciato nell’assorbente. Ad agosto 2016, spiega il Salvagente, la Segreteria di Stato francese per il consumo ha fatto analizzare diversi marchi di assorbenti interni ed è emerso che tutti contengono diossina: si tratta di una delle dieci sostanze più nocive secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) responsabile – come ha spiegato il tossicologo Dominique Lison – di malattie come l’endometriosi. Gli studi dimostrano che la diossina si raccoglie nei tuoi tessuti adiposi e secondo l’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente (EPA), la diossina rappresenta una grave minaccia per la salute pubblica che non ha un livello di “sicurezza” di esposizione! Ovvero è tossica in qualsiasi quantità per l’organismo. I rapporti pubblicati mostrano che “La diossina è altamente tossica e può causare il cancro, problemi riproduttivi e allo sviluppo, danni al sistema immunitario e può interferire con gli ormoni.” La diossina una volta entrata nell’organismo rimane depositata fino a 7-11 anni prima di essere espulsa, sempre se nel frattempo non viene assorbita ancora.

6. Gli assorbenti non biologici possono contenere pesticidi e glifosato. Se dobbiamo essere preoccupati delle fibre sintetiche che favoriscono la proliferazione di batteri pericolosissimi, dall’altro il cotone convenzionale non biologico può essere anch’esso dannoso. Infatti il cotone è la coltivazione che richiede il più alto impiego di pesticidi ed è una delle principali coltivazioni OGM al mondo. Nel 2015 ha fatto scalpore l’indagine che ha svelato come l’85% degli assorbenti femminili fosse contaminata da glifosato, l’erbicida cancerogeno utilizzato nelle coltivazioni OGM.

Scegliere assorbenti naturali biologici

Conoscere tutte queste informazioni ci permette di trattare problemi di salute presenti e di fare prevenzione primaria. Moltissime donne soffrono di endometriosi, squilibri ormonali, sistema immunitario debole, sistema linfatico intasato, oppure hanno problemi riproduttivi. Scegliere un assorbente sano, naturale e biologico può fare la differenza.

C’è anche il fatto che le tossine sono una “bomba ad orologeria” in quanto si accumulano per lungo tempo e poi tutto ad un tratto si hanno patologie a cui non si riesce a risalire alla causa. E’ importante avere uno stile di vita in armonia con la natura, sia per salvaguardare la nostra salute che quella del Pianeta di cui siamo custodi.

Quindi dobbiamo sempre leggere le etichette degli assorbenti e fare in modo che sia dichiarato esplicitamente almeno “senza diossina” e “100% cotone biologico“.

Gli assorbenti femminili migliori in commercio dal punto di vista sia della salute che dell’impatto ambientale sono i Drion, prodotti in Australia e distribuiti da poco tempo in Italia da Vegamega. Gli assorbenti Drion sono:

  • Ultra assorbenti durano molto di più, perchè trattengono molto di più della gran parte degli assorbenti ultra sottili presenti sul mercato
  • Ultra asciutti grazie ad una striscia con polimeri di resina di pino che trasforma il liquido trattenuto in gel evitando così la sensazione di bagnato e grazie alla super assorbenza (150ml) evita di doverli cambiare spesso come la gran parte degli assorbenti ultra sottili già presenti sul mercato.
  • Prevengono la formazione di batteri e cattivi odori
  • 100% senza sostanze chimiche… no cloro, diossina o materie plastiche
  • Emettono raggi infrarossi benefici a sostegno dell’equilibrio ormonale e rigenerazione dei tessuti. Danno una sensazione di calore piacevole che favorisce il metabolismo sano delle cellule e dei tessuti.
  • Emettono ioni negativi (6100 ioni negativi per centimetro cubo) con funzione antibatterica, di riduzione dei cattivi odori e funzione antiossidante
  • 100% in puro cotone biologico
  • Ergonomici e sottili per il massimo comfort
  • Biodegradabili e compostabili. Gli assorbenti Drion contengono polimeri organici di resina di pino e un adesivo amido naturale biologico commestibile e biodegradabile al 100%.

Sono anche molto convenienti perché basta un singolo assorbente per tutto il giorno e uno per la notte, e sentendosi asciutte tutto il tempo. Questo significa che non ci sarà l’ansia da ricambio, pur sentendosi asciutte e pulite, oltre ad essere un beneficio anche per l’ambiente.

L’azienda ha deciso di offrire dei pacchetti con sconto promozionale per invitare i lettori a provare gli assorbenti Drion così da poter constatare realmente la differenza:

5 Confezioni: 3 Pacchi Giorno  (30)+ 1 Notte (8) + 1 Salvaslip (30) Drion 100% cotone biologico con tecnologia a ioni negativi e infrarossi – 17,85€

3 Confezioni: 2 Pacchi Giorno  (20)+ 1 Notte (8) Drion 100% cotone biologico con tecnologia a ioni negativi e infrarossi – 11,48€

3 Confezioni: 1 Pacco Giorno (10)+ 1 Notte (8) + 1 Salvaslip (30) Drion 100% cotone biologico con tecnologia a ioni negativi e infrarossi – 11,48€

E’ possibile acquistare le confezioni singolarmente.

assorbenti giorno biologici
assorbenti notte biologici
assorbenti salvaslip biologici

Ecco quanto possono essere pericolosi gli assorbenti. Condividiamo queste informazioni perché tante situazioni serie possono essere risolte semplicemente applicando questi facili accorgimenti. Fateci sapere la vostra esperienza!

Nutri il tuo benessere

Entrando a far parte della nostra newsletter sarai tra i primi a conoscere le ultime notizie, eventi e pubblicazioni.

(E' gratis!)

 

No SPAM! Non condivideremo la tua email con terze parti.

Grazie!

Iscrizione effettuata con successo

Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, è un ricercatore nel campo del benessere bioenergetico e della crescita personale. Laureato con il massimo dei voti in ingegneria, si occupa di naturopatia, geobiologia e sviluppo del potenziale umano attraverso il risveglio dell’energia vitale e della coscienza.

Loading...
Leggi anche

5 Commenti su questo post

  1. Molto interessante, sono anche biodegradabili e compostabili?

  2. Basta leggere gli ingredienti sulla confezione…fanno paura..

  3. valeria says:

    In realtà, le coppette mestruali in silicone sono un’alternativa ecologicissima e pratica agli assorbenti di tutti i tipi. A me hanno cambiato la vita!

  4. Mony says:

    Credo che la coppetta mestruale sia la soluzione migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nutri il tuo benessere

Ricevi la nostra newsletter periodica. E' GRATIS!

La tua privacy è al sicuro con noi.

Prenditi cura del tuo benessere

Inserisci la tua mail per ricevere i migliori contenuti su:

✓ Rimedi naturali                    

✓ Terapie innovative               

✓ Crescita personale              

E' GRATIS!

Rimani in contatto con Dionidream

✓ I migliori integratori

✓ Recensioni libri

✓ Date degli eventi

Sent!

Please check your e-mail and download FREE BETA version.

 

SHARE IT