AULIN (Nimesulide): Spagna, Finlandia e Irlanda lo ritirano dal commercio per tossicità

Nessun Commento

 

Come può essere che un farmaco venga ritirato dal commercio in diversi paesi e in altri addirittura vietato per i suoi gravi effetti collaterali e in Italia venga prescritto talmente tanto da farne il suo primo mercato mondiale?

Nel 2002, Spagna e Finlandia ritirano il nimesulide dal mercato per sospetta tossicità epatica. Cinque anni più tardi, l’Irlanda si accoda, dopo che sei pazienti sotto Aulin sono stati costretti al trapianto di fegato per grave insufficienza epatica.

In Italia di tutti questi dubbi non c’è traccia, tanto che oggi il nostro Paese consuma il 60% della produzione mondiale di nimesulide. Perché mai l’AIFA (l’Agenzia italiana del farmaco) non si è allarmata come le agenzie spagnola, irlandese e finnica?

Nel maggio 2008 un’inchiesta guidata dal magistrato di Torino Raffaele Guariniello ipotizza un sistema illecito che potrebbe avere arrecato danni alla salute dei cittadinimazzette ad un alto funzionario dell’AIFA (rappresentante anche nell’EMEA) per evitare i controlli sull’Aulin. Arrestati 2 funzionari dell’AIFA, Pasqualino Rossi (EMEA CHMP) ed Emanuela Bove.

Nel maggio 2008 la SIF (Società Italiana di Farmacologia) riporta una nota che cita testualmente “Se essa (nimesulide) resta in commercio oltre che in Italia in ben altri 16 Paesi europei, fra cui Francia, Portogallo, Svizzera, Ungheria, è perché l’Agenzia regolatoria europea ha ritenuto che, nonostante quanto autonomamente stabilito da alcuni Paesi, il suo profilo di beneficio/rischio rimanga ancora favorevole. La SIF, inoltre, ricorda che la decisione presa dall’EMEA “è stata una decisione votata a maggioranza dai Paesi che fanno parte della Comunità Europea e che tutti condividono la partecipazione alle decisioni dell’Emea”.

Da allora, nulla è cambiato. L’Aifa si è solo limitata a girare ai medici italiani una circolare dell’Emea (l’Agenzia europea del farmaco) che, a febbraio scorso, ha imposto ai medici di prescrivere nimesulide solo se gli altri antidolorifici non hanno avuto effetto, mai per febbre o influenza. E comunque per non più di 15 giorni.

In Italia, la Nimesulide è il principio attivo di oltre 85 diversi farmaci: Algimesil, Antalgo, Areuma, Dimesul, Domes, Efridol, Eudolene, Fansulide, Flolid, Isodol, Ledolid, Ledoren, Nerelid, Nide, Nimenol, Nims, Noxalide, Resulin, Solving, Sulidamor, Fansidol, Sulide, Idealid, Delfos, Domes, Noalgos, Algolider, Aulin, Fansidol, Mesulid, Nimesil, Remov, Migraless, Edemax, Mesulid Fast, Nimedex e in molti farmaci generici.

Delle migliaia di prodotti chimici che le lobbies del farmaco producono e vendono, quanti sono sicuri e quanti invece pericolosi per la salute pubblica? Nessuno lo può sapere, se non quando si manifestano pubblicamente i danni o le morti.

E questo avviene perché le ditte produttrici dei farmaci stessi, per farli entrare quanto prima nel mercato, ‘modificano’ gli studi di sicurezza grazie anche alla sudditanza, per non dire collusione, di quegli istituti che dovrebbero salvaguardare la salute pubblica (Fda, Aifa, Emea, ecc.) e che ce li mettono gentilmente a disposizione nelle farmacie e, da qualche tempo, anche nei banconi dei supermercati.

L’uso è talmente ampio che nel 2011 apparve uno studio scientifico che dimostrava come lungo il fiume PO, dalla sorgente al delta e nei suoi principali affluenti fosse possibile riscontrare la presenza di alcuni prodotti farmaceutici, tra i quali appunto nimesulide.

Il Nimesulide non è commercializzato in vari Paesi: Stati Uniti, Giappone, Gran Bretagna, Canada, Germania.

Ogni tanto un farmaco usato da milioni di persone viene ritirato dal mercato perché provoca gravi danni all’organismo, oppure perché talvolta provoca la morte stessa del consumatore.

Ogni tanto qualcuno viene preso con le mani nel sacco a pagare tangenti per evitare controlli sui farmaci, spesso muore tanta gente ignara di tutto ciò. E’ di pochi mesi fa la scoperta di un giro di corruzione nel settore farmaceutico che ha visto indagate trenta persone e ne ha portate all’arresto di otto tra cui spiccano due alti dirigenti dell’Aifa (Agenzia italiana del farmaco), l’ente di vigilanza sull’immissione dei farmaci nel mercato nazionale.

A nessuno importa della salute dei milioni di consumatori che, ignari, giorno dopo giorno assumono sostanze le quali, in teoria, servirebbero a curare, ma che in realtà uccidono.

«Una cosa va detta: ogni volta che si prende un farmaco si accetta un compromesso tra benefici e possibili rischi. Ogni medicinale può causare accanto all’azione terapeutica effetti collaterali potenzialmente pericolosi» ricorda Luigi Bozzini, del Servizio farmaceutico della Azienda ulss 20 di Verona.

Nell’articolo Il 50% dei medicinali è inutile: emerge da uno studio francese il professor Philippe Even, direttore del prestigioso Necker Institute, e Bernard Debré, medico e parlamentare, incolpano di questo fenomeno le potenti compagnie farmaceutiche, ree di continuare a vendere le loro medicine inutili e dannose a spese del sistema sanitario nazionale e dei contribuenti.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

0 Commenti su questo post

  1. francesco says:

    ciao, al posto dell’aulin,nimesulide, cosa si puo usare che non sia tossico.
    Tanto se lo chiediamo al dottore di famiglia te propone sempre un altro simil/tossico.
    grazie mille francesco

    • Dioni says:

      Ciao Francesco,
      L’Aulin viene usato come antidolorifico quindi la sua azione è semplicemente di lenire il dolore. Una terapia invece suppone di guarire la causa che genera il dolore e quindi varia a seconda del caso.
      Antidolorifici naturali sono, tra gli altri, la valeriana, betulla e cannabis.
      Buona giornata
      Dioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline