Avocado: storia, proprietà e usi

1 Commento

piantare_avocado0

Il nome avocado deriva dalla parola ” ahuacati ” appartenente all’alfabeto del popolo atzeco che considerava il frutto dell’avocado in possesso di proprietà afrodisiache e per questo motivo veniva da loro chiamato il frutto dell’amore.

La pianta dell’avocado appartiene alla famiglia delle Lauracee  e le sue origini risalgono a più di 5.000 anni fa; oggi l’avocado è coltivato in tutti i paesi tropicali, in Sud Africa, Stati Uniti e ultimamente anche in Italia si è cominciato a coltivare questo prezioso frutto dalle molteplici proprietà.

L’albero dell’avocado può arrivare a raggiungere un’altezza di circa20 metri, è un sempreverde con un frutto che richiama vagamente la forma della pera ( è chiamato anche pera alligatore ); la polpa del frutto ha un gusto “morbido”, il colore è giallo verdognolo ed è molto profumata. All’interno del frutto troviamo un unico grande seme.

L’avocado fu scoperto per la prima volta durante le esplorazioni dell’America Centrale, nelle zone oggi conosciute come Messico e Guatemala, dove era già era parte dell’alimentazione degli indigeni Aztechi e Maya prima dell’ arrivo degli Spagnoli. Chiamato anche pera alligatore, l’avocado fu descritto dai conquistadores come un frutto “abbondante, con una polpa simile al burro e caratterizzato da un ottimo sapore”.

La principale caratteristica nutrizionale di questo frutto è la sua ricchezza di grassi, specialmente insaturi ed Omega – 3. Il contenuto di grassi dipende però dal tipo di avocado, e varia dal 10% al 30%.
Per il popolo sudamericano e sudafricano l’avocado rappresenta il sostituto delle olive per gli Europei.
L’elemento più rilevante per la salute di chi include l’avocado nella sua alimentazione è l’apporto di acido grasso linolenico e Omega – 3, grassi “buoni” in quanto capaci di stimolare la produzione di colesterolo buono (HDL) e frenare il deposito di quello cattivo (LDL). Con questa proprietà dell’avocado si può diminuire il colesterolo nel sangue (ipercolesterolemia), si può prevenire l’arteriosclerosi e le patologie causate dall’ostruzione del cuore e delle arterie, aggiungendo allo stesso tempo colore e sapore alla nostra alimentazione

Ha più grassi che qualsiasi altro tipo di frutta, ma questo non deve essere frainteso perché sono grassi monoinsaturi incredibilmente benefici. È il tipo migliore di grasso, perché fa bene al cuore e come spiega l’American Heart Association:

“Aiutano a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue, riducendo il rischio di malattie cardiache e infarti. Inoltre forniscono sostanze nutrienti e aiutano a preservare le cellule del corpo. I grassi monoinsaturi sono anche solitamente ricchi di vitamina E, un antiossidante e detossicante incredibile”.

Gli avocado aiutano il tuo corpo ad assorbire le sostanze nutrienti di altri alimenti.

Secondo una ricerca quando si aggiunge l’avocado nell’insalata, l’assorbimento del beta-carotene delle carote aumenta di quasi 14 volte, mentre quello dell’alfa-carotene nella lattuga aumenta di oltre 4 volte, se confrontato con la medesima insalata priva di avocado. La spiegazione sta nel fatto che i grassi monoinsaturi dell’avocado aiutano il corpo ad assorbire meglio i carotenoidi fitonutrienti grasso-solubili.

avocado

L’avocado inoltre contiene acido folico che previene le malattie al cuore e, di conseguenza, è ottimo per equilibrare la pressione arteriosa, controllare il diabete, rafforzare il corpo, combattere l’invecchiamento naturale delle cellule e causato dall’inquinamento e dal fumo, contrastare le infezioni intestinali (è facile da digerire e ha capacità astringenti, soprattutto nei casi di diarrea, colite e gastrite), calmare i giovani irrequieti (l’agitazione può derivare da una mancanza di potassio), dimagrire (accelera il metabolismo e dona il senso di sazietà), colmare l’assenza di proteine in un’alimentazione vegetariana, dare forze ed energie in periodi di stanchezza o agli sportivi o ai bambini, alle donne gravide, ai malati e agli anziani ed equilibrare il sistema nervoso.
Ma gli effetti positivi non sono solo per il cuore: l’avocado è anche ricco di fitonutrienti, elementi antiossidanti che aiutano a liberare la cellula dai radicali liberi. L’Università dello stato dell’Ohio, in USA, ha dimostrato inoltre che l’avocado è in grado di prevenire la formazione di tumori della bocca.

Un altro aspetto positivo a favore dell’avocado è il suo ricco contenuto di Vitamina A: 14 mg di vitamina A per 100 grammi di parte commestibile (7 volte più dell’ananas). È inoltre ricco di vitamina E, ed entrambe le vitamine sono forti antiossidanti, che aiutano specialmente contro l’invecchiamento della pelle e la sua elasticità.

Inoltre l’avocado:

  • Aiuta a prevenire il morbo di Alzheimer
  • Aiuta a migliorare la depressione
  • Si utilizza nella terapia nutrizionale del paziente con sclerosi multipla
  • Grazie al suo contenuto in Vitamina D, aiuta l’assorbimento di calcio e fosforo, aiutando ad avere ossa e denti più sani e resistenti contro osteoporosi e artrosi
  • Aiuta a diminuire il prurito nelle dermatiti ed altre patologie dermatologiche o allergie della pelle
  • Ha poteri antinfiammatori.

Uno degli ultimi vantaggi riscontrati nell’avocado è la capacità di rallentare l’assorbimento del glucosio a livello intestinale, e quindi di regolazione dei livelli di glicemia, ottimo per i diabetici.

L’avocado è un vero concentrato di energia, ogni 100 grammi di polpa edibile troviamo il 7 % di zuccheri, il 19% di grassi e quasi il 2% di proteine.

Usi

In cucina, lo si può gustare condito con limone e/o sale a fette, oppure insieme a qualsiasi insalata e/o pomodori.

L’elevato contenuto in grassi che lo rende cremoso e adattissimo ad abbinarsi con piatti saporiti come ad esempio un’insalata di lattuga e pollo, un piatto di salomne affumicato con uova bollite o una ciotola di nachos da tuffare in una salsa di guacamole.

Salsa Guacamole

L’avocado si presta bene per antipasti gustosi ma la ricetta più famosa è senza dubbio quella della salsa guacamole. Per i “puristi” il vero guacamole è quello originale fatto di polpa di avocado schiacciata, lime e sale ma l’antica ricetta si è evoluta ed arricchita ed ora comprende:

1 spicchio d’aglio, 1 cipolla piccola, 2 pomodori sodi e maturi (200gr), 2-3 cucchiai di olio d’oliva, 1 lime (succo e scorza grattugiata), peperoncino piccante, sale, pepe, 2 avocadi maturi.

Spellate l’avocado e fatelo a piccoli dadini: una metà lasciatela così e l’altra schiacciatela in una terrina con una forchetta fino ad ottenere una crema a cui aggiungere cipolla,aglio peperoncino (tutto tritato finemente) e i dadini di pomodoro. Unite sale, pepe macinato fresco, il succo di lime e i dadini di avocado e mescolate il tutto. Fate riposare la salsa guacamole almeno mezz’ora.

Gli avocado sono come il Botox, ma costano molto meno.

Esatto, gli avocado non sono solo cibo. Un avocado può essere un ottimo idratante, curare le scottature prevenendo le irritazioni, e perfino aiutare a ridurre le rughe. Provate con questa facile maschera per impedire alle rughe di formarsi, e per idratare la pelle secca: mischiate miele, yogurt e un avocado insieme, e spalmatevela in faccia. Beh, a Kim Kardashian piace.

kim kardashian

Maschere per viso e capelli

Impacco per i capelli secchi: schiacciate la polpa dell’avocado fino ad ottenere una crema spalmabile. Applicate poi sui capelli (dal cuoio capelluto fino alle punte) per un’ora circa (meglio se avvolgete i capelli in una cuffia o nella pellicola trasparente) e poi sciacquate accuratamente, fate il normale shampoo e non utilizzate il balsamo: è sufficiente qualche goccia di olio di jojoba sulle punte se i capelli sono molto crespi. Se si desidera accentuare l’effetto dell’impacco, aggiungere al composto 2 cucchiaini di miele e due di olio extravergine

Maschera per il viso (tutti i tipi di pelle, per ridare vitalità e luminosità): schiacciate la polpa dell’avocado (che sia molto maturo) e aggiungete poi 2 cucchiai di olio di mandorle. Stendete quindi il composto sul viso e lasciate riposare per 30 minuti. Risciacquate con delicatezza

Maschera per il viso (pelle secca): schiacciate la polpa di un avocado e unite poi un cucchiaino di miele; con una paletta di legno, mescolate bene e stendete poi su viso e collo, massaggiando con delicatezza. Dopo 10 minuti di riposo, procedete con il risciacquo con acqua calda

Maschera per il viso (pelle grassa): schiacciate la polpa di un avocado e unite poi un cucchiaino di succo di limone; con una paletta di legno, mescolate bene e stendete poi su viso e collo, massaggiando con delicatezza. Dopo 10 minuti di riposo, procedete con il risciacquo con acqua calda

Maschera antirughe per il viso ed il collo: frullate 1 avocado maturo e 2 cucchiai di yogurt bianco intero. Aggiungete 1 cucchiaino di miele d’acacia, mescolate bene e poi inglobate anche 1 cucchiaino di olio di Karité e 1 di olio di jojoba. Quando ottenete un composto denso e cremoso, facile da spalmare, la maschera è pronta e potete stenderla sul viso e collo: è ideale come elasticizzante, idratante, rigenerante, emolliente e per dar luce alla pelle. Tenetela in posa per 20 minuti, poi risciacquate con acqua tiepida e tamponate per asciugarvi

Maschera antiage: frullate per un minuto circa, la polpa di ½ avocado, 1 tuorlo d’uovo (che sia fresco!), 1 cucchiaio di succo di aloe, 1 cucchiaio di acqua di cottura di spinaci, e 2 perle gelatinose di olio di borragine e 2 di vitamine E (tutte acquistabili in erboristeria). Stendete sul viso il composto ottenuto e lasciate riposare per 15 minuti. Risciacquate infine con acqua tiepida. La maschera può essere fatta anche 2 volte a settimana

Maschera per il decolleté: unite la polpa di ½ avocado con 2 cucchiai di farina di grano saraceno, amalgamate bene e solo in seguito, aggiungete 2 cucchiai di olio di germe di grano, 2 cucchiai di olio essenziale di ylang ylang e 10 gocce di olio di rosa mosquita. Quando ottenete un composto cremoso, applicate sul vostro decolleté e lasciate riposare per un quarto d’ora

Scrub esfoliante: miscelate la polpa di un avocado, con l’albume di 1 uovo, 1 cucchiaino di succo di limone e 2 cucchiai di farina d’avena. Quando è pronto il composto, distribuirlo sul collo e viso e lasciate riposare per un quarto d’ora. Risciacquate e sentirete immediatamente la pelle molto più levigata. Per idratarla, dopo lo scrub, è sufficiente prendere la buccia dello stesso avocado e passarla ove desiderato. L’olio che è in essa contenuto (che così facendo si deposita sull’epidermide) è eccezionale per la salute della pelle. Massaggiate delicatamente, lasciate agire per 10 minuti e lavate poi la pelle con acqua tiepida

Burro di cacao: a bagnomaria, sciogliete 40 gr di cera d’api, 25 gr di miele e 50 gr di olio di avocado. Mescolate bene il tutto e poi togliete dal fuoco. Continuate a girare finché non diviene freddo, e poi versatelo in piccoli vasetti pronti per l’utilizzo.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline