I bambini che stanno all’aria aperta quando fa freddo si ammalano di meno

1 Commento

bambini inverno influenza

Sembra un’affermazione ovvia, quindi perché i bambini non possono giocare fuori in ogni stagione? Perché le scuole non fanno uscire gli allievi durante la ricreazione, quando la temperatura diventa troppo fredda? La maggior parte delle sfide, dei rischi e ostacoli vari vengono rapidamente rimosse dall’infanzia, in uno sforzo atto ad impedire che nulla di male accada ai nostri amati figli.

Eppure Susanna Esposito, direttrice della UOC Pediatria 1 Clinica della Fondazione Policlinico di Milano e Presidente della Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (SITIP) afferma:

“Con l’arrivo delle temperature fredde, i genitori hanno paura di lasciare i figli all’aria aperta, perché temono per la loro salute. In realtà, se ben coperti e portati fuori nelle ore centrali della giornata, hanno minori possibilità di essere esposti agli agenti infettivi di quante ne hanno se rimangono a lungo in luoghi poco areati. Infatti, i contatti ravvicinati con altri bambini o, più in generale, con i soggetti malati, sono una delle principali modalità di trasmissione delle malattie infettive…”

Immaginate i bambini che sono cresciuti giocando fuori, in tutte le stagioni dell’anno. Immaginate come sarebbero diversi dai bambini a cui viene insegnato a stare dentro quando piove, o fa freddo. O come sarebbero differenti dai bambini che vengono intrattenuti dal televisore, dal computer o dai videogiochi.

I bambini che giocano all’esterno in condizioni climatiche impegnative sono più positivi, più creativi e più adattabili. Non si lasciano scoraggiare dalle sfide. Il brutto tempo crea rischi reali e opportunità di crescita. Poiché i rischi insegnano. Essi hanno conseguenze reali che ci permettono di conoscere ed essere consapevoli di noi stessi, degli altri e della natura.

Privando i bambini delle sfide non li permettiamo di affrontare la realtà quando saranno adulti. Che tipo di adulto potrà essere con un infanzia senza problemi o conseguenze?

Fuori accadono cose incredibili.

  1. Creare un libro della natura: Prendete una macchina fotografica, matite colorate, colla e un quaderno ed esplorate la natura. Annotate osservazioni e disegni, immagini di piante e animali. Raccogliete ramoscelli, foglie e fiori e incollateli nel libro della natura. Vedrete quante piante si possono raccogliere e quante fotografie si possono fare per documentare i luoghi che esplorerete.
  2. Fare la caccia al tesoro: Fate un elenco di elementi – pigne, sassi, semi, ecc Prendete un cesto e raccogliete gli elementi della lista. Assicuratevi di cancellare ogni elemento che trovate.
  3. Fare una passeggiata notturna: Tutto ciò che serve è una torcia elettrica o una lampada frontale, vestiti caldi e scarpe da trekking. Fate una passeggiata notturna intorno al quartiere con la famiglia.
  4. Raccogliere rocce: raccogliete diverse rocce e catalogatele.
  5. Osservare la fauna selvatica: Avrete bisogno di binocoli, una lente d’ingrandimento, matita e carta per disegnare gli animali che si scoprono.
  6. A caccia di colori: Avrete bisogno di un paio di campioni di colore per portare la famiglia a caccia di colori. Annotate il colore e il nome di ogni elemento, e disegnate tutto ciò che trovate”.
  7. Fate un giro in bicicletta: Fate un giro in bicicletta con la famiglia intorno al quartiere. Assicurati che tutta la famiglia indossi i caschi!
  8. Snowboard o sci: Sci e snowboard sono ottimi modi per tenere i bambini in movimento. Basta fare in modo di avere un equipaggiamento protettivo.

Qui troverete un altro piccolo elenco:

  • Riuscire a vedere un gufo e piccoli mammiferi in un prato
  • Fare tisane con ingredienti naturali reperibili a livello locale
  • Ringraziare la natura per tutte le lezioni che fornisce.
  • Trovare un nido di uccelli e indagare su quale tipo di uccello si tratti.
  • Giocare nella natura
  • Mangiare uno spuntino e il pranzo fuori
  • Monitorare i movimenti e le azioni degli animali per capire meglio le lezioni che ci insegnano

Quindi, andate fuori con i vostri bambini senza farvi scoraggiare dal tempo. (Ricordate, i bambini crescono sani in tutto il mondo. In condizioni artiche, nei deserti e nei tropici. -50 °C a 45 °C, e lo fanno bene).

 

Uscite in ogni condizione atmosferica, vestitevi bene, e fate in modo che diventi una cosa normale per voi e per i bambini che crescono. In questo modo cresceranno resistenti, adattabili, creativi, positivi e consapevoli, queste sono le cose di cui avranno bisogno per affrontare il loro futuro.

Durante i caldi mesi primaverili ed estivi, sembra naturale permettere ai bambini di giocare all’aperto. Mentre, quando arriva l’inverno, i genitori possono essere più riluttanti a mandare i bambini  fuori. Tuttavia, ci sono molti modi per assicurarsi che i bambini possano stare fuori in inverno in maniera sana e sicura, in modo che possano ottenere anche dei benefici per la salute.

Come rafforzare i nostri bambini in inverno

1. I bambini possono evitare germi e batteri all’aria aperta anche d’inverno. E’ praticamente impossibile proteggere completamente i bambini da tutti i virus o batteri, soprattutto in inverno, quando sono più frequenti. Tuttavia, permettendo a loro di entrare in contatto con alcuni di questi parassiti e batteri in modo naturale si possono effettivamente ridurre le probabilità di sviluppare malattie autoimmuni e allergie, secondo il Center for Disease Control (CDC).

“Si rafforza il sistema immunitario, permettendo al bambino una via di fuga da germi e batteri, ed aiuta a formare una resistenza alle allergie”, afferma il CDC .

E’ importante respirare aria fresca perché tutti i batteri e i germi che si mettono in casa possono essere riciclati più volte attraverso le prese d’aria, secondo il CCHP (California Childcare Health Program). Pertanto, più tempo trascorrono all’interno, più sono esposti.

 “Quando i bambini e gli adulti trascorrono molto tempo insieme in spazi interni che sono piccoli, surriscaldati e poco ventilati, germi e malattie passano facilmente da una persona all’altra”, afferma il CCHP.

In inverno il tempo all’aperto potrà sembrarvi un calvario. Freddo, neve e ghiaccio e la mancanza di sole estivo possono fare in modo che anche la famiglia più attiva, voglia stare dentro.  Pooja Tandon, MD , una ricercatrice per la salute dell’infanzia insieme al Research Institute di Seattle per bambini e un altro pediatra, incoraggiano i bambini e le famiglie ad uscire, in ogni condizione atmosferica.

Un recente studio condotto da Tandon ha rilevato che quasi la metà dei bambini in età prescolare degli Stati Uniti non hanno avuto nemmeno una possibilità di giocare all’aperto d’inverno. Lo studio ha anche scoperto che le ragazze hanno meno probabilità di giocare fuori rispetto ai ragazzi e che le madri portano i loro figli fuori a giocare più spesso dei padri. Il quindici per cento delle madri e il 30 per cento dei padri non hanno portato i loro figli fuori a camminare o giocare neanche un paio di volte alla settimana.

“Il gioco all’aperto è essenziale per i bambini affinchè sviluppino le loro abilità e abbiano esperienze che potrebbero non essere possibili al chiuso”, afferma Tandon. Il tempo trascorso all’aperto offre opportunità per fare attività fisica, è aumenta i livelli di vitamina D. “Inoltre, le interazioni sociali e le esperienze sensoriali che bambini sviluppano all’aperto non possono essere sviluppate quando giocano in casa” Pooja Tandon. Pertanto, la convinzione diffusa che tenere i bambini al riparo dal freddo li manterrà più sani non è necessariamente vera.

2. Opportunità per fare esercizio. Secondo il CDC, i bambini dovrebbero fare 60 minuti di esercizio tutti i giorni, ed esercitarsi durante l’inverno può essere ancora più vantaggioso. I muscoli più grandi sono in grado di lavorare di più quando i bambini devono camminare nella neve, e questo aiuta con lo sviluppo motorio, secondo il CCHP. Limitare l’esercizio all’aperto fino alla fine dell’inverno può arrestare la crescita dei muscoli e tutto ciò può causare svariati problemi di salute. L’aumento di esercizio fisico aiuterà a promuovere un ciclo di sonno migliore e farà crescere i bambini più forti favorendo il mantenimento di un peso corporeo sano. Alcune attività fisiche di divertimento per i bambini durante l’inverno comprendono andare slittino, contribuendo a spalare la neve o la costruzione di una neve forte o pupazzo di neve. Il The American Academy of Pediatrics suggerisce per la sicurezza quando si gioca all’aperto durante l’inverno:

  1. Impostare un orario affinché i bambini entrino all’interno per riscaldarsi.
  2. Attenzione ai comuni segnali di pericolo di congelamento e ipotermia.
  3. Vestire i bambini a strati multipli in modo che rimangano asciutti e al caldo, e non farli giocare in condizioni estreme di freddo.
  4. Regola generale: Vestire i bambini come si vestirebbe un adulto nelle stesse condizioni.
  5. Controllare l’ambiente in anticipo per vedere se ci sono strade ghiacciate o scivolose.

3. Vitamina D. Secondo l’Istituto nazionale della salute degli integratori alimentari (ODS), la vitamina D favorisce l’assorbimento del calcio, previene il rachitismo nei bambini e impedisce alle ossa di diventare troppo sottili o fragili. L’esposizione al sole è una fonte importante di vitamina D, soprattutto per i bambini, dal momento che pochi alimenti la contengono naturalmente e quelli che ne dispongono sono poco appetibili per i bambini. La quantità di luce solare a cui sono esposti i bambini e la quantità di vitamina D che possono assorbire può avere un forte impatto sul loro umore. “La vitamina D, assimilabile dalla luce del sole, può cambiare i livelli di serotonina nel cervello, il che potrebbe spiegare i cambiamenti di umore“, secondo uno studio del 2008 condotto da Jaap Denissen circa gli effetti del tempo sull’umore quotidiano. La serotonina è un ormone che svolge un ruolo importante nella regolazione dell’umore. Bassi livelli di serotonina, e più elevati livelli di melatonina, potrebbero sviluppare sintomi depressivi. Una minore esposizione al sole, abbasserà i vitamina D e livelli di serotonina. “Di conseguenza, livelli più bassi di vitamina D potrebbero essere responsabili degli aumenti della stanchezza e dell’umore negativo”, secondo la ricerca di Denissen.

Leggi anche

La Vitamina D è il più potente antidepressivo naturale

Troppe ore di scuola in Italia – Ecco cosa fanno bambini più intelligenti del mondo

Ecco la Bomba Anti-influenzale efficace anche per tosse e raffreddore

I Poteri Curativi della Vitamina D - Libro
Vitamin D Revolution – Come prevenire e curare: osteoporosi, diabete,
rachitismo, sclerosi multipla, influenza, cancro, dolore cronico, asma,
deterioramento cognitivo senile, fibromialgia… e molto altro
Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere

Copyrighted.com Registered & Protected H0MU-UBZ4-ZLPS-YZQY

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Commento su questo post

  1. È normale, il corpo umano ha potenzialità incredibi. I bambini che stanno più all’area aperta portano il loro organismo ad adattarsi ai cambi di clima e quant’altro… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline