basilico sacro tulsi

Il basilico sacro tulsi è da sempre considerato un vero e proprio elisir di lunga vita. Originario del sudest asiatico, da migliaia di anni è tradizionalmente impiegato nella medicina ayurvedica per trattare una vasta gamma di disturbi e patologie di entità variabile. La scienza oggi ne conferma le proprietà curative che spaziano dalle virtù anticancro a quelle antivirali. Il Tulsi o basilico sacro, detto anche tulasi oggi viene generalmente assunto sotto forma di compresse, integratori o come tisana o decotto. Nella medicina moderna, scienziati e ricercatori indiani hanno avuto modo di studiare e documentare ampiamente gli effetti farmacologici delle varie piante che caratterizzano  tale pianta, riscontrando effetti benefici su sistema immunitario, sul sistema riproduttivo, su quello nervoso centrale e cardiovascolare cosi come sull’ apparato gastrico e urinario, senza tralasciare la biochimica del sangue, hanno inoltre dimostrato la relativa capacità di proteggere organi e tessuti contro lo stress chimico da inquinanti industriali e metalli pesanti così come lo stress fisico caratterizzato da sforzi fisici prolungati. Ottimo alleato contro ansia, stanchezza surrenale, ipotiroidismo, sbalzi glicemici, acne e utile anche per smettere di fumare, il basilico sacro si rivela efficace anche nel preservare la bellezza naturale di pelle e capelli.

In India il basilico sacro tulsi è associato alla divinità protettrice del mondo e venerato come una vera e propria divinità. È presente quasi in ogni casa posto su altari di venerazione ed è parte fondamentale della millenaria medicina ayurvedica. Alcune foglie del basilico tulsi messe nell’acqua potabile o nel cibo possono aiutare a purificare, debellando eventuali germi. Secondo la medicina orientale annusarlo o tenerlo in un vaso in casa può proteggere l’intera famiglia da infezioni, tosse e raffreddore. Fin dall’antichità la pianta veniva adorata due volte al giorno, annaffiata e si era soliti accendere alcune lampade accanto allo stesso, al mattino e alla sera. Si ritiene infatti che il basilico sacro indiano protegga la famiglia dal male e porti fortuna. Le foglie del basilico sacro sono state anche una componente essenziale in tutte le cerimonie di culto indiane fin dai tempi più remoti. Il suo utilizzo risale dunque alla “notte dei tempi”.

Basilico sacro proprietà

Nel basilico sacro sono stati trovati centinaia di composti ed elementi benefici dalle molteplici proprietà. Tale pianta appare pertanto in grado di:

  • Purificare il sangue;
  • Ridurre gli stati febbrili;
  • Regolare la pressione sanguigna;
  • Depurare dalle tossine e dalle sostanze di rifiuto a carico dell’organismo;
  • Svolgere un’azione antiossidante;
  • Svolgere un’azione antivirale e adattogena;
  • Svolgere un’azione antibatterica;
  • Stimolare il sistema immunitario;
  • Prevenire e trattare gli stati influenzali;
  • Rafforzare il cuore e il sistema cardiocircolatorio

Proprietà organolettiche e nutrizionali del basilico Tulsi

Sono due le tipologie principali di basilico sacro Tulsi: Rama Tulsi che presenta un gambo bianco e foglie verdi e Shyam Tulsi caratterizzato da gambo e foglie rosa-viola scuro. Entrambi appaiono piuttosto simili per quanto riguarda l’aroma e i benefici, e sono privi di teina e caffeina. Un quarto di tazza di foglie di tulsifresche, circa 6gr comprende:

  • 1 KCal
  • 0,2 gr di sodio
  • 0,2 gr di carboidrati
  • 31% di vitamina K
  • 6% di vitamina A
  • 2% di vitamina C
  • 3% di manganese
  • 1% di folati
  • 1% di calcio
  • 1% di potassio
  • 1% di magnesio

10 Benefici del Basilico Sacro Tulsi

  1. Mal di testa – Mal di testa ed emicrania possono essere causati dalla pressione al setto nasale, tosse, raffreddore, pressione alta. In queste situazioni tali disturbi possono essere efficacemente trattati con il basilico tulsi assunto internamente o inalato mediante l’utilizzo di un diffusore posto nell’ambiente circostante, con olio essenziale di basilico sacro.
  2. Congiuntivite e cataratta – Grazie alle sue proprietà antivirali e antinfiammatorie, è efficace nel trattamento della congiuntivite, per la quale è consigliata l’applicazione topica. Il basilico tulsi può anche aiutare a prevenire la cataratta contrastando lo stress ossidativo e la formazione di proteine insolubili che possono comportare l’insorgenza della patologia.
  3. Stanchezza surrenale e stress. Il basilico sacro tulsi possiede proprietà adattogene, molto rare in natura e proprie solo di alcune specie botaniche. Questo significa che il basilico tulsi è in grado di adattarsi al corpo armonizzando i vari processi e stimolando la forza fisica e il rilassamento, abbassando lo stress. Secondo uno studioscientifico pubblicato nel 2014 sul Journal of Ayurveda and Integrative Medicine, numerose testimonianze dimostrano come il basilico sacro può migliorare lo stress fisico, chimico, metabolico e psicologico. In particolare gli scienziati affermano:”È stato scoperto che il basilico tulsi protegge organi e tessuti dallo stress chimico dovuto agli inquinanti industriali e metalli pesanti, e dallo stress fisico da prolungati sforzi fisici, ischemia, contenzione fisica ed esposizione a rumore e freddo eccessivi. Il basilico tulsi ha anche dimostrato di contrastare lo stress metabolico attraverso la normalizzazione della glicemia, della pressione sanguigna e dei livelli lipidici, e lo stress psicologico attraverso effetti positivi sulla memoria e sulle funzioni cognitive e attraverso le sue proprietà ansiolitiche e antidepressive.”.
  4. Acne. Le caratteristiche proprietà antinfiammatorie e antimicrobiche del basilico indiano, contribuiscono a renderlo un efficace trattamento contro l’acne e i disturbi a carico della pelle in generale. In questo caso è consigliabile effettuare un impacco topico utilizzando una miscela di olio essenziale di basilico tulsi e olio di cocco.
  5. Cancro.La ricerca scientifica ha dimostrato come i soggetti che consumano regolarmente basilico tulsi, presentino meno probabilità di essere immunocompromesse e meno suscettibili allo sviluppo di cellule tumorali. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nutrition and Cancer, i composti fitochimici in esso contenuto quali eugenolo, acido rosmarinico, apigenina, miretenale, luteolina, β-sitosterolo e acido carnosico, possono aiutare a prevenire il cancro al polmone, al fegato indotto da sostanze chimiche, alla bocca e alla pelle poiché promuovono l’attività antiossidante, alterano positivamente l’espressione dei geni del DNA, inducono la morte delle cellule tumorali, impediscono la crescita dei vasi sanguigni che le alimentano e arginano le metastasi.
  6. Febbre. Il basilico sacro è spesso raccomandato come trattamento naturale contro la febbre, specialmente da parte dei medici della medicina ayurvedica. Le foglie del basilico sacro agiscono come efficaci antibiotici, germicidi e antisettici, il che significa che possono proteggerci da batteri e virus. Quando abbiamo la febbre, è la prova che i nostri corpi stanno combattendo contro un’infezione, pertanto grazie alle spiccate proprietà antivirali e antinfiammatorie, il tulsi può aiutare a combattere la febbre e ripristinare il naturale equilibrio del nostro organismo.
  7. Asma e disturbi respiratori. Il basilico tulsi è molto utile nel trattamento dell’asma poiché allevia la congestione e facilita la respirazione. I fitonutrienti e gli oli essenziali in esso contenuti aiutano a curare alcune delle cause sottostanti all’asma, poiché migliora la respirazione: viene comunemente raccomandato nella medicina ayurvedica per arginare eventuali problematiche a carico dell’apparato respiratorio.
  8. Carie. L’azione disinfettante del basilico tulsi, contribuisce a renderlo efficace nel combattere i batteri presenti all’interno della bocca, gli stessi che comportano la formazione di carie, placca, tartaro e alitosi. Ulteriore testimonianza deriva da studi scientifici che, negli ultimi anni, hanno determinato che il tulsi, aiuterebbe a ridurre le ulcere in bocca e a fermare la crescita delle cellule tumorali orali. Sarebbe quindi opportuno assumere una tisana di basilico tulsi quotidianamente o in alternativa applicare una goccia di olio essenziale di basilico tulsi sullo spazzolino con il dentifricio prima di lavarsi i denti.
  9. Candida. È stato dimostrato anche come il basilico tulsi combatterebbe efficacemente l’infezione della Candida albicans. Secondo alcuni ricercatori la ragione principale risiederebbe infatti nella ricchezza di eugenolo, un potente antifungino. I sintomi della candidasono molto debilitanti e per molte donne rappresentano un problema difficile da trattare. L’assunzione di capsule e integratori a base di basilico tulsi così come il consumo frequente di tisane e decotti, possono quindi rappresentare ottimi rimedi naturali per combatterla naturalmente.
  10. Cuore e colesterolo. È stato dimostrato come il basilico tulsisia in grado, tra le altre cose, di ridurre l’infiammazione del tessuto cardiaco, prevenendo patologie cardiovascolari e inibendo un enzima ossidativo che può causare aterosclerosi. L’elevato contenuto di eugenolo permetterebbe infatti al basilico tulsi di risultare efficace anche nel ridurre il colesterolo LDL e i trigliceridi, incrementando al contrario il colesterolo buono HDL.

Basilico sacro indiano controindicazioni

Il basilico sacro tulsi viene considerato sicuro sia quando il relativo consumo appare regolare che per quanto concerne l’applicazione topica. Qualora si assumano farmaci anticoagulanti quali ad esempio aspirina e warfarin, sarebbe opportuno evitarne l’assunzione, questo poiché presenta anch’esso effetti anticoagulanti che, sommandosi, potrebbero comportare lividi, ematomi e sanguinamento. Per la stessa ragione è necessario interrompere l’uso del basilico tulsi due settimane prima di qualsiasi intervento chirurgico.

Utilizzo basilico sacro tulsi

Il basilico sacro tulsi puo’ essere facilmente utilizzato come rimedio naturale contro:

  • Punture di insetti o morsi: può essere applicato localmente o assunto anche per via orale;
  • Disturbi della pelle: Applicato sulla pelle è utile contro l’acne, eczema, psoriasi, macchie cutanee;
  • Bocca e denti: Masticare le foglie di tulsi rappresenta un rimedio efficace contro le infezioni e ulcere nella bocca. Una pasta preparata mescolando foglie di tulsi e olio vegetale o argilla caratterizza un efficace dentifricio in grado di mantenere l’alito fresco e i denti sani a lungo termine;
  • Calcoli renali: assunto regolarmente per qualche mese, il succo e la tisana sono in grado di sciogliere i calcoli renali;
  • Aiuta a smettere di fumare:il basilico tulsi è noto per offrire un’azione antistress particolarmente marcata, rappresentando inoltre un valido aiuto per smettere di fumare;
  • Stress: masticare 12 foglie di basilico al giorno caratterizza un potente rimedio naturale per abbattere lo stress e ritrovare la tranquillità;
  • Cuore: il basilico può aiutare un cuore indebolito da patologie cardiache, nel ridurre il colesterolo nel sangue altresì purificandolo;
  • Mal di testa: foglie di basilico sacro pestate avvalendosi di un mortaio, possono essere applicate sulla fronte dando sollievo immediato dal mal di testa;
  • Vie respiratorie: il succo di basilico, miele e zenzero appare efficace contro l’asma, bronchite, raffreddore, tosse e stati influenzali;
  • Raffreddore e febbre: la tisana a base di basilico tulsi è così potente da essere utilizzata come prevenzione della malaria e febbre durante la stagione delle piogge. Per l’influenza in particolare è consigliata l’assunzione di un infuso con l’aggiunta di chiodi di garofano e un pizzico di sale. Per ridurre la temperatura e la febbre invece è invece utile un infuso preparato con basilico sacro tulsi, cardamomo, zucchero e latte.
  • Tosse: gli sciroppi per la tosse ayurvedici contengono il basilico sacro poiché promuove l’espulsione del muco e del catarro nella bronchite e l’asma. La tisana di tulsi con l’aggiunta di un cucchiaino di miele è ottima per lenire il mal di gola.
  • Disturbi di stomaco: il basilico tulsi rafforza lo stomaco ed è un ottimo rimedio per la diarrea e il vomito.

Dove trovare il basilico sacro tulsi

Il basilico sacro tulsi, sebbene sia originario dell’India, cresce anche in Italia con relativa facilità: occorre piantarlo preferibilmente in una zona esposta al sole e protetto dal freddo poiché la pianta predilige il caldo umido. Si possono trovare facilmente in commercio tisane ed integratori a base di basilico tulsi, e online sono facilmente reperibili anche i semi. L’olio essenziale di basilico tulsi è ottimo se utilizzato all’interno di un diffusore per ambienti: l’olio purifica l’aria da batteri e microrganismi che possono causare malattie,allevia lo stress, incrementa l’energia vitale e supporta nei momenti più duri.

Aggiornato al 29 novembre 2019

Riferimenti
Sembulingam K et al. Effect of Ocimum sanctum Linn on noise induced changes in plasma corticosterone level. Indian J Physiol Pharmacol. 1997 Apr;41(2):139-43.
Manikandan P et al. Ocimum sanctum Linn. (Holy Basil) ethanolic leaf extract protects against 7,12-dimethylbenz(a)anthracene-induced genotoxicity, oxidative stress, and imbalance in xenobiotic-metabolizing enzymes. J Med Food. 2007 Sep;10(3):495-502.
Viyoch J et al. Evaluation of in vitro antimicrobial activity of Thai basil oils and their micro-emulsion formulas against Propionibacterium acnes. Int J Cosmet Sci. 2006 Apr;28(2):125-33
Baliga MS et al. Ocimum sanctum L (Holy Basil or Tulsi) and its phytochemicals in the prevention and treatment of cancer. Nutr Cancer. 2013;65 Suppl 1:26-35.

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni