Benefici e considerazioni sul Rebirthing

Nessun Commento

ive-experientially-explored1

Sin dai tempi più remoti, la respirazione è stata utilizzata in svariate culture come uno dei mezzi più potenti per agire sulla nostra consapevolezza: essa infatti attiva tutte quelle forze intelligenti che permettono una ri-armonizzazione e un’estensione delle nostre facoltà, portando alla luce il nostro
potenziale di auto-guarigione. E infatti, nella maggior parte dei casi il Rebirthing, nato negli anni 70 grazie al ricercatore americano Leonard Orr che riscopre un’antica respirazione dalle tecniche del Pranayama, è risolutivo di vecchi traumi e stati di conflitto che ci legano a dipendenze da lavoro, alcool, droghe, sesso e cibo. È anche di aiuto nel superare, con un’elaborazione di tipo consapevole, i momenti difficili associati a cambiamenti della vita quali separazioni, perdite, lutti e abbandoni.

Leonard Orr

Leonard Orr sintetizza il Rebirthing in questa frase: “La respirazione consapevole del rebirthing e la trasformazione dei pensieri autolimitanti e negativi in pensieri costruttivi dovrebbero essere al centro di ogni sistema educativo”.

Leonard Orr sperimentò che praticando l’antico esercizio respiratorio da lui riscoperto si vivevano esperienze che andavano dal rilascio delle tensioni corporee alle visualizzazioni mistiche, dal contatto profondo con le proprie emozioni all’abbandono delle paure inconsce: una tecnica che toccava tutte le dimensioni dell’essere umano.

Il Rebirthing può essere praticato sia in acqua fredda o calda (37°-38°) sia a “secco” con i benefici seguenti:
migliora la stato di salute in generale (fisicamente ed emotivamente), riduce lo stress, la tensione e il dolore in qualsiasi zona del corpo; riattiva le funzioni vitali e combatte ansia e insonnia;
vince progressivamente la timidezza e permette alla personalità di emergere completamente;
sviluppa Energia Vitale: si incanala l’energia in modo più efficiente col risultato di essere più resistenti e di sopportare meglio gli sforzi fisici;
– i muscoli e il sistema nervoso diventano presto più sensibili, controllati e coordinati;
– alimenta il corpo di ossigeno che trasporta gli elementi nutritivi a tutto il ns. organismo;
migliora notevolmente la circolazione; rivitalizza ogni ns. cellula;
il 75% delle tossine vengono espulse proprio da una corretta e profonda respirazione;
– sviluppa endorfine;
– è un valido aiuto contro aggressività e tensione;
– migliora notevolmente la “voce”;
– permette di divenire persone autentiche, iniziando ad accettarci dal corpo e a sciogliere tutte quelle tensioni muscolari che imprigionano le nostre emozioni e sensazioni;
migliora il rapporto con noi stessi e con le altre persone;
– aumenta la creatività e la ricerca attiva di soluzioni alle innumerevoli sfide che la vita presenta;
accresce la capacità di combattere le abitudini negative e migliora l’autostima;
– è possibile durante la sessione rivivere la propria nascita (da qui il nome Rebirthing che in inglese vuol dire proprio Rinascita) e liberarsi da questo ricordo, che per alcuni può essere traumatico,  può essere di enormi benefici;
– fornisce al cervello il miglior tipo di carburante: l’ossigeno del sangue;
– riequilibra e armonizza i Chakra: importanti centri di energia corrispondenti alle ghiandole del nostro sistema endocrino;
– parte della medicina tradizionale lo ha riconosciuto efficace per la cura di molte malattie psicosomatiche quali: ansia, attacchi di panico,  depressione, insonnia, emicranie e per ricreare un vero equilibrio psicologico;
è possibile durante le sessioni di Rebirthing sperimentare “intuizioni” e stati meditativi (Rebirthing ad Approccio Transpersonale);
attraverso il Rebirthing impariamo a conoscerci andando a scovare i pensieri ripetitivi e auto limitanti, consci e inconsci, i modelli comportamentali e gli atteggiamenti precostituiti che influenzano la nostra vita. Impariamo a comprenderci meglio andando a ricercare nel nostro passato il momento, il contesto o il processo di condizionamento che ci hanno spinto ad adottare un determinato schema di comportamento; e attraverso la comprensione, lasciamo andare ogni giudizio, imparando ad accettarci completamente per ciò che siamo, non per ciò che vorremmo essere. Contemporaneamente scopriamo che quelli che consideravamo limiti insormontabili sono soltanto la conseguenza di “riflessi condizionati”;
– accettandoci iniziamo a trasformarci: dentro di noi accade qualcosa di molto importante: le vecchie ferite vengono integrate e gli schemi di comportamento svaniscono. Ritorniamo a essere noi stessi e ci dedichiamo alla vita con amore, gioia e fiducia, sapendo che ogni istante ci offrirà qualcosa di nuovo.

Appunti tratti dagli incontri di rebirthing con Alexander Berlonghi di Frida Ceresa

Il respiro è quell’attività che richiama il tuo spirito e lo incarna. Blocchi di energia non permettono allo spirito di incarnarsi. L’esperienza del rebirthing, può anche essere un’esperienza molto energetica che si manifesta con sensazioni quali: formicolio (è energia che sta fluendo), rigidità alle mani e ai piedi e gambe pesanti (sono blocchi di energia). Le sensazioni che emergono sono già presenti dentro di te ma sono come anestetizzate. Alcuni hanno sensazioni fisiche altri visive, altri ancora evocano ricordi ed esperienze vissute – fantasie – sogni – esperienze mistiche- emozioni (ognuno ha le sue). Quale che sia l’espressione che vivi durante il respiro continua a respirare, non giudicarti, non valutarti, lascia andare, fidati del tuo corpo che è uno strumento meraviglioso. Tu sei uno spirito su questa terra e stai solo vivendo un’esperienza umana. Sei spirito sulla terra che genera esperienza umana. Uno spirito incarnato su questa terra che diventa parte della terra

NOTE VARIE:
– Quello che vivi è quello che stai sanando soprattutto quando fai fatica a respirare.
– Non opporre resistenza.
– Usa il respiro per far fluire ogni cosa.
– La tua resistenza aumenta la tua sofferenza.
– PANICO: Gli attacchi di panico sono resistenza alla paura.
– EMOZIONI: tutto quello che provi sono espressioni del respiro , non sono il respiro.
– Noi siamo energia al 98% e corpo fisico al 2%.
– Fra un respiro e l’altro c’è movimento :guarda quello che emerge.
– Fai il respiro in modo consapevole e sii presente a quello che stai facendo.
– Permettiti di essere consapevole e presente a quello che stai facendo.
– Certe persone a causa di un lutto non si permettono di essere gioiose. Il lutto è un processo energetico e un cammino dello spirito. Quando ti permetti l’accettazione del lutto come conseguenza emergono tante emozioni e dopo lo spirito che ha la tendenza a seguire il congiunto allontanandosi dal corpo, si RAFFORZA. L’elaborazione del lutto è un cammino dello spirito dove grazie a quella persona tu ti ritrovi nel tuo tempio: il corpo.
– Il respiro è ogni volta diverso. Quindi lascia andare le aspettative. Ogni volta corpo e respiro ti guidano in modo nuovo
– Chiedi di essere il più aperta possibile.
– Non permetterti di essere sopraffatta dalla tua razionalità
– Non hai più bisogno delle abitudini che avevi quando eri bambina (esempio: essere lodata gratificata o protetta).
– Quando fai il respiro permettiti di fare i fatti tuoi.
– Quando fai il respiro segui il piacere.
– Se vuoi fare pace con il tuo rammarico devi consacrare il tuo corpo: Amare il tuo corpo come sacro.

Per approfondire

Rebirthing – La respirazione circolare che guarisce

Il libro del rebirthing
L’arte del respiro consapevole

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 12.95
Rebirthing - Libro
Il respiro che guarisce – Manuale di benessere e di motivazione

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere

€ 12.9
Rebirthing
Tecniche per integrare corpo mente e spirito
€ 16.5

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline