Caffeina e sport : miscela esplosiva?

Nessun Commento

Recentemente abbiamo spesso parlato di caffeina, sia di quella presente nel caffè comune sia nella nuova frontiera dimagrante: il caffè verde.

Attraverso questi studi si è potuto evidenziare il suo benefico effetto sull’organismo umano in generale.

Nello sport però viene classificata come “droga”, per la sua provata attività stimolante.

Quindi il mix: Caffeina e sport è davvero una miscela esplosiva?

Riportando uno studio presentato sulla rivista Scienza & Sport cerchiamo di capire più approfonditamente.

Chimicamente è definita 1,3.7- trimetilxantina, mentre il globo la conosce come caffeina.

 

Sostanza organica vegetale presente nelle piante di caffè, cacao, thè, cola, guaranà, (parte della guaranina), matè (parte della mateina).

Rio Guarà
Clipper - Infuso Rise and Shine

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

La caffeina non dev’essere considerata sinonimo di caffè: è presente nel caffè solo per il 2 %, tutto il resto possiamo anche distribuirla tra thè, bibite analcoliche e bevande energetiche.

Le sue qualità sono definite ergogeniche , in quanto agisce da stimolante, aumenta il metabolismo, e migliora l’attenzione, pertanto viene classificata come “droga” .

tabella a

 

Fino al 2004 era bandita dal CIO (Comitato Olimpico Internazionale) e dalla WADA ( World Anti-Doping Association) proprio per la comprovata capacità di migliorare le prestazioni.

La soglia cui era vietata era di 12 mgc/mL nelle urine, che corrisponde a 8 tazzine di caffè concentrato.

Tuttavia la questione è stata ribaltata permettendo il consumo di caffeina da parte degli atleti durante le competizioni, anche se rimane una sostanza monitorata dalla WADA, che consiglia di non superare le 6-8 tazzine di caffè espresso, nelle 3 ore precedenti la competizione.

La dose raccomandata per il miglioramento delle prestazioni è di 1,3 mg x kg peso corporeo 1 ora prima della competizione.

Un eccesso può causare disturbi gastrointestinali, ansia, irritabilità, sempre in relazione alla sensibilità del soggetto.

Caffè Gioia Biologico - Confezione da 40 Capsule

 

COSA SUCCEDE QUANDO LA INGERIAMO?

La caffeina viene completamente assorbita nello stomaco e nel tratto iniziale dell’intestino, esattamente 45 min dopo l’ingestione.

La sua metabolizzazione avviene nel fegato, a diversa velocità in base all’individuo (come succede per le bevande alcoliche), e viene scissa in 3 composti:

 

 

–          paraxantina (84%) : stimola scissione dei grassi (lipolisi) , producendo glicerolo e acidi grassi liberi. Così si ottimizza l’utilizzo dei grassi per risparmiare riserve glucidiche. Importante nelle gare di lunga durata, in cui bisogna evitare l’esaurimento energetico, risparmiando il glicogeno muscolare ed epatico. (per esempio nella gare dalla durata di 80 min.)

–          teobromina (12%) : dilata i vasi sanguigni.

teofillina (4%) : rilassa la muscolatura dei bronchi.( trattamento utile per l’asma).

Carobpulver - Farina di Carrube - 250 g

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

 

CHE RELAZIONE C’è TRA CAFFEINA E PERFORMANCE SPORTIVE?

 

Diversi studi scientifici dimostrano come le sue proprietà stimolanti consentano di:

–          incrementare le prestazioni di resistenza, come la performance di ciclisti e corridori

–          diminuire i tempi di esecuzione

–          aumentare la potenza dei canottieri.

–          Migliorare le prestazioni intense di ciclismo di breve durata e quelle sportive della durata di 5 minuti

–          Aumentare la potenza massima, velocità, forza isocinetica in eventi sprint e della durata inferiore a 10 secondi

–          Incrementare precisione, agilità e velocità nei giocatori di tennis.

Sicuramente i benefici li possiamo notare in un certo numero di sport e situazioni , ma ci sono anche i casi in cui non ha alcun effetto in prestazioni atletiche che durano da 15 secondi a 3 minuti.

Inoltre, come già risaputo, aumenta la frequenza cardiaca, sia a riposo che durante un esercizio fisico; mentre in condizioni di riposo, è dimostrato che aumenta la diuresi.

Infatti Armostrong et al. (2007), hanno dimostrato che un consumo uguale o maggiore di 300mg aumenta l’eliminazione dei liquidi corporei.

I suoi effetti sono anche relazionati al sistema nervoso centrale, dove interferisce con l’adenosina (neuromodulatore dall’effetto calmante –opposto quindi alla caffeina) che rallenta l’attività delle cellule nervose.

La caffeina invece accelera queste attività, diminuisce la stanchezza, migliora l’attenzione e l’umore.

tabella b

CURIOSITA’:

perché spesso e volentieri ritroviamo la caffeina tra gli ingredienti di prodotti o bevande energetiche?

 

Assumere una miscela di carboidrati & caffeina (zuccheri semplici come glucosio), può essere un vantaggio per gli sportivi, perché si velocizza il passaggio dello zucchero al sangue, risparmiando le riserve di glicogeno muscolare.

Quindi per questo motivo viene inserita in un numero maggiore di integratori energetici, formulati appositamente per discipline di resistenza (endurance), costituendo anche ottimi strumenti di recupero .

Integratori Dietetici per gli Atleti di Endurance

 

Dott.ssa Valeria Crea

Fonte: Rivista Scienza & Sport

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline