Ecco perché tealights e candeline sono tossiche come il fumo di sigaretta

Nessun Commento

candele tealight

Le candele profumate o le tealights e quasi tutti le candele in commercio, sebbene possano essere utili a creare una piacevole atmosfera e profumazione, in realtà contengono alti livelli di tossine.

Le candele profumate che si trovano così a buon mercato e sono belle e decorative, in realtà non sono per nulla salutari e alla lunga danneggiano i polmoni ed aumentando il carico di tossine del corpo. Ecco di seguito perché con studi scientifici alla mano.

Respirare il fumo prodotto da una candela è tossico tanto quanto respirare il fumo di sigaretta, solo che non ce ne accorgiamo. Dopo aver letto questo articolo smetterai di usarle e sicuramente ti troverai molto meglio con le alternative naturali qui proposte.

Studi sulla tossicità

Le candele sono fatte di paraffina, un prodotto di scarto del petrolio che deve essere deodorato e sbiancato chimicamente prima che possa essere trasformato in cera. Queste candele quando accese rilasciano benzene e toluene, composti altamente tossici se bruciate (entrambi sono noti cancerogeni). Infatti, le tossine rilasciate dalle candele sono gli stessi come quelli trovati in vapori del carburante diesel.

Inoltre gli stoppini contengono metalli pesanti come il piombo, e dopo un paio d’ore accesi possono creare livelli di metalli pesanti nell’aria che sono molto superiori ai limiti accettabili. Gli stoppini delle candele dovrebbero essere di cotone o carta, ma gli studi hanno rilevato che almeno il 30% delle candele contiene metalli pesanti nei stoppini.

Il Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale dell’università di Hanyang ha pubblicato uno studio sulle candele profumate (1).

Sono state prese in esame sei profumazioni al fine di determinare se la quantità di tossine in esse contenute, variasse con la fragranza. Le candele profumate, accese o spente, contengono dei composti volatili chiamati COV ( composti organici volatili).

La formaldeide, famoso composto cancerogeno, è risultata essere una delle principali sostanze sprigionate dalle candele accese, ed è considerata un composto pericoloso dai vapori altamente tossici (2).

I valori più elevati di formaldeide sono stati trovati nelle seguenti profumazioni:

  • 2098 ppb (ppb =parti per miliardo) nella fragranza fragola

  • 1022 ppb nella fragranza cotone

  • 925 ppb nella fragranza naturale

In un compendio rilasciato dal CDC (Centre for Disease Control and Prevention) si afferma che “gli effetti acuti e cronici della formaldeide variano a seconda dell’individuo. Solitamente la soglia per lo sviluppo di sintomi acuti dovuti all’inalazione di questa sostanza è di 800 ppb ma i soggetti più sensibili hanno riscontrato i primi sintomi con livelli pari a 100 ppb.

Avvertimenti

Il CDC ha pubblicato avvertimenti e moniti circa l’esposizione alla formaldeide all’interno delle proprie case in cui emerge che una concentrazione di 1000 ppb è eccessiva e nociva.

E’ utile dunque ridurre l’esposizione a questa sostanza specie negli ambienti abitati da asmatici, anziani e bambini.

I sintomi solitamente assomigliano a delle reazioni allergiche, specialmente negli individui che già soffrono di problemi respiratori (3). L’esposizione per breve tempo può causare (4) :

  • lacrimazione e bruciore agli occhi

  • bruciore a gola e naso

  • nausea e/o vomito

  • tosse e/o rantolii

  • irritazione e/o bruciore alla pelle

Azione cancerogena

L’agenzia per la protezione dell’ambiente ha dimostrato che l’esposizione alla formaldeide può causare il cancro alle pareti nasali. Ci sono molti altri studi che confermano la potenziale cancerogenicità di questa sostanza (5), e in particolare il suo legame con la leucemia.

La tossicità della formaldeide può anche causare disturbi agli organi riproduttivi e allo sviluppo del fetoInoltre l’esposizione alla formaldeide può provocare deficit cognitivi e alcune forme di demenza (6).

Purificare la casa

Ci sono diversi modi naturali per purificare e profumare la nostra casa. Per profumare la casa e togliere gli odori della cucina o dei nostri animali domestici, non c’è bisogno di accendere delle candele profumate, si possono benissimo usare gli oli essenziali che vengono impiegati da secoli nell’ambiente domestico e in medicina.

I diffusori a freddo sono sempre più popolari, profumano la casa e sono molto più sicuri delle candele.

Preparazione delle fragranze

Versare dell’olio vettore biologico in un contenitore di vetro pulito e con un coperchio. L’olio di mandorla, d’oliva e di semi di canapa biologici, sono degli ottimi carrier. Aggiungere all’incirca una o due gocce di olio essenziale ogni cucchiaio di olio vettore e agitare bene prima di metterlo nel diffusore.

Un deodorante per ambienti fresco sicuro e facile da preparare

Versare 10 gocce di olio essenziale biologico profumato in un bicchiere d’acqua, agitare bene il contenuto prima di vaporizzarla nell’ambiente.

Un potpourri tutto naturale

Un altro modo per purificare la nostra vita e renderla più ecologica è tramite il riutilizzo o il riciclo.

Basta prendere le bucce della frutta, erbe e spezie e aggiungerci qualche goccia di olio essenziale biologico alla cannella.

Se avete bisogno di candele per i blackout, utilizzate queste

Per coloro che amano accendere candele o le necessitano a causa dei frequenti blackout, quelle alla cera d’api sono un’opzione biologica e tutta naturale e molto benefica da respirare.

Le candele pilastro di cera d’api pura e biologica di c.a. 7 cm x 12 cm bruciano per 115 ore, non sgocciolano, sanno leggermente di miele e si consumano in maniera uniforme.

Inoltre le candele di cera d’api, quando sono accese, producono naturalmente ioni negativi che riducono gli allergeni presenti nell’ambiente e a livello spirituale purificano anche energeticamente la casa. Per approfondire vedi Come purificare profondamente la tua casa dalle energie negative.

Diffusore Doppia Funzione - Nero
Diffusore sia per oli essenziali sia per carboncini e resine

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

Diffusore Aroma Vase
Modello KW020 – JELLY – Il benessere degli olii essenziali e un rilassante percorso cromatico

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

Bibliografia

[1] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25588193
[2] https://pubchem.ncbi.nlm.nih.gov/compound/formaldehyde#section=Top
[3] https://www.osha.gov/pls/oshaweb/owadisp.show_document?p_table=STANDARDS&p_id=10078
[4] http://www.cancer.gov/about-cancer/causes-prevention/risk/substances/formaldehyde/formaldehyde-fact-sheet
[5] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2974570/
[6] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19879019

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline