insaccati-cancro

Ad affermarlo è Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dopo un gruppo di lavoro di 22 scienziati provenienti da dieci nazioni che hanno avuto con gli esperti dell’OMS. I ricercatori hanno analizzato e revisionato tutti gli studi effettuati sulla correlazione tra carne e cancro e sono arrivati ad affermare chiaramente quale rischio si corre a mangiare alcuni tipi di carne.

QUAL’E’ IL RISCHIO

Nel comunicato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) legge infatti che la carne rossa è probabilmente cancerogena per l’uomo (e quindi è stata inserita nel gruppo 2A, ovvero non hanno prove definitive) mentre la carne lavorata e trattata è stata classificata ufficialmente come cancerogena (quindi è certo, e di conseguenza inserita nel gruppo 1A) al pari del fumo e del benzene.

Le possibili patologie che vengono elencate sono il tumore del colon, dello stomaco, del pancreas e della prostata.

QUALI CARNI SOTTO ACCUSA

Per carni lavorate si intende carne trasformata attraverso salatura, stagionatura, fermentazione, affumicatura o altri processi utili a migliorarne il sapore o la conservazione, e quindi ci rientrano: Wurstel, pancetta, salami, prosciutto, salsicce, carne in scatola, carne secca e sughi a base di carne.

Per carne rossa si intendono tutte le carni ricavate da muscolo di mammifero compresi, manzo, vitello, maiale, agnello, montone, cavallo e capra.

Queste valutazioni saranno ufficialmente pubblicate nel volume di 114 della IARC Monographs, nel frattempo però sul sito dell’Iarc è apparso un comunicato stampa, insieme a una lista di domande e risposte, che non lascia adito a molti dubbi.

BASTANO 50 GRAMMI

Gli esperti hanno concluso che ogni porzione di 50 grammi di carne lavorata mangiata ogni giorno aumenta il rischio di cancro al colon del 18%. “Un rischio che aumenta con la quantità di carne consumata” spiegano i relatori. Se consideriamo quanto prosciutto o salsiccia c’è in un panino, oppure quanta carne arrosto si mangia nei pasti o nei barbecue, il rischio è molto alto.

Il cancro al colon viene diagnosticato almeno nel 1% della popolazione italiana ogni anno, quindi nel complesso un’elevata percentuale di persone.  Secondo uno studio Aiom, il 9% degli italiani nel 2010 mangiava carne rossa o insaccati tutti i giorni, e il 56% la mangiava 3-4 volte a settimana e molto probabilmente la dose è sopra i 50 grammi.

ALTRI STUDI

Dionidream da tempo tratta i pericoli di un’alimentazione errata. Alcuni ricercatori, guidati da Valter Longo, hanno pubblicato uno studio che affermava chiaramente che il rischio di morte per cancro nella fascia d’età tra 50 e 65 anni è del 400% maggiore per chi consuma carne, latte e formaggi.

Un altro studio del Dott. Hunnicutt afferma che il ferro eme, presente nella carne rossa, è stato trovato far aumentare il rischio di malattia coronarica del 57%.

Insomma secondo i dati la naftalina, il fumo, il benzene e le carni lavorate sono messe sulla stessa classe di tossicità, il gruppo 1. Dopo tutti gli anni in cui se ne è discusso, finalmente ora che lo dice anche un’organizzazione scientifica forse qualcuno prenderà un pò più seriamente la propria salute. Alla fine è solo una questione di abitudine e cominciare ad orientarsi verso cibi più sani e che nutrono davvero il corpo. 

The Detox Miracle - Guida Completa
Alimenti crudi ed erbe per una completa rigenerazione cellulare
Del Mangiare Carne
Trattati sugli animali

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

Vedi anche

[catlist name=carne-latte]

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni