La causa di tutte le malattie croniche e come puoi salvarti la vita

5 Commenti

causa malattie croniche intestino

La maggior parte dei problemi di salute o malattie croniche derivano da un apparato digerente compromesso.

Sapevi che l’alterazione del sistema digerente causa disbiosi? La disbiosi è una condizione che si verifica quando vi è uno squilibrio tra batteri buoni e quelli cattivi nell’intestino.

La disbiosi è causata dall’alimentazione, in particolare dalla dieta moderna, ecco in cosa consiste:

  • Elevato consumo di zuccheri
  • Eccesso di cibi fritti e salati
  • Cibi raffinati e trasformati
  • Basso contenuto di fibre, minerali, acidi grassi essenziali (due soli sono gli acidi omega essenziali, cioè non sintetizzabili dal corpo umano: l’acido alfalinolenico (omega 3) e l’acido linoleico (omega 6)
  • Conservanti
  • Ormoni contenuti nella carne, nel pesce e nei latticini.

Se aggiungiamo a questi fattori lo stress e l’abuso di antibiotici, il corpo sarà sempre più debilitato. Senza apportare i dovuti cambiamenti questa condizione può sfociare in una problematica molto più grave chiamata: Sindrome da intestino permeabile.

Questa sindrome diffonde l’infiammazione cronica in tutto il corpo, favorendo così la comparsa di malattie autoimmuni che possono danneggiare lentamente la salute o addirittura nel peggiore dei casi, causare la morte!

Le malattie autoimmuni rappresentano un grave problema e purtroppo sono in costante aumento. Secondo le stime del National Institutes of Health (NIN) 1 persona su 6 è affetta da malattie autoimmuni, sono dei numeri spaventosi!

Ora che ho catturato la tua attenzione, partiamo dall’inizio.

Dalle analisi statistiche emerge che 10-12 milioni di persone siano affette da disturbi digestivi in Italia. Questa è la terza malattia più comune nei paesi occidentali.

Affinché il cibo venga assorbito correttamente nel corpo, deve essere suddiviso in carboidrati che vengono poi convertiti in glucosio e proteine che vengono poi suddivise in aminoacidi. Ma se siamo sottoposti a stress o mangiamo di corsa e troppo in fretta, la digestione verrà compromessa. Se il cibo non viene digerito correttamente, inizierà a putrefarsi e produrre tossine favorendo così la comparsa di malattie croniche.

Altri fattori che possono compromettere la digestione:

  • Il consumo eccessivo di cibi raffinati e privi di fibra sovraccarica il corpo di lavoro e non offre nulla in cambio.
  • Bere troppi liquidi durante i pasti compromette la digestione diluendo gli acidi all’interno dello stomaco (acido cloridrico HCl).
  • Mangiare troppo e in fretta, l’eccesso di cibo, in particolare cibi sbagliati.

Lo stress: Una delle cause primarie della permeabilità intestinale.

I fattori di stress possono essere fisici, emotivi, mentali e anche ambientali causati da migliaia e migliaia di sostanze chimiche che si trovano nel nostro cibo, nell’acqua e l’aria che respiriamo. Quando il corpo è sottoposto a stress, è progettato in modo che inverta qualsiasi energia indirizzata verso lo stomaco e la digestione per reindirizzarla al fine di affrontare lo stress. Lo stress riduce le nostre energie e indebolisce le difese immunitarie, favorendo la permeabilità intestinale, le malattie autoimmuni e persino il cancro.

Il dottor Michael T. Murray afferma che la cattiva digestione porta a tossiemia, candida e parassiti, i quali creano squilibrio nella flora intestinale, permettendo alla permeabilità intestinale di sfociare in una malattia cronica.

Questo processo può svilupparsi lentamente manifestandosi in un primo momento sotto forma di intolleranze alimentari.

Quando un intestino è permeabile, sostanze come le tossine, i microbi, le particelle di cibo non digerito (accade quando mangiamo troppo velocemente o non mastichiamo bene il cibo) e altro, possono passare dall’intestino e attraverso il flusso ematico spostarsi in tutto il corpo. Il sistema immunitario segnala questi “invasori stranieri” come patogeni e li attacca.

Le malattie autoimmunitarie più incurabili sono causate da questo esatto meccanismo, in cui il corpo attacca i suoi stessi tessuti.

La digestione è governata dal sistema nervoso parasimpatico. Ogni stress stimola il sistema simpatico e inibisce quello parasimpatico, ostacolando così le funzioni digestive: ecco perché è importante mangiare e digerire in modo rilassato.

Se il tuo corpo è in uno stato cronico di stress, aumenteranno anche i livelli di cortisolo (ormone dello stress).

Lo stress cronico causa i seguenti problemi:

  • Esaurimento delle riserve vitaminiche del nostro organismo.
  • Aumento di  colesterolo e trigliceridi
  • Alti livelli di cortisolo vengono associati all’aumento di peso, obesità addominale e difficoltà a dimagrire o costruire tessuti muscolari.
  • L’eccesso di cortisolo causa anche invecchiamento precoce e stress ossidativo
  • ll corpo tende a trattenere il sodio
  • Le intolleranze alimentari aumentano
  • L’insulino-resistenza cresce
  • Il metabolismo delle proteine diminuisce e di conseguenza anche la massa muscolare.
  • Dolori e infiammazioni si accentuano notevolmente

L’ambiente in cui viviamo sovraccarica gravemente il fegato, con conseguente aumento della quantità di tossine che circolano nel sangue e danneggiano gli apparati corporei. Quando è intossicato il fegato manda segnali di allarme che si manifestano sotto forma di acne, cefalee croniche, malattie infiammatorie e autoimmuni e stanchezza cronica.

Sai che tipo di acqua bevi?

Bevi da bottiglie di plastica? Bere da contenitori di plastica espone a rischi derivanti da bisfenolo A (BPA), una sostanza chimica tossica! Il calore può sciogliere la plastica aumentando così la probabilità che questa sostanza possa penetrare in cibi e bevande. Il BPA si trova anche nell’alluminio (involucri degli alimenti e rivestimento bianco interno delle lattine).

In uno studio condotto dall’Istituto nazionale di ricerca agronomica a Tolosa, in Francia, i ricercatori hanno esposto topi e cellule intestinali umane ad una dose di BPA 10 volte inferiore a quello attualmente considerato sicuro dalla maggior parte delle normative in vigore.  Hanno scoperto che a causa dell’esposizione di questa sostanza, entrambi (ratti e umani) avevano sviluppato la sindrome di permeabilità intestinale o danni al rivestimento dell’intestino. questo danno permette a sostanze tossiche e agenti patogeni stranieri di entrare nel corpo, il rivestimento dell’intestino contiene anche immunoglobuline A,  la cui alterazione può influenzare il sistema immunitario del corpo intero.

Inoltre, in uno studio (sui ratti) pubblicato sul PNAS Journal 2009, i ricercatori hanno scoperto che l’esposizione al BPA nel grembo materno o subito dopo la nascita aumenta in modo significativo il rischio di sviluppare infiammazione intestinale da adulti, un ulteriore  prova che dimostra il pericolo del BPA per i feti in via di sviluppo e i bambini.

Altri fattori che possono causare permeabilità intestinale:

  • Intestino irritato (caffeina, alcool, glutine/cereali)
  • Parassiti/Batteri (da acqua contaminata e cibo)
  • Sostanze chimiche (negli alimenti, plastica e ambiente)
  • Carenze di enzimi
  • Cibo spazzatura
  • Ormoni in eccesso
  • Le micotossine (muffe e funghi)
  • Farmaci anti-infiammatori
  • Steroidi
  • Antibiotici

La permeabilità intestinale può portare a:

  • Lupus
  • Artrite reumatoide
  • Sclerosi Multipla
  • Sindrome da stanchezza cronica (CFS)
  • Fibromialgia
  • Morbo di Crohn
  • Vasculite
  • Orticaria
  • Polimialgia reumatica
  • Sindrome di Sjogren
  • Tiroidite di Hashimoto
  • Vitiligine
  • Colite ulcerosa
  • Diabete
  • O qualsiasi altra condizione autoimmune!

Che cosa si può fare? 

  1. Eliminare cibi e sostanze nocive

L’obiettivo è quello di sbarazzarsi delle sostanze irritanti che influenzano negativamente l’ambiente del tratto gastrointestinale, come caffeina, alcool o droghe. Alimenti che causano infiammazione come glutine, latticini, mais, soia, uova e zucchero.

Consiglio un test di intolleranza alimentare IgG. Le infezioni possono essere dovute a parassiti, lieviti o batteri. Un’analisi completa sarà determinante per rilevare i livelli di batteri buoni, nonché eventuali infezioni.

Combattere le infezioni con antimicrobici naturali quali:

Aglio : contro-Salmonella typhimurium, Escherichia coli, Staphylococcus aureus, Bacillus cereus, Bacillus subtilis, micotossigeni Aspergillus, Candida albicans

Cipolla: Aspergillus flavus, Aspergillus parasiticus

Cannella : micotossigeni Aspergillus, Aspergillus parasiticus

Chiodi di garofano: micotossigeni Aspergillus

Senape: micotossigeni Aspergillus

Pimento: micotossigeni Aspergillus  

  1. Sostituire gli alimenti

Aggiungi gli ingredienti essenziali e assicurati di avere una corretta digestione che favorisca l’assorbimento dei nutrienti, queste funzioni possono essere compromesse da diete, farmaci (come gli antiacidi), malattie o invecchiamento precoce. Questo include enzimi digestivi, acido cloridrico e acidi biliari necessari per una corretta digestione.

  1. Ripristinare la funzionalità della flora batterica intestinale

Incrementare lo sviluppo di batteri benefici al fine di ripristinare un sano equilibrio di batteri buoni è essenziale. Ciò può essere ottenuto prendendo un integratore probiotico contenente bifidobatteri e lattobacilli. Si raccomanda di assumere 25-100.000 milioni di unità al giorno. Inoltre, consiglio di assumere un integratore prebiotico (cibo per i batteri buoni) o consumare alimenti ad alto contenuto di fibre solubili.

  1. Depurare l’intestino

Fornire le sostanze nutritive necessarie per lubrificare e depurare l’intestino è essenziale. La L-glutammina, è un integratore che aiuta a ringiovanire il rivestimento della parete intestinale. Altri nutrienti essenziali includono zinco, omega 3, vitamina A, C, E, erbe come olmo e aloe vera.

  1. Relax

E’ molto importante rilassare il sistema nervoso, il diretto responsabile di funzioni quali riposo e digestione, questo può alleviare in modo efficace i sintomi, fino a  ripristinare e risolvere lo stato infiammatorio. Puoi iniziare con qualcosa di semplice, come l’ascolto di una meditazione guidata per diversi minuti al giorno, dedicando a questa pratica fino a 20 minuti due volte al giorno per ottenere un effetto terapeutico.

Esistono prove del fatto che siano i batteri intestinali ad aiutare a mantenere il contatto bidirezionale tra le componenti dell’asse cervello-intestino. In altre parole, lo stress modifica la flora batterica, ma è vero anche il contrario, ossia che i batteri dell’intestino possono avere un profondo effetto sull’asse cervello-intestino e possono modulare la motilità, la permeabilità e la sensibilità delle viscere. Questa comunicazione tra i batteri e l’asse nervoso cervello-intestino, avviene attraverso vari meccanismi: lo scambio di messaggi ormonali con le cellule della mucosa intestinale, la comunicazione con le cellule immunitarie, ma anche diretta comunicazione tra batteri e cellule del sistema nervoso enterico. Un sistema che è una rete inestricabile di oltre cinquecento milioni di neuroni concatenati tra loro e distribuiti per oltre nove metri lungo tutto l’apparato digerente. Fin quando non si inizia ad apprezzare questa relazione complessa, non saremo in grado di prevenire o curare efficacemente la depressione, destinata a diventare la seconda causa di disabilità entro il decennio.

Come società, siamo in grado di proteggere il microbioma (insieme del patrimonio genetico e delle interazioni ambientali della totalità dei microrganismi di un ambiente definito) dalla medicalizzazione della vita fin dalla nascita a cominciare dall’alimentazione infantile. E come individui, possiamo evitare antibiotici, antinfiammatori, cereali, geneticamente modificati, cibi raffinati e inquinati. Interventi promettenti atti a combattere la depressione da una prospettiva intestinale includono probiotici, cibi fermentati, alto contenuto di grassi naturali, e  relax per favorire una digestione ottimale, niente più anti-infiammatori, farmaci insulino-sensibilizzanti e nessun farmaco antidepressivo!

Saper gestire lo stress è un processo di apprendimento che richiede un intera vita, ma qui ci sono alcuni suggerimenti per iniziare.

  • Impara a respirare correttamente. Ogni volta che ti senti ansioso, stressato o sopraffatto da ciò che sta accadendo, fai un respiro profondo e conta fino a cinque, trattieni il fiato per tre secondi, ed espira lentamente per altri otto secondi. Ripeti questo esercizio tre volte. Può essere utile farlo anche prima dei pasti.
  • Sorseggia una tazza di tè Tulsi.  Il Tulsi o Basilico Santo (Ocimun sanctum), dal sanscrito “Madre Medicina” è un’erba ayurvedica che possiede innumerevoli proprietà benefiche che gli conferiscono effetti antiossidanti, antibatterici, antivirali, immuno-stimolanti e adattogeni (antistress).
  • Non incrementare lo stress mangiando in fretta.
  • Non consumare caffeina a stomaco vuoto, soprattutto la mattina. Aggiungi una fonte di grassi sani (come l’olio di cocco o burro chiarificato) o proteine (come polvere di collagene) alla tua colazione,  contribuirà a stabilizzare i picchi glicemici che rallentano il metabolismo.
  • Evita conversazioni troppo impegnative o accese prima di colazione.
  • Nessun esercizio estremo prima di colazione.

Scegli una dieta a base vegetale almeno per il 70% della durata di un mese e nota come ti senti! Assicurati di consumare verdure a vapore. La fibra vegetale permette al corpo di assorbire i nutrienti più facilmente.

Prova a mangiare verdure fermentate, come i crauti. Includi nella tua dieta cibi anti-infiammatori, tra cui acidi grassi essenziali come acido alfalinolenico (omega 3) e acido linolenico (omega 6) sono fondamentali per la guarigione dell’intestino. Evita cereali o zuccheri trasformati. Questa dieta dovrebbe essere più varia possibile.

Utilizza zinco, L-carnosina (Queste due sostanze nutritive hanno effetti benefici sulla mucosa gastrointestinale, e la loro associazione rappresenta un avanzamento importante nella gestione delle ulcere peptiche, tanto che in Giappone viene riconosciuto come farmaco dalle autorità. L’associazione di zinco e carnosina ha dimostrato di risolvere le ulcere dal 60 al 70%, un risultato paragonabile alle terapie farmacologiche convenzionali e con una sicurezza maggiore dei farmaci comunemente usati) e glutammina (studi attuali suggeriscono che la glutammina debba essere considerata un nutriente indispensabile per il corretto mantenimento del metabolismo, della struttura e della funzionalità intestinale) Sia i pazienti che hanno avuto lesioni intestinali,  che quelli trattati con farmaci chemioterapici, radiazioni, farmaci o semplicemente danneggiati da una dieta SAD (Standard American Diet) hanno tratto beneficio dall’assunzione di queste sostanze nutritive.

Secondo la medicina tradizionale cinese e la medicina ayurvedica, il nucleo della vita, la chiave della salute dimora nel tratto gastrointestinale, dove risiede il 70-80% del sistema immunitario. Quindi prenditi cura della casa in cui vivi ORA… prima che sia troppo tardi.

Omega Krill - Integratore Omega 3
Krill Oil Omega 3. Dal mare antartico una nuova fonte di omega 3. Olio di Krill.

Voto medio su 64 recensioni: Da non perdere

Glutammina - 50 Capsule
Integratore alimentare a base di l-glutammina

Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

5 Commenti su questo post

  1. Adriana says:

    Molto soddisfatta dal sito
    http://www.dionidream.com

  2. Massimo says:

    Come si può prendere lo zinco? Grazie!

    • dioni says:

      Ciao Massimo, carne e frutta secca sono le maggiori fonti di zinco. Ma spesso se l’intestino è infiammato lo zinco non viene assorbito dai cibi

  3. Vera Sciotti says:

    Grazie, per l’articolo! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline