cibo cancro

Nell’attività di medico mi sono sempre dedicato alla ricerca e ho valutato criticamente le innovazioni scientifiche per adattarle alle necessità dei malati. Quando Colin Campbell fu definito un “Ciarlatano” e le sue ricerche argomenti di “Cialtroni”, verificai punto per punto i suoi 40 anni di studio pubblicati nel famigerato “The China Study”.

La sua conclusione era semplice, chiara e condivisibile. La causa primaria del cancro è l‘eccesso di cibi animali e trasformati nell’alimentazione moderna. La mia prima azione fu passare a una dieta vegetale e dopo oltre 6 anni posso affermare che la mia salute ha tratto notevole giovamento dal mangiare piante. Ho eliminato i quattro veleni bianchi dell’industria alimentare e tutto quello che è raffinato e addizionato di sostanze chimiche per aumentare il gusto. Latte, Farina, Zucchero e Sale sono un ricordo senza alcuna nostalgia.

Le ricerche di Campbell non sono inventate. Sembra quasi che i suoi detrattori facciano parte dell’Industria alimentare. Io potrei fare benissimo il pensionato e godermi i fatti miei se in settanta anni di oncologia moderna, il problema del cancro fosse stato risolto e la salute della gente fosse migliorata. La realtà è che il cancro è aumentato e persone sempre più giovani finiscono al cimitero precocemente.

Chi continua la lettura troverà uno spirito goliardico in tutti i miei scritti. Nei tre atti della tragedia “Ifigonia in Culide”, rappresentata negli anni intorno al 1968 nel Teatro comunale durante le Fiere matricularum senesi, aleggiava una sana e sarcastica ironia che permetteva di enunciare concetti in controtendenza al pensiero comune. Se le Lobby dicono che va tutto bene, un grande dubbio mi assale e capisco che tutto va male.

“Cibo e Cancro” è un argomento eretico perché incontra reazioni ostili sia dell’industria alimentare sia degli stessi consumatori. Se accenno che questo tipo di cibo è non salubre, si generano sguardi truci e parole cruente. Ormai è dimostrato che il cibo moderno provoca dipendenza con produzione di Dopamina. Inutile portare un drogato sulla retta via se non vuole.

Il cibo animale e raffinato innesca la “Infiammazione da cibo”. Le cellule del corpo entrano in uno stato infiammatorio cronico che sviluppa una malattia degenerativa nel punto più debole dell‘organismo. La grande famiglia della degenerazione si manifesta nelle sue infinite forme individuali. Questi sono gli esempi più noti al grande pubblico: cancro, infarto, ictus, diabete, ipertensione, malattie auto immuni, Alzheimer, Parkinson, demenza senile, ecc.

In medicina non c’è mai la certezza, lo sa anche il malato più sprovveduto quando deve sottoporsi a un’anestesia e percepisce la paura della morte. L’industria alimentare, la cui attività si basa su allevamenti intensivi e coltivazioni monocoltura, utilizza sostanze chimiche artificiali per forzare la crescita degli animali e la produttività del suolo. La conseguenza è che il cibo è costantemente inquinato da tracce di sostanze classificate pericolose dagli Istituti di Ricerca sul Cancro.

In ospedale ho sempre dovuto combattere per attuare protocolli di radioterapia e chemioterapia rispettosi della salute e della qualità della vita dei malati. Sfortunatamente alle “Aziende” non interessava la persona e i medici con la mentalità ippocratica erano malvisti. Sembrava di essere tornati ai tempi dei roghi in piazza. Il 1498 a Firenze fu un grande successo quando bruciarono fra Girolamo Savonarola.

Dr. Mirco Bindi, medico oncologo

Estratto dal libro “L’alimentazione nella prevenzione del cancro” 

alimentazione prevenzione cancro acquista

Dello stesso autore leggi anche:

Medico Oncologo Dr. Mirco Bindi: “Le vere cause del cancro nascoste dalle Lobby”

Medico oncologo spiega gli effetti dell’alimentazione moderna sulla salute

Medico oncologo. Si muore di cancro per volontà di rimanere nell’ignoranza. Bisogna prevenire a tavola

Immagine di copertina. Credit: Darryl Leja, National Human Genome Research Institute, NIH

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni