senza cistifellea integratori dieta
La cistifellea è importante per la nostra salute. Qui è spiegato come prevenire la formazione di calcoli e gli integratori e la dieta consigliati per chi ha subito la rimozione della colecisti a seguido della colecistectomia.

Cos’è la colecisti e a cosa serve

La cistifellea o colecisti è un organo a forma di pera situato sotto il fegato la cui funzione principale è quella di accumulare la bile prodotta dal fegato, che poi verrà rilasciata nel duodeno (parte iniziale dell’intestino tenue) per digerire il cibo proveniente dallo stomaco. La funzione della bile è quella di digerire e assorbire i grassi e le vitamine liposolubili presenti nel cibo.

Perciò la cistifellea secerne molta bile nell’intestino dopo aver mangiato un pasto grasso. La bile è anche il modo in cui l’organismo elimina scorie e tossine. Inoltre contiene colesterolo e altri grassi che il fegato vuole espellere. Una cistifellea ben funzionante aiuta il corpo ad eliminare il colesterolo, altri grassi e tossine liposolubili.

Eliminazione della colecisti

L’infiammazione e i calcoli alla cistifellea sono estremamente comuni. In Italia si stima che il 10-15% della popolazione adulta ha problemi alla cistifellea e buona parte di essi subirà un’operazione chirurgia di rimozione della colecisti chiamata colecistectomia.

Solo negli USA ad esempio, sono circa 750.000 gli americani che rimuovono quest’organo ogni anno. Nella maggior parte dei casi, il dolore causato da una cistifellea malfunzionante diventa così forte che la chirurgia è l’unica opzione praticabile.

Rischi eliminazione della colecisti

La maggior parte delle persone ha l’impressione che una volta eliminata, il dolore e il disagio con cui hanno convissuto spariranno, ma purtroppo non è così. È comune avere lo stesso disagio dopo averla rimossa. Le persone senza colecisti sono più inclini a problemi digestivi e problemi al fegato; si possono persino formare calcoli all’interno dei dotti del fegato ed è anche maggiore il  rischio di sviluppare steatosi (fegato grasso).

Cosa succede senza cistifellea?

Il fegato continua a produrre la bile, ma non esiste più un posto dove conservarla o concentrarla. Quindi la bile scorre lentamente nell’intestino. Se si assume un pasto ricco di grassi, non si sarà in grado di secernere una quantità sufficiente di bile nell’intestino, quindi sarà scarsamente digerito. Ciò porta a diarrea, gonfiore, nausea o indigestione.

Integratori per chi è senza colecisti

Non digerire bene i grassi significa non essere in grado di digerire gli acidi grassi essenziali, compresi gli omega 3 e omega 6. Significa anche avere difficoltà ad assorbire le vitamine liposolubili ovvero:

Vitamina D. I benefici della vitamina D sono molti. E’ fondamentale per prevenire osteoporosi, depressione, cancro, malattie autoimmuni, malattie neurodegenerative, infiammazione, malattie cardiovascolari, influenza. Le persone con il fegato compromesso o con una scarsa funzione digestiva sono spesso carenti di vitamina D. Questa viene prodotta da fegato e reni a seguito dell’esposizione della pelle ai raggi UVB del sole. Le persone con un fegato non pienamente funzionante spesso non producono adeguatamente la vitamina D. Quindi è una buona idea fare un esame del sangue e prendere un integratore. Il dosaggio che alcuni medici raccomandano è di 5.000 – 10.000 UI al giorno a seconda della stagione e della condizione di salute. Consulta a riguardo il tuo medico.

vitamina d3 liquida acquista biosline

Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto.

Vitamina E. E’ il più potente antiossidante liposolubile nel sangue umano. E’ fondamentale per prevenire miopatia (debolezza dovuta a una ridotta innervazione del muscolo), atassia (perdita di coordinazione dei movimenti), perdita della vista, disfunzioni neuropatiche, declino cognitivo, cancro e malattie cardiovascolari.

vitamina e acquista

Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto.

Vitamina A. E’ la vitamina essenziale per la salute della vista e della pelle. E’ fondamentale per prevenire la degenerazione maculare, perdita della vista, invecchiamento della pelle, pelle secca e cadente.

vitamina a integratore

Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto.

Vitamina K. E’ la vitamina essenziale per la corretta coagulazione sanguigna e per avere ossa forti. E’ fondamentale per prevenire osteoporosi, l’aterosclerosi (infiammazione cronica delle arterie che può portare a infarti e ictus), flusso mestruale abbondante e doloroso, sovrappeso.

vitamina k2 acquista

Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto.

Questi nutrienti sono vitali per essere in salute e se non li assorbiamo correttamente dal cibo allora è importante assumerli attraverso degli integratori per evitare i gravi effetti di carenza appena menzionati.

Integratore di bile di bue. Questo è uno degli integratori più raccomandati per le persone che hanno perso la cistifellea. Una carenza di bile può causare sintomi come gonfiore e indigestione dopo i pasti, feci di colore chiaro, diarrea, affaticamento e carenze nutrizionali. Nella maggior parte degli individui assumere un integratore di bile di bue con ogni pasto è utile per eliminare completamente questi sintomi. Le testimonianze di chi lo assume sono entusiaste e più avanti a fine articolo ne ho riportata una.

bile di bue integratore acquista

Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto.

Dieta. Come avere un fegato sano e una buona digestione senza cistifellea

Oltre all’assunzione degli integratori, bisogna prestare attenzione all’alimentazione per avere una corretta digestione. Prima di tutto è importante rendersi conto di aver sviluppato un problema alla cistifellea perché il fegato non è sano. Un fegato non sano, renderà la bile di bassa qualità, che sarà predisposta a formare calcoli. Eliminare la cistifellea non risolve questo problema. Ecco alcuni consigli importanti da seguire:
Mantenere il consumo di latticini e glutine al minimo o evitarli del tutto. I latticini (latte, formaggio, gelato, yogurt) peggiorano tutti i casi di malattia della colecisti, di malattie del fegato e sono molto difficili da digerire. L’intolleranza alimentare è una causa comune dei problemi della cistifellea e c’è una ricerca che lega l’intolleranza al glutine ai calcoli biliari.
Consuma ortaggi che curano il fegato. Il cardo, il tarassaco, il carciofo e la cicoria aumentano la produzione di bile e il flusso biliare. Assumere queste verdure ai pasti aiuta a farti stare meglio dopo un pasto favorendo la digestione e dovrebbe ridurre il rischio di formazione di calcoli nel fegato.
Includi cibi amari e aspri nella tua dieta. Aiutano a migliorare la digestione e rendere più facile l’assimilazione dei grassi sani nella dieta. I cibi amari e aspri includono limoni, lime, radicchio, cicoria, indivia e foglie di tarassaco.
Mangia grassi sani ed evita gli altri. Di solito si ritiene che si debba seguire una dieta a basso contenuto di grassi dopo aver rimosso la cistifellea. Questo non è necessario e in effetti può essere dannoso. Il corpo ha un disperato bisogno di grassi sani fondamentali per le cellule e il cervello. Il consiglio è di includere ai pasti quantità moderate di olio extravergine di oliva, avocado, olio di cocco, ghee, noci e semi. Evita invece gli oli di semi come mais, colza, girasole, ecc.
Consuma enzimi digestivi. La maggior parte delle persone che hanno sviluppato un problema alla cistifellea hanno sofferto di cattiva digestione per molti anni. Se lo stomaco e l’intestino non sono in ottima salute, non invieranno segnali alla cistifellea di contrarsi correttamente. Nelle persone con problemi alla cistifellea sono comuni la sindrome dell’intestino irritabile, disbiosi, proliferazione batterica dell’intestino tenue (SIBO) e proliferazione della Candida. Se hai rimosso la cistifellea, puoi continuare ad accusare dei sintomi a causa di tali condizioni. Questi problemi causano anche una produzione insufficiente di enzimi digestivi. Il consumo di cibi fermentati come crauti, kefir, miso, natto, kombucha, ananas, kiwi permette l’assimilazione enzimi vivi. Gli enzimi digestivi possono essere assunti anche in ​​forma di integratore.

Testimonianza

“La maggior parte delle persone ha la diarrea dopo la rimozione della cistifellea, perché l’eccesso di bile prodotto che di solito si immagazzina lì viene semplicemente scaricato nell’intestino. Per alcuni, come me, tuttavia, abbiamo il problema opposto: costipazione. Questo ha qualcosa a che fare con il fegato che produce sempre meno bile, e la cistifellea si comporta sempre meno. Di solito le discariche della colecisti quando il grasso viene rilevato nel pasto. Tuttavia, se sei stato risucchiato nella moda della dieta a base di pasta, pane e pizza ad alto contenuto di carboidrati degli anni ’90, allora probabilmente hai mangiato pochissimi grassi sani. Senza grassi nella tua dieta la cistifellea non si esercita e scarica tanto. Questo la lascia piena di bile che ristagna in pietre che diventano calcoli. Ho passato da una dieta ad alto contenuto di carboidrati ad una dieta proteica Atkins … e in quel momento ho avuto attacchi di calcoli biliari. La mia cistifellea era rimasta ferma per così tanto tempo che era piena di calcoli. Anche il mio fegato ristagnava e smetteva di produrre molta bile. Ho rimosso la cistifellea nel 2001 e da allora è stata una spirale al ribasso di problemi di salute. Ho lentamente guadagnato peso (da 90 a 130 chili). Problemi alle articolazioni, allergie, affaticamento, stitichezza… i problemi si sono susseguiti. I medici mi hanno detto che era perché non mi allenavo e stavo ingrassando. Tutta la ricerca che ho fatto indicava la carenza di acidi grassi. Ho bramato cibi grassi, quindi li ho mangiati molto. Non li digerisco molto bene, quindi sono gonfia per ore dopo un pasto. Stavo guadagnando peso, quindi ovviamente stavo digerendo grasso in un modo che l’accumulavo. Se invece mangiavo senza grassi sentivo come se mi mancava qualcosa (Il grasso che stavo desiderando). Così, un giorno ho deciso di prendere un integratore di bile di bue. Non è stato facile trovarlo. Ma era quello di cui avevo bisogno. In primo luogo, la bile è un aiuto digestivo che aiuta il tuo corpo a trattare gli acidi grassi e le vitamine liposolubili in modo che possa usarli invece di conservarli o espellerli. Allo stesso modo, la bile fa parte del processo di lavaggio del sistema digestivo. Senza di essa, i batteri normali nel sistema iniziano a perdere il controllo. (Esacerbato se stai prendendo i probiotici). Il problema principale con questo prodotto (come alcuni hanno affermato) è che la dose è molto alta. 500mg è molto per alcuni di noi. Forse 250 mg sarebbe fantastico, ma non fanno quella dose. Ho provato altri supplementi biliari e semplicemente non funzionano come quelli di Nutricology. Prendo una capsula da 500 mg una volta al giorno, cercando di dosarla con il mio pasto più grasso. Prendo anche tutte le mie vitamine liposolubili (A,D,K,E) a quel pasto (poiché aiuta a utilizzare le vitamine liposolubili). Una capsula è sufficiente. Quando mangio carne magra ora non mi sento più come se mancasse qualcosa, e non desidero più ingrassare e accumularmi sopra (che era un metodo di sovracompensazione del corpo per ottenere qualcosa che mancava). Il mio corpo si svuota, quindi i batteri vengono tenuti sotto controllo e non soffro più quando mangio cibi fermentati. Il cibo viene digerito in modo tempestivo, quindi non sono più gonfia e immobile per ore e ore in attesa che digerisca. Il livello di energia è alto. La chiarezza mentale è attiva. Gli acidi grassi e le vitamine liposolubili sono fondamentali per la salute, e non te ne rendi conto finché non hai sofferto per anni di carenza. A volte finisco l’integratore di bile e dimentico di ordinarlo. Non noto un problema immediato ma è questione di un mese o due che finisco in questa spirale verso il basso … Prendo peso, non digerisco bene, inizio a bramare grassi, a mangiare cibi grassi … e mi sto chiedendo perché mi sento così miserabile . Poi ricordo che ho smesso di prendere l’integratore perché era finito. Lo ordino di più e in pochi giorni mi sento di nuovo meglio. È ridicolo che il mio fegato abbia deciso di non produrre così tanta bile che ho bisogno di prendere un integratore, ma almeno sono una dei pochi che sa cosa sta succedendo e ha trovato una soluzione.”

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni