cistite rimedi

La cistite può essere trattata con rimedi naturali che sono efficaci in breve tempo in alcuni casi. La combinazione degli integratori con l’alimentazione e il mantenimento di un corretto stile di vita permette di evitare le recidive e avere una guarigione a lungo termine.

La cura del nostro intestino nel trattamento della cistite è fondamentale perché tutto ciò che introduciamo viene “metabolizzato” (digerito) dai nostri amici simbionti, che costituiscono il cosiddetto ecosistema “MICROBIOTA”, fondamentali per il nostro completo benessere, poiché estraggono le sostanze di scarto e nutritive, utili al mantenimento del nostro delicato, ma importantissimo equilibrio.

Esistono però le specie patogene, di cui, il germe principale (come già visto) che causa la cistite è l’Escherichia coli, seguito in ordine d’importanza dal Proteus e dal Klebsiella.

Oltre le cause citate nell’articolo precedente, vorrei menzionarne un’altra, importante soprattutto per le donne: il trasporto dell’Escherichia avviene anche inavvertitamente quando si lavano e si asciugano le parti intime, in modo particolare con le SALVIETTE. Inoltre indossare pantaloni eccessivamente aderenti, e bere poco, atteggiamento comune a molte persone, soprattutto donne, determina rarefazioni delle minzioni, agevolando la moltiplicazione e colonizzazione batterica.

Ippocrate: “Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo.”

Il cibo può fungere quasi da “farmaco preventivo”, ( o a supporto della terapia antibiotica)  poiché spesso la disbiosi intestinale (squilibrio della flora batterica), è spesso strettamente correlata al meteorismo (forti status fermentativi) che sono spesso dipendenti dal tipo di cibo che introduciamo.

Alimentandosi in modo scorretto, con molti cibi conservati, raffinati, molto manipolati, ricchi di sale, zucchero, conservanti, influenziamo i nostri sistemi, e vengono cosi a mancare i set enzimatici digestivi adeguati à che causano iperfermentazione intestinale à che provovano gas intestinali àa causa di una flora batterica adeguata à compromettendo la normale regolarità intestinale.

Ciò alimenta sempre di più le fermentazioni delle sostanze introdotte, con il risultato di un addome gonfio, disteso, e vita sociale compromessa.

Per questo motivo, grazie alle continue ricerche scientifiche in materia alimentare, c’è stato il modo di elaborare una sorta di “protocollo dietetico”, norme alimentari, e protocolli fitoterapici, che possono essere seguite facilmente da tutti, in quanto il corretto stile di vita e le buone abitudini alimentari dovrebbero far parte dell’educazione di tutti noi, grandi e piccini, dove “educazione” personalmente, mi piace intenderla come semplice “approccio sano” alla nostra persona e alla nostra salute.

Volersi bene, diviene un atto di consapevolezza e amore per sé stessi e per gli altri.

L’uomo, che da essere sociale vive un network fitto di relazioni, mantenendo un corretto stato di salute, può concedersi di vivere una vita serena in mezzo agli altri, senza dare preoccupazioni eccessive né a se, né a chi gli vuol bene.

“Mangiare bene diventa un altro modo in cui manifestiamo l’amore per noi stessi”

9 Rimedi Naturali Efficaci per la Cistite

I rimedi omeopatici, fitoterapici e gli alimenti suggeriti, sono frutto di varie ricerche, da non intendere come verità assolute, poiché ogni caso può avere condizioni diverse e quindi è importante avere una diagnosi completa e farsi seguire da uno specialista del settore.

1. Acqua. per prima cosa è indispensabile durante una cistite aumentare l’introduzione di acqua, preferibilmente oligominerale, per ottenere un lavaggio meccanico delle vie urinarie e allontanare cosi un buon numero di batteri. Spesso suggerisco di diluire un bicchierino da caffè di succo di mirtillo 100%  ogni giorno in ½ litro di acqua, da bere nella giornata. Il vero succo, senza zuccheri aggiunti ha un sapore molto astringente quando è bevuto tal quale, perché carico di polifenoli (antiossidanti).  Suggerisco di evitare i classici succhi da banco perché ricchi di zuccheri aggiunti.

2. MIRTILLO ROSSO (Cranberry): ha azione diuretica, depurativa e antisettica a livello delle vie urinarie. Può essere consumato fresco, congelato, essiccato, o sotto forma di succhi, utili soprattutto se la cistite è causata dal batterio Escherichia coli.
Tuttavia va detto che il mirtillo rosso non sembra così efficace nello “staccare” i batteri che hanno già aderito alle cellule epiteliali urinarie. Per questo motivo la sua efficacia è da ritenersi maggiore in termini preventivi. Eventualmente possono essere utilizzati anche infusi e tisane ai frutti rossi (mirtillo, uva ursina, ribes, sambuco, rosa canina, malva, Ortosiphon, Betulla, equiseto). CONTROINDICAZIONI: Il mirtillo rosso è di solitamente ben tollerato, ma se si esagera con il consumo, si possono riscontrare casi di diarrea o di disturbi gastrointestinali.
Il consumo di mirtillo rosso è controindicato per le persone con problemi di iperuricosuria (sangue nelle urine) e di ipercistinuria (eliminazione abbondante di cistina [aminoacido] con l’urina – questo può essere verificato con le analisi ematocliniche).

mirtillo rosso cistite

3. Rilasciare lo stress. E’ bene prevedere un periodo di riposo fisico, e provare ad abbassare la quota di stress. Un buon rimedio è la pratica della meditazione, yoga o pilates, che favoriscono anche un buon allenamento dei muscoli del pavimento pelvico.

4. Fare un pediluvio terapeutico a temperatura crescente: si determina la dilatazione dei vasi sanguigni delle gambe, e contemporaneamente alleggerisce la congestione degli organi pelvici (genitali e urinari). Mettere i piedi in un recipiente di acqua a 33° x 15-20’. Poi aumentare la temperatura in modo graduale fino a 40-42°. Poi asciugatevi e riposare a letto per 15’.

5. D- MANNOSIO: tutt’oggi il d-mannosio uno dei rimedi naturali più efficaci per combattere la cistite, soprattutto se dovuta ad “Escherichia coli”. Una volta ingerito “cattura” i batteri e li elimina dall’organismo. Spesso lo si trova abbinato al mirtillo rosso.

mannosio cistite

6. Mix di ZINCO, MAGNESIO, VITAMINE B6 è molto efficace purché assunto ai primi sintomi.

magnesio b6 cistite

7. Tintura madre di UVA URSINA e 3g di BICARBONATO, quest’ultimo potenzia l’azione dell’uva ursina, che si attiva in ambiente basico. Bisognerebbe bere il bicarbonato sciolto in acqua 15 prima dell’uva ursina

uva ursina cistite

8. RIMEDI OMEOPATICI E FITOTERAPICI. Questi sono i rimedi naturali consigliati in caso di cistite:

rimedi omeopatici cistite

RICETTARIO OMEOPATICO e FITOTERAPICO – “Manuale pratico di omeopatia” – GIUNTI Demetra

9. RIMEDI OLIGOTERAPICI:

  • Rame-Oro-Argento: 1 fiala al giorno. Terreno di tipo anergico.
  • Manganese-Rame. 1 fiala al giorno. Terreno di tipo artroinfettivo.

 

Dieta per la Cistite

L’alimentazione riveste un ruolo fondamentale per la prevenzione /cura delle cistiti, poiché un’alimentazione scorretta, ricca di zuccheri determina l’alimentazione di flore batteriche inadeguate, che si nutrono appunto di zuccheri.

Inoltre esistono alimenti in grado di determinare la depurazione dell’organismo, l’acidificazione delle urine, la regolarizzazione della funzionalità intestinale, l’equilibrio della flora batterica e le difese dell’organismo.

JEAN VALNET nel suo libro “cura delle malattie con ORTAGGI, FRUTTA E CEREALI” discute di come le cistiti vengano curate con una valanga di antibiotici di sintesi, prescritti da soli per mesi o anni, o in associazioni stravaganti, mentre possono essere curate in 1 mese, 15 giorni o anche meno, definitivamente, attraverso trattamenti di TINTURA di MIRTILLO, e/o essenze aromatiche, e tra questi annovera qualche rimedio particolare come:

  • Cuocere a fuoco lento 6 porri ricoperti d’olio d’oliva, applicandoli poi caldi sul basso ventre.
  • Fare degli impacchi di argilla, lontano dai pasti e mai durante le mestruazioni.
  • Massaggiare sul basso ventre, delicatamente l’essenza del bergamotto (poche gocce diluito in olio). Ha proprietà antibatteriche e disinfettanti.

Come alimentarsi correttamente e quali cibi preferire per trattare e prevenire la cistite

L’ALIMENTAZIONE SUGGERITA è preferibilmente “alcalina”, leggera e scandita in piccoli pasti durante la giornata, a base di:

a.    CEREALI INTEGRALI: pasta integrale, grano, riso basmati, o integrale, o rosso, o nero, orzo, avena > da consumare circa 3v. a settimana.

 

b.     LEGUMI: piselli, fave, lenticchie > da consumare 2v. a settimana

Grazie alle loro Fonti di vitamine e fibre, permettono di prevenire forme croniche- recidive di cistiti, assicurando una normale funzionalità intestinale. Se mal digeriti si può ricorrere ad alcuni rimedi culinari (….inserire il link del tuo articolo “AMMOLLARE I LEGUMI”).

VERDURA FRESCA, STAGIONALE, COTTA E CRUDA: apportano fibre e vitamine. In particolare si scelgono AGLIO, PREZZEMOLO, PORRI E CIPOLLA, in grado di bloccare lo sviluppo di molti germi.
FRUTTA FRESCA (agrumi, mele, frutti di bosco, datteri, prugne, mirtilli*) per l’apporto di VITAMINA A e C. aumentano le difese immunitarie e migliorano la struttura delle cellule di rivestimento (mucosa) della vescica e delle vie urinarie.

*Bere succo di mirtillo (100%) senza zuccheri aggiunti è uno dei rimedi più utili e naturali. 1 bicchierino da caffè al giorno diluito in ½ litro di acqua. (1) eventualmente può essere assunto anche 2-3 volte al giorno.

Possono essere assunti anche infusi di bacche di mirtillo secche, da assumere preferibilmente al mattino a digiuno.

 

ALIMENTI CURATIVI: mirtilli, carote1, zucca2

1.     Le CAROTE costituiscono le verdure ottimali per la cistite, delle quali può essere bevuto il succo, o l’estratto arricchito di zenzero. Grazie al contenuto importante di precursori della vitamina A e glutatione (antiossidante per eccellenza), sostengono il sistema immunitario. Se vi sono problemi di stitichezza si suggerisce la carota cruda e grattugiata > la fibra stimola la peristalsi. La dose ottimale è 1 bicchiere di succo (non commerciale) con 2cm di zenzero fresco o 2 carote come antipasto

 

2.    ZUCCA: soprattutto i suoi semi, fonti di cucurbitina, un aminoacido che ha interessati proprietà germicide del tratto urinario. La polpa è drenante, soprattutto sottoforma di vellutata o in soffritto leggero con olio, acqua, cipolla e un pizzico di sale rosa. DOSI OTTIMALI: 2 cucchiai al giorno per le insalate o nelle zuppe; oppure come contorno gratinata al forno o come vellutata, utilizzando la sua polpa.

INFUSI E DECOTTI: malva, betulla, gramigna, equiseto, ortosiphon, finocchio, echinacea, uva ursina*, thè verde** > agiscono sul’apparato urinario decongestionandolo, stimolando la diuresi e disinfettandolo.

*UVA URSINA:  (Arctostaphylos uva ursi) → proprietà disinfettanti e sfiammanti delle vie urinarie. Rimedio estremamente utile per la cistite e tenesmo (vedi articolo precedente), grazie al suo fondamentale estratto > glicoside idrochinonico arbutina. Tuttavia, affinché l’arbutina esplichi la sua azione disinfettante, le urine devono avere un pH alcalino, dunque risulta fondamentale avere un’alimentazione alcalina. Può essere assunta 50g tutti i giorni in macedonia. Meglio al mattino, a colazione, o come spuntino. Meglio se abbinata ad altri frutti di bosco.

**THè VERDE: elisir di salute grazie alla sua azione terapeutica. Grazie alle catechine (molecole antiossidanti) permettevi riattivare le giuste difese immunitarie, potenziare la resistenza delle mucose versus i germi, sfiammando cosi le parti irritate e diminuendo il senso di pesantezza, bruciore e dolore alla minzione. La dose ideale prevede 1 tazza al mattino (per la fase preventiva); 1 al mattino e 2 nel pomeriggio (face acuta).

YOGURT*, KEFIR**, PRO E PREBIOTICI*** E LIEVITO DI BIRRA: per favorire lo sviluppo della flora batterica intestinale in modo equilibrato.

*Yogurt (preferibilmente bianchi, non alla frutta) con “veri” fermenti lattici > gli yogurt presenti in commercio in generale non offrono una “buona” gamma di fermenti, poiché essendo alimenti di lunga conservabilità, siamo sicuri che saranno veramente attivi una volta che arrivano nel nostro intestino? E quali fermenti sono davvero presenti? In genere i fermenti utili al nostro organismo sono i bacilli (batteri a forma di bastoncelli), ma spesso negli yogurt vengono inseriti i cocchi (batteri di forma tonda), che producono molta anidride carbonica e quasi nessuna sostanza nutritiva, verificabile anche ad occhio, controllando la linguetta di alluminio che sigilla un vasetto: se la si sente gonfia e “rumorosa”, probabilmente c’è molta anidride carbonica.

**KEFIR – bevanda ottenuta dalla fermentazione del latte attraverso un mix di batterilieviti, dal cui processo fermentativo di formano anche piccole parti di anidride carbonica e alcol etilico (grazie ai lieviti) . il vero kefir risulta uno yogurt dal sapore frizzante e alcolico, dalle proprietà benefiche e probiotiche

***lactobacillus plantarum :  utile per combattere batteri patogeni causa delle infiammazioni alle vie urinarie (escherichia coli o candida ) oltre il protocollo BROMATECH.

ALIMENTI PROTEICI DI ORIGINE ANIMALE: per acidificare le urine, perché l’ambiente acido scoraggia la colonizzazione di specie patogene.

carne, pesce, uova, contengono proteine ad elevato valore biologico – sostanze fondamentali (aminoacidi essenziali) per le funzioni organiche (sintesi di ormoni, tessuti, enzimi, energie ecc…) (2)

ALIMENTI PROTEICI DI ORIGINE VEGETALE COME IL TEMPEH: alimento derivata dalla soja, contiene ISOFLAVONI, sostanze simili agli ormoni femminili che restituiscono ai genitali un buon tessuto cellulare e maggiore difesa da aggressioni virali e batteriche.  DOSI OTTIMALI: consumarlo 2-3volte a settimana cotto in padella antiaderente x 5-10’ e condito con erbe aromatiche come il timo che possiede proprietà sfiammanti per le vie urinarie.

CONDIMENTI IDEALI:

–        aceto di riso – antibatterico naturale. Può essere aggiunto alla verdura fresca, verdura cotta, carni bianche o pesce. Ne bastano 2 cucchiaini nelle pietanze da condire o diluito in 1 bicchiere d’acqua (max 2 cucchiai al giorno)

–        STEVIA : dolcificante ottenuto dalla medesima pianta. Mantiene bassa la glicemia e non predispone ad infiammazioni

 

ALIMENTI NO
Evitare il consumo di alimenti di difficile digestione e alimenti irritanti le vie urinarie, Cibi dolci e molto raffinati – possono causare irritazioni, e una minore eliminazione di liquidi.

alcolici, birra, caffèthè nero, aceto di vino, peperoncinospezie piccanti , salse

cioccolatobiscotti, dolci da pasticceria, , 

formaggi stagionati e fermentati (gorgonzola)

pasta e pane bianco, asparagi, salumi, insaccati,

agrumi (eccetto pompelmo e limone),

 peperoni, melanzane e pomodori

Combinazioni alimentari corrette per la cistite

  • Pesce & spinaci con riso nero : ottime fonti proteiche, di vitamine del gruppo B dall’azione rilassante. Gli omega-3 del pesce sono utili come antinfiammatori dai bruciori tipici della cistite
  • Insalata di Zucchine, fagiolini, patate + 1 banana: l’elevato contenuto di potassio, permette una migliore diuresi
  • Riso integrale con cavolo cappuccio + insalata di sedano e carote: tutti i vegetali citati sono diuretici, antifiammatori e antibatterici. Dovrebbero essere consumati crudi conditi con un filo di olio
  • MIX DI BACCHE AL TIMO: (x 1 persona) frullare 1 yogurt naturale bianco con 50g di mirtilli e more, 50g di ribes rosso e 1 cucchiaino di timo

Dr.ssa Valeria Crea, scienza e tecnologia alimentare, esperta in nutrizione e dietetica

Leggi anche la prima parte della serie sulla cistite:

Cistite. Sintomi, Cause, Integratori e Rimedi Naturali (Parte 1)

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni