cistite rimedi

La cistite fisiologicamente e scientificamente si tratta di un’infiammazione (FLOGOSI) delle vie urinarie e della vescica (organo dedito alla raccolta delle urine), appartenente alla classe delle UTI (Infezioni Tratto Urinario), trattabile farmacologicamente, ma può essere recidiva o meno.

La flogosi interessa la mucosa vescicale, in particolar modo nelle donne, a causa della lunghezza dell’uretra, più corta nelle donne. Quindi la più corta distanza tra uretra e ano, determina la potenziale risalita di batteri patogeni, determinando così maggiore vulnerabilità nella loro proliferazione e manifestazioni dei tipici sintomi (1).

Nel campo della psicosomatica, invece, viene interpretata come un segno di collera: magari non ci sentiamo capiti e/o ascoltati, rispettati nei nostri bisogni. Ci sentiamo adirati quando non riusciamo a salvaguardare il nostro “benessere/spazio”, perché gli altri lo invadono con disordine e senza rispetto. (2).

Sintomi della cistite

I sintomi della cistite sono molto variabili a seconda del soggetto (età, sesso, stato di salute,stress, difese immunitarie ) e si elencano in:

  • DISURIA > minzione stentata associata o meno a POLLACHIURIA (aumentata frequenza delle minzioni). Quando c’è sforzo eccessivo nell’urinare, i muscoli possono contrarsi e deviare anche il getto (deviato o tortuoso) e/o arrestarsi improvvisamente.
  • URINA SCURA o con tracce di sangue o pus (piuria).
  • STRANGURIA : sensazione di bruciore nella minzione ;
  • TENESMO VESCICALE: spasmo doloroso seguito dall’urgente bisogno di urinare;
  • SINTOMI NON SPECIFICI: febbre;
  • BATTERIURIA ASINTOMATICA: vengono riscontrati solo batteri nelle urine;
  • URETROCISTITE : se si presenta contemporaneamente ad un uretrite (infiammazione dell’uretra).

Cause della cistite

La cistite si manifesta per lo più, a causa dell’alterazione della microflora vaginale, la quale normalmente è costituita da lactobacilli, che vengono sostituiti da microrganismi di origine fecale e uropatogeni, come per esempio l’Escherichia Coli ( batterio gram-negativo).

Cause della cistite

Le cause dell’alterazione possono essere varie, come:

  • l’uso di sistemi contraccettivi quali la crema spermicida e/o il diaframma;
  • l’uso indiscriminato di antimicrobici ;
  • stato fisiologico di menopausa e post menopausa, dove il deficit estrogenico altera il normale trofismo vaginale.
  • frequenti rapporti sessuali;
  • in alcuni casi anche lo stato gravidico, a causa della serie di modificazioni
  • Stati di cateterismo o presenza di diabete.
  • Stato di stress psicofisico del soggetto, con correlato abbassamento delle difese immunitarie.

La cistite è strettamente connessa all’intestino

Effettivamente, oramai è stato provato che stress elevati e cronici, possono modificare gli assetti ormonali, determinando un netto squilibrio tra ormoni del benessere (serotonina) e ormoni dello stress (cortisolo), influenzando di conseguenza il microbiota (batteri presenti nel nostro organismo), che di conseguenza influenza il sistema immunitario.

Si scatenano così, reazioni a catena che si manifestano attraverso infiammazioni croniche-recidive (vedi colon irritabile, cistite, candida, gonfiori addominali, stipsi ecc…), sfociando per l’appunto nel campo della psico-somatica correlato alla scienza medica.

Il microbiota in particolar modo, ha un ruolo cruciale per gli equilibri nutrizionali, immunitari, endocrini e nervosi di tutto l’organismo. Quando questo delicato equilibrio si rompe (disbiosi), si manifestano varie malattie: da quelle gastroenteriche, a quelle autoimmuni, tipo la cistite.

Numerosi studi confermano il legame tra cervello & intestino, e adesso sembra esistere anche il legame intimo tra intestino-vescica, correlato alla possibile presenza di permeabilità intestinale (LEAKY GUT SYNDROME), di cui ne viene fatto un accenno, la quale condizione determina il passaggio di batteri per altre vie.

Questa sindrome, spesso trascurata e sottovalutata, rappresenta la porosità della mucosa intestinale, che presenta spazi talmente ampi da permettere il passaggio di materiale di scarto, normalmente eliminabile con le feci (e quindi anche di batteri patogeni), nel circolo sanguigno, generando sintomi molti vari e spesso equivocabili.

Cistite. Fattori su cui lavorare per favorire la guarigione

La nostra omeostasi, dipende da come trattiamo il nostro corpo e ciò fa dedurre che avere una corretta alimentazione e un equilibrato stile di vita, risulta fondamentale per tenere in piedi i nostri “equilibri interni (microbiota)” , poiché si dimostra che :

  • Un’ALIMENTAZIONE ricca di elementi antinutritivi può fornire l’innesco di infiammazioni (alcol, caffeina in eccesso, cibi molto raffinati).
  • Lo STRESS CRONICO, che indebolisce un sistema immunitario, indebolisce anche la flora batterica residente , permettendo la colonizzazione ad altri agenti patogeni.
  • Qualsiasi tipo di INFIAMMAZIONE nell’intestino può determinare la presenza di LEAKY GUT: bassa acidità di stomaco (carente produzione di acido cloridrico) , crescita eccessiva di funghi (Candida), batteri (Helicobacter pilory) , infezioni, parassiti, tossine eccessive, uso di farmaci come FANS, inibitori di pompa, pillola anticoncezionale.

In modo particolare i funghi come la Candida possono creare fori nella mucosa poiché legano i rivestimenti epiteliali. Tutto questo comporta la presenza di DISBIOSI  (squilibrio tra specie positive e negative di batteri nell’intestino) – in particolar modo l’assenza di cibi “probiotici” e “prebiotici”  (verdure, frutta stagionale ecc…) e l’abuso di antibiotici e farmaci e/o stress cronico, contribuiscono alla manifestazione di ciò, attraverso il radiarsi di “effetti domino” e circoli viziosi.

Si deduce quindi che, ciò che introduciamo nel nostro corpo, non è solo una questione di calorie, ma una questione di molecole che hanno a che fare con i nostri “simbionti”, fondamentali per il nostro equilibrio psico-fisico, quindi possiamo anche capire come formulazioni specifiche di batteri possono supportare la nostra guarigione.

Protocollo Bromatech per la cistite

Questo protocollo di pulizia intestinale è stato sviluppato dall’azienda Bromatech produttrice di probiotici, che come abbiamo visto possono agire positivamente lavorando sulle cause sottostanti alla cistite. Il protocollo prevede l’assunzione di diversi tipi di probiotici in diverse fase successive:

Da assumere i primi 6 giorni. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Da assumere i successivi 15 giorni al termine di Enterelle. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Da assumere i successivi 15 giorni al termine di Bifiselle. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

  • DIAGNOSI:

queste infezioni possono essere valutate attraverso un esame specifico: urinocoltura, che permette di individuare il batterio patogeno e applicare cosi la terapia antibiotica adeguata.

  • RIMEDI COMPORTAMENTALI:
  1. Prevenire l’irritazione della vescica, favorendone lo svuotamento, per evitare il ristagno di urine molto concentrate che possono irritare la vescica e per favorire l’eliminazione dei batteri autoctoni.
  2. Avere una regolarità intestinale  per ridurre il numero di batteri dannosi.
  3. Avere un’equilibrata igiene intima, riducendo la possibilità che i batteri dannosi (patogeni) aderiscano alla mucosa delle vie urinarie.

Quali altre regole di vita e alimentari, possono essere applicate per contrastare la cistite?

Ci vediamo al prossimo articolo.

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni