coenzima q10

Il coenzima Q10 è un integratore che permette di aumentare i livelli di energia, proteggere il cuore e ridurre gli effetti collaterali delle statine (farmaci per il colesterolo).

Il coenzima Q10 è una sostanza naturalmente presente in tutte le cellule dato che è fondamentale per la corretta funzione mitocondriale ed è un potente antiossidante che protegge le cellule e i vasi sanguigni.

Senza Coenzima Q10 le cellule non producono energia = Stanchezza cronica

Il nostro organismo può produrre energia a partire dal cibo che mangiamo solo se è in grado di metabolizzarlo a livello cellulare. In biochimica, la misura dell’energia prodotta dal cibo si valuta con il numero di molecole di ATP. L’ATP è prodotto dalla demolizione di glucosio, aminoacidi e acidi grassi.

Come afferma il Dott. Flavio Rodolfo Dainesi:

“Nel caso del glucosio, per esempio, si ha una demolizione (glicolisi) fino ad acido lattico con la produzione  di due moli di ATP, ma in presenza di ossigeno e grazie al lavoro ossido-riduttivo dei mitocondri (vere e proprie officine estrattive dell’energia) la demolizione  della molecola procede oltre, fino a generare CO2, acqua e ben oltre 36 moli di ATP !
Orbene, qui sta il nocciolo della questione:
Il lavoro di estrazione dell’energia compiuto dai mitocondri (veri e propri microrganismi endocellulare, forse risultato di un’ancestrale simbiosi tra una primitiva cellula anaerobia e un batterio aerobio) puo’ interrompersi se una particolare molecola-catalizzatore di ossido riduzione  presente nelle loro membrane, detta Coenzima Q10 viene a scarseggiare per insufficiente rimpiazzo dovuto a scarsa sintesi o ad eccessiva sua distruzione.”

Quindi se non abbiamo abbastanza Q10 non possiamo produrre abbastanza energia dal cibo con tutto quello che ne consegue.

Gli organi che richiedono energia nel tuo corpo hanno i livelli più alti di Coenzima Q10. Questi includono:

cuore

cervello

reni

muscoli

fegato

tutti questi contengono molti mitocondri e usano una grande quantità di energia e quindi una grande quantità di Coenzima Q10.

Sintomi della carenza di Coenzima Q10

stanchezza generale

affaticamento muscolare

insufficienza cardiaca congestizia

aumento del rischio di morte da insufficienza cardiaca

colesterolo alto

ipertensione

aumentato rischio di tumori (cancro al seno, cancro alla pelle)

Parkinson

invecchiamento cutaneo (perdita di elasticità cutanea e formazione di rughe)

Le gravi carenze sono principalmente causate da mutazioni genetiche e si manifestano presto nella vita. I sintomi di carenze gravi di coenzima Q10 sono:

Danni alla parte del cervello responsabile della coordinazione e dell’equilibrio muscolare (cervelletto)

Danno ai reni

Danno alle fibre muscolari

Sordità

Crescita difficoltosa

Eruzione cutanea, grave artrite e infiammazione del cervello nei bambini (malattia multisistemica infantile)

Perdita di abilità mentali e motorie (sindrome di Leigh)

Morte (se la carenza non è corretta)

coenzima q10 acquista

Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto.

Cause di carenza di Coenzima Q10

Molte diverse patologie e condizioni, oltre a carenze nutrizionali, possono ridurre la capacità dell’organismo di produrre o di usare il Coenzima Q10 più velocemente di quanto possa essere sostituito. In questi casi, si dovrebbe considerare un’integrazione.

Le seguenti condizioni causano una carenza di Coenzima Q10 nell’organismo:

Sepsi

Cancro

HIV/AIDS

Ipertiroidismo

Diabete

Acromegalia

Mutazioni genetiche

Bassi livelli di testosterone

Obesità

Fumo di sigaretta

Asma

Depressione

Schizofrenia

Sindrome di affaticamento cronico

e una delle cause più comuni:

Uso di statine. Questi farmaci per il colesterolo inibiscono l’HMG-Co-A riduttasi, enzima implicato nella sintesi del Coenzima Q10. E’ dimostrato che le statine possono ridurre i livelli di CoQ10 fino al 54%.

Benefici del Coenzima Q10

1. Migliora la salute del cuore nei pazienti con precedenti. Una revisione di 14 studi e 2100 pazienti con insufficienza cardiaca ha rilevato che il Coenzima Q10 ha ridotto il rischio di morte del 31% ma non ha migliorato la funzionalità cardiaca o i sintomi di insufficienza cardiaca. Nelle persone che hanno precedentemente avuto un attacco di cuore, 1 anno di integrazione con 120 mg / die ha dimostrato di ridurre la comparsa di nuovi attacchi di cuore e decessi dovuti a malattie cardiache.

2. Migliora la pressione sanguigna e la coagulazione del sangue. Diversi studi condotti su oltre 280 persone con ipertensione hanno rilevato che l’integrazione con Coenzima Q10 (100 – 225 mg / die) riduce la pressione sanguigna. Le riduzioni della pressione sistolica variano dall’8% all’11% e la pressione diastolica varia dal 9% al 12%. Inoltre l’integrazione con 100 mg di Q10 al giorno per 20 giorni in uno studio ha ridotto la dimensione delle piastrine e ha contribuito a impedire che aderissero tra loro.

3. Abbassa l’infiammazione nel corpo. Il Coenzima Q10 è dimostrato che riduce i livelli di composti infiammatori inclusi CRP e TNF-α. Questi composti infiammatori sono collegati a malattie cardiache e diabete.

4. Migliora l’insulino-resistenza e regola la glicemia. Un’analisi di 14 studi e 693 persone sovrappeso e obese con diabete ha rilevato che Coenzima Q10 ha ridotto i livelli di zucchero nel sangue (a digiuno e HbA1c) e i livelli di insulina in dosi inferiori a 200 mg / die.

5. Riduce le complicazioni del diabete. I livelli elevati di zucchero nel sangue nei pazienti diabetici danneggiano i nervi, causando dolore, formicolio e intorpidimento (neuropatia diabetica). In uno studio su 24 diabetici affetti da neuropatia, 400 mg / die di Coenzima Q10 ha migliorato la funzione nervosa e i sintomi di danno ai nervi.

6. Migliora la fertilità negli uomini. Ci sono molti studi che lo dimostrano. Uno studio di 26 settimane su 212 uomini con infertilità ha rilevato che 300 mg / die di Coenzima Q10 hanno migliorato il conteggio e la motilità degli spermatozoi.

7. Riduce l’emicrania. In più studi, l’assunzione di Coenzima Q10 (100 – 300 mg / die) ha ridotto la durata, la frequenza e la gravità delle emicranie. In uno studio, 150 mg / die hanno ridotto il numero di emicranie di oltre il 50% dopo 3 mesi

8. Utile per fibromialgia e sclerosi multipla. La fibromialgia è caratterizzata da una alterata distribuzione di Coenzima Q10 nel corpo e da un aumento dello stress ossidativo. I livelli di Coenzima Q10 possono essere alti nel sangue, ma bassi nelle cellule immunitarie. E’ dimostrato che la supplementazione può aumentare i livelli di Coenzima Q10 nelle cellule immunitarie, che li protegge e riduce lo stress ossidativo. In alcuni studi di 12 settimane su 93 persone con sclerosi multipla, 500 mg / die di Q10 ha migliorato i sintomi di affaticamento e depressione e ridotto l’infiammazione.

9. Migliora il Parkinson. Nel morbo di Parkinson, i neuroni della dopamina vengono distrutti. La dopamina è importante per il movimento, l’apprendimento e i sentimenti di ricompensa. I livelli di Coenzima Q10 sono più bassi nei mitocondri di persone con malattia di Parkinson in fase iniziale. Una sperimentazione su 80 persone con malattia di Parkinson in fase iniziale ha rilevato che l’assunzione di 300 mg, 600 mg o 1.200 mg al giorno per 16 mesi ha rallentato il declino delle funzioni mentali e fisiche. Il più grande beneficio è stato visto nel gruppo che assumeva 1.200 mg.

10. Protegge dagli effetti collaterali della chemioterapia e delle statine. In uno studio su 50 persone che assumevano statine, 100 mg / die di Coenzima Q10 riducevano il dolore muscolare e miglioravano la loro capacità di svolgere attività quotidiane. In un altro studio su 20 atleti che assumono statine, 200 mg / die di Coenzima Q10 hanno migliorato la forza muscolare. Una revisione di 6 studi ha rilevato che il Q10 è protetto dai danni al cuore e al fegato durante la chemioterapia.

Riduce del 50% il rischio di cancro

Diversi studi scientifici hanno visto che il Coenzima Q10 può proteggere le cellule dallo stress ossidativo e promuovere la produzione di energia cellulare. E’ dimostrato che se il corpo non è in grado di combattere efficacemente il danno ossidativo, la struttura delle cellule può danneggiarsi, aumentando il rischio di cancro.

È interessante notare che i pazienti oncologici hanno dimostrato di avere livelli più bassi di CoQ10.

Avere bassi livelli di Coenzima Q10 sono stati associati a un rischio di cancro fino al 53,3% più alto e indicano una prognosi sfavorevole per vari tipi di cancro come dimostrati da molti studi (1 , 2 , 3).

Inoltre, un altro studio ha anche dimostrato che l’integrazione con Coenzima Q10 può aiutare a ridurre la possibilità di recidiva del cancro.

Piccoli studi clinici recenti su pazienti oncologici hanno dimostrato che l’assunzione di Coenzima Q10 non solo offre miglioramenti clinici, ma hanno anche identificato probabili meccanismi con cui il Coenzima Q10 può aiutare a rallentare la crescita del tumore. Alcuni di questi meccanismi includono

  1. l’aumento immunitario
  2. la soppressione del fattore di crescita dell’endotelio vascolare (che facilita l’angiogenesi tumorale)
  3. la riduzione dei marcatori infiammatori che possono facilitare la propagazione delle cellule tumorali

Il melanoma e il cancro al seno sono due tipi di tumori maligni per i quali il Coenzima Q10 ha dimostrato un notevole beneficio clinico .

Effetti collaterali

Il Coenzima Q10 è dimostrato essere generalmente ben tollerato, anche alle alte dosi. Gli effetti collaterali sono lievi e comprendono:

  • Mal di pancia
  • Diarrea
  • Nausea
  • Perdita di appetito
  • Mal di testa
  • Eruzione cutanea

Il CoQ10 viene processato dal fegato ed eliminato attraverso la bile. Ciò significa che le persone con scarsa funzionalità epatica o dotti biliari bloccati che integrano con Coenzima Q10 possono accumularne livelli elevati nel loro corpo, aumentando il rischio di questi effetti collaterali.

Interazioni con i farmaci

Il Coenzima Q10 può interferire con questi farmaci:

  • Warfarin (Coumadin) (ovvero farmaci anticoagulanti)
  • Farmaci per abbassare la pressione (il Coenzima Q10 abbassa la pressione, quindi se si assume anche il farmaco si può avere la pressione troppo bassa)
  • Farmaci per abbassare la glicemia (il Coenzima Q10 abbassa la glicemia, quindi se si assume anche il farmaco si può avere la glicemia troppo bassa)
  • Farmaci per l’asma (Theophylline)

I cibi più ricchi di Coenzima Q10

  • Germe di grano
  • Sardine
  • Sgombro
  • Salmone
  • Frattaglie
  • Carne di manzo
  • Semi di sesamo e pistacchi

Perché integrare il Coenzima Q10

Il Coenzima Q10 è comunemente integrato per aiutare a migliorare le malattie che coinvolgono la disfunzione mitocondriale e l’aumento dello stress ossidativo come la fibromialgia, la sindrome da stanchezza cronica e il diabete. L’integrazione può essere utile per le malattie cardiache, inclusa l’insufficienza cardiaca.

Molte persone assumono gli integratori di Coenzima Q10 per combattere gli effetti collaterali delle statine.

Viene utilizzato anche da coloro che vogliono perdere peso in eccesso dato che il Coenzima Q10 stimola il metabolismo, utilizzando più energia, bruciando così un maggior quantitativo di grassi immagazzinati.

Gli atleti, d’altra parte, li usano per migliorare le prestazioni. Infatti come afferma la redazione de “Il Medico Sportivo“:

“L’impiego del Coenzima Q10 [è] anche in medicina sportiva, dove alcuni studi effettuati su atleti professionisti di ciclismo e sci di fondo hanno dimostrato l’effetto positivo sugli indici di performance fisica e del tono muscolare.”

Il Coenzima Q10 è anche ottimo per mantenere la pelle giovane, elastica e idratata, per questo è molto usato anche nelle creme di bellezza. Studi ha dimostrato che l’assunzione di Q10 riduce le rughe attorno agli occhi e rende la pelle più resistente all’invecchiamento cutaneo indotto dall’esposizione al sole, mantenendola giovane.

Dosaggio

In generale seguire le dosi riportate sulla confezione o suggerite dal proprio medico.

Per la maggior parte delle malattie e condizioni studiate, sono efficaci 100-300 mg al giorno di Coenzima Q10 suddivisi in due dosi giornaliere.

Possono essere necessarie dosi più elevate per avere un miglioramento nelle malattie neurodegenerative. Assumere un dosaggio di 1.200 mg di Coenzima Q10 al giorno è considerato sicuro a lungo termine. Fino a 3.000 mg al giorno possono essere sicuri a breve termine (fino a 2 settimane).

Come assumere il Coenzima Q10

Il Coenzima Q10 è liposolubile, il che significa che è meglio assorbito se assunto con un pasto che contiene oli o grassi.

L’assunzione di vitamina C e vitamina E nello stesso momento del Coenzima Q10 può ridurre il suo assorbimento.

Quale integratore di Coenzima Q10 scegliere

La forma più comune di Coenzima Q10 in commercio si chiama ubiquinone.

Esistono però delle formulazioni più biodisponibili e potenziate di Coenzima Q10.

Una delle migliori tra queste è la HySorbQ10, una forma brevettata 100% naturale e di origine vegetale di Coenzima Q10 che viene assimilata dall’organismo fino a 4 volte più efficacemente. Viene prodotto dall’azienda britannica Good Health Naturally leader nel settore di integratori naturali (la stessa che produce la serrapeptasi e curcuminx4000).

Il dosaggio consigliato dal produttore è da 1 a 3 capsule al giorno. Nota che una capsula contiene 50mg, ma poiché è 4 volte più biodisponibile, equivale a 200mg.

coenzima q10 acquista

Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto.

Un’altra forma di Coenzima Q10 più assorbibile dei normali integratori in commercio è il Coenzima Q10 liposomiale. Sicuramente è più biodisponibile dei normali integratori di Q10 che puoi trovare in commercio ma non sappiamo dire quante volte è migliore e quindi se è più o meno buono del HySorbQ10. Quindi in generale consiglio l’HySorbQ10 per stare sul sicuro, consapevole che anche la forma liposomiale è ottima.

Testimonianze

Queste sono alcune recensioni tratte da commenti online di utenti che hanno assunto il Coenzima Q10.

“Grandioso, lo prendo due volte al giorno con le statine, mi ha aiutato con il dolore muscolare e la stanchezza”

“Ho aspettato un mese prima di scrivere la mia recensione. Ne prendo una al giorno e lo faccio da poco più di un mese e devo dire che la mia energia è migliorata. Ho una malattia autoimmune, quindi soffro di affaticamento, e dopo un mese ora riesco a ritardare la fatica e quando mi stanco mi sembra di recuperare più velocemente. Non sono stati rilevati effetti collaterali e l’ho già riordinato.”

“Ho preso il Coenzima Q10 due volte al giorno su consiglio del mio medico di famiglia e un biochimico clinico ospedaliero per combattere la sindrome da stanchezza cronica causata dalla vecchiaia (ho quasi 80 anni) e mitocondri disfunzionali. Non sono l’elisir della vita eterna, ma certamente hanno migliorato la mia energia e ora posso fare cose, come falciare il prato, che non avrei nemmeno tentato prima di prendere queste capsule. Se sei come me, fai una prova e vedi quanto ti senti meglio.”

“Ho una condizione della tiroide, problemi con le mie ghiandole surrenali e fibromialgia. Non sono guarita (!) Ma, avendo assunto il Coenzima q10 per tre mesi, posso dire onestamente che mi sento molto meglio.
Tutti i farmaci per il sollievo dal dolore avevano smesso di funzionare per me, e avevo un mal di testa permanente e altri dolori diffusi. Da quando ho preso il coenzima Q10, ho avuto pochissimi mal di testa e questo mi ha aiutato a ridurre i miei altri sintomi.
Sono anche molto meno confusa e smemorata, e non leggo il mio discorso o confondo le parole e dimentico le parole come ero solita fare.
I miei livelli di energia sono decisamente aumentati e, quasi tutti i giorni, non ho più il bisogno debilitante e incontrollabile di dormire nel pomeriggio. Questo sembra aver avuto l’effetto a catena che dormo meglio di notte.
Avendo letto della ricerca scientifica sul coenzima Q10 per il trattamento post-attacco di cuore, l’artrite, la fibromialgia, ho deciso di provarlo. Altri integratori pretendono di aiutare, ma la ricerca non è lì per sostenere le affermazioni e non volevo sprecare i miei soldi. Dato che questo sembrava avere qualche base scientifica solida, ho pensato di fare un tentativo. Sono così felice di averlo fatto e ho ordinato una seconda confezione.
Come ho detto, non sono guarita ma, per me, sento che il coenzima Q10 ha reso le mie condizioni molto più gestibili e la mia vita un pò più normale.”

“Mi aiuta a sentirmi molto più attivo e meno stanco e lo assumo solo da due settimane.”

coenzima q10 acquista

Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto.

Riferimenti scientifici

– Juan Garrido-Maraver et al. Coenzyme Q10 Therapy. Mol Syndromol. 2014 Jul; 5(3-4): 187–197.

– Rajiv Saini. Coenzyme Q10: The essential nutrient. J Pharm Bioallied Sci. 2011 Jul-Sep; 3(3): 466–467.

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni