Coltivare Cannabis non è reato penale. Lo afferma la Sentenza di Cagliari

Nessun Commento

coltivare marjiuana

Coltivare Cannabis, marijuana, non è reato, a certe condizioni. A dirlo è una sentenza della Corte d’Appello di Cagliari, che ha depositato le motivazioni d’assoluzione dall’accusa di coltivazione domestica, a carico di un giovane sardo.
Così, mentre l’oncologo Umberto Veronesi – già noto per le sue posizioni a favore della sigaretta elettronica, derivate da studi portati avanti all’Istituto Europeo di Oncologia – chiede a gran voce alle istituzioni di legalizzare la Cannabis e mentre l’intergruppo parlamentare per la legalizzazione della Cannabis organizza i primi incontri pubblici, la magistratura è già un passo avanti rispetto al dibattito antiprò.

La sentenza di Cagliari – Coltivare Cannabis non è reato

Certamente non è legale coltivare 110 piante di marijuana in una serra indoor, destinandole inevitabilmente allo spaccio, e non neanche è legale avere due etti e mezzo di fumo, nemmeno se sei un assessore leghista, ma la Corte d’Appello di Cagliari ha stabilito, con una sentenza destinata a fare giurisprudenza, che è legale coltivare fino a tre piante di Cannabis, quando è palese la destinazione d’uso personale.

La sentenza, (leggila interamente qui) recita, espressamente: “La richiesta di assoluzione è fondta, per un fatto di coltivazione non autorizzata di cannabis strutturato dalla legge come reato di pericolo. Infatti, ricorrendo al criterio dell’offensività specifica della singola condotta che il giudice di merito è tenuto ad accertare […] deve ritenersi rilevante sul piano penale solo una condotta di coltivazione non autorizzata idonea concretamente a ledere la salute di terzi”. Ergo: se ve la fumate voi, e non la cedete a terzi, e potete dimostrarlo (laddove il quantitativo sia chiaramente compatibile), non violate il codice penale.

Magistratura antiproibizionista – Dalle sentenze alle dichiarazioni pubbliche

Che in Italia, ormai, la magistratura sia antiprò, è un fatto conclamato. Recenti difatti sono le esternazioni del Procuratore Generale Antimafia, nero su bianco: “le ricadute che la depenalizzazione avrebbero in termini di deflazione del alleggerimento giudiziario, di liberazione di risorse disponibili delle forze dell’ordine e magistratura per il contrasto di altri fenomeni criminali” e, soprattutto, “di prosciugamento di un mercato che, almeno in parte è di appannaggio di associazioni criminali agguerrite”.

Fonte http://www.newspedia.it

Per approfondire

Biologa Molecolare spiega come il THC della canapa uccide completamente il cancro

La Storia della marijuana e dell’uso della Cannabis tenuta nascosta

La cura proibita di Rick Simpson e l’olio di cannabis che uccide le cellule cancerose

Marijuana legale in Uruguay! Sarà venduta nelle farmacie

Canapa - Olio vegetale puro
100% Olio vegetale biologico puro

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline