Come Costruire un Pannello Solare con Bottiglie di Plastica

3 Commenti

Questo pannello solare, non solo produce energia pulita da una fonte rinnovabile , il sole, ma riutilizza anche bottiglie di plastica. Inoltre, chiunque può costruirne uno. Si tratta di una invenzione di un meccanico brasiliano in pensione di nome José Alano il quale ha dimostrato che l’energia rinnovabile è a disposizione di tutti e che potrebbe non essere così costoso come si vorrebbe far credere.

Per costruire questo pannello solare bisogna raccogliere bottiglie di plastica e Tetrapak. Il prototipo di Josè è in funzione dal 2002 e da allora lui cerca di divulgare l’idea in Brasile con conferenze e laboratori. Si stima che oggi più di 7.000 persone usano questo pannello solare.
Questi i materiali che occorrono per la realizzazione:
60 bottiglie di plastica da due litri, 50 cartoni, un tubo in PVC con una larghezza di 100 mm, un tubo di PVC 20 mm, PVC 4 gomiti 90 gradi da 20 mm (4) , connettori a T da 20 mm in PVC , tappi in PVC da 20 mm.

Calentador Agua Solar Botellas Plasticos Calentador solar gratis con botellas PET

José Alano Otto anni fa, un meccanico brasiliano in pensione, è stato ispirato per raccogliere bottiglie di plastica (PET) e cartoni di latte utilizzati per sviluppare un sistema di riscaldamento solare dell’acqua semplice, economico e chiunque potrebbe costruire.
The Ecologist dedica un grande articolo raccontando la sua storia:

… Vedendo che nella sua piccola città di Tubarão non esisteva alcuna infrastruttura di riciclare imballaggi e sentirsi in grado di mettere da parte tutti i contenitori nel cestino, Alan e sua moglie presto trovato una stanza piena di bottiglie e cartoni di latte vuoti. […] Con la sua intelligenza e l’esperienza con i collettori solari, lui e sua moglie costruito una versione alternativa con 100 bottiglie in PET e 100 cartoni di latte utilizzato. Il prototipo ha funzionato perfettamente, mentre dato una nuova vita a tutti questi rifiuti in modo responsabile.
Dal momento che l’invenzione della schiena riscaldamento solare nel 2002, Alan ha continuato a diffondere questa idea in Brasile attraverso conferenze e workshop in scuole e nelle comunità di quartiere. Le autorità locali, i media e persino utilità hanno contribuito alla diffusione di questa pratica meravigliosa. Cifre esatte non sono note, anche se Alano citarne alcuni:
Più di 7.000 persone sono già beneficiano di questi sensori costruiti auto (fai da te) solo nello stato di Santa Catarina. Ci sono già due cooperative, una in Tubarão e altri a Florianópolis, l’ultimo dei quali ha 437 sensori che verranno installati nei comuni. Nello stato del Paraná, il numero di collettori installati nel 2008 è stato 6.000, grazie a workshop e volantini distribuiti nella popolazione.

Ecco diverse immagini del processo di fabbricazione.

construccion calentador solar plasticos Calentador solar gratis con botellas PET

Quello che sento di più è come Alan si descrive:
Io non mi considero un inventore, ma un privato cittadino cercando di trovare soluzioni ai problemi.

Questi sono i materiali di base necessari: 2L bottiglie di plastica (60), scatole di cartone (50), tubo in PVC di 100 mm (70 pollici), tubo in PVC di 20 mm (11,7 milioni), 90 gradi gomiti 20 millimetri PVC (4), 20 mm in PVC T-connettori (20), 20 mm in PVC berretti (2), colla per PVC, vernice nera e rullo, carta vetrata, nastro, auto-fusione, gomma martello, sega , legno o altro materiale per il supporto.
Esso utilizza tubo PVC stampo 100 mm e tagliare il fondo delle bottiglie. Tagliare il tubo in PVC 20 mm 10 x 20 x 1 m e 8,5 cm e pezzi assemblati con connettori T. Tagliare e dipingere i cartoni di tono nero opaco e tubi di un metro di lunghezza. E assemblati.
I pannelli devono essere posizionati almeno 30 cm sotto il serbatoio e si trova a sud, nell’emisfero settentrionale, e il nord nell’emisfero sud, a parete o soffitto. Per ottimizzare l’assorbimento di calore, i pannelli devono essere montati con l’angolo di latitudine più 10 °. Questo varia a seconda della zona geografica in cui è installato.
Bottiglie in PET vengono sostituite ogni cinque anni o quando si deve essere tempo di cartone sbiancato e solo ri-verniciato, e descritto tutto questo, è sufficiente a darci un fine settimana per mettere insieme e hanno un vicolo di queste caratteristiche così particolare.

Istruttivo grafico:

calefon1 Calentador solar gratis con botellas PETcalefon2 Calentador solar gratis con botellas PETcalefon3 Calentador solar gratis con botellas PETcalefon4 Calentador solar gratis con botellas PETcalefon5 Calentador solar gratis con botellas PETcalefon6 Calentador solar gratis con botellas PETcalefon7 Calentador solar gratis con botellas PETcalefon89 Calentador solar gratis con botellas PETcalefon10 Calentador solar gratis con botellas PETcalefon11 Calentador solar gratis con botellas PET

Fonte http://ecocosas.com/arq/calentador-solar-gratis-con-botellas-pet/

Traduzione da http://armysoftport.wordpress.com

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

3 Commenti su questo post

  1. Arch. Maurzio Moriconi says:

    Sono interessato personalmente e come architetto!

  2. oviera says:

    L’idea è interessante, bisogna però verificare se realmente sono efficaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline