Come fare la dieta chetogenica

Nessun Commento

dieta chetogenica come fare

La dieta chetogenica si basa sui più recenti studi scientifici che mostrano come una dieta povera di carboidrati netti, moderata in proteine e ricca di grassi può rigenerare il cervello danneggiato da ictus e demenza, distruggere le cellule tumorali e prevenire le malattie cardiovascolari

La dieta chetogenica è ottima per prevenire il cancro dal momento che le cellule tumorali hanno bisogno di glucosio per prosperare, e i carboidrati privi di fibra si trasformano in glucosio all’interno del corpo, tagliare fuori i carboidrati netti letteralmente affama le cellule tumorali. Inoltre assumere poche proteine tende a restringere il percorso di mTOR, il che aiuta a limitare la proliferazione cellulare.

La maggior parte dei tumori sono prevenibili attraverso una corretta alimentazione. Evitare esposizioni tossiche (come i pesticidi) è un altro fattore significativo, e questo è uno dei motivi per cui consiglio di mangiare cibi biologici o non trattati.

Se si vuole evitare o curare il cancro bisogna tagliare fuori tutte le forme di zucchero e farine raffinate dalla dieta. Questo passaggio consente di ottimizzare le vie di segnalazione che potrebbero altrimenti contribuire alla trasformazione maligna.

Uno dei meccanismi principali con cui lo zucchero favorisce il cancro e altre malattie croniche è causando una disfunzione mitocondriale. Lo zucchero non è un combustibile ideale per il nostro corpo e infatti crea delle specie di ossigeno molto più reattive (ROS) rispetto al grasso quando viene metabolizzato. I ROS  sono composti dell’ossigeno a elevata attività ossidante che possono causare severi danni ossidativi specialmente a carico di DNA, lipidi e proteine.

Oltre a migliorare la salute, la dieta chetogenica:

  • Riduce il peso in eccesso
  • Abbassa il colesterolo alto
  • Abbassa la pressione sanguigna alta
  • Riduce la resistenza all’insulina e il rischio diabete
  • Favorisce la rigenerazione cerebrale
  • Contrasta le cellule tumorali
  • Favorisce la disintossicazione dallo zucchero

Come è costituita la dieta chetogenica

Per una salute ottimale abbiamo bisogno di una quantità sufficiente di carboidrati, grassi e proteine. Tuttavia, ci sono carboidrati sani e quelli malsani. Idem per grassi e proteine. Il Dr. Mercola da una revisione della biologia molecolare richiesta per ottimizzare la funzione mitocondriale, suggerisce una dieta con i seguenti rapporti di nutrienti:

Grassi

Grassi sani, dal 75% al 85% per cento delle calorie totali. Benefici grassi monoinsaturi e saturi includono le olive e l’olio d’oliva, noci di cocco e olio di cocco, noci crude come le noci di macadamia e le noci pecan, semi come sesamo, il cumino nero, zucca e semi di canapa , avocado, ghee, burro crudo di cacao, uova, carne.

I grassi nocivi che contribuiscono alla malattia sono principalmente i grassi trans e gli oli vegetali raffinati polinsaturi (PUFAs), chiamati anche omega-6. Ricordate, il glucosio è un combustibile intrinsecamente “sporco”, in quanto si genera molto più ROS di quanto la combustione dei grassi faccia. Per bruciare il grasso, le vostre cellule devono essere sane e normali. Le cellule tumorali non hanno la flessibilità metabolica per bruciare il grasso e per questo motivo una dieta ricca di grassi sani sembra essere una strategia anti-cancro efficace

Quando si passa dalla combustione di glucosio come combustibile primario al bruciare i grassi come combustibile, le cellule tumorali devono lottare per rimanere in vita, in quanto la maggior parte dei loro mitocondri sono disfunzionali e non possono utilizzare l’ossigeno per bruciare il combustibile. Allo stesso tempo, alle cellule sane viene dato un combustibile ideale che abbassa il danno ossidativo e ottimizza la funzione mitocondriale. L’effetto totale è che le cellule sane iniziano a prosperare mentre le cellule tumorali sono “morte” di fame.

Carboidrati

I carboidrati, dall’8 a 15% delle calorie giornaliere. Ciò significa che se la quantità totale di carboidrati è del 10% delle calorie giornaliere, almeno la metà deve essere fibra. La fibra ha una serie di benefici per la salute, compresa la gestione del peso e un minor rischio per alcuni tipi di cancro.

Personalmente credo che i più potrebbero trarre beneficio dal ridurre i carboidrati (non solo il fruttosio) a meno di 100 grammi (g) al giorno, e mantenere la totale assunzione di fruttosio ad un massimo di 25 g al giorno da tutte le fonti. Se siete insulino-resistenti, è meglio seguire il limite di 15 g di fruttosio al giorno.

I malati di cancro probabilmente sarebbero meglio aiutati da limiti più rigorosi. Riducendo la quantità di carboidrati netti che si mangia, si compiranno 4 cose che si tradurranno in infiammazione abbassato e la stimolazione ridotta della crescita del cancro. Così potrete:

  • Abbassare il livello di glucosio nel siero
  • Ridurre il livello di mTOR
  • Ridurre il livello di insulina
  • Abbassare i fattori di crescita insulino-simili (IGF-1, un potente ormone che agisce sulla ghiandola pituitaria per indurre effetti metabolici ed endocrini, tra cui la crescita delle cellule e la replicazione. Elevati livelli di IGF-1 sono associati con il cancro al seno e altri tipi di cancro).

Ottime fonti di carboidrati ricchi di fibre che si possono mangiare sono i semi di chia. bacche, frutta a guscio, cavolfiori, ortaggi a radice e tuberi, come le cipolle e le patate dolci, fagiolini, piselli, broccoli, cavolini di Bruxelles, carote. Infatti tutte le verdure sono ottime fonti di carboidrati, quindi non è necessario mangiare molti cereali.

Proteine

Proteine, dal 7 al 10 per cento delle calorie totali. Scegliete proteine di qualità come carne alimentata ad erba (grass-fed) o biologica. Come regola generale, vi consiglio di limitare la quantità di proteine a 0,5 g di proteine per chilo di massa magra del corpo, che per la maggior parte delle persone equivale da 40 a 70 g di proteine al giorno.

(Per stimare le vostre esigenze di proteine, prima determinate la massa corporea magra. Sottraete la percentuale di grasso corporeo da 100. Ad esempio, se avete il 20% di grasso corporeo, allora avrete l’ 80% di massa corporea magra. Ora basta moltiplicare questa percentuale con il peso attuale per ottenere la vostra massa magra del corpo in chili.)

Anche in questo caso, la ragione per limitare le proteine è che quantità eccessive hanno un effetto stimolante sul percorso del mTOR, che gioca un ruolo significativo in molte malattie, compreso il cancro. Quando riducete le proteine a ciò che il vostro corpo ha bisogno per la riparazione e la manutenzione delle cellule, mTOR rimane inibito, e aiuta a minimizzare le possibilità di crescita del cancro.

Olio Extravergine di Oliva
Olio italiano estratto a freddo

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

Vegan D3 - 60 Compresse
A base di Vitamina D3 vegetale

Voto medio su 1 recensioni: Buono

Leggi anche

La dieta chetogenica è l’alimentazione perfetta per trattare ogni tipo di malattia

Dott. Longo: “Ecco gli enormi effetti della dieta mima digiuno per 5 giorni a settimana”

Lo zucchero non solo alimenta il tumore, ma può crearlo

Riferimenti
Ketogenic Diet and Cancer-a Perspective.
Nutrition & Metabolism 2010, 7:7
Bioenergetics of Cancer June 2011; 1807(6):577–594
Academia.edu, Dominic D’Agostino
Nutrition & Metabolism 2010, 7:7
Bioenergetics of Cancer June 2011; 1807(6):577–594
Boston College, Thomas N. Seyfried

Copyrighted.com Registered & Protected 
1FYG-CAFW-ECUS-CPNL

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline