Come fare la polenta senza mescolare!

8 Commenti

polenta

Per gli amanti della polenta che sono pigri solo all’idea di stare lì a mescolare per 45 minuti, et vualà un piccolo trucchetto.

Innanzitutto non prendo nemmeno in considerazione la polenta da fare in 5 minuti, primo perché il sapore si sente, e secondo perché questo è un blog di cuochi, qui ci si sbatte e si fatica, ma si ottengono risultati migliori; d’altra parte non si dice sempre che chi ama cucinare ama fare l’amore? meditate gente, meditate!!!!

E ricordatevi: dove non c’è manipolazione non c’è cuoco!!!!

Quindi prendiamo la nostra brava polenta, a me piace quella con grano saraceno, ma a chi piace la bianca o la gialla no problem, è un discorso di gusto personale.

Seguite le indicazioni sulla busta per dosare le quantità di acqua e polenta, in genere per 1/2 kg. di polenta vanno da 1 litro e mezzo a 2 litri d’acqua, dipende molto dalla farina, dall’umidità, e dal fatto che la vogliate o meno dura o morbida.

Mettere un bel pentolone sul fuoco con l’acqua e portarlo a ebollizione regolando di sale. Se avete una pentola col fondo antiaderente è meglio. Appena bolle, abbassare la fiamma per farlo appena sobbollire, e buttare a pioggia la polenta mescolando con una frusta. Importante questa prima fase perché gli eventuali grumi che si formano poi rimangono lì a rompere le scatole, quindi versiamo la polenta piano piano e mescoliamo benissimo.

Quando abbiamo mescolato e vediamo che la polenta riprende a bollire, innanzitutto mettiamo la fiamma al minimo sindacale, prendiamo uno straccio pulito, lo bagniamo e lo strizziamo non troppo forte: non deve grondare acqua ma non deve nemmeno essere quasi asciutto; copriamo la pentola con lo straccio umido, sigilliamo il tutto col coperchio, e facciamo andare SENZA MAI APRIRE per i canonici 40/45 minuti.

Quando è trascorso il tempo necessario, spegnete il fuoco, scoperchiatela, e preparatela come più vi piace.

Non sarà nemmeno attaccata né al fondo né ai bordi, al limite giusto un pochino. Se vi piace il bruciacchiato, non dovete fare altro che scoperchiarla 10 minuti prima e farla andare scoperta normalmente.

Fonte http://bluaragosta.blogspot.it

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

8 Commenti su questo post

  1. Cristina says:

    Ciao, sono molto lusingata di essere stata citata su questo bellissimo sito che devo confessare non conoscevo. Intanto un ringraziamento è d’obbligo, e sarà un piacere seguirti.

    Un grazie da una nuova followers.

    Cris

    • Dioni says:

      Ciao Cristina,
      il tuo blog di cucina, che ho conosciuto ricercando la ricetta per la polenta, mi piace molto perché è semplice ed accogliente ed ho intenzione di pubblicarne altre squisite ricette!
      Grazie per il tuo lavoro.
      Dioni

    • Dioni says:

      wow è un’onore! ps. oggi ho fatto la polenta con la tua ricetta per la seconda volta ed è venuta buonissima! sto pensando di acquistare una pentola in terracotta per evitare che si attacchi un pò sul fondo come accade con quella in acciaio inox

      • Cristina says:

        Figurati è il minimo!!! comunque nelle foto non si vede, ma anche l’interno della mia pentola è col fondo nero che non si attacca, con la terracotta sicuramente è il massimo!!!

        Un abbraccio

  2. Enrica says:

    ciao Dioni vengo dal blog si cristina e devo farti i complimenti per il tuo blog lo trovo molto interessante buona domenica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline