Come preparare in casa le verdure fermentate

6 Commenti

come fare verdure fermentate

Nell’articolo Perché dovremmo ricominciare a fermentare le verdure ho descritto tutti gli enormi benefici per la salute fisica e mentale delle verdure fermentate. Sono state usate da sempre nell’antichità e sono ricchissime di vitamina C che aumenta durante il processo. La vitamina c è l’unica vitamina che il nostro corpo non riesce a sintetizzare dalle altre, quindi va sempre introdotta con l’alimentazione. Di seguito spiego due metodi semplici da fare in casa per avere delle gustose verdure fermentate che possono essere mangiate da sole o come accompagnamento di altri piatti. Mangiarle ad ogni pasto migliora la digestione e l’assimilazione dei nutrienti.

METODO 1: PIU’ VELOCE

Ingredienti:

  • verdure miste quali carote, cavolfiore, cavolo cappuccio, sedano, pomodori verdi, pomodori maturi, peperoncini, cipolle, aglio ecc.
  • 30 g di sale marino integrale per ogni litro d’acqua
  • alloro, rosmarino, salvia, pepe, ginepro ecc. a piacere per aromatizzare

Procedimento:

Lavare e tagliare le verdure sottilmente e riporle in barattoli di vetro aggiungendo a piacere aglio e aromi (alloro, pepe bianco ecc.). Questi, oltre ad insaporire, aiutano la fermentazione lattica, evitando la formazione di muffe e batteri indesiderati che finirebbero col rovinare il prodotto finale.

Sciogliere 30 g circa di sale marino integrale per litro d’acqua e portare ad ebollizione (serve a togliere il cloro dall’acqua e disinfettarla dai batteri presenti), lasciar raffreddare e versare sulle verdure fino a ricoprirle. Chiudere infine con un tappo in modo non ermetico (nella fermentazione si produrrà dell’anidride carbonica che dovrà uscire, altrimenti si romperà il barattolo). Lasciare riposare le verdure in un ambiente a circa 20°C per 15 giorni. Passato il tempo le verdure fermentate sono pronte! Possono essere conservate in frigorifero o in un ambiente a bassa temperatura per 2-3 settimane.

METODO 2: PIU’ LABORIOSO, MA E’ QUELLO ORIGINALE

Ingredienti:

  • Cavolo cappuccio (così faremo i crauti; se vuoi puoi aggiungere altre verdure, leggi le considerazioni sotto)
  • Sale marino integrale (circa 30 g per chilo di verdura)

Procedimento:

Pulisci il cavolo togliendo le foglie esterne, taglialo a striscioline sottili. Disponile a strati di 3-4 cm nel contenitore scelto, io utilizzo una grossa ciotola di vetro in cui poi inserisco un piatto per pressare. Poi aggiungi un pò di sale e comprimi bene con le mani. Continua con altri strati nello stesso modo. L’ultimo strato deve arrivare a qualche centimetro dal bordo per lasciare lo spazio all’acqua che si formerà da sola con la fermentazione.

Sopra l’ultimo strato di cavolo va posato un coperchio con sopra un peso che comprime il cavolo. Cerca di trovare un piatto della stessa grandezza del contenitore, cercando di far entrare meno aria possibile.La compressione è fondamentale tanto quanto la presenza del sale. Quindi potete usare un piatto con sopra una pentola piena d’acqua oppure dei barattoli pesanti. Questi devono essere puliti perché entreranno in contatto con l’acqua che uscirà dal cavolo. Si può utilizzare addirittura un sasso, come facevano un tempo, ma è chiaro che deve essere super pulito. Ricopri il tutto con un canovaccio per evitare che insetti e polvere entrino. Riponi il contenitore in un posto buio e fresco, per circa 4-6 settimane.

Se non trovi un piatto della forma giusta, puoi ricavartene uno usando dei contenitori usa e getta in polistirolo o alluminio, tagliali della forma corretta con delle forbici da cucina.

Una volta al giorno assicurati che la compressione venga mantenuta e se necessario elimina la schiumetta e la muffa che si può formare. E’ normale, nessun pericolo! L’importante è che i crauti rimangano lontani da ciò, sommersi per almeno un paio di centimetri sotto il pelo dell’acqua.

Trascorso il tempo di fermentazione puoi trasferire i crauti, insieme al loro liquido, in contenitori da poter conservare in frigorifero per alcune settimane o mesi.

I crauti crudi così ottenuti sono ricchissimi di vitamina C e, proprio per questo motivo, venivano usati nel medioevo dalle popolazioni europee. Accompagna ogni tuo pasto con una piccola quantità di crauti, aiuteranno la tua digestione. A molte persone piacciono accompagnati con le mele, provali anche con altre verdure o con della frutta a tuo piacimento.

In alternativa a questi strumenti casalinghi, è possibile acquistare un pressa-verdure apposito, decisamente molto più comodo. Si trova nei negozi di alimentazione naturale, oppure nei negozi on-line.

CONSIDERAZIONI

  • Nella miscela di vegetali scegliere fusti e radici, evita invece le verdure a foglia. Il cavolo cappuccio è particolarmente indicato per ottenere dei buonissimi crauti naturalmente fermentati. Carote, patate dolci (quelle americane, non quelle bianche comuni), barbabietole (crude), rape, zucca, cavolfiori, ravanelli, cetrioli, asparagi, sedano rapa, cavolo nero, porro, sedano (fusto) possono essere usate con successo. Il peperone si sente molto quindi è consigliato metterne davvero poco;
  • Utilizzare sempre verdura biologica e possibilmente locale: sui vegetali non saranno stati usati prodotti chimici e i batteri della verdura si saranno formati in maniera naturale e sana;
  • Scegli verdura fresca in quanto sarà ricca di acqua. Altrimenti nel metodo 2 sarà necessario aggiungere acqua e sale;
  • Rimuovi tutte le foglie esterne che ti sembrano rotte o non più fresche. NON lavare il cavolo, sulle foglie sono presenti i batteri che attiveranno la fermentazione naturale, solo grazie alla loro presenza otterrai i crauti;
  • Sbucciare le verdure dato che la buccia può conferire un sapore amaro;
  • Quando si aggiungono vegetali aromatici, quali le cipolle, l’aglio e lo zenzero, ricordarsi che con la fermentazione aumentano di sapore. Non esagerare! Un paio di spicchi di aglio di medie dimensioni sono sufficienti per infondere a una dozzina di barattoli o più, un sapore delicato;
  • La cipolla tende a sopraffare, non importa quanto poco utilizzata, per cui aggiungerla solo se gradita;
  • Si possono aggiungere le alghe per aumentare i minerali, le vitamine e le fibre: wakame, dulse e kelp sono le più indicate in quanto non hanno l’aroma di pesce;
  • Usa solo sale marino integrale, in modo da non interferire con il processo di fermentazione naturale. Evita sali raffinati o iodati;
  • Se si mette meno sale la fermentazione avverrà più velocemente ma una discreta dose di sale ci vuole perché altrimenti non avviene più la fermentazione e le verdure rischiano di irrancidire.
Manuale dei Cibi Fermentati
Come preparare olive in salamoia, sidro, kefir, dosa,
insalatini, formaggio di mandorle e tanti altri alimenti
fermentati dalle elevate proprietà nutrizionali

Voto medio su 11 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

6 Commenti su questo post

  1. Michelangela Savitri Di Mieri Saniline Greco

  2. Sergio says:

    Un grosso barattolo di vetro dentro ho inserito il cavolo nero, acqua, e kefir, alla imboccature ho inserito una bottiglia pieno d’acqua per il peso, tra l’imboccatura e la bottiglia per non far entrare la polvere ho inserito intorno alla bottiglia della carta da cucina, è la prima volta che provo nella fermentazione della verdura, tra qualche giorno provo ad assaggiarlo vediamo se tutto è ok, riguardo il kefir d’acqua dopo aver appreso informazioni preziose da questo sito , e ulteriori aggiornamenti da YOU tube , è tutto perfettamente riuscito, con molta facilità , devo dire che il kefir d’acqua fisicamente funziona.

  3. Le faccio spesso anche io, sono buonissime e fanno bene alla salute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline