COME TRASFORMARE LA MUSICA DA 440 A 432 HZ

11 Commenti
432hz
Il suono, in tutte le epoche, è stato riconosciuto come una modalità di guarigione molto potente.
La causa della malattia, è sempre un modello di energia disarmonico e il suono ha la capacità di introdurre energia, aumentare e correggere le vibrazioni.
La frequenza 432, è alla base di tutta la creazione e tutte le altre frequenze in Natura, le ruotano intorno. Gli egiziani ed altre antiche civiltà, avevano avanzati strumenti musicali accordati alla frequenza 432. Fu così per moltissimo tempo.
Poi, nel 1939, il ministro della propaganda nazista Joseph Goebbels, notò che la frequenza 440 suscitava una forma di aggressività maggiore nei soldati. Così fece in modo che tutti gli strumenti modificassero da lì in poi, la loro accordatura a quella frequenza.
La frequenza 440, limita il modo di pensare e di sentire delle persone, tenendole prigioniere di una certa coscienza. La musica a 432 Hz, favorisce la sincronizzazione cerebrale, il rilassamento, l’intuito. E’ efficace in caso di ansia, stress ed insonnia. Stimola la produzione di serotonina e riduce gli sbalzi d’umore. Dà sollievo e benessere a tutto il corpo, è in una parola, RIGENERANTE.
VIbrazioni ed emozioni
Altri interessanti spunti provengono dalla vita e dalle esperienze di Maria Renold. La sua preziosa ricerca ha rilevato più di una volta, che attraverso la normale intonazione standard basata su un LA a 440 Hz, gli ascoltatori presenti nella stanza cominciavano ad assumere comportamenti polemici e antisociali. Quando invece l’intonazione del medesimo strumento veniva eseguita 432 Hz, le stesse persone, nuovamente invitate ad ascoltare il medesimo concerto, rimanevano questa volta piacevolmente colpiti ed entusiasti. Per oltre vent’anni la Renold ha avuto modo di constatare queste evidenze, intervistando e testando più di duemila persone, e oltre il 90% preferiva a priori il tono più basso, formato da una normale scala equo-temporale basata su un DO a 256 Hz e un LA a 432 Hz.
Ecco come trasformare in 432Hz

Scarica da internet il programma AUDACITY. Carica il brano cliccando: progetto-importa audio.

Dopo aver caricato la Wave, evidenziala cliccando con il pulsante sinistro all’inizio della traccia che si oscurerà, vai in: Effetti.

Clicca: Cambia velocità.

Il valore da dare in giù, al semi tono, è di: – 0,32
La percentuale: – 1,818 (questo è il valore da usare)
Clicca: OK

Audacity automaticamente trasformerà l’intonazione.

Termina la procedura andando su: file esporta wav (Si può salvare il file in vari formati, nel caso si voglia un file .mp3, bisogna installare l’encoder MP3 Lame)

Salva la traccia dove vuoi.

Puoi anche importare tracce in MP3 che il programma trasformerà in wav, consigliamo di mantenere questo formato poiché l’MP3 inibisce troppe armoniche fondamentali, tagliandone le frequenze.

Per i video, vale la stessa procedura. Con un programma per l’editing video (ad esempioVegas), si esporta la traccia audio, la si modifica nell’editor audio (Audacity), e la si reimporta nel progetto sostituendo la precedente.

Se sei un musicista e vuoi avere la conferma che la conversione nel file audio è avvenuta, ovvero con il LA accordato a 432Hz puoi suonarci sopra con la chitarra che è stata precedentemente accordata con il LA a 432Hz con un diapason a 432Hz.

Nota. Su internet è riportata una procedura errata che anziché farti selezionare “cambia velocità” suggerisce di cliccare “cambia intonazione” ma questo genera un file audio distorto. Questo perchè da 440Hz a 432Hz il brano rallenta e cambiando semplicemente l’intonazione cosa succede? Succede che un brano a 432Hz più lento, e che quindi dura di più di qualche secondo, viene fatto entrare forzatamente nello stesso tempo della 440Hz, più breve rispetto alla 432Hz… Come risultato si ottiene una sgradevole campionatura del brano convertito, ovvero uno schiacciamento forzato dell’onda sonora. Cliccando invece su Cambia Velocità (Tempo e Intonazione) l’onda rimane coerente, cioè identica a quella del brano a 440Hz e non si verifica il campionamento o schiacciamento forzato del suono. Questo succede perchè da 440Hz a 432Hz il tempo rallenta essendo la tonalità a 432Hz più lenta.

Su Youtube puoi trovare molte musiche a 432Hz.

Per saperne di più sulla musica a 432 Hz

La legge dell’ottava – Accordatura a 432 Hz e Riflesso nel Cosmo

Il potere degli 8Hz – Sviluppo facoltà e percezioni eccezionali

Il simbolismo della Ghiandola Pineale

Attivazione Bio-Energetica - CD 432 Hz
Visualizzazione guidata per liberare l’energia vitale e creare felicità

Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere

432 Hertz: la Rivoluzione Musicale
L’Accordatura Aurea per intonare la musica alla biologia

Voto medio su 19 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

11 Commenti su questo post

  1. Su you tube , per sentire la differenza, “andantino Mozart 432 vs 440 ” di Flavia Vallega Krystael

  2. grazie Riccardo e buona giornata

  3. Facendo in questo modo si ha solo un abbassamento di tonalità in generale senza avere nessun effettivo beneficio.
    Per ascoltare un brano a 432hz deve essere registrato avendo tutti gli strumenti che compongono quel brano accordati a 432 hz…

    • Ray says:

      Eventualmente se si dispone di un disco in vinile e di un riproduttore di dischi, dotato di regolatore di velocità, si potrà avere musica a 432. L’unico problema sarà la musica in questione avrà una durata maggiore dell’originale.

  4. Leonardo says:

    Salvatore Giuliano mi ha tolto le parole di bocca.
    Le vibrazioni “rigeneranti” suonate con strumenti dal vivo producono ulteriori vibrazioni che con la semplice alterazione post-registrazione di strumenti intonati a 440hz non ci sarebbero.
    Se si vuole diffondere un’informazione così delicata per i tempi che corrono, almeno facciamolo bene!

    A buon rendere

  5. Vale says:

    Ma se cambia hz, perche se apro il brano salvato di nuovo mi da sempre 441?
    baglio qualcosa?

  6. Giuseppe says:

    Salve, vorrei avere maggiore chiarezza a riguardo. Io sono un Dj e vorrei provare a portare la musica a 432hz dove suono, perché come ho già provato il 432hz è veramente la musica, però ho riscontrato un problema, cioè quando si va a modificare l’intonazione, le canzoni non rispettano più la metrica e vanno fuori tempo. Quindi come ho già letto altrove può darsi che vada cambiata la velocità (tempo ed intonazione) e non soltanto l’intonazione? Poi vorrei sapere se la percentuale giusta di cambiamento è di -1,818 oppure -1,820 o altre.

  7. Sebastiano says:

    Se modifico l’intonazione soltanto non cambio la frequenza di campionatura; quindi ascolterò una canzne intonata a 432 Hz ma con una frequenza effettiva di 441Hz. Credo che si debba agire in un altro modo…

  8. Daniele says:

    Vi consiglio di estrapolare l’audio da un filmato con VLC: https://www.youtube.com/watch?v=8uJmR0gsmNM

  9. Alessandro says:

    Buongiorno carissimi , desidererei delle info su come fare a cambiare il semitono e portarlo a -32 . Per quanto riguarda la velocità ci sono ma non so dove andare a cambiare il semitono , mi dareste una mano ? ciao e grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline