Coppetta mestruale

Sicuramente vi sarà già capitato di sentir parlare della coppetta mestruale, una delle alternative più valide, economiche ed ecologiche, ai tradizionali assorbenti lavabili e convenzionali e ai tamponi, utilizzata dalle donne durante il ciclo mestruale. Volendo attribuire una definizione ben precisa, la coppetta mestruale non è altro che una sorta di “barriera” che si indossa all’interno della vagina durante i giorni del ciclo per raccogliere il flusso mestruale.

Essa si differenzia dalle altre soluzioni comunemente adottate durante le mestruazioni poiché invece di assorbire il flusso mestruale, come avviene con l’assorbente, tale dispositivo lo raccoglie. Un aspetto senza dubbio da non sottovalutare poiché i tradizionali sistemi di assorbenza riducono conseguentemente anche la quantità di muco cervicale, principale antibatterico in grado di costituire una vera e propria barriera protettiva nella cavità cervicale tra vagina e utero, impedendone l’accesso a batteri e ulteriori organismi estranei veicolo di infezione.

Sebbene l’utilizzo della coppetta mestruale non sia ancora ampiamente diffuso, molteplici sono in vantaggi che essa comporta rispetto agli assorbenti usa e getta: primo tra tutti quello ecologico poiché proprio gli assorbenti, classici o tamponi compaiono tra le cause di inquinamento ambientale più impattanti.

coppetta mestruale acquista

Coppetta mestruale consigliata. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Coppetta mestruale caratteristiche

La prima coppetta mestruale moderna, simile a quella odierna, è stata ideata negli USA nel 1937 da Leona Chalmers che provvide a brevettare il primo dispositivo in lattice chiamato Tassette, successivamente migliorato, perfezionato e prodotto fino al 1963. A partire dagli anni ’70 in Finlandia vennero prodotte le prime coppette mestruali usa e getta ma bisognerà attendere gli anni ’80 per assistere a un vero e proprio boom con la creazione della coppetta mestruale The Keeper, realizzata e prodotta anch’essa in lattice e ad oggi ancora in commercio. All’inizio del 21° secolo arriva la svolta: la coppetta mestruale viene prodotta in silicone ad uso medico, materiale anallergico, sicuro, igienico e flessibile o avvalendosi dell’utilizzo del TPE, materiale totalmente privo di lattice,ftalati, agenti sbiancanti e BPA, tutti elementi potenzialmente dannosi per l’organismo, consentendo in questo modo di indossare il dispositivo anche da parte di soggetti allergici al lattice. Sia il silicone medicale che il TPE o elastomero termoplastico, risultano morbidi e confortevoli, rendendo l’inserimento della coppetta, piuttosto agevole fin dai primi utilizzi.

Coppetta mestruale come si usa

In media una coppetta mestruale può contenere fino a 30 ml di sangue, l’equivalente di 1/3 di quanto costituisce l’intero flusso mestruale. Esattamente partendo da questo dato, diviene più semplice comprendere quando risulta necessario svuotare e reinserire nuovamente il dispositivo.

Per utilizzare la coppetta mestruale in modo corretto, occorre semplicemente attenersi a pochi semplici suggerimenti:

  • Prima di procedere all’utilizzo è fondamentale sterilizzare la coppetta mestruale per almeno 5 minuti, lasciandola bollire in acqua bollente per poi sterilizzarla di nuovo al termine del ciclo mestruale;
  • Lavare con detergente intimo e risciacquare bene la coppetta mestruale ogni volta che la si estrae e prima reinserirla nuovamente. Importante lavare accuratamente le mani prima di procedere poiché la vagina non è un ambiente sterile.
  • Imparare a inserire e a rimuovere la coppetta mestruale nella maniera personalmente più comoda e in modo tale da posizionarla in maniera corretta per evitare perdite. Sarebbe preferibile mantenere le unghie piuttosto corte onde evitare il rischio di ferirsi durante l’inserimento e la rimozione del dispositivo.

Come inserire la coppetta mestruale

Inserire la coppetta mestruale richiede un minimo di pratica, sempre tuttavia tenendo presente che va introdotta nel canale vaginale, più in basso rispetto a un comune assorbente interno. Occorre altresì piegarla per agevolarne l’inserimento: la piega più semplice è definita a “C”, con la quale il dispositivo viene piegato a metà per poi aprirsi una volta posizionata all’interno della vagina. È necessario poi impugnare la coppetta mestruale tenendola dal gambo avvicinandola alla vagina, sempre mantenendone il bordo verso l’alto. È possibile agevolare l’operazione, trovando una posizione quanto più comoda possibile, accovacciandosi o sedendosi semplicemente sul bidet sebbene ogni donna tende a trovare con la pratica la metodologia di inserimento più rapida e congeniale.

La coppetta come già detto, una volta inserita all’interno della vagina, dovrà aprirsi e determinare una sorta di “vuoto”: affinché funzioni nel modo corretto e si riduca il rischio di perdite, è consigliabile ruotarla leggermente su sé stessa alla base una volta inserita.

Differenti sono dunque le modalità utili per piegare la coppetta mestruale. Le piegature più classiche sono quelle a “‘C” come menzionato pocanzi e a “S”. Online sono disponibili innumerevoli tutorial che mostrano come piegare la coppetta mestruale. Vi suggeriamo di guardare questo video dedicato all’inserimento della coppetta mestruale, al fine di apprendere come posizionarla correttamente.

Come rimuovere la coppetta mestruale

La coppetta mestruale deve essere svuotata in media da 2 a 4 volte al giorno e può essere utilizzata senza problemi anche durante le ore notturne. Per rimuoverla è fondamentale lavare accuratamente le mani per poi accovacciarsi, afferrandone delicatamente la base inserendo le dita nella vagina o tirando semplicemente la piccola appendice di silicone di cui è dotato generalmente il dispositivo. In questa fase è molto importante rilassare i muscoli premendo la base della coppetta: in questo modo avverrà un rilascio d’aria che consentirà ai bordi di staccarsi rapidamente dalle pareti vaginali.

Una volta tirata verso il basso ed estratta, occorrerà svuotarla dal flusso mestruale, lavarla sotto acqua corrente con sapone delicato per poi reintrodurla all’interno del corpo. Al termine del ciclo mestruale andrà poi sterilizzata, avendo cura di farla bollire in acqua o al microonde per almeno 5 minuti.

Coppetta mestruale taglia

Sono molteplici le taglie previste comunemente per le coppette mestruali, tutte variabili in funzione dei modelli disponibili. In linea generale ogni modello prevede almeno due taglie: S o taglia 1, meno capiente e di dimensioni ridotte, adatta a donne che non hanno avuto gravidanze e meno di 30 anni d’età, ed L o taglia 2, di dimensioni più grandi, adatta a donne che hanno superato i 30 anni e/o hanno già avuto gravidanze. Non mancano le dimensioni intermedie o M. Le coppette mestruali più piccole possono rivelarsi utili anche durante i giorni di flusso leggero mentre quelle grandi sono adatte a chi presenta un flusso mestruale abbondante e nei i giorni più intensi del ciclo. Tuttavia non si tratta di regole e imposizioni fisse: tutto varia in funzione dell’anatomia di ogni donna così come dell’intensità stessa del flusso mestruale. Tuttavia chi approccia alla coppetta per la prima volta, dovrebbe orientarsi verso una taglia piccola o media al fine di prendere maggior dimestichezza sia con l’inserimento che con la rimozione.

Vantaggi della coppetta mestruale

Innumerevoli sono i vantaggi dati dall’utilizzo della coppetta mestruale:

  • Permette di svolgere le proprie attività quotidiane in assoluta liberà a prescindere dal ciclo mestruale;
  • Impatto notevolmente ridotto sull’ambiente: gli assorbenti sono decisamente inquinanti mentre la coppetta mestruale può durare addirittura 10 anni prima di necessitare di una sostituzione;
  • Non presenta alcuna controindicazione: tutte le donne possono utilizzarla liberamente purché non sussistano condizioni di salute particolari o subito dopo il parto;
  • Risulta più igienica: il flusso mestruale non entra in contatto con l’aria come avviene mediante l’assorbente tradizionale e non rappresenta un veicolo per batteri e infezioni;
  • Permette di vivere il ciclo mestruale con maggiore serenità e senza pensieri.
coppetta mestruale acquista

Coppetta mestruale consigliata. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Coppetta mestruale opinioni ginecologi

Tutti i ginecologi sono concordi: la coppetta mestruale può essere utilizzata liberamente da ogni donna, cosa che al contrario non avviene per gli assorbenti interni o tamponi che generano opinioni discordanti poiché possono comportare gravi problematiche a carico della cervice uterina oltre ad incrementare il rischio di Sindrome da shock tossico o TSS. La coppetta mestruale può essere utilizzata anche da chi è allergica al lattice poiché realizzata in silicone chirurgico, ulteriore punto a suo favore. Gioca un ruolo determinante anche la praticità poiché molte donne sono spesso impossibilitate a sostituire l’assorbente magari durante l’orario di lavoro: tale dispositivo può essere invece indossato dalle 6 alle 8 ore in base al tipo di ciclo. Adatta anche a chi pratica attività sportiva, dove una soluzione interna appare necessaria, permette di dimenticarsi dei fastidi legati al ciclo, concentrandosi in questo modo solo sull’allenamento.

Coppetta mestruale controindicazioni

In linea di massima la coppetta mestruale non presenta alcun tipo di controindicazioni. Tuttavia chi utilizza il dispositivo per la prima volta potrebbe incorrere in piccole perdite dovute all’inserimento scorretto dello stesso. Occorre in questo caso semplicemente rimuoverla e posizionarla nuovamente. Qualora tali perdite persistessero, potrebbe essere dovuto alla taglia della coppetta errata e in questo caso sarà necessario ricorrere a una misura più capiente.

Nei primi tempi occorrerà inoltre prestare attenzione a comprendere il momento corretto per rimuoverla e svuotarla: una questione di semplice abitudine dove, quantomeno all’inizio è possibile regolarsi tenendo presente la frequenza con cui di norma viene sostituito l’assorbente.

È possibile che alcune donne non possano utilizzare la coppetta mestruale a causa di particolari condizioni di salute quali endometriosi, herpes genitale o cistite, o perché un intervento chirurgico. In presenza di dubbi e perplessità meglio comunque rivolgersi sempre al proprio ginecologo di fiducia.

Testimonianze

Queste di seguito sono recensioni di donne che usano la coppetta mestruale e hanno lasciato una testimonianza sul prodotto acquistato online.

“Favolosa. L’ho comprata su consiglio di un’amica, in principio non è semplice bisogna farci l’abitudine.Poi però non ne puoi più fare a meno, è comodissima e così si può dire addio agli assorbenti alle irritazioni e non rinunci a fare un bel bagno al mare.”

“Mi sono trovata molto bene con questa coppetta mestruale. Non la senti nemmeno… l’unico inconveniente e’ che alcune volte non si apre bene e quindi devi estrarla e rimetterla da capo onde evitare spiacevoli fuoriuscite. Consiglio di non tagliare la parte sporgente della coppetta perche’ quando sale risulta molto utile per estrarla.”

“È la mia prima coppetta e di certo quando la cambierò perché l avrò usata e riutilizzata, la prenderò uguale. È stata una scoperta che mi ha cambiato la vita, è morbida, mi dimentico completamente di averla, è super igienica ha una grande capacità e di certo non userò più le classiche assorbenti. Mi pento di non aver adottato questa scelta anni fa! 5 stelle!!!”

“Mi pento di averla scoperta solo ora a quarant’anni. Pensavo di avere difficoltà a usarla, invece è solo un fatto di pratica.La coppetta è morbida, non da fastidio. E non devo più comprare gli assorbenti che poi facevano odore nella mondezza indifferenziata,senza dubbio è una soluzione ecologica.”

“Sembra di non avere più il ciclo, la mia salvezza facendo un sacco di attività sportiva e in più aiutiamo l’ambiente.”

coppetta mestruale acquista banner-min

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni