Cortisone: Il miglior modo per inibire il proprio corpo!

5 Commenti

cortisone-effetti-collaterali

I farmaci cortisonici sono dei farmaci antinfiammatori utilizzati per trattare numerose malattie ad andamento acuto e cronico: malattie dell’apparato respiratorio, allergie, infiammazioni. Come tutti i farmaci, non viene curato nulla, ma si sopprime il sintomo. Infatti il cortisone penetra nelle cellule riducendo la produzione delle molecole che causano le infiammazioni ed agendo sulla sintesi del DNA cellulare.

IL FALSO MITO DELLA MEDICINA MODERNA

Tutta la medicina ufficiale si basa sulla convizione che quello che accade al corpo è sempre sbagliato e frutto di un errore e quindi bisogna agire e cambiare i meccanismi per ritornare allo stato di piacere. Purtroppo questo è falso per due motivi: 1) il corpo umano è l’essere più intelligente ed evoluto che esista; 2) lo stato di piacere o assenza di dolore raggiunto dai medicinali non è nient’altro che un anestetizzazione, un addormentamento del corpo, non è una guarigione!

RIDUCE LA PRODUZIONE DEL NATURALE CORTISOLO

Il cortisone è un farmaco simile al cortisolo: un ormone normalmente prodotto dalle nostre ghiandole surrenali in situazioni di stress. La sua somministrazione dall’esterno determina, come per qualsiasi altro ormone, una regolazione negativa (bio-feedback) nei confronti del cortisolo endogeno, con conseguente riduzione della produzione ormonale. Il cortisolo modula le reazioni infiammatorie e l’attività del sistema immunitario, e quindi se questo ormone comincia a mancare gli effetti saranno molto evidenti.

EFFETTI COLLATERALI DEI FARMACI CORTISONICI

Il loro effetto si manifesta molto rapidamente e gli effetti collaterali non sono assolutamente da sottovalutare.
Questi effetti collaterali sono causati per dosi elevate del farmaco e per terapie prolungate superiori a 1 -2 settimane , ma anche per terapie ricorrenti di breve durata.

Deprime e indebolisce il sistema immunitario
– Osteoporosi, in particolare a dosaggi elevati e/o per tempi prolungati, può indurre perdita di massa ossea con un aumento del rischio di frattura
–  Iperglicemia e rischio di diabete
–  Disfunzioni sessuali
–  Ipertensione
–  Leucopenia
–  Depressione
–  Malattie cardiocircolatorie
–  Obesità
–  Ovaio policistico
– Ulcera ed emorragia gastrica
, rischio che aumenta se assieme al cortisone vengono assunti anche farmaci a base di Ibuprofene (come il moment)
– Insonnia
– Acne
– Sbalzi d’umore
– Ritarda la crescita nei bambini

ALTERNATIVE NATURALI AL CORTISONE

RIBES NIGRUM: Il ribes nero è considerato molto efficace nel trattamento delle allergie, di dolori articolari, reumatici, della fragilità capillare. Inoltre, stimola la corteccia surrenale e alza le difese immunitarie. In genere, come sostituto ai farmaci cortisonici, viene assunto sotto forma di tintura madre. Le gemme di Ribes nigrum agiscono sulla corteccia surrenale (è proprio questo che le rende simili al cortisone), inibiscono i processi infiammatori, la formazione di essudato e normalizzano i disordini immunitari dovuti a reazioni allergiche.
Il consumo del frutto consente all’organismo di avere sempre in circolo una minima quantità di antinfiammatorio naturale. Compito della tintura madre sarà invece intervenire in situazioni che richiedono un risultato immediato.
Si utilizza in genere per infiammazioni articolari, dermatiti, dermatosi, eczemi, sindromi allergiche acute, sindromi infiammatorie, congiuntiviti allergiche, riniti, riniti allergiche stagionali, parotite, orticarie allergiche, emicranie allergiche, cefalee.

CURCUMA: La curcuma è una pianta dalle innumerevoli proprietà e l’estratto secco della sua radice è indicato come una valida alternativa al cortisone: è infatti un potente antinfiammatorio, ma è anche utilizzata come antiallergico, stimolante della secrezione biliare e rimedio per prevenire l’Alzheimer.La mancanza di effetti collaterali è inoltre il suo più grande vantaggio.

CARDIOSPERMUM HALICACABUM: L’estratto vegetale di questa pianta ha proprietà antiallergiche e antinfiammatorie in virtù di un effetto simile a quello del cortisone. Sembra inoltre che allevi il prurito e riduca le infiammazioni cutanee. Il vantaggio fondamentale di questo estratto naturale è la sua elevata tollerabilità, anche nei casi di utilizzo prolungato nel tempo. I principi attivi responsabili dell’effetto simile a quello del cortisone sono i fitosteroli contenuti nelle sommità fiorite e che manifestano un’azione antinfiammatoria, antipruriginosa e in grado di stabilizzare le membrane cellulari di pelli e mucose che, in caso di dermatiti, risultano essere meno reattive.

REISHI: Il Ganoderma lucidum, o Reishi, è chiamato il fungo dell’immortalità e da qualche anno è stato al centro di diverse ricerche scientifiche che ne hanno evidenziato le potenzialità antinfiammatorie e antiallergiche tanto che adesso può essere inserito a tutti gli effetti tra le alternative naturali al cortisone. In particolare la sua efficacia simile al farmaco è stata provata già negli anni ’90 dal professor Stavinoha, farmacologo dell’Università del Texas, che mise a confronto gli effetti del fungo con quelli del diclofenac. Sono note anche le sue proprietà anticancro.

ZENZERO: Diverse ricerche hanno mostrato anche le svariate proprietà benefiche dello zenzero, tra cui anche quella di essere un efficace antinfiammatorio. In particolare uno studio effettuato all’Università di Copenhagen ha voluto mettere a confronto la sua efficacia contro l’artrite (sia reumatoide che osteoartrite) confrontandola con quella di farmaci come ibuprofene e cortisone. I risultati hanno evidenziato come l’ibuprofene non sia utile in questi casi mentre invece ottimi benefici sono stati ottenuti sia con il cortisone che con l’estratto di zenzero. Sembra dunque che anche i principi attivi contenuti in questa spezia andrebbero tenuti maggiormente in considerazione come rimedi naturali per le infiammazioni, vista anche l’assenza di effetti collaterali.

Curcumina Santè - 90 Capsule (curcumina)
Integratore alimentare con curcuminoidi 95%

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

CurZen - 30 Capsule
La tua digestione scopre un nuovo benessere
Reishi Bio - 90 Capsule
Agisce favorevolmente sulla capacità dell’organismo di conservare il livello delle difese immunitarie

Voto medio su 22 recensioni: Da non perdere

Uncaria Ribes Nigrum - 200 ml
Integratore alimentare a base di piante e derivati

Voto medio su 15 recensioni: Buono

Vedi anche

[catlist name=cibi-della-salute]

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

5 Commenti su questo post

  1. CM says:

    Bè… è il normale meccanismo d’azione dei farmaci antinfiammatori (steroidei e FANS) quello di inibire il meccanismo a cascata che porta alla produzione di prostaglandine associate al dolore e infiammazione. Appunto il loro scopo è sopprimere l’infiammazione, o quanto meno il dolore! Non servono a eliminare la causa, ma eliminano uno o più sintomi. In questa maniera si garantisce il sollievo dal dolore (anche gli esseri umani hanno questo diritto, non solo gli animali..) e il medico ha il tempo per instaurare una terapia eziologica, cioè della causa dell’infiammazione, che potrà essere antibiotica in caso di infezioni, o chirurgica in caso di altre problematiche che non consentono una terapia conservativa, o riabilitativa….. Il cortisone ha certamente una gamma di effetti collaterali molto grande, ma è necessario valutare anche il rapporto dannobeneficio. Non bisogna demonizzare tutto, così come non bisogna esagerare, perchè i farmaci vanno assunti con cautela sempre.
    Non dimentichiamo che anche le cipolle (crude) hanno effetto antinfiammatorio, soprattutto in caso di artriti, se strofinate con vigore sul sito interessato, la carta straccia bagnata sulle tumefazioni (bernoccoli essenzialmente) e l’alcool, un bicchiere dopo i pasti, per le sindromi dolorifiche addominali.
    Saluti!

  2. e viene usato da molti pediatri per curare il raffreddore do you know CLENIL AEROSOL?

  3. Adolfina Lorini says:

    ok

  4. Sempre meglio non abusarne!

  5. clay says:

    Non scrivete queste cogl#####e perchè poi le persone ci credono e possono abbandonare la medicina classica per queste teorie strampalate.
    Vi sembrerà impossibile ma anche il cortisone cura, mandando in remissione tantissime patologie acute, come la leucemia linfoblastica dei bambini a volte regredisce solo con lo steroide senza chemioterapia, parecchie connettiviti rimodulando il sistema immunitario beneficiano di dosi massicce di cortisone a scalare, fino a toglierlo del tutto e guarire.
    Senza il cortisone si tornerebbe al medioevo e sarebbe improponibile pensare alla moderna medicina senza questo prezioso alleato.
    Voglio vedere a curare qualche seria patologia con curcuma e zenzero…!!!!
    Suvvia, siamo seri…..

    bye

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline