Ti rendi conto di cosa mangi quando cucini i cibi nell’Alluminio?

9 Commenti

alluminio cartoccio

Molte persone usano la cottura al cartoccio ovvero avvolgono il cibo nei fogli di alluminio che poi viene messo in formo o comunque sia scaldato. La verità è che la cottura dei cibi avvolti in carta stagnola in forno può essere pericolosa.

Questo perché l’alluminio è una neurotossina che è scientificamente dimostrato che può causare e favorire malattie degenerative e mentali. Devi sapere che l’alluminio non svolge alcuna funziona utile nell’organismo, quindi non deve assolutamente esserci.

L’alluminio, insieme agli altri metalli tossici, si accumula lentamente e progressivamente negli organi (ossa, fegato, rene, sistema nervoso, tessuto adiposo) e nei tessuti dove causano processi infiammatori e bloccano l’attività di numerosi complessi enzimatici sostituendosi ai minerali essenziali, causando danni gravi alla persona, con sintomi molto vari e difficilmente riconducibili ad intossicazione da alluminio.

Il corpo ha un proprio sistema di disintossicazione in grado di scovare tutte le tossine dannose, ma se queste tossine sono nanoparticelle e vengono ingerite spesso, non ce la fa ad espellerle. Per questo è sempre più diffuso il test dei metalli pesanti e gli integratori e terapie per disintossicarsi.

I sintomi più comuni di avvelenamento di alluminio sono: debolezza muscolare, dolore osseo, convulsioni e confusione, anemia, problemi di salute per gli organi respiratori, malattie del cervello, demenza, malattie del sistema nervoso, sclerosi multipla, interferisce sul funzionamento dei globuli rossi, Alzheimer e Parkinson.

Il boom dell’alluminio è iniziato dopo la prima guerra mondiale quando le industrie belliche cominciarono a modificare i loro cicli di produzione costruendo stoviglie e utensili di ogni tipo grazie alla duttilità e malleabilità dell’alluminio.

Il Dr. Sante Guido Zanella ha osservato che i suoi pazienti affetti da sclerosi multipla avevano tutti valori molto elevati (da 4 a 30 volte superiori ai limiti ritenuti normali) di alluminio.

Qualche anno fa uno studio dell’University of British Columbia ha dimostrato il collegamento tra alluminio e Alzheimer.

L’alluminio se riscaldato rilascia più facilmente le sue particelle che entrano nel cibo che poi finisce nel nostro corpo. La verità è che gli effetti dei metalli pesanti si sentono nel lungo termine con danni seri.

L’alluminio è presente più di quanto tu possa pensare nella tua dieta:

  • farmaci (soprattutto antiacidi e aspirine)
  • vaccini
  • succhi di frutta e bibite in lattine di alluminio
  • cioccolato avvolto da un foglio di alluminio
  • caffè (fatto con la moka in alluminio)
  • cibi cotti su padelle e pentole in alluminio
  • acqua di rubinetto (l’alluminio viene usato per trattare l’acqua)
  • prodotto da forno e formaggi (contengono parecchi additivi a base di alluminio, di solito con la sigla E500-E559)

Per approfondire sulle fonti di alluminio vedi I danni dell’Alluminio: dove si trova, effetti e rimedi naturali.

Per questo ogni giorno è molto facile superare la soglia limite che impedisce al corpo di ripulirsi ed espellere questo metallo. La quantità massima consentita (da prendere con le pinze dato che potrebbe essere anche meno) è di 1 mg di alluminio per chilogrammo di peso corporeo a settimana che è stata ridotta, dato che prima invece era 150 mg a settimana.

Inoltre anche non superassi la soglia, sappi che ogni processo di depurazione richiede energia, energia che avresti potuto usare per sentirti più attivo e creativo, e che invece devi impiegare per smaltire un cibo che non è adatto al tuo corpo.

Inoltre i giovani sopportano meglio di adulti ed anziani, in cui invece l’alluminio può innescare molti processi degenerativi. I giovani hanno un sistema immunitario più forte ed organi emuntori più efficienti, ma non deve essere una scusa per indugiare in una progressiva intossicazione.

Quindi cerca di evitare l’alluminio e di non usarlo assolutamente nella cottura. Usa solo pentole in acciaio, ghisa e ceramica.

Ho trattato in diversi altri articoli questo argomento e su come disintossicarsi. Ti consiglio di leggere il materiale di seguito e i libri consigliati.

Selenio Olimentovis - 30 Ampolle
Oligominerali arricchiti con nutrienti sinergici
Tavolette di Clorella
alcalinizzante, antiossidante!

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

Cellfood MSM
Metil Sulfonil Metano. Soluzione salina colloidale

Voto medio su 6 recensioni: Buono

Coriandolo - Estratto Idroalcolico
In caso di aerofagia, problemi digestivi, astenia

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

Zeolith Med - Detox - 120 gr (Trattamento per 40 giorni)
Polvere ultrafina naturale di Clinoptilolite-Zeolite

Voto medio su 3 recensioni: Buono

La Terapia Chelante
Disintossicarsi dai Metalli Tossici

Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere

Vaccini e Bambini - La Prova Evidente del Danno
Gli effetti dei metalli pesanti sulla salute dei più piccoli

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

9 Commenti su questo post

  1. vogliamo parlare delle moke del caffè e delle lattine??

  2. Moreno says:

    Quindi non si può più fare le cose al cartoccio…ci sono alternative?

  3. l’alluminio usato per aver coperto la teglia nel forno si è sciolto, ho buttato il cibo.

  4. Nn va ben il caffè con ma moka?

  5. bhà, io eviterei… il caffè delle moke in allumino ha un sapore… esistono tanto bene quelle in acciaio che è decisamente neutro che infatti ha tutto un altro aroma e sapore… io che sono un degustatore di caffè me ne accorgo… in un paesino che non mi ricordo il nome giu in sud Italia erano state riscontrate tante patologie e alla fine la causa è stata individuata nel fatto che tutti i paesani usavano fare la conserva dei pomodori in grossi tegami di alluminio… per cui meglio evitare

  6. ad ogni modo ci sono dei libri che spiegano nel dettaglio le conseguenze dell’accumulo dell’alluminio nel corpo umano dovuto al deterioramento di diversi oggetti… padelle, moke, lattine, carta stagnola ecc

  7. YO YO says:

    È forse meglio non sapere?

  8. Valeria says:

    Vogliamo parlare del latte in polvere per lattanti??

  9. Enrico says:

    Potete stare tranquilli.. Tutti gli strumenti per uso alimentare presenti nei supermercati sono tutti controllatissimi da enti di ispezione e controllo sanitario/alimentare come
    l’APPA.. Ora che l’alluminio faccia male dovrebbe degradarsi a temperature sproporzionate a quellla di un semplice forno o fiamma da cottura..
    Ve lo dico da chimico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline