La curcuma guarisce le lesioni del midollo spinale meglio dei farmaci

Nessun Commento

curcuma midollo spinale

La lesione del midollo spinale può avere effetti devastanti, e spesso irreversibili. Il trattamento convenzionale si basa su farmaci steroidei e chirurgia con risultati poco brillanti. Che cosa succede se un estratto di curcuma funziona meglio, ed è più sicuro?

Un nuovo studio promettente pubblicato sulla rivista “Neurology Research International” dal titolo “Il potenziale della curcumina per il trattamento di lesioni del midollo spinale”, suggerisce che l’antica spezia indiana, e il suo polifenolo primario curcumina, possono fornire alle vittime di lesioni del midollo spinale (LMS) un approccio più sicuro e più efficace del trattamento convenzionale che si basa principalmente sulla chirurgia e sui corticosteroidi, una classe di farmaci anti-infiammatori noti per gli effetti negativi sulla salute.

Centinaia di studi hanno confermato l’immenso valore della curcumina nel trattamento di una vasta gamma di malattie a base infiammatoria tanto che si trovano più di 200 studi che dimostrano le potenti proprietà anti-infiammatorie della curcumina.

Nonostante la ricchezza di ricerche già pubblicate che dimostrano le potenti proprietà anti-infiammatorie della curcumina, questo nuovo studio ha esaminato in modo sistematico tutti i dati disponibili sull’effetto della curcumina sulle lesioni al midollo spinale, permettendo di ottenere un quadro più chiaro del suo valore in relazione alle terapie standard. Lo studio evidenzia rapidamente una superiorità di potenziale della curcumina nei confronti dei corticosteroidi:

“Poiché tutti gli studi che mettono a confronto i due mostrano risultati superiori per la curcumina sui corticosteroidi, potrebbe essere vero che la curcumina agisce meglio alla fonte infiammatoria del danno neurologico che media la LMS, anche se questa domanda rimane senza risposta nei pazienti.”

Perché la curcumina è stata esclusa dalla ricerca clinica sulle lesioni del midollo spinale, e molte altre applicazioni potenziali alla malattia, fino ad ora?

Il motivo principale è che non è brevettabile, e come tutte le altre sostanze naturali di valore medicinale, gli ingressi di capitali enormi necessario per finanziare la sperimentazione clinica richiesta per l’approvazione dei medicinali semplicemente non confluisce in qualcosa che non ha un ritorno potenziale dell’investimento. Si può leggere di più sul tema in due precedenti articoli che ho scritto su tale tema:

Perché la legge vieta l’uso medicinale di sostanze naturali?

Perché è Curcuma non è ancora stata approvata dalla FDA?

Il quesito se la ricerca clinica alla fine si concentrerà sulla curcumina e sulla LMS è affrontato con forza nei commenti dello studio di chiusura:

Infine, possono i clinici perdere lo stigma della “medicina erboristica” ed essere in grado di riconoscere che si ignorano i suoi effetti benefici in gran parte a causa della mancanza di dati clinici e non necessariamente a causa di inferiore efficacia clinica?

Questo è un punto estremamente importante: l’assenza di una prova clinica randomizzata, in doppio cieco, multicentrico, studi clinici con controllo del placebo non significa che una sostanza non è clinicamente efficace. Il problema con la medicina “basata sull’ evidenza” e dei suoi sostenitori è che essi assumono una posizione epistemologica nella tradizione del diritto napoleonico: Ciò che non è esplicitamente consentito è proibito; ciò che non è esplicitamente confermato come vero, si presume falso. Questo è un tipo di monoteismo medico che chiude efficacemente la porta su un numero praticamente infinito di terapie naturali che non potrà mai avere il sostegno delle forze di mercato che prosperano sulle formule, e approcci meramente palliativi, che senza risolvere le cause alla radice producono un modello di crescita infinita dell’ inguaribilità e ampliano la generazione iatrogena dei sintomi.

Quindi, come fa esattamente la curcumina a fornire valore terapeutico in lesioni del midollo spinale?

Il motivo principale per cui la curcumina ha valore nelle lesioni del midollo spinale è dovuto al fatto che un’infiammazione sregolata è il fattore chiave di danno ai tessuti danneggiati. Nelle lesioni del midollo spinale ci sono entrambi i processi infiammatori primari e secondari che sono ritenuti responsabili dei danni spesso permanenti causati da tali lesioni:

Esistono due fasi della LMS; la lesione primaria inizia dopo che un impatto fisico ha danneggiato alcuni assoni, e la cascata di eventi infiammatori che seguono provoca la perdita di un gran numero di assoni che causano perdite sensomotorie, chiamate lesione secondaria.

Chiaramente, poi, la curcumina può aiutare a ridurre sia le dimensioni primarie e secondarie delle lesioni del midollo spinale agendo come un potente anti-infiammatorio pleotropico. Ma questo potrebbe essere solo la punta di un iceberg. Ci sono altri modi identificati in questa ricerca in cui la curcumina può avere un ruolo terapeutico, come la sua capacità di stimolare la classe di cellule rigenerative all’interno del corpo conosciute come cellule staminali. In realtà, non fino a poco tempo era noto che il midollo spinale nutre le cellule staminali in grado di rigenerare tessuti danneggiati. Inoltre, è stato solo di recente dimostrato che la curcuma possiede la capacità di stimolare la rigenerazione dei tessuti neurologici danneggiati attraverso le cellule staminali neurali. Abbiamo riportato questo in modo più approfondito di recente nell’articolo “Come la curcuma intera può guarire il cervello intero.” Un altro dato interessante, riportato anche di recente, è che la curcumina stimola la proliferazione delle cellule progenitrici neurali che possono guarire il midollo spinale.

In sostanza, quindi, la curcumina potrebbe essere in grado di affrontare la causa principale di disabilità causata da lesioni del midollo spinale.

Lo studio affronta anche il ruolo della curcumina come antiossidante e agente anti-fibrotica nel mitigare i danni LMS e stimolare la guarigione accelerata. Infine, lo studio esamina i dati pre-clinici che dimostrano che la curcumina stimola il recupero funzionale accelerato in modelli animali dell’industria del midollo spinale.

Questo è un aspetto molto importante, perché anche se la scienza non è ancora pienamente in grado di comprendere i meccanismi esatti in gioco per stimolare la guarigione delle lesioni al midollo spinale, l’osservazione che la curcumina produce un miglioramento funzionale e/o il recupero è la scoperta più importante e rilevante.

Chiaramente, poiché la ricerca disponibile mostra che la curcumina è almeno paragonabile, se non superiore in efficacia rispetto al trattamento convenzionale, si dovrebbe almeno considerare come terapia complementare aggiuntiva.

Infine, è stato dimostrato da studi pre-clinici che l’estratto di curcuma (curcumina) è superiore a più di una dozzina di farmaci convenzionali. Chiaramente, la constatazione che la curcumina potrebbe avere potenziale terapeutico in lesioni del midollo spinale al di là di quelli di un trattamento convenzionale non è un nuovo dato visto ciò che è stato già dimostrato in merito.

Per migliorare l’assimilazione della curcumina è necessario consumarla in un certo modo dato che altrimenti viene espulsa dal corpo senza essere assorbita correttamente, puoi approfondire come fare in 4 Modi per potenziare l’assorbimento della Curcumina.

Curcumina Santè - 90 Capsule
Pura Curcumina naturale in capsule vegetali da 450 mg.
Solo Curcumina titolata al 95%.
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

Copyrighted.com Registered & Protected CB9T-87LA-SP7D-YFSO

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline