Curcuma. Studi Scientifici dimostrano che è benefica per demenza e Alzheimer

12 Commenti

curcuma alzheimer demenza

Se si soffre del morbo di Alzheimer o di altre forme di demenza, un integratore naturale utile è da ricercarsi nella curcuma. Studi scientifici dimostrano che la curcumina, il principio attivo principale della curcuma, svolge numerosi benefici a livello cerebrale che migliorano i sintomi di queste patologie.

L’India ha una bassa incidenza di Alzheimer, che può essere legata alla genetica o ad una particolare assunzione di alimenti specifici. Dai risultati di recenti studi emerge che una delle motivazioni principali sia da attribuire all’elevata assunzione di curcuma in Asia. Mentre la curcuma contiene una media di 5-7% di curcumina, l’apporto giornaliero medio di curcumina in India si pensa sia di circa 125 mg.

La curcuma è spesso disciolta e estratta in sostanze grasse come ad esempio il ghee (burro chiarificato), e insieme ad altre spezie come il pepe nero e lo zenzero che si è dimostrato che aumentano la biodisponibilità della curcumina. Infatti, studi sugli animali hanno dimostrato che il modo in cui la curcuma viene somministrata influenza la sua distribuzione nel corpo. La curcumina non è molto assorbibile e biodisponibile, e quindi questo tipo di preparazione ne migliora notevolmente l’assimilazione a livello del corpo e quindi a livello cerebrale. Se la curcuma o la curcumina non sono assunte correttamente, vengono espulse senza essere assimilate.

Una ricerca pubblicata sulla rivista Annals of Neurology nel 2008 ha svelato che la curcumina possiede dei meccanismi antiossidanti, anti-infiammatori e disintossicanti naturali che aiutano a migliorare la memoria nei pazienti con demenza.

Sulla base dei recenti risultati di tre studi indipendenti, la curcuma, il cui principio attivo principale è la curcumina, ha il potere non solo di guarire il comportamento e i sintomi psicologici associati alla demenza, ma anche aiutare a portare alla completa guarigione della malattia in meno da pochi mesi!

acquista curcumina biodisponibile

Tradizionale spezia da cucina che è stata usata abbondantemente in tutta l’India e Sud-Est asiatico per molti millenni, la curcuma è oggetto di innumerevoli studi scientifici negli ultimi anni.

Il professor Murali Doraiswamy, della Duke University in North Carolina, afferma che le persone che mangiano piatti a base di curcuma una o due volte a settimana hanno un rischio più basso di demenza; ora la sua equipe sta studiando quale sia l’effetto dell’assunzione di dosi più alte – e non solo contro la demenza, ma anche per prevenire altre malattie, come artrite e cancro.

Si può modificare geneticamente un topo in modo che a 12 mesi il suo cervello sia pieno di placche. Se a questo punto si nutre il topo con una dieta ricca di curcumina, le placche si dissolvono. La stessa dieta ha evitato in topi più giovani la formazione delle placche. Il prossimo passo sarà testare la curcumina sulla formazione delle placche amiloidi nell’uomo“, dichiara il professor Doraiswamy.

Loading...

Si è scoperto che i sistemi circolatorio, digestivo e neurologico del corpo, sono tutti positivamente influenzati dalla curcuma, e la lista apparentemente infinita di malattie per le quali la spezia è nota per aiutare la guarigione è in continua espansione.

Questa è sicuramente il caso per quanto riguarda l’impatto della curcuma sulla salute cognitiva, come evidenziato da una nuova ricerca effettuata in Giappone.

Il medico capo al Kariya Toyota General Hospital e i suoi colleghi hanno valutato tre casi distinti che coinvolgono la curcuma ed è venuto ad alcune conclusioni affascinanti sul valore terapeutico della pianta.

In ogni caso, la curcuma si è dimostrata in grado sia di alleviare i sintomi di demenza che di migliorare le funzioni cognitive in generale.

In uno studio condotto su tre pazienti con malattia di Alzheimer, il cui declino comportamentale e psicologico, sintomi della demenza cognitiva, sono stati gravi, esibendo irritabilità, agitazione, ansia, e apatia. La supplementazione con capsule di polvere di curcuma per più di un anno è stato trovato essere associato con miglioramento dei sintomi“, ha scritto dello studio nel loro sommario gli autori.

Consumare semplicemente più di questa spezia saporita come parte della propria dieta normale, in altre parole, ha il potenziale di trasformare positivamente la salute del cervello e ridurre anche i sintomi di demenza.

Per acquistare la curcumina più assimilabile e biodisponibile clicca qui.

Immagine di copertina: Le placche neuritiche sono una delle caratteristiche anomalie strutturali che si trovano nel cervello del paziente con Alzheimer. Credit: © Annals of Indian Academy of Neurology

Leggi anche

Scienziati: Vitamina D e Curcumina possono trattare l’Alzheimer

4 Modi per potenziare l’assorbimento della Curcumina

La curcuma è un potente chelante di metalli pesanti e ripara i danni dell’alluminio

Riferimenti
1. Shrikant Mishra and Kalpana Palanivelu. The effect of curcumin (turmeric) on Alzheimer’s disease: An overview. Ann Indian Acad Neurol. 2008 Jan-Mar; 11(1): 13–19.
2. Curcumin suppresses soluble tau dimers and corrects molecular chaperone, synaptic, and behavioral deficits in aged human tau transgenic mice. Ma QL, Zuo X, Yang F, Ubeda OJ, Gant DJ, Alaverdyan M, Teng E, Hu S, Chen PP, Maiti P, Teter B, Cole GM, Frautschy SA. J Biol Chem. 2013 Feb 8;288(6):4056-65.
3. Oral curcumin for Alzheimer’s disease: tolerability and efficacy in a 24-week randomized, double blind, placebo-controlled study. Ringman JM, Frautschy SA, Teng E, Begum AN, Bardens J, Beigi M, Gylys KH, Badmaev V, Heath DD, Apostolova LG, Porter V, Vanek Z, Marshall GA, Hellemann G, Sugar C, Masterman DL, Montine TJ, Cummings JL, Cole GM. Alzheimers Res Ther. 2012 Oct 29;4(5):43.
4. Improvement of neuropathology and transcriptional deficits in CAG 140 knock-in mice supports a beneficial effect of dietary curcumin in Huntington’s disease. Hickey MA, Zhu C, Medvedeva V, Lerner RP, Patassini S, Franich NR, Maiti P, Frautschy SA, Zeitlin S, Levine MS, Chesselet MF. Mol Neurodegener. 2012 Apr 4;7:12. doi: 10.1186/1750-1326-7-12.

Nutri il tuo benessere

Entrando a far parte della nostra newsletter sarai tra i primi a conoscere le ultime notizie, eventi e pubblicazioni.

(E' gratis!)

 

No SPAM! Non condivideremo la tua email con terze parti.

Grazie!

Iscrizione effettuata con successo

Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, è un ricercatore nel campo del benessere bioenergetico e della crescita personale. Laureato con il massimo dei voti in ingegneria, si occupa di naturopatia, geobiologia e sviluppo del potenziale umano attraverso il risveglio dell’energia vitale e della coscienza.

Leggi anche

12 Commenti su questo post

  1. GRAZIE,FA SEMPRE PIACERE SAPERE CHE ESISTE UN MD SEMPLICE E NATURALE PER SALVAGUARDARE LA NST SALUTE E ESSERE INFORMATI ANCHE SU CIO CHE SI USA,IO LHO USATA,UN PO DI VLT E TT ORA LA TENGO IN CUCINA,PERCHE USO MLT LE SPEZIE,MA NN SAPEVO DELLE SUE PRORPIETA,OTTIMO A SAPERSI!!!! GRAZIE DELL’INFORMAZIONE,CM SEMPRE 🙂 ^_^ (y)

  2. rosalba says:

    vorrei sapere dove posso trovare curcuma

    • mariella says:

      la trovi al supermercato nel reparto delle spezie io l’adopero nel sugo e condisco la pasta e molto gradita anche da mio figlio

      • FRANCO PALTERA says:

        quanti grammi di curcuma al giorno si dovrebbero assumere all’incirca? Grazie

  3. Andrea dai un occhio a questa pagina!

  4. Rosanna says:

    Olio di cocco e curvi ma e pepe nero ..ossono servire per la cura dell alzheimer iniziale in una donna che mette già i cerotti di per ritardare da 9,5?????

  5. Valentina says:

    Articolo molto interessante, Grazie!
    Una domanda.
    Data anche la nota proprietà chelante della curcumina nonché l’azione riparatrice dai danni dell’alluminio, potrebbe la stessa curcumina,dunque, eliminare i sali d’alluminio e anche il mercurio, altro metallo pesante, dai vaccini??
    Grazie mille

    • dioni says:

      Ciao Valentina,
      Non ci sono studi in merito e quindi la mia risposta è solo una supposizione. I metalli pesanti nei vaccini poiché sono direttamente nel circolo sanguigno si vanno a depositare nei vari organi, ghiandole e tessuti a seconda della loro affinità e le condizioni del soggetto e quindi non sono facili da espellere. La curcumina, come la maggior parte delle sostanze, agisce a partire dal sistema digestivo dato che viene assunta esternamente, e poi tramite l’intestino viene assorbita nel circolo sanguigno e trasportata un pò dappertutto. Poiché appunto il nostro corpo è abbastanza vasto, ci possono volere mesi di terapia chelante per avere dei risultati. Ci sono delle terapie più intense per endovena e/o alte dosi di chelanti per trattare questo tipo di situazioni https://robertosanti.jimdo.com/danni-da-vaccino/
      La migliore prevenzione è quella di fare al bambino vaccini separati e potenziare al massimo il suo sistema immunitario prima e dopo la vaccinazione così da impedire al minimo la deposizione di sostanze estranee. Oltre ovviamente ad avere una dieta ed integratori chelanti, disintossicanti.

  6. Valentina says:

    …Scusa intendo una volta entrati nel nostro organismo tramite appunto vaccino…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nutri il tuo benessere

Ricevi la nostra newsletter periodica. E' GRATIS!

La tua privacy è al sicuro con noi.

Prenditi cura del tuo benessere

Inserisci la tua mail per ricevere i migliori contenuti su:

✓ Rimedi naturali                    

✓ Terapie innovative               

✓ Crescita personale              

E' GRATIS!

Rimani in contatto con Dionidream

✓ I migliori integratori

✓ Recensioni libri

✓ Date degli eventi

Sent!

Please check your e-mail and download FREE BETA version.

 

SHARE IT