Da pochi giorni anche mio padre ha bisogno di meno soldi per vivere

2 Commenti

992810_530655237000885_1434454751_nDa 7 anni prendeva 4 farmaci al giorno: 1 per il diabete, 1 per l’ipertenzione, 1 per il colesterolo, 1 per i trigliceridi. Si chiama sindrome metabolica.
Pagava il ticket per i farmaci, pagava il ticket per le analisi periodiche, aveva una vita da carcerato perché i farmaci lo stordivano ed era davvero poco vitale.
Sapete tutti ormai che la Sanità non è un servizio gratuito come vorrebbe la Costituzione, vero?
Oggi quei soldi mio padre non li paga più!
Dopo una dieta personalizzata, ha di nuovo la pressione normale e i valori del sangue a posto…semmai il diabete è un po’ bassino, ma non troppo. Quindi, dovrà mangiare un po’ più di dolci, che gli piacciono tanto.
Già, perché le abitudini alimentari che ci propinano come salutari i mass media e anche i medici sono proprio quelle che ci fanno ammalare.
Gli ho fatto fare una dieta personalizzata dal dottor Piero Mozzi.
Risultato: dopo un mese ha mollato i farmaci, valori del sangue a posto, vitalità moltiplicata. Prima era sempre sul divano. Adesso è sempre nell’orto a lavorare.
Risultati ancora più sorprendenti anche per mia madre, che avrebbe dovuto iniziare a prendere farmaci, tanti erano gli acciacchi: vista in forte calo, dolori articolari tanto da non camminare per più poche centinaia di metri, non riusciva più a sollevare una bottiglia d’acqua con la mano destra, forte irascibilità, perdita della memoria, gambe mobili nel sonno (segno che il sistema nervoso stava partendo).
999024_530655297000879_392434223_nDopo 4 mesi di dieta Mozzi, cammina 8 km al giorno, taglia l’erba con la falce -tanta è la forza che le è tornata-, fa mille lavoretti dalla mattina presto, legge quasi un libro al giorno e da pochi giorni ha inforcato gli occhiali che portava 10 anni fa!
Ah, è dimagrita anche 20 kg, che nei suoi 150 cm di altezza significa passare dall’obesità alla piena forma.
Stessi risultati anche per me.
Mi avevano somministrato 4 farmaci e avevo 23 kg in più! Via tutto.
Per chi ne volesse sapere di più, consiglio: www.dottormozzi.it e anche www.veengle.com, digitando “Piero Mozzi”.

di Alessio Bini

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. Zak says:

    Ciao Dioni, è successo lo stesso anche a me ormai è un anno e mezzo che sono vegano anche io prendevo le maledette statine per il colesterolo. soffrivo delle sindrome delle gambe stanche e crampi notturni ora stò benissimo mi faccio tutti i giorni il mio orto le analisi venno bene e le gambe non mi danno più fastidio.
    Non conosco il dottoe Mozzi ma visto i risultati è un’ottima dieta, dipende tutto dall’alimentazione, sembra incredibile quante patologie spariscono solo usando un’alimentazione sana.

    • Dioni says:

      Ciao Zac,
      hai ragione, è incredibile come l’alimentazione possa influire sul nostro corpo senza che ce ne accorgiamo! L’orto poi supera il veganesimo semplice, è uno stile di vita a contatto con la natura che produce dei frutti di qualità ben superiore a quelli standardizzati e di grossa produzione dei supermercati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline