Fai il tuo Deodorante Naturale. I 5 peggiori ingredienti da evitare

3 Commenti

deodorante naturale

Ecco come fare un deodorante naturale in modo davvero semplice ed efficace e perché è così importante. I deodoranti in commercio contengono ingredienti pericolosi che penetrano la pelle ed entrano nel flusso sanguigno

Il tuo corpo è dotato di due diversi tipi di ghiandole sudoripare. Le ghiandole eccrine si trovano su gran parte del corpo e secernono un liquido sulla superficie della pelle quando aumenta la temperatura corporea. Il fluido evaporando aiuta ad abbassare la temperatura interna e raffreddare il corpo.

E’ il liquido dalla seconda serie di ghiandole sudoripare che causa il “cattivo odore” del corpo. Queste sono le ghiandole apocrine, che si trovano principalmente dove ci sono aree dense di peli, come le ascelle e l’inguine, rilasciano il loro liquido nei follicoli dei peli.

Mentre le ghiandole eccrine producono un fluido salato e inodore, le ghiandole apocrine producono una sostanza lattiginosa che inizialmente è inodore ma appena entra in contatto con i batteri che vivono sotto le ascelle sviluppa il caratteristico cattivo odore.

Studiando i microrganismi presenti sulla superficie ascellare, gli scienziati Daniel Bawdon e Gavin Thomas dell’Università di York, hanno scoperto che il responsabile è il batterio chiamato Staphylococcus hominis, in grado di trasformare le molecole del sudore in sostanze chiamate tioalcoli, che sono appunto quelle producono l’odore.

I fattori principali che stimolano il cattivo odore

  • Stress. Il cortisolo, l’ormone che viene prodotto sotto stress, stimola la produzione delle ghiandole apocrine, responsabili del cattivo odore.
  • Alimentazione. Cibi come aglio, cipolla, curry e i cavoli possono cambiare l’odore del nostro corpo grazie al loro contenuto di zolfo.
  • Zucchero. Lo zucchero e le farine raffinate è il nutrimento principale dei batteri. E’ invece consigliato consumare cereali integrali che agiscono come un naturale deodorante.
  • Farmaci. Alcuni farmaci, come gli antinfiammatori, possono stimolare la produzione di sudore.
  • Antitraspiranti. Gli antitraspiranti sono un tipo di deodoranti che bloccano la sudorazione, ma hanno come effetto collaterale l’aumento dei batteri, quindi appena finiscono il loro effetto la situazione è peggiorata.
  • Malattie. Alcune condizioni di salute come il diabete, tiroidite, ipoglicemia, obesità, disturbi cardiovascolari possono stimolare la sudorazione.

I 5 peggiori ingredienti presenti nei deodoranti

  • Alluminio. E’ una neurotossina che danneggia il cervello favorendo demenza, disturbi cognitivi e Alzheimer. Favorisce inoltre il cancro al seno. Uno studio del 2013 afferma che “La presenza dell’alluminio nel seno umano può anche alterare il microambiente della mammella causando disagi al metabolismo del ferro, danno ossidativo a componenti cellulari, risposte infiammatorie e alterazioni alla motilità delle cellule.”
  • Parabeni. Interferiscono con gli ormoni causano lo squilibrio endocrino con gravi effetti a cascata su tutta la salute. Hanno un effetto estrogenico e sono legati al cancro al seno.
  • Ftalati. Interferiscono con gli ormoni, causano infertilità e una volta assorbiti possono indurre asma e sovrappeso.
  • Triclosan. Il triclosan danneggia gli ormoni tiroidei e il testosterone nei ratti maschio mentre nei ratti femmina altera gli estrogeni e sopprime gli ormoni tiroidei. Altri tre studi hanno dimostrato che il triclosan contribuisce a creare super-batteri resistenti agli antibiotici, fibrosi epatica e cancro, e lo sviluppo di allergie alimentari.
  • Fragranze. Una singola fragranza può essere il risultato della combinazione di centinaia di ingredienti alcuni tossici e pericolosi per la salute. In generale è stato osservato che può causare irritazione alla pelle e i danni sono maggiori se vengono inalati a lungo.

Ecco le ricette per fare il tuo deodorante naturale

  • Bicarbonato. E’ un potentissimo rimedio naturale per assorbire gli odori. Prendi un contenitore vuoto a spray (un deodorante finito o altro). Riempilo di acqua non clorata (quella di bottiglia o depurata). Aggiungi 1-2 cucchiaini di bicarbonato (a seconda della dimensione del contenitore; se quando lo usi senti ancora l’odore significa che devi aggiungere un altro cucchiaino di bicarbonato). Mescola bene, aggiungi eventualmente 1-2 gocce di olio essenziale a piacere e rimetti il tappo.
  • Acqua ossigenata. E’ il killer per eccellenza dei batteri. Prendi un contenitore vuoto spray, riempilo d’acqua (non di rubinetto) e aggiungici un cucchiaino di acqua ossigenata. Se eventualmente noti che l’odore di sudore rimane quando lo usi, aggiungi un altro cucchiaino di acqua ossigenata.
  • Tea Tree e Olio di cocco. Sono due oli entrambi antibatterici. Prendi un contenitore vuoto per creme riempilo di olio di cocco e poi aggiungici alcune gocce di tea tree. Oltre a rimuovere il cattivo odore idrata la pelle. Spalmalo bene per farlo assorbire ed evitare che macchi il tuo vestito.
  • Deodorante solido. Ha bisogno di un contenitore vuoto. Usa 4 cucchiai olio di cocco (liquido), 3 cucchiai non abbondanti di amido di mais e uno di bicarbonato. Se notate che l’odore di sudore c’è,aggiungete mezzo cucchiaio di bicarbonato. Mescola tutto ed è pronto! In estate tienilo in frigo per mantenerlo solido mentre in inverno può stare a temperatura ambiente.
Biodeo Timo e Aloe
Deodorante per il corpo naturalmente efficace
Voto medio su 14 recensioni: Sufficiente
Cloris - Acqua Aromatica Antiodorante Donna
Deodorante antisettico ed emolliente
Voto medio su 15 recensioni: Buono
Olio di Cocco Biologico
Ottenuto per spremitura a freddo – applicato sui capelli per donare brillantezza e vigore
Voto medio su 120 recensioni: Da non perdere

Copyrighted.com Registered & Protected 
NGVP-LYDY-JAWE-X8R2

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

3 Commenti su questo post

  1. Maria Luisa says:

    Interessante articolo, grazie seguirò i consigli

  2. Valentina says:

    Ciao, cosa ne pensi dell’allume di potassio?

    • dioni says:

      Ciao Valentina, poiché contiene alluminio (una neurotossina) ed è antitraspirante (ostacola la naturale secrezione dai follicoli) lo sconsiglio.
      Non è stata dimostrata la sua pericolosità ma neanche la sua sicurezza, quindi è da evitare e preferire soluzioni più naturali. Un’ottimo rimedio come ho descritto qui è semplicemente acqua e bicarbonato di sodio, o se si vuole ce ne sono molti naturali in commercio con vari oli essenziali profumati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline