Le onde elettromagnetiche del DNA. Il Premio Nobel spiega la medicina del futuro

6 Commenti

montagnier acqua dna

L’acqua è in grado di memorizzare l’impronta elettromagnetica della sequenza di DNA. Ma non solo: gli scienziati hanno dimostrato che è possibile ricreare a distanza di migliaia di chilometri la stessa sequenza di DNA a partire dall’acqua informatizzata. Le implicazioni sono enormi: da un parte si evince il potere curativo dell’acqua di immagazzinare e rilasciare informazioni elettromagnetiche e dall’altra l’idea che il teletrasporto da un posto all’altro un giorno potrebbe diventare realtà.

Luc Montagnier è stato medico, biologo e virologo francese, uno dei più famosi scienziati del nostro tempo per i suoi studi sull’HIV e la memoria dell’acqua. Ha vinto il Premio Nobel per la medicina nel 2008.

Durante le sue ricerche, Montagnier ha scoperto che le sequenze di DNA disciolte in acqua provocano segnali elettromagnetici emessi ad alte diluizioni e che la sequenza del DNA stesso può essere ricostituita a partire dal segnale elettromagnetico!

Luc Montagnier racconta che la storia è iniziata 10 anni prima quando nonostante avesse filtrato diversi batteri senza lasciare alcuna traccia di DNA in una soluzione, accadeva che il batteri si ricostituiva regolarmente senza alcuna spiegazione. Questo ha segnato l’inizio di una lunga serie di ricerche su come il DNA si comporta nell’acqua, che ha portato alla scoperta che il DNA del batterio stava emettendo onde elettromagnetiche a bassa frequenza in alcune soluzioni di filtrato diluite in acqua, e questa proprietà fu presto estesa ad altri DNA batterici e virali.

Le onde elettromagnetiche del DNA

In sintesi, i segnali elettromagnetici (EM) a frequenza ultra-bassa (500-3000 Hz) sono stati rilevati in alcune diluizioni del filtrato da colture di microrganismi (virus, batteri) o dal plasma di esseri umani infettati con gli stessi agenti.

Due provette adiacenti, e fisicamente separate, sono state collocate all’interno di una bobina di rame e sottoposte ad un debole campo elettromagnetico di 7 hertz (risonanza Schumann circa 7.83 Hz) e isolate dai campi magnetico esterni per evitare interferenze. Una provetta contiene un frammento di DNA sottoposto a diversi cicli di diluizione e succussione, e la seconda provetta contiene acqua pura distillata. Dopo 18 ore a temperatura ambiente, si osserva che entrambe le provette emettono lo segnale elettromagnetico! Inoltre entrambi i campioni vengono sottoposti ad un metodo di routine usato per ricostruire tracce di DNA, utilizzando degli enzimi e le basi azotate, innescando una reazione a catena, detta polimerasi (PCR). Dopo 20 ore, il frammento di DNA è stato recuperato in entrambe le provette, anche se una conteneva solamente acqua distillata!

Da notare che il trasferimento di segnali elettromagnetici non è stato raggiunto quando il tempo di esposizione è stato inferiore a 16 ore, o quando la bobina schermante era assente, oppure quando il generatore di campo magnetico aveva una frequenza inferiore a 7 Hz.

Riportare in vita e teletrasportare un batterio dai suoi segnali elettromagnetici?

L’esperimento è stato ripetuto anche in una modalità diversa. Il team di scienziati di Montagnier hanno registrato i segnali elettromagnetici della sequenza di DNA, li hanno memorizzati su un computer per poi comunicarli ad un laboratorio di ricerca in Italia a più di mille chilometri di distanza. Gli studiosi italiani, guidati dal Prof. Vitiello, hanno trasmesso questi segnali ad una provetta contenente solamente acqua distillata per alcune ore. Poi hanno preso le basi azotate e la polimerasi e li hanno messi nella provetta. Il risultato è stato stupefacente: dal nulla si è ricreata la sequenza di DNA originaria degli scienziati in Francia!

L’esperimento è stato altamente riproducibile, 12 volte su 12, anche con DNA di batteri diversi. Questo conferma la validità scientifica della scoperta.

Il commento del fisico italiano Emilio del Giudice

Emilio del Giudice, è fisico teorico, ricercatore INFN a Milano, membro dell’International Institute of Biophysics di Neuss in Germania. Ha lavorato presso il MIT di Cambridge, USA e presso il Niels Bohr Institute di Copenhagen. E’ autore di numerosissimi articoli scientifici sulla teoria quantistica dei camp, e lo studio delle proprietà collettive della materia. E’ insomma un’orgoglio italiano nel mondo.

“Capire queste cose potrà permettere di dare origine ad una nuova industria chimica non inquinante, che si ispiri al caso biologico, in cui le molecole interagiscono in maniera precisa tra di loro senza generare composti a caso, e cioè in maniera altamente efficiente, a basso consumo energetico, e senza generare rifiuti inquinanti…”

Secondo Montagnier e i suoi collaboratori, questi studi potranno essere la base per la medicina del futuro curare alcune malattie come l’autismo e varie malattie neurodegenerative come la fatica cronica e la sclerosi multipla, con un diverso approccio farmacologico. Inoltre si potranno creare dei medicinali ad hoc generando campi elettromagnetici attraverso il proprio smartphone per esempio. L’acqua si comporta esattamente come un nastro magnetizzato che conserva l’impronta magnetica di virus contenuti in precedenza, anche quando questi sono stati cancellati e trasmette un messaggio di natura magnetica, che è ancora in grado di essere riprodotto. Viceversa possiamo usarla per imprimergli le frequenze dei medicinali così da avere un effetto curativo nell’organismo.

Questi studi inoltre dimostrano l’efficacia dell’omeopatia basata appunto su altissime diluizioni e successive succussioni di sostanze naturali ad altissimo valore curativo. Ne abbiamo parlato in Studi scientifici dimostrano l’efficacia dei rimedi omeopatici

Ecco di seguito un documentario (in inglese) che spiega tutto quello che abbiamo descritto in questo articolo. Buona visione.

Omeopatia e Bioenergetica
Le medicine alternative: dalla stregoneria alla scienza
La Mia Verità sulla Memoria dell' Acqua
Prefazione di Brian D. Josephson, Premio Nobel per la Fisica
Voto medio su 4 recensioni: Buono

Riferimenti
– L. Montagnier, J. Aissa, S. Ferris, J. Montagnier, C. Lavallée, “Electromagnetic Signals Are Produced by Aqueous Nanostructures Derived from Bacterial DNA Sequences”, Interdiscip. Sci. Comput. Life Sci., 1:81-90 (2009).
– L. Montagnier , J. Aissa, E. Del Giudice, C. Lavallée, A. Tedeschi and G. Vitiello, “DNA , Waves and water”, “Journal of Physics: Conferences Series”, The proceedings of DICE 2010: Space, Time, Matter – Current Issues in Quantum Mechanics and Beyond, 2011
– Vysotskil, Kornilova, and Smirnov. Applied biophysics of activated water. World Scientific
– Ho MW. Quantum coherent water, non-thermal EMF effects, & homeopathy. Science in Society 51 (to appear).
– N. Marchettini, E. Del Giudice, V. L. Voeikov, E. Tiezzi. “Water: A medium where dissipative structures are produced by a coherent dynamics”, J. Theo. Bio. 265, 511-516 (2010).
– L’acqua e gli organismi viventi: intervista a Emilio Del Giudice. Scienza e Conoscenza

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

6 Commenti su questo post

  1. Una teoria bella.
    Consiglio leggere il libro di Luc Montagnier.

  2. Aldo Piacci Aldo Piacci says:

    Bingo ! Onore a Masaru Emoto 🙂

  3. Prisca Soli Prisca Soli says:

    Ci credo…..

  4. La comunità medica potrebbe imparare qualcosa invece di sconvolgersi così spesso!

  5. Per chi ancora utilizza le microonde per riscaldare un attimo di riflessione dopo questo articolo

  6. Valentino Fresia says:

    Un fantastico medico di Torino , Massimo Citro , ha sviluppato una straordinaria tecnica unica al mondo .

    TFF : trasferimento frequenziale farmacologico .

    https://www.youtube.com/watch?v=1ViQziKyUwk&sns=em

    Buona visione !

    Inviato da iPad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline