DRINK ALL'ARANCIA. SAI COSA COMPRI?

2 Commenti

Inizia la stagione delle arance e dei mandarini.

Ma di certo con il grande business commerciale sugli alimenti non aspettiamo solo la loro stagione per fare un pieno di Vitamina C.

Sicuramente rimane il frutto più bevuto dell’inverno.

Ma sugli scaffali dei supermercati tra un prodotto e l’altro abbiamo ampia scelta di spremute, succhi e drink.

Scopriamo le importanti differenze esistenti…

L’arancia è ipocalorica, appena 34 calorie per 100 g di prodotto. Gli zuccheri delle arance vengono rapidamente assimilati risultando, in questo modo, molto utili in caso si stanchezza o stress. L’arancia contiene in media l’87% di acqua, poche proteine, molti minerali e numerose vitamineAB1B2, e soprattutto vitamina C, detta anche acido ascorbico, presente in quantità rilevanti (50 mg. in media); ovvero il consumo 2 arance al giorno copre il fabbisogno vitaminico dell’uomo adulto (45 mg/gg).

Vitamin C - Acido Ascorbico

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

Tutto ciò che possiamo trovare a base di arancia:

  1_ SPREMUTA DI ARANCIA:

Spesso è confezionata in brick venduta nel banco frigo. Essendo un prodotto fresco, ottenuto dalla spremitura diretta delle arance, va consumata in pochi giorni, soprattutto se hai aperto la confezione. E’ la bevanda, a base di arancia, più ricca di sostanze benefiche. Subisce una leggera pastorizzazione per la garanzia igienica che, però mantiene una buona parte della vit. c e di principi attivi come l’esperedina, utile per la fragilità capillare. Introdotto nella dieta umana, l’esperidina si è dimostrata un valido vasoprotettore  aumentando l’efficienza del collagene e deltessuto connettivo. Si concentra soprattutto nella buccia e nell’albedo (la parte interna biancastra della buccia).

– INFO NUTRIZIONALI: un bicchiere fornisce 105 cal date solo dagli zuccheri naturali (fruttosio) e almeno 115 mg di vit c, quasi il doppio della quantità giornaliera raccomandata. Tra le varie scelte cerchiamo di optare per succo fresco di arance rosse, meglio se siciliane Igp.

CURIOSITA’ : nelle arance rosse (pigmentate), il colore rosso è dato dalle antocianine, pigmenti che mascherano il colore giallo dato adgli altri pigmenti, i caroteni e le xantofille.
Le antocianine hanno azione antiossidante, combattono i radicali liberi e rallentano l’invecchiamento.

Aranciata Rossa in Bottiglia - 355 ml

SUCCO 100% ARANCIA

contiene frutta al 100%.

Può essere naturale o “ricostituito“, cioè ottenuto da un concentrato che richiede processi produttivi in più diminuendo un pò l’aroma e la qualità. In questo caso riporta in etichetta la dizione ” a base di succo concentrato”. Trattandosi di un prodotto  a lunga conservazione, non ha più vitamine, perchè la pastorizzazione le degrada.

Rimangono i minerali:

– il ferro (resta uguale al succo fresco) ,
– il potassio e il calcio un pò meno rispetto al succo fresco.

Minerali per la Salute

 

– INFO NUTRIZIONALI: un bicchiere fornisce circa 100 cal date solo dagli zuccheri naturali della frutta. In alternativa c’è la variante arricchita in Vit. C e che rimpiazza quella vera. Se si sceglie quella ACE non esagerare con la quantità.
Le Vit A ed E in eccesso si accumulano nell’organismo. Se sei sensibile all’arancia, prova la versione a bassa acidità. meno del 40%.

NETTARE DI ARANCIA:

può contenere dal 25 al 50% di succo di frutta a cui sono  aggiunti acqua, zucchero (100 g /l) e additivi.
Non ha vitamine e in genere piace per il sapore dolce.
Ma è solo apparentemente dissetante perchè gli zuccheri, dopo poco tempo, aumentano la sete. Per essere metabolizzati infatti “rubano” acqua all’organismo.

INFO NUTRIZIONALI: un bicchiere fornisce circa 125 cal date in parte dalla frutta e in parte dallo zucchero aggiunto. Se vuoi scegliere con un occhio attento al benessere, punta su quello con la più alta % di frutta e tieni conto dei suoi zuccheri nell’ambito della tua dieta giornaliera.  

ARANCIATA.

contiene il 12% di succo d’arancia, cioè il limite minimo stabilito dalla legge, ma ne trovi anche con concentrazioni leggermente maggiori, evidenziate in etichetta. Per il resto è fatta di acqua, zucchero, e additivi come acido citrico e ascorbico, che comunque esistono in forma naturale anche nelle arance.
Zero Vitamine perchè il succo è pastorizzato.

 INFO NUTRIZIONALI:  un bicchiere ti dà 120 cal e copre il 33% della quantità max raccomandata di zuccheri giornalieri. Se vuoi bere light, opta per la versione senza zucchero, con edulcoranti alternativi: solo 13 cal a bicchiere.  

MIMOSA

il nome originale è buck’s Fizz. Tieni conto che è un cocktail, long drink,  composto da 10 cl di spremuta d’arancia e 5 cl di champagne o spumante freddo.
Nell’ultima classificazione IBA è diverso dal cocktail Mimosa per la quantità degli ingredienti.

L’IBA è l’International Bartenders Association, fondata il 24 febbraio 1951 nel Saloon del Grand Hotel di Torquay, Regno Unito, ed è un’organizzazione di barman.

 INFO NUTRIZIONALI: un bicchiere fornisce 144 cal, date in parte dagli zuccheri naturali della frutta e in parte dallo zucchero aggiunto. Se vuoi renderlo healthy, chiedi al barman di fartelo con spremuta fresca di arance. Una delizia sana !  

 

ChufaMix - Veggie Drinks Maker

Voto medio su 8 recensioni: Buono

 

CURIOSITA’ : la vitamina C è sensibilissima a luce e ossigeno, se ti prepari una spremuta non lasciarla nel bicchiere: bevila subito! Per mantenere attive le proprietà della vitamina C contenuta nei cibi occorre evitare la cottura degli ortaggi ed è preferibile consumare frutta fresca, che vanno tenute al riparo da luce e calore.

Ricordiamo:  Alla Vitamina C sono riconosciute numerose funzioni:

– facilita l’assorbimento del ferro (è utile quindi nel trattamento dell’anemia),
– contribuisce alla produzione dei globuli rossi e irrobustisce i vasi sanguigni,
– aiuta la guarigione delle ferite,
– mantiene sane le gengive e ha un’importante azione antiossidante.

ha caratteristiche antitumorali.
– È l’unica vitamina che 
deve essere assunta quotidianamente perché il nostro corpo non è in grado di immagazzinarla.

Vitamina C - 1000

 

 Dott.ssa Valeria Crea

(Rivisitazione con approfondimenti di un articolo presente in una rivista comune. )

 

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. paso says:

    C’è da dire che la dose giornaliera raccomandata è… raccomandata da organizzazioni che finora hanno dimostrato di tenere più agli introiti del business sanitario che alla nostra salute.
    In realtà la R.d.a. suggerita è quella minima che garantisce l’immunità dallo scorbuto (da cui la denominazione di “Acido AScorbico”) ma per avere un qualche effetto tangibile sullo stato di salute dev’essere moltiplicata almeno per 10 o per 100 in caso di malattia grave.
    Il fabbisogno di vitamina C, insomma, è meglio misurarlo in grammi, non in milligrammi!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline