olio-di-cocco-dentifricio

L’olio di cocco è uno dei migliori dentifrici naturali che riduce la placca, sbianca i denti, tratta la carie, disinfetta la bocca e sfiamma le gengive. E’ totalmente naturale e a differenza di molti dentifrici in commercio, non contiene fluoruro di sodio (che abbassa il quoziente intellettivo), non contiene solfatiderivati del petrolio ed è ecologico.

La scienza ufficiale sta riconoscendo i benefici dell’olio di cocco non solo per combattere la carie e rinforzare le gengive, ma anche come capace di debellare la Candida Albicans e rigenerare il cervello nell’Alzheimer. I ricercatori dell’Athlone Institute of Technology hanno dimostrato che l’olio di cocco è in grado di uccidere la Candida responsabile di stanchezza cronica, problemi digestivi e infezioni. Un altro studio ha valutato che bastano 2 cucchiai al giorno di olio di cocco per migliorare incredibilmente i sintomi della demenza.

Questa che sembra una novità non è altro che una conferma per tradizioni millenarie come l’Ayurveda che raccomanda l’olio di cocco per mantenere la salute e ripulire il corpo.

L’olio di cocco offre molti benefici per la salute

  • Antimicrobico naturale: è un potente annientatore di tutti i tipi di microbi: dai virus ai batteri di protozoi
  • Promuovere la salute del cuore
  • Sostenere il corretto funzionamento della tiroide
  • Rafforzare il sistema immunitario
  • Fornire un ottimo “carburante” per il vostro corpo e sostenere un metabolismo forte
  • Mantenere la pelle sana e giovane

Uno dei vantaggi principali dell’olio di cocco è che il 50% del grasso presente al suo interno è rappresentato dall’acido laurico, che si trova raramente in natura. Infatti, l’olio di cocco contiene acido laurico più di qualsiasi altra sostanza presente sulla terra. Il corpo converte l’acido laurico in monolaurina, un monogliceride che può effettivamente distruggere i virus rivestiti di lipidi come l’HIV e l’herpes, l’influenza, il morbillo, e i protozoi come Giardia lamblia.

Ho descritto i principali benefici interni dimostrati scientificamente dell’olio di cocco nell’articolo Olio di Cocco. 13 Benefici scientificamente dimostrati e Modo d’uso di cui consiglio la lettura.

Come usare l’olio di cocco per pulire denti e gengive

Moltissime testimonianze riportano come l’olio di cocco renda i denti più bianchi già con poche applicazioni e di come sanguinamenti gengivali, gengive deboli e problemi alla bocca siano scomparsi facendo degli sciacqui con l’olio di cocco. Ci sono testimonianze anche di carie che sono scomparse! La ragione potrebbe essere nella ricchezza degli acidi grassi che favoriscono la rigenerazione dei tessuti.

Ecco i due metodi principali per usare l’olio di cocco a livello orale:

1. Lavare i denti al posto del dentifricio. Metti un pò di olio di cocco sullo spazzolino e lavati i denti normalmente. Spazzola leggermente anche le gengive e la lingua. L’olio di cocco è un ottimo antibatterico ed antivirale, ti disinfetterà bene la bocca, farà avere un ottimo alito e sbiancherà i tuoi denti.

2. Fare l’oil pulling. L’oil pulling, antica tecnica della medicina Ayurvedica, è uno dei modi migliori per rimuovere i batteri e promuovere la salute di denti e gengive. Infatti, è stato dimostrato che l’oil pulling è ancora più efficace del filo interdentale, ed è uno dei modi migliori per sbiancare naturalmente i denti. Usata principalmente in medicina Ayurvedica col nome di gandusha, è una profonda procedura di disintossicazione orale che viene eseguita semplicemente succhiando (tipo come quando ci si sciacqua la bocca con un collutorio) un cucchiaio di olio di cocco in bocca. La parte importante e difficile è che bisogna farlo per 10 -20 minuti di seguito. L’olio di cocco lavora per la pulizia e disintossicazione della cavità orale intrappolando non solo i batteri ma anche le tossine dalla bocca. Si crea un ambiente antisettico e si succhiano le tossine provenienti da tutto l’organismo grazie alla comunicazione osmotica della membrana orale con il resto del corpo. L’ideale è fare l’oil pulling al mattino presto appena alzati per 30 giorni di fila. Quindi questo processo permette all’olio di eliminare i batteri, i virus e anche tossine presenti nel corpo che tramite osmosi vengono richiamate nella bocca e catturate nell’emulsione dell’olio. E’ importante sputare in un cestino o in un sacchetto e non nel lavandino perché è carico di tossine e poiché l’olio di cocco tende a solidificare potrebbe otturare la tubazione.

Leggi anche

Più di 100 utilizzi dell’Olio di Cocco – La guida completa

Bicarbonato e Olio di Cocco risolvono quasi tutti i problemi della pelle

Triclosan messo al bando negli USA. La lista dei dentifrici e saponi intimi che lo contengono

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni